chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La poesia basterà a convincere i cittadini cechi a dire di sì al vaccino anti COVID-19?

Screenshot del Video [cs, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] postato su Twitter dal Governo ceco per incoraggiare i cittadini a fare il vaccino. Il testo, tratto da una poesia utilizzata per la campagna, recita: “Forse abbiamo pianto, sì, ma ora vogliamo vivere!”

Man mano che in Unione Europea si rende accessibile la vaccinazione anti COVID-19, il Governo ceco ha lanciato una nuova campagna di comunicazione, volta a sconfiggere i timori e i sospetti riguardo al vaccino. Questa volta, l'ispirazione per la campagna ha trovato la sua fonte in un ambito insolito per gli annunci pubblici in materia di salute: la poesia.

Il 27 dicembre, l'account Twitter del Governo ceco ha pubblicato un messaggio accompagnato da un video della durata di 30 secondi [cs, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]:

Le prime dosi di vaccino sono arrivate in Repubblica Ceca e stiamo iniziando a vaccinare il personale medico e gli anziani. La vaccinazione è il modo più efficace per fermare la pandemia sul lungo termine e per tornare alla vita di sempre.

Le varie immagini che ritraggono scene tipiche della vita umana e sociale sono accompagnate, nel video, dalla lettura di una poesia di Jiří Wolker [en], uno scrittore ceco dell'inizio del XX secolo appartenente alla corrente della poesia proletaria.

La poesia originale recita:

Nesmělé jitro do tváří nám dýchlo
snem volných lesů, luk a dálných hor.
Vše divnou vírou v duši naší ztichlo,
i bolest krvavá i těžký vzdor.

Radostně klidni brouzdáme se bosi
chladící trávou, lesní přes pažit.
Osení stříbří slzy ranní rosy.
Snad plakali jsme, – ale teď chcem žít!

Un timido mattino ci ha soffiato sul viso
come un sogno di foreste aperte, prati e montagne lontane.
Una strana fede ha fatto tacere tutto nelle nostre anime,
anche il dolore sanguinante e la pesante sfida.

Felici e tranquilli passeggiamo a piedi nudi
Sull'erba fresca, sul prato nella foresta
L'erba giovane e corta brilla di lacrime di rugiada mattutina.
Forse abbiamo pianto, sì, ma ora vogliamo vivere!

Ma l'ultima strofa della poesia originale è stata sostituita, nel video, da uno slogan a favore della vaccinazione, che afferma “A budeme. Tak jako dřív! Díky očkování” che tradotto significa “E noi vivremo. Proprio come prima! Grazie al vaccino.”

Il video ha raggiunto le 20.000 visualizzazioni in meno di due giorni ed è stato ampiamente discusso in tutti i principali giornali e siti web d'informazione. La questione principale è se questo basterà a convincere i cittadini, che secondo recenti sondaggi sono in larga misura contro il vaccino, arrivando fino a due terzi contrari su una popolazione di 10 milioni di abitanti. Mentre nel marzo del 2020 la Repubblica Ceca è stata spesso citata come uno dei pochi Paesi in grado di contenere la pandemia, con l'autunno è diventata il Paese con il secondo tasso più alto nel mondo [en].

Dunque, la poesia basterà per cambiare le sorti del Paese e invertire i tassi di infezione ancora molto elevati?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.