chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Perché il Malawi ha urgente bisogno di una legge sulla protezione dei dati?

Una manifestazione nella capitale Lilongwe, organizzata dalla Human Rights Defenders Coalition (HRDC), contro le frodi nelle elezioni del 2019, che alla fine sono state annullate. Foto di Steve Sharra.

Questo articolo fa parte di UPROAR [en, come i link seguenti], un'iniziativa per i piccoli media che esorta i governi ad affrontare le sfide relative ai diritti digitali in occasione della Revisione Periodica Universale (UPR).

In Malawi, le autorità richiedono sempre più ai cittadini di fornire informazioni personali per impegnarsi nella vita di tutti i giorni, dall'uso di un telefono cellulare alla partecipazione alle elezioni.

Ma senza una chiara legge sulla protezione dei dati, i diritti dei cittadini alla privacy sono sotto minaccia.

Nel 2017, il governo del Malawi ha introdotto la registrazione a livello nazionale. Ogni malawiano di età pari o superiore a 16 anni è tenuto a registrarsi nel registro nazionale e ottenere una carta d'identità nazionale.

Ciò ha fatto seguito al sistema di registrazione e identificazione nazionale del gennaio 2010 ai sensi della legge sulla registrazione nazionale dell'allora presidente Bingu wa Mutharika. Ci sono voluti cinque anni prima che il sistema diventasse operativo, il 1° agosto 2015.

Secondo il National Registration Bureau (NRB), il sistema di identificazione nazionale servirebbe a molti scopi acquisendo “informazioni sulla popolazione” che consentirebbero ai “responsabili politici di utilizzare la pianificazione basata sui dati” per lo sviluppo e la fornitura di servizi. Per le persone, questo darebbe loro “una prova della loro nazionalità e delle informazioni personali in modo che possano usarle per rivendicare i loro benefici”.

La saga di registrazione degli elettori

Più recentemente, questi sistemi di registrazione dell'identificazione sono stati messi in discussione nei giorni precedenti l'elezione del Malawi a giugno, quando l'allora candidato dell'opposizione Dr.Lazarus Chakwera, di Tonse Alliance, ha affermato che i minori erano stati registrati come parte un complotto per truccare le nuove elezioni.

Sui social media, i cittadini della rete hanno pubblicato fotografie di bambini in fila, che sarebbero stati registrati nel sistema di registrazione nazionale, sincronizzati con la registrazione degli elettori. Il NRB ha negato queste accuse.

La Coalizione per i difensori dei diritti umani ha scritto alla NRB per esprimere la sua preoccupazione sulla questione e la Commissione per i diritti umani del Malawi ha avviato un'indagine.

La Corte suprema d'appello ha stabilito che nelle nuove elezioni, solo gli elettori precedentemente registrati nelle elezioni originali del maggio 2019 potevano votare e che i nuovi elettori non erano ammissibili. La decisione è arrivata quando presidente d'allora Peter Mutharika ha contestato la sentenza della Corte costituzionale che ha ordinato le nuove elezioni.

Registrazione della carta SIM e protezione dei dati 

Il processo di identificazione nazionale è stato poi legato al processo di registrazione della carta SIM nazionale.

Nel gennaio 2018, l'Autorità di regolamentazione delle comunicazioni del Malawi (MACRA) ha annunciato un esercizio di registrazione della carta SIM nazionale obbligatoria.

In base al Communications Act del 2016, ciò richiedeva a chiunque avesse un numero di cellulare nel paese di registrare la propria scheda SIM. MACRA ha emesso come scadenza 31 marzo 2018, per registrare ogni scheda SIM, dopo la quale tutti i numeri non registrati avrebbero smesso di funzionare. La scadenza è stata successivamente estesa al 30 settembre, con l'obbligo che tutte le carte SIM appena acquistate debbano essere registrate entro sette giorni.

Entro ottobre 2018, è stato stimato che fino a 9 milioni di malawiani si erano registrati presso il registro nazionale.

MACRA ha affermato che la registrazione della sim è importante per diversi motivi: in primo luogo, impedisce una pratica fraudolenta chiamata “sim boxing“, aiuta a recuperare i telefoni rubati, offre protezione da testi violenti, minacciosi o odiosi, instilla la “disciplina” per i molestatori, aiuta le forze dell'ordine a risolvere i crimini, e controlla le frodi e i furti commessi tramite telefoni cellulari.

Le banche e le società di telecomunicazioni che gestiscono servizi di denaro mobile hanno intrapreso l'esercizio “conosci il tuo cliente” [abbiamo un collegamento a una fonte su questa iniziativa?] in cui i malawiani erano tenuti a presentare il loro documento d'identità nazionale per tutte le transazioni. Hanno annunciato che la mancata presentazione di un documento d'identità nazionale avrebbe comportato il congelamento del proprio account.

Lo studioso dell'Università del Malawi Jimmy Kainja ha sottolineato nell'agosto 2019 che i malawiani erano stati costretti a cedere molti dei loro dati personali a istituzioni pubbliche e private quando il paese non aveva una legge sulla protezione della privacy dei dati. Nel suo articolo, “I malawiani stanno andando inconsapevolmente verso uno stato di sorveglianza?” Kainja ha affermato che il paese necessitava di una legge sulla protezione dei dati prima che ai malawiani fosse richiesto di fornire tutti i dati personali.

Come affermato dal NRB, i dati raccolti per il Registro Nazionale includono il cognome e il nome di una persona, la nazionalità, la data di nascita e il luogo di nascita. Il NRB raccoglie anche dati sul proprio sesso, residenza attuale, altezza, colore degli occhi, numero di passaporto, stato civile e informazioni sui genitori. L'ufficio raccoglie anche informazioni biometriche, comprese tutte le 10 impronte digitali, una fotografia personale e una firma.

Quanto erano sicuri questi dati personali? Quali garanzie c'erano che terze parti non avrebbero avuto accesso a questi dati? Chi sarebbe ritenuto responsabile in caso di violazioni dei dati?

Il giornalista Gregory Gondwe ha osservato a luglio che la sorveglianza digitale si stava lentamente insinuando nel Malawi mentre si nascondeva dietro strumenti legali. Gondwe ha sostenuto che al paese mancava un “quadro di governance dei dati dedicato” che ponesse i cittadini “alla mercé di coloro che erano in custodia di tali dati personali in quanto potevano usarli contro di loro o, peggio ancora, impegnarli per un profitto”.

L'esperto di tecnologia dell'informazione Zangaphee Chimombo ha dichiarato a Global Voices che la registrazione della sim è necessaria, soprattutto perché il paese sta valutando l'introduzione della criptovaluta.

Tuttavia, mette in guardia dal potenziale abuso dei dati della scheda SIM da parte del personale delle telecomunicazioni e delle autorità governative. Nei casi in cui fosse necessario, “dovrebbe essere garantito l'uso di validi mandati di perquisizione della polizia”, ha esortato Chimombo.

Una legge sulla protezione dei dati in lavorazione

Secondo Kainja e Gondwe, il governo sta attualmente elaborando una legge sulla protezione dei dati, ma far passare la legge attraverso il processo legislativo potrebbe rivelarsi un processo lungo.

Lo studioso di diritto dell'Università del Malawi Edge Kanyongolo ha detto a Gondwe che una legge per la protezione dei dati personali avrebbe maggiori possibilità di approvazione se ci fosse una pressione coordinata tra gruppi che la pensano allo stesso modo come difensori dei diritti umani, medici, avvocati e membri dell'opposizione.

Dopo le nuove elezioni del Malawi il 23 giugno, il dottor Lazarus Chakwera è diventato il nuovo presidente del Malawi. Da allora ha promesso ai malawi una nuova era in cui lo stato di diritto sarà fondamentale, tra le altre riforme epocali.

Kainja spera che l'approvazione di una legge sulla protezione dei dati sia tra queste riforme. I malawiani sono stati troppo disposti a fornire i propri dati personali senza la garanzia della sicurezza e della protezione dei loro dati, osserva.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.