chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Cos'è successo in Myanmar il primo giorno del colpo di stato?

Militari nella capitale Naypyitaw. Foto reperita da Radio Free Asia. Copyright © 1998-2020, RFA. Usata con il permesso di Radio Free Asia, 2025 M St. NW, Suite 300, Washington DC 20036. https://www.rfa.org.

In Myanmar, i membri del nuovo Parlamento avrebbero dovuto convocare l'1 di febbraio una sessione per eleggere il presidente e il vice presidente del paese. Al contrario, i militari si sono appropriati del potere, imponendo lo stato di emergenza per un anno e trattenendo il leader della Lega Nazionale per la Democrazia (NLD).

Durante le elezioni generali dello scorso novembre, la NLD aveva vinto [it] 396 seggi parlamentari, mentre il Partito dell'Unione Solidarietà e Sviluppo (USDP) era riuscito ad ottenerne solo 33. La NLD, era riuscita ad eclissare l'USDP anche durante le elezioni del 2015.

In seguito alle elezioni, i militari avevano contestato i risultati, citando presunte irregolarità significative nelle liste dei votanti. Al contrario, i funzionari elettorali hanno negato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] le accuse dei militari.

Secondo le notizie, i militari hanno ripromesso di indire nuove elezioni una volta implementate le riforme elettorali.

Per molti in Myanmar, il colpo di stato ha riportato alla memoria l'epoca del comitato decennale che terminò in seguito alle riforme politiche che portarono alla parziale ristorazione del potere civile nel 2010. Nonostante la sconfitta del USDP in occasione delle elezioni nel 2015, i militari mantenevano la loro influenza nel parlamento e in altre branche del governo, come definito dalla Costituzione del 2008 sancita dall'esercito.

Durante la mattina dell'1 febbraio, le attività dei militari nella capitale sono state riportate e condivise tra i social media, fino a quando i servizi telefonici e i canali TV sono stati improvvisamente interrotti.

Proprio ora la mia TV. I canali internazionali e, ovviamente, quelli statali sono stati chiusi. Nemmeno la BBC è funzionante.

Il seguente commento, è stato postato su Facebook dal fisico Møe Thìtil, durante il mattino presto del giorno del colpo si stato:

We, Myanmar citizens need the world to know what's happening in Myanmar right now before our wifis are cut off.

They already cut off TVs broadcasting lines, phone services in order to prevent us reaching to the world.

Noi, il popolo di Myanmar, abbiamo bisogno che il mondo sappia cosa stia succedendo qui, proprio in questo momento prima che facciano saltare il nostro wifi.

Hanno già tagliato i canali televisivi e i servizi telefonici per prevenire un nostro contatto con il mondo.

È stato solo dopo mezzogiorno, quando le linee di comunicazione sono state ripristinate, che si è saputo dell'arresto dei leader della NLD. Tra questi, vi è anche il Consigliere di Stato del Myanmar Daw Aung San Suu Kyi e il Presidente U Win Myint.

L'esercito e le squadre di polizia si sono schierate nelle aree pubbliche:

I militari in Myanmar schierati a Naypyidaw dopo la deposizione di Aung San Suu Kyi durante il colpo militare.

Militari schierati nel municipio in Yangon dopo il colpo di stato e l'arresto di Aung San Suu Kyi.

Nelle città principali, si sono formate lunghe code davanti a supermercati e banche, forzate a sospendere le operazioni per via dell'interruzione delle linee di comunicazione.

Diverse persone in fila agli sportelli automatici a Yangon, il panico durante il colpo militare in Myanmar. Foto di Khit Thit Media

Alcune persone stanno facendo scorte di cibo nel centro della città. Qui, una folla compra riso sotto uno striscione che dichiara supporto a Aung San Suu Kyi.

Oltre ai leader della NLD, anche attivisti e obiettori del potere militare sono stati arrestati:

Il regista Min Htin Ko Ko Gyi è stato arrestato alle 3:30 di mattina, nella sua casa a Yangon. Stanno andando ben oltre alle figure politiche. Stanno accerchiando tutti i principali obiettori del loro potere. (Era stato recentemente detenuto per aver criticato l'esercito).

Alcuni utenti dei social media hanno diffuso immagini di supporto al potere militare, con bandiere che  sventolano nelle strade:

Sostenitori del potere militare che sfilano oggi a Yangon.

Global Voices è riuscita a contattare alcuni lavoratori stranieri in Myanmar, che hanno condiviso le seguenti osservazioni relative alle circostanze:

Today at around 6am electricity was cut off. Telephone and internet are not accessible. Myanmar people did not expect this will happen. Military said last Saturday they will not stage a coup. People are worried. But since communication lines are off, they do not know of development yet.

Oggi intorno alle 6 di mattina è stata tagliata l'elettricità. Telefoni e internet non erano raggiungibili. Il popolo di Myanmar non si aspettava che sarebbe successo questo. Sabato, l'esercito aveva affermato che non ci sarebbe stato un colpo di stato. La gente è preoccupata ma, con le linee di comunicazione fuori uso, non si sa ancora cosa stia succedendo.

Un altro residente straniero ha condiviso la sua storia:

People are disheartened by the news and mostly sharing information about each other’s whereabouts and safety measures. We have all seen this coming but it’s surreal when it actually happens.

Communication networks are back since around 12 pm in my area. I’m used to disrupted signal so it was not a complete shock, though such a long blackout is unusual.

Le persone sono demoralizzare dalle notizie e molti si scambiano informazioni su dove si trovano e sulle misure di sicurezza. Tutti l'abbiamo visto arrivare, ma quando succede veramente è qualcosa di surreale.

Le linee di comunicazione sono tornate da mezzogiorno nella mia zona. Sono abituato ad una connessione irregolare, di conseguenza non è stato uno shock completo, sebbene un blackout così lungo sia inusuale.

Alcuni residenti stranieri si aspettano di essere presto evacuati. Dall'altra parte, altri stranieri come Annie Zaman, membro di Global Voices, hanno sottolineato che evacuare non sia sempre una questione così semplice:

Adesso ci stiamo chiedendo: “Come possiamo far evacuare anche i nostri animali?” Non possiamo lasciare indietro i nostri cuccioli.

Non c'è stata nessuna notizia su violenza nelle strade ma, a quanto si dice, un giornalista è stato attaccato da un sostenitore dei nazionalisti buddisti con stretti legami con l'esercito.

Thinzar Shunlei Yi ha riassunto lo stato d'animo di molti attivisti:

I condemn the coup and on going rataliations using armed power. Our generations have suffered through hardship all our lives since 1962 military coup and its so dissapointing to see history repeats now.

However, Democracy we witnessed over these past 10 years was FAKE. And we were largely in illusions dreaming of federal democratic nation under military-drafted 2008 constitition. So I am saying all these fake democractic shows and dramas drafted by Military is now revealing its own true color.

Condanno il colpo di stato e le continue rappresaglie con l'uso di armi. Dal colpo di stato del 1962, le nostre generazioni hanno sofferto avversità per tutta la vita ed è struggente vedere la storia ripetersi.

La democrazia di cui siamo stati testimoni durante gli ultimi 10 anni è stata comunque FALSA. Ci siamo illusi di poter instaurare uno stato federale democratico sotto la costituzione militare del 2008. Adesso, tutte queste false scene democratiche e storie create dai militari si stanno rivelando per quello che sono veramente.

Justice For Myanmar, un gruppo di attivisti a cui era stato censurato il sito web nel 2020 per aver pubblicato reportage sulle transazioni commerciali anomale dei militari, ha identificato nel capo generale Min Aung Hlaing il principale beneficiario del colpo di stato:

Justice For Myanmar notes he is due to retire in June 2021, which threatened his political power and the business interests of he and his family. Senior General Min Aung Hlaing has exploited his position as Commander-in-Chief for his personal gain, and today’s coup extends that power and privilege.

Justice For Myanmar ha riportato che si sarebbe dovuto ritirare a giugno del 2021, cosa che avrebbe minacciato il suo potere politico e gli interessi economici suoi e della sua famiglia. Il capo generale Min Aung Hlaing ha sfruttato la sua posizione di comandante in carica per i suoi profitti personali, e il colpo di stato di oggi espande questi stessi poteri e privilegi.

Come ha sottolineato un esperto, un altro colpo di stato era l'ultima cosa di cui il Myanmar aveva bisogno:

Mentre tutti pensano ai politici bisognerebbe anche parlare delle persone in Myanmar in condizioni di povertà. Nel corso del 2020, la vita di decine di milioni di persone si è imbattuta nella disgrazia e l'indice di povertà si è alzato dal 16% al 60%. Il Myanmar ha urgentemente bisogno di vaccini e di un'equa ripresa economica (e non un colpo di stato).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.