chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il Bangladesh dice addio alla leggenda del calcio argentino Maradona

Football fever spreads in Bangladesh during each FIFA World Cup. Jatrabari, Dhaka. Image by Sourav Lasker. Copyright Demotix (8/6/2014)

La febbre del calcio dilaga in Bangladesh. Alcune persone giocano a calcio davanti ad un murale che ritrae diverse bandiere nazionali dei paesi partecipanti ai Mondiali di Calcio. Jatrabari, Dhaka. Foto di Sourav Lasker. Copyright Demotix (8/6/2014).

La superstar del calcio argentino Diego Armando Maradona è popolare in Bangladesh [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] tanto quanto lo è nel suo paese. La morte di Maradona nella sua casa di Buenos Aires il 25 novembre è stata uno shock [bn] per i tifosi del Bangladesh, che hanno espresso attraverso i social media quello che la leggenda del calcio rappresentava per loro.

L'utente di twitter Akteex ha riassunto i sentimenti della nazione in un breve post:

Sento il Bangladesh che piange.

Notando che il nome di Maradona era diventato familiare in Bangladesh, il tifoso di calcio Sabbir ha scritto:

Il suo nome è tra i primi ricordi che ho della mia infanzia. A quei tempi ero un ragazzino che viveva in un villaggio sperduto del Bangladesh, e pensavo che se avessi potuto camminare abbastanza lontano sarei caduto giù dal mondo perché è piatto, ma conoscevo il nome Maradona. Ecco quanto è grande.

Il giorno dopo, i bangladesi hanno reso omaggio a Maradona durante diversi eventi, come in questa partita di cricket nella capitale, Dhaka:

Le 4 squadre di oggi hanno osservato tutte un minuto di silenzio per la leggenda del calcio Diego Maradona. L'evento si è svolto subito dopo il post-partita del primo match.

Anche se il paese dell'Asia meridionale si trova in posizione molto bassa nella classifica mondiale della FIFA, il calcio qui è molto popolare. La maggior parte degli appassionati di calcio del Bangladesh segue i campionati di calcio latino-americani e venera icone come Maradona e il brasiliano Pelé [it]. Alcuni fan non potevano credere che Maradona non ci fosse più.

Anisul Kabir, editor associato della rivista satirica Unmad, ha scritto su Facebook [bn]:

পৃথিবীতে ম্যারাডোনা নামের অবাক করা মানুষটি নাই, ব্যাপারটা বিশ্বাস করতে কষ্ট হচ্ছে। ফুটবল বিশ্ব সেরাদের মধ্যে সেরা একজন লিজেন্ড হারালো। খারাপ লাগলো খবরটা শুনে।

Il prodigio chiamato Maradona non c'è più, ed è difficile accettarlo. Il mondo del calcio ha perso una leggenda. Sono molto triste oggi.

L'appassionato di sport Noman Mohammed ha aggiunto [bn]:

ডিয়েগো ম্যারাডোনা মারা গেছেন। খবরটা মিথ্যা হোক, খুব করে চেয়েছিলাম। বিশ্বের বিভিন্ন দেশের ওয়েবসাইটে ঢুকে বুঝতে চেয়েছি, কেউ যেন এটিকে গুজব বলে। কিন্তু তা হল না।

Volevo che la notizia della morte di Maradona fosse una bufala. Ho provato a visitare diversi siti web internazionali per scoprire la verità. Ma i miei desideri non si sono avverati.

Nel frattempo, iTazin ha scritto su Twitter:

La leggenda del calcio Diego #Maradona ci ha lasciati mercoledì 25 novembre.

Come il resto del mondo, il Bangladesh ha un grande numero di tifosi che hanno seguito tutta la sua carriera calcistica. Siamo cresciuti guardando le sue magie sul campo da calcio.

Riposa in Pace Maradona.

Le mie condoglianze alla sua #Famiglia e ai suoi #Amici    TI AMIAMO 

La maggior parte dei bangladesi è diventata fedele sostenitrice della squadra di calcio argentina grazie alle incredibili capacità mostrate da Maradona durante il Campionato del mondo vinto nel 1986Su Facebook, Sakibur Rahman Khan ha spiegato [bn]:

অবৈধভাবে ক্ষমতা দখল করে স্বৈরাচারী হোসেন মোহাম্মদ এরশাদ ১৯৮২ সালে বাংলাদেশে প্রথম চমকটি দেখান সরাসরি বিশ্বকাপ ফুটবল টেলিভিশনে দেখিয়ে । বাংলাদেশের সকল মানুষের সাথে আমিও সেই বাল্যকালে নেশায় বুঁদ হয়ে ব্রাজিলের ভক্ত হয়ে যাই । সেই ওয়ার্ল্ড কাপ ফুটবলে বাংলাদেশের মানুষ ম্যারাডোনাকে খুব একটা চিনলো না। ১৯৮৬ সালে যখন ওয়ার্ল্ড কাপ ফুটবল শুরু হয় তখন আমরা দেখি ম্যারাডোনার জাদুকরী ফুটবল খেলা । বাংলাদেশের প্রায় অর্ধেক মানুষ ব্রাজিল ছেড়ে আর্জেন্টিনার সাপোর্ট করা শুরু করে। ঢাকা শহরের আমিনবাজার, Old town তখন ছেয়ে যায় আর্জেন্টিনার পতাকায় । তার পরের ইতিহাস শুধুই ম্যারাডোনার।

Nel 1982, il dittatore Hossain Mohammad Ershad sorprese la nazione trasmettendo per la prima volta in Bangladesh la Coppa del Mondo in diretta televisiva. Questa è stata la mia infanzia trascorsa guardando le partite, sono diventato un fan del calcio latino-americano, soprattutto del Brasile, come tanti altri. A quei tempi non sapevamo molto di Maradona. Quando iniziò il campionato del 1986, molti bangladesi restarono meravigliati dalle incredibili doti calcistiche di Maradona. L'opinione pubblica in Bangladesh si divise. Circa la metà dei bangladesi tifava per il Brasile, mentre l'altra metà sosteneva l'Argentina. Delle zone di Dhaka, soprattutto Aminbazar, furono letteralmente coperte con la bandiera argentina. Maradona dominò per i due decenni successivi.

L'espatriato bangladese Sardar Jobayer Hossain ha ricordato come Maradona fosse diventato un'icona in Bangladesh [bn]:

স্কুলের খাতায় ম্যারাডোনা, বাজারের ব্যাগে আর্জেন্টিনা, বাড়ির চার দেয়ালে আকাশি-সাদা ডোরা, আমাদের শৈশব ছিল ৫ ফুট ৫ ইঞ্চির ম্যারাডোনাময়। ধানমন্ডিতে মিরপুরের রোডের উপর চাইনিজ রেস্টুরেন্টের নাম ছিল ম্যারাডোনা। পাড়া মহল্লায় আর্জেন্টিনা- ব্রাজিলের নামে ফ্রেন্ডলি ফাইটিং পর্যন্ত চলত। ৮৬ সালের পর বাঁশের আগায় দুইখান পতাকা রাখতাম ঘরে। একখান আর্জেন্টিনা, আরেকখান ঢাকার মোহামেডান । আহা দিন!

L'immagine di Maradona era stampata sui quaderni di scuola e sulle borse per la spesa, i colori argentini – azzurro e bianco – erano impressi sui muri. La nostra infanzia era riempita dalle immagini di quell'uomo alto 5 piedi e 5 pollici che era Maradona. Un ristorante cinese in Mirpur Road a Dhanmondi prese il suo nome. Nella nostra zona si giocavano partite di calcio amichevoli tra squadre che prendevano il nome di Brasile e Argentina e che spesso finivano per scontrarsi. Dopo il 1986, ho iniziato a tenere issate in casa due bandiere- una dell'Argentina e una del Dhaka Mohamedan [una squadra di calcio locale]. Ah, quei giorni!

La popolarità di Maradona in Bangladesh era così grande che la gente sentiva le vittorie- o le sconfitte- dell'Argentina come fossero le proprie. Nel Campionato mondiale del 1990, quando l'Argentina perse in finale contro la Germania, il Bangladesh pianse con Maradona. Infatti molti tifosi, incapaci di accettare la sconfitta, scesero in strada per protestare contro le decisioni dell'arbitro.

Lo stesso anno Moudud Ahmed, allora vice presidente del Bangladesh, annunciò che Maradona avrebbe visitato il paese, ma ciò non avvenne mai. Si suppose in seguito che lo scopo dell'annuncio fosse quello di reprimere i crescenti movimenti di protesta contro il regime dell'epoca.

In seguito furono fatti altri tentativi per portare l'eroe del calcio in Bangladesh: nel 2008, quando visitò la vicina India,e, ironia della sorte, nel 2020, l'anno della sua morte. Avrebbe dovuto visitare il paese in occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita di Bangabandhu Sheikh Mujibur Rahman, il “Padre della nazione” e primo presidente del Bangladesh.

Nel 1994, Maradona giocò la sua ultima Coppa del Mondo. Durante l'evento fu squalificato per doping, costringendo l'Argentina a ritirarsi dal torneo. Paradossalmente, i fan bangladesi non erano arrabbiati con Maradona, ma con la FIFA.

Il documentarista Asef Hadi ha scritto un tweet su quel periodo:

Quando lui [Maradona] fu espulso dal campionato mondiale del '94, diverse centinaia di persone in #Bangladesh tentarono il suicidio di massa. È impossibile sopravvalutare la grandezza e l'intensità della popolarità di  #Maradona – #RIPDiego 

Nonostante l'amore dei bangladesi per Maradona, ad alcuni non piaceva il suo stile di vita. Taslima Nasrin, scrittore bangladese in esilio, ha twittato:

La dipendenza ha ucciso Maradona.

Maradona ha condotto senza dubbio una vita complessa, ma fra tutti gli alti e bassi era consapevole di quello che il Bangladesh sentiva per lui: la passione del paese dell'Asia Meridionale per la star del calcio sudamericana è stata citata [bn] nell'autobiografia di Maradona “El Diego” – e per alcuni bangladesi, questo basta.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.