chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La riconciliazione degli Stati Arabi con il Qatar lascia dietro le sbarre i sauditi pro-unità

Uno screenshot di France24 mostra l'emiro del Qatar, lo sceicco Tamim bin Hamad al-Thani, accolto da un abbraccio del Principe dell'Arabia Saudita Mohammed bin Salman, ad al-Ula, Arabia Saudita. 5 gennaio 2021.

Una frattura tra Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti (EAU), Bahrain ed Egitto ha portato a un boicottaggio e al blocco totale del Qatar nel giugno 2017. Mentre queste nazioni arabe si riconciliano, molti si chiedono cosa accadrà ai cittadini sauditi che sono stati detenuti per aver dato voce all'opposizione e aver chiesto l'unità.

Dalla cosiddetta Primavera Araba, le alleanze regionali hanno diviso questi Paesi ponendo il Qatar da un lato e il quartetto dall'altro, e tutti accusano il Qatar di essersi intromesso nei loro affari.

Doha, la capitale del Quatar e sede del potere,  ha accolto con favore i cambiamenti politici nei Paesi colpiti dalle rivolte e ha sostenuto i Fratelli Musulmani in Egitto e altrove. Tuttavia i leader del quartetto hanno ritenuto tali cambiamenti politici dannosi per i loro interessi, e hanno visto i Fratelli Musulmani [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], come tutti i  come un'organizzazione terroristica islamista.

Sostanzialmente, le tensioni sono aumentate al punto tale che tutti e quattro i Paesi hanno deciso di boicottare e bloccare il piccolo Stato del Golfo ricco di benzina, spingendolo sempre più nelle braccia dei rivali regionali, la Turchia e l'Iran.

Dopo diversi tentativi di riunire gli Stati del Golfo, il 5 gennaio i leader dell'Arabia Saudita e del Qatar, un tempo feudatari, hanno firmato un accordo mediato dal Kuwait e dagli Stati Uniti, per appianare le loro divergenze e ristabilire i legami.

Nell'aeroporto saudita di al-Ula, a nord di Medina, il leader de-facto del regno, il Principe Mohammed bin Salman, comunemente noto con le sue iniziali MBS, ha salutato il suo rivale, l'emiro del Qatar Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani, mentre entrambi i leader indossavano maschere chirurgiche a causa del coronavirus.

Quasi subito dopo gli annunci di riconciliazione, i media associati a ciascuna parte della disputa (che per anni sono stati bloccati in una feroce guerra mediatica di tessitura di teorie cospirazioniste e di schiacciamento dei rivali)  hanno iniziato a lodare la riconciliazione e ad accogliere l'unità tra le fila dei fratelli del Golfo.

Nel frattempo, almeno 20 cittadini sauditi che hanno espresso opinioni simili all'inizio della faida e che quindi sembravano opporsi ai loro leader a Riyadh, rimangono incarcerati con una miriade di accuse.

Un account Twitter dal nome “Prisoners of Conscience”, dedicato a sostenere i sauditi imprigionati per aver espresso le loro opinioni, ha twittato:

CHIEDIAMO L'IMMEDIATO RILASCIO DI TUTTI I PRIGIONIERI DI COSCIENZA CHE SONO STATI DETENUTI SOLO PERCHÉ HANNO CHIESTO LA RICONCILIAZIONE CON IL QATAR, 3 ANNI FA.

Tra i prigionieri c'è l'illustre ecclesiastico islamico Salman al-Odah, la cui detenzione nel 2017 è avvenuta ore dopo la pubblicazione del seguente tweet dell'8 settembre 2017 [ar]:

O’ Dio, lode a Te. Metti l'armonia nei loro cuori, per ciò che è meglio per le loro nazioni

Da quel momento, Odah, 63 anni, è stato tenuto in isolamento, con periodi di accesso limitato o nullo alla sua famiglia e in condizioni che, secondo il figlio, riflettono l'intenzione delle autorità di “ucciderlo lentamente” [ar].

O Signore, riportalo dalla sua famiglia, dai suoi cari, alle nazioni musulmane e arabe e al mondo.

Il figlio di Al-Odah, Abdullah, che attualmente abita negli Stati Uniti, descrive la situazione sanitaria dell'ecclesiastico:

During the Nov. 18 court proceeding in Riyadh, my siblings were struck by how significantly weaker and emaciated our father was. Having lost half of his hearing and vision in prison, he was incoherent and had difficulty hearing and seeing them clearly. They felt that our proud, determined father seemed completely submissive and nodded at whatever he was told. They feared that in his precarious state, he could be forced into signing any kind of confession.

Durante il procedimento giudiziario del 18 novembre a Riyadh, i miei fratelli sono rimasti colpiti da quanto nostro padre fosse significativamente più debole ed emaciato. Avendo perso metà del suo udito e della sua vista in prigione, era illogico e aveva difficoltà a sentire e a vedere chiaramente. Sentivano che nostro padre, orgoglioso e determinato, sembrava completamente sottomesso e annuiva a qualsiasi cosa gli venisse detta. Temevano che, nel suo precario stato, potesse essere costretto a firmare qualsiasi tipo di confessione.

Dopo un anno di detenzione senza processo, il procuratore generale saudita ha chiesto la pena di morte per Odah con 37 capi d'accusa, tra cui l'istigazione a incitare le persone contro il sovrano, la richiesta di un cambiamento di governo e il possesso di libri proibiti.

Una foto del detenuto saudita Salman al-Odah con un nipote ripresa da Twitter.

Mentre i partiti rivali hanno fatto ammenda, le richieste per il rilascio di Odah, insieme ad altri prigionieri, hanno ottenuto uno slancio.

Michael Page,  vice direttore della divisione Medio Oriente e Nord Africa, ha scritto su Twitter:

Ora che l'Arabia #Saudita sta allentando le tensioni e aprendo i confini con il #Qatar, che ne dite di rilasciare detenuti come @salman_alodah, accusati di essersi opposti a un blocco (che ha solamente separato solo famiglie, bloccato lavoratori e interrotto le cure mediche della gente)?

Altri detenuti degni di nota con accuse simili, tra cui i legami nascosti con i Fratelli Musulmani e il governo del Qatar, hanno espresso il loro  il sostegno pubblico ai dissidenti incarcerati. Si tratta di  Awad al-Qarni e Ali al-Omari:

Ultime notizie
Confermiamo che
Sheikh Salman al-Odah
Sheikh Awad al-Qarni
Sheikh Naser al-Omar
sono ancora in isolamento ed in pessime condizioni.

Altri rinomati detenuti sono Mustafa al-Hasan, un accademico; Abdullah al-Malki, uno scrittore, ed Essam al-Zamil, un economista.

Il loro arresto è avvenuto più di tre anni fa, più o meno nello stesso periodo in cui le autorità saudite hanno radunato diverse attiviste che chiedevano il diritto alla guida delle donne, tra cui l'iconica attivista Loujain al-Hathloul.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.