chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Quasi 100 attivisti curdi detenuti dalle forze di sicurezza iraniane nel 2021

Collage delle foto di alcuni degli attivisti curdi detenuti, realizzato dal Kurdistan Human Rights Network. Uso autorizzato per Global Voices.

All'inizio del 2021, la Repubblica islamica dell'Iran ha iniziato un nuovo capitolo di repressione contro la sua popolazione curda, scatenando un'ondata di arresti contro civili attivisti curdi.

Secondo alcuni rapporti [fa], dall'inizio del 2021 almeno 91 cittadini curdi, tra cui artisti e attivisti per i diritti umani e ambientali sono stati arrestati o “fatti sparire dalle forze di sicurezza” in diverse città da Tehran a Sanandaj, il capoluogo della provincia del Kurdistan iraniano.

Una lettera congiunta pubblicata il 3 febbraio su iniziativa del Kurdistan Human Rights di Ginevra (KMMK-G) [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], con sede in Svizzera, sostiene che alcuni dei detenuti siano stati rilasciati ma che altri 89 rimangano dietro le sbarre e almeno 40 siano stati vittime di ‘sparizioni forzate’.

Più di 50 attivisti curdi hanno chiesto ufficialmente allo Stato iraniano il rilascio immediato delle persone detenute.

Lo Stato iraniano ha una lunga storia di persecuzione nei confronti della sua minoranza curda. Un rapporto del 2008 di Amnesty International cita esempi di “discriminazione religiosa e culturale nei confronti dei circa 12 milioni di curdi che vivono in Iran e formano circa il 15% della popolazione”.

Global Voices ha intervistato Taimoor Aliassi, co-fondatore e direttore esecutivo della Association of Human Rights in Kurdistan (KMMK-G), con sede in Svizzera, per capire cosa c'è dietro questa nuova ondata di repressione da parte del regime.

L'intervista è stata editata per chiarezza e lunghezza.

Quali sono le ragioni dei recenti arresti?

Before answering this question, it's necessary to note that the causes and scale of repression and violence in Iran against Kurdish people and other minoritiesare inherent to the inception of the Islamic Republic.

In August 1979, Ayatollah Khomeini, Iran’s then supreme leader, declared a holy war against Kurdish people and framed the Kurds as anti-Islam and anti-revolutionary because they simply were in favour of establishing a secular and democratic state in Iran. Since then, the Kurds have been stigmatized, marginalized and excluded from any participation in public life and perceived, and treated, as a hostile group by the Iranian state and its media.

Answering your question, since the beginning of January, along with the recent coordinated crackdown and mass arrests of Kurdish citizens, we are also witnessing a campaign of intense stigmatization, demonization, and criminalization of Kurdish citizens by Iranian media (Seda va Sima and Fars News). The Islamic Republic of Iran’s system of government heavily relies on violence and the spread of fear.

Given the internal political, economic, socio-cultural, environmental, and health crisis facing the regime and its incapacity to solve the Iranian challenges, we believe that the regime is fearing to lose control over its people, and the best way to show that it’s still on the reign and to keep on top, is the intensification of violence and repression, especially in the ethnic and marginalized territories. As such, since January, 16 Baluchi citizens were executed and five Ahwazi-Arabs prisoners are at imminent risk of executions.

Prima di rispondere a questa domanda è necessario notare che le cause e la scala della repressione e delle violenze contro il popolo curdo e altre minoranze in Iran sono inerenti alla nascita della Repubblica islamica.

Nell'agosto 1979, l'Ayatollah Khomeini, allora il leader supremo dell'Iran, dichiarò una guerra santa contro il popolo curdo dipingendolo come anti-islamico e contro rivoluzionario semplicemente perché essi erano favorevoli alla creazione di uno stato laico e democratico in Iran. Da allora i curdi sono stati stigmatizzati, marginalizzati e esclusi dalla partecipazione alla vita pubblica, percepiti e trattati come un gruppo ostile dallo Stato iraniano e dai suoi media.

Per rispondere alla sua domanda, dall'inizio di gennaio, oltre alla recente repressione e agli arresti di massa organizzati di cittadini curdi, stiamo assistendo anche a una campagna di intensa stigmatizzazione [fa], demonizzazione e criminalizzazione dei cittadini curdi da parte dei media iraniani (Seda va Sima e Fars News). Il sistema di governo della Repubblica islamica dell'Iran dipende fortemente dall'uso della violenza e dalla diffusione della paura.

Data l'attuale crisi interna politica, economica, socio-culturale, ambientale e sanitaria che il regime deve affrontare, e la sua incapacità di risolvere le sfide dell'Iran, crediamo che il regime tema di perdere controllo sul popolo e che il modo migliore che abbia per mostrare di essere ancora in controllo sia intensificare la violenza e la repressione, in particolare nelle regioni abitate da minoranze etniche e marginalizzate. È per questo che da gennaio sono stati giustiziati sedici cittadini beluci, mentre cinque prigionieri arabi ahwazi sono a rischio imminente di esecuzione.

Ci sono dei collegamenti tra gli individui arrestati e qualche organizzazione? Sono coinvolti in qualche progetto comune?

The detainees are members of civil society and they include students, environmentalists, cultural activists, musicians, and academics. For instance, five of the female detainees are all members of a Kurdish female musical group from the city of Kermanshah called “Gelaris”.

I detenuti sono membri della società civile e includono studenti, attivisti per l'ambiente, attivisti culturali, musicisti e studiosi. Per esempio cinque delle donne detenute sono membri di una band femminile curda chiamata “Gelaris”, della città di Kermanshah.

Avete informazioni sui detenuti e le accuse contro di loro? Siete riusciti a mettervi in contatto con le loro famiglie o i loro legali?

The fate and whereabouts of 51 of the detainees are yet unknown. During the arrests, the houses of 31 detainees were searched and the belongings of five of them were confiscated by security forces. Five others were victims of physical assaults during their arrests.

Families of the 51 persons subjected to enforced disappearances have been subjected to continuous threats by the Revolutionary Guard when they seek information about their loved ones, and are told to avoid any communications with the media and UN agencies. They are also told that the detainees are not allowed to have access to a lawyer during investigations, which increases the risks of extracting confessions under torture. The families are extremely concerned about the fates and whereabouts of their loved ones and the Iranian authorities have refused to provide information about the detainees.

Such state measures constitute a clear violation of Article 14 of the International Covenant on Civil and Political Rights (ICCPR) to which Iran is a party, as they severely limit access to lawyers and legal defense. Beatings, ill-treatment, torture, incommunicado detentions, enforced disappearances, and arbitrary arrests of the detainees are all infringements, not only of the ICCPR, but also the Iranian law.

La sorte e l'ubicazione di cinquantuno degli arrestati sono ancora ignote. Durante l'arresto le abitazioni di trentuno dei detenuti sono state perquisite e gli effetti personali di cinque di loro sono stati confiscati. Altri cinque sono stati vittime di violenze fisiche durante gli arresti.

Le famiglie delle cinquantuno persone soggette a sparizione forzata subiscono costanti minacce da parte della Guardie rivoluzionarie quando cercano informazioni sui loro cari, ed è stato loro ordinato di non comunicare con la stampa e le agenzie dell'ONU. Gli è stato anche riferito che ai detenuti non sarà permesso vedere un legale durante le indagini, cosa che aumenta il rischio di confessioni ottenute tramite tortura. Le famiglie sono estremamente preoccupate per la sorte dei propri cari, ma le autorità iraniane si rifiutano di fornire informazioni sui detenuti.

Queste misure da parte dello Stato iraniano costituiscono una chiara violazione dell'articolo 14 della Convenzione internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR) di cui l'Iran è uno stato firmatario, dato che pongono gravi limitazioni ad avvocati e difesa legale. Percosse, maltrattamenti, tortura, detenzione in isolamento, sparizioni forzate e arresti arbitrari dei detenuti sono tutte infrazioni, non solo della convenzione, ma anche della legge iraniana.

Un gruppo di attivisti curdi, civili e politici, ha scritto una dichiarazione in protesta di questa ondata di arresti di massa. Si sono uniti anche attivisti iraniani non curdi alla protesta?

Currently, we have initiated and published on February 3 a joint statement, supported by 36 civil societies and human rights organizations including Amnesty International and Human Rights Watch (HRW), calling for the international community's urgent attention to the ongoing wave of arbitrary arrests, incommunicado detention, and enforced disappearances by the Iranian authorities, targeting scores of people from Iran’s disadvantaged Kurdish minority.

According to this joint letter, few detainees have been released, but “89 individuals remain detained, at least 40 have are being subjected to enforced disappearance.”

Il 3 febbraio abbiamo pubblicato una dichiarazione congiunta, sostenuta da 36 organizzazioni della società civile e gruppi per i diritti umani, tra cui Amnesty International e Human Rights Watch (HRW), per sollecitare l'attenzione della comunità internazionale sull'ondata di arresti arbitrari, detenzioni in isolamento e sparizioni forzate in corso a opera delle autorità iraniane, che prendono di mira grandi numeri di persone appartenenti alla svantaggiata minoranza curda.

Che impatto crede che potrebbero avere queste organizzazioni internazionali su questa situazione?

We hope that pressure from the UN, EU, and the international community pushes the Iranian authorities to stop their campaign of demonizing and intensified repression against Iranian ethnic and religious minorities, as well all Iranian citizens.

Speriamo che la pressione da parte dell'ONU, dell'UE e della comunità internazionale spinga le autorità iraniane a fermare la loro campagna di demonizzazione e intensificata repressione contro le minoranze etniche e religiose in Iran, nonché di tutti i cittadini iraniani.

La minoranza curda è messa sotto pressione e subisce persecuzioni da decenni. L'anno scorso centinaia di curdi sono stati arrestati. C'è una differenza tra questa ondata di arresti e le precedenti?

Since 2020, we have observed a new pattern of persecution and the executions of Kurdish political prisoners in Iran by squad firing, group executions and disappearances of the prisoners and their bodies, and denial of the last visitation of the family before execution. This pattern was common in the 1980s.

The secret execution and enforced disappearances of Mr. Hedayat Abdollahpour, a Kurdish political prisoner, on 11 May 2020, in a military base in Oshnavieh, West Azerbaijan Province by squad firing, despite the UN human rights experts’ multiple calls and concerns raised with the Iranian authorities, as well as the group execution of Mr. Saber Sheikh Abdullah and Diako Rasulzadek, exemplifies this new pattern of executions of prisoners belonging to ethnic groups and others in Iran.

The recent crackdown on Kurdish civil society activists indicates this new pattern of persecution and cycle of violence against members of ethnic-religious groups in particular, and in Iran in general. This requires a tougher position from United Nations and Western countries on Iran and the question of  respect for human rights and minority rights in Iran needs to be a main part of EU-Iran new round of negotiations.

Dal 2020 stiamo vedendo un nuovo schema di persecuzione e condanne a morte per fucilazione di prigionieri politici curdi in Iran, esecuzioni di gruppo e sparizioni dei prigionieri e dei loro corpi e negazione dell'ultima visita da parte della famiglia prima dell'esecuzione. Questo schema era comune negli anni '80.

L'esecuzione segreta tramite fucilazione e la sparizione forzata di Hedayat Abdollahpour, un prigioniero politico curdo, avvenuta l'11 maggio 2020 in una base militare a Oshnavieh, nella provincia dell'Azerbaijan occidentale, eseguita nonostante la preoccupazione e le numerose richieste sollevate dagli esperti dell'ONU, così come l'esecuzione di gruppo di Saber Sheikh Abdullah e Diako Rasulzadek, esemplificano questo nuovo schema di esecuzioni di prigionieri appartenenti a minoranze etniche e non solo in Iran.

La recente repressione nei confronti della società civile curda indica questo nuovo schema di persecuzione e il ciclo di violenza, contro membri di minoranze etno-religiose in particolar e in Iran in generale. Questo richiede una posizione più dura da parte delle Nazioni Unite e dei Paesi occidentali nei confronti dell'Iran e della questione del rispetto dei diritti umani e delle minoranze in Iran, anche come parte delle nuove negoziazioni tra Unione Europea e Iran.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.