chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Trinidad e Tobago deporta donne e bambini venezuelani per una questione di ‘sicurezza nazionale’

Un gruppo di richiedenti asilo inclusi 16 bambini arriva per la seconda volta nel territorio del Trinidad, il 24 Novembre 2020, per un ordine del tribunale che richiede la loro apparizione in una udienza dell'habeas corpus. Screenshot preso da un video di Trinidad and Tobago Newsday sullo sbarco, postato nel canale YouTube del quotidiano.

La blogosfera di Trinidad e Tobago si trova in un'accesa discussione sulla deportazione [en, come tutti i link successivi salvo diversa indicazione] di 16 venezuelani minorenni e 11 adulti — incluse nove donne — che sarebbero state a quanto pare mandate vie poco prima che il gruppo avrebbe dovuto avere un'udienza dell’ habeas corpus [it] dalle 2 del pomeriggio del 22 novembre. È un passo che il Ministro della Sicurezza Nazionale Stuart Young ha difeso come parte del suo compito di difendere il paese.

Dopo le preoccupazioni che le navi che riporta loro in Venezuela non potessero essere localizzate e dopo che l'autodichiarato presidente provvisorio Juan Guaidó ha descritto le azioni di Trinidad e Tobago come “crudeli, dolorose e inumane,” non solo il gruppo è stato trovato, ma un giudice trinidadiano, il giudice Avason Quinlan-Williams, ha ordinato che lo stato li riporti a Trinidad per la loro udienza.

I richiedenti asilo sono tornati sulle coste del Trinidad il 24 Novembre, dove sono stati accolti dai loro parenti che risiedono nell'isola:

Non ho parole. Nessuna.

La questione è stata prima portata all'attenzione pubblica dall'avvocatessa Nafeesa Mohammed, che ha dato le sue dimissioni come deputata del partito del Movimento Nazionale Popolare (PNM) poche settimane prima delle elezioni generali [it] a Trinidad e Tobago del 10 agosto.

Mohammed dice che il gruppo è stato arrestato inizialmente il 17  Novembre nella parte a sud del Trinidad, che si trova a circa 11 kilometri a nord del Venezuela. La continua crisi economica del paese sudamericano ha costretto migliaia di richiedenti asilo [it] di andare in Trinidad e Tobago.

In questo caso particolare, tuttavia, c'erano delle preoccupazioni per il benessere dei bambini specialmente, che hanno spinto Mohammed a mandare delle lettere al capo ufficiale dell'immigrazione richiedendo il dialogo. Sebbene i certificati di nascita e l'altra documentazione rilevante sarebbero state a quanto pare inviate alla divisione dell'immigrazione del paese, non erano state accettate. Dopo aver saputo che la deportazione era imminente, Mohammed è riuscita ad anticipare l'udienza in tribunale, ma senza risultato. Da quando ha suggerito che le azioni dello stato a riguardo erano contrarie agli obblighi internazionali e vuole che sia fatta una inchiesta sulla questione.

Stuart Young, il Ministro della Sicurezza Nazionale di Trinidad e Tobago, ha tenuto una conferenza stampa il 24 Novembre, per risolvere la situazione e “mandare alcuni segnali molto forti” guardando la sicurezza e le leggi che sono state stabilite per permetterla.

Inquadrando i suoi commenti sullo sfondo della pandemia della COVID-19, Young ha notato che i confini del Trinidad e Tobago sono chiusi sia ai connazionali che agli stranieri, e lo sono dal 17 marzo [it], poco dopo che il paese a registrato i suoi casi indice [it] del virus. Chiunque desideri entrare nel paese mentre la chiusura dei confini rimane effettiva deve ottenere l'autorizzazione dal ministro stesso.

Dati questi parametri, Young ha continuato, i venezuelani in questione erano in violazione delle leggi sull'immigrazione del Trinidad e Tobago, del regolamento sanitario e della politica del governo. Mohammed insiste dicendo, tuttavia, che tutti i membri del gruppo che sono stati deportati sono risultati negativi alla COVID-19.

Puntualizzando che il governo “non può essere accusato legittimamente e giustificabilmente” di essersi occupato di questioni di migrazione di stranieri senza un aiuto umanitario,Young ha ribadito:

It is not up to any one person — in a democracy, it doesn't operate like that. It's not up to lawyers, it's not up to courts, it's not up to anyone to just change the law according to how they feel. This government has always approached the issue of non-national migration with a balance that includes the humanitarian aspect.

Questo non è a scelta di una persona — in una democrazia, non si opera così. Non è a scelta dei giudici, delle corti, o di chiunque altro cambi la legge a seconda di come si sente. Questo governo ha sempre affrontato la questione dell'immigrazione con un equilibrio che include l'aspetto umanitario.

All'inizio del 2019, tuttavia, anche quando i Caraibi stavano tentando di impegnarsi [it] in una diplomazia internazionale decisiva guardando l'impasse politica del Venezuela, Trinidad e Tobago sono sembrati reticenti nell'identificare questo come una crisi umanitaria, optando invece di ripetere la posizione diplomatica [it] della Comunità Caraibica (CARICOM)  di “non interferenza e non intervento.”

A Giugno di quell'anno, il governo del Trinidad e Tobago non hanno fatto buon uso della promessa di regolarizzare i richiedenti asilo venezuelani. Molte delle condizioni e dei privilegi associati a questo processo di registrazione si sono estesi dopo il limite iniziale dell'anno, i quali sono citati tutti da Young come prova della considerazione del suo governo dell'approccio umanitario, sebbene rimane non chiaro cosa succede quando è attiva l'estensione.

Le società internazionali non sono state sempre d'accordo sul fatto che il governo del Trinidad e Tobago abbia agito in modi umanitari. Tornando all’ Aprile 2018, il rimpatrio di 82 venezuelani in Trinidad e Tobago ha scatenato aspre critiche dall'Alto Commissario per i Rifugisti delle Nazioni Unite (UNHCR), che ha definito questa mossa una “deportazione forzata” che ha violato la legge internazionale.

Trinidad e Tobago ha aderito alla Convenzione del Rifugiato del 1951 ed è un firmatario sia della Convenzione delle Nazioni Unite Contro i Crimini Organizzati Transnazionali, e la Convenzione delle Nazioni Unite sulla Protezione dei Diritti di tutti i Lavoratori Migranti e dei Membri delle loro Famiglie, e la Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Bambini.

Nella sua conferenza stampa, Young ha punito “le società internazionali” per aver diffuso statistiche che indicavano che c'era un numero maggiore di richiedenti asilo venezuelani nel paese rispetto al numero realmente registrato durante il processo di due settimane nel Giugno 2019.

Tuttavia, un report di Global Voices datato 4 giugno 2019, afferma che l'UNHCR ha stimato che la “popolazione d'interesse” di Trinidad e Tobago di quel periodo comprendeva più di 10000 persone — tra questi, 800 rifugiati e 9985 richiedenti asilo, molti dei quali dal Venezuela. Il conteggio finale dei richiedenti asilo che era stato registrato era di 16523.

Alla fine del processo, Trinidad e Tobago ha instituito un obbligo di visto per tutti i venezuelani che vorrebbero entrare nel paese. Gli stranieri non registrati sarebbero soggetti alla deportazione.

Dicendo che “comprende lo stato d'animo” della situazione, Young ha avvertito coloro che stanno cercando di “manipolare la narrativa di essere donne e bambini.” Per molti utenti dei social media , tuttavia, quello era il nocciolo della questione:

Sono stati fatti molti preparativi nella stazione di polizia di Cedros police station per deportare 16 ragazzi venezuelani incluso un neonato e bambini di età tra i 2 e gli 8 anni).

I loro padri hanno i permessi del MONS/ dell'UN /Certificati d'Asilo. Quì hanno tutti parenti.

Da quando ci siamo impegnati nella separazione delle famiglie?

Attorney Mohammed ha confermato che alcuni dei genitori dei bambini sono stati registrati in Trinidad e Tobago, mentre gli altri hanno le carte dell'UNHCR. Il Ministro Young ha contato le carte di registrazione di venezuelani e trinidadiani che hanno amici e famiglia nel paese infrangendo la legge e che saranno deportati, aggiungendo che la registrazione UNHCR non da a nessuno lo stato di residenza nel paese.

Ha anche sollevato dubbi su situazioni di questa natura essendo una bandiera rossa riguardo il traffico di esseri umani in quanto vi sono casi attivi in Trinidad e Tobago, e i membri delle forze dell'odine e le autorità del controllo dei confini sono sospettate di essere coinvolte.

Nonostante si riferisca all’ Atto sull'Immigrazione di Trinidad e Tobago, che ha una clausola che si riferisce ad una “indesiderabile” classe di persone ai quali può essere probito di entrare nel paese e offerto un “ulteriore livello di protezione,” il Ministro Young ha detto che mentre è preoccupato per la sicurezza del gruppo, deve rispettare la legge, che è “chiara e non può essere contraddetta.”

Riguardo i protocolli giudiziari, ha notato:

The persons were returned to Venezuela before any court order was made. So, there is no longer any jurisdiction, there is no breach, there is no misinforming the court or anything like that.

Le persone sono state rispedite in Venezuela prima che sia stato fatto un ordine giudiziario. Così, non c'è più alcuna giurisdizione, non c'è alcuna violazione, non c'è alcuna disinformazione della corte o niente del genere.

Tuttavia, il tribunale ha felicemente assicurato che il gruppo è tornato nel territorio del Trinidad e Tobago e che i bambini sono stati rilasciati alle cure dei loro genitori.

Il processo continua, ma agli occhi dell'opinione pubblica, molti hanno già deciso che le azioni del Trinidad e Tobago sono “un fallimento morale.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.