chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Una sentenza storica apre la strada alla trasparenza ambientale a Trinidad e Tobago

Rappresentanti della società civile di Trinidad e Tobago che chiedono che il loro Paese firmi l'accordo di Escazú per garantire l'accesso all'informazione e la partecipazione pubblica nelle questioni ambientali. Foto di Omar Mohammed, usata previo consenso.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Cari-Bois News [en, come tutti i link successivi salvo diversa indicazione]. Una versione modificata è ripubblicata qui come parte di un accordo di condivisione dei contenuti con Global Voices.

I cittadini di Trinidad e Tobago hanno ora libero accesso a informazioni fondamentali sull'impatto ambientale e sociale dei progetti di sviluppo sulle loro comunità.

Questo segue un’importante vittoria per la trasparenza ambientale da parte del gruppo di controllo Fishermen and Friends of the Sea (FFOS), che ha lanciato con successo una sfida legale contro la Environmental Management Authority (EMA) al fine di ottenere il pieno accesso ai risultati delle valutazioni di impatto ambientale (VIA).

Il sito web dell'EMA descrive una VIA come “uno studio che identifica i probabili effetti che un progetto specifico può avere sull'ambiente e sulla società”. Spiegando alla corte perché credevano che le informazioni generate da questi studi non dovessero essere accessibili al pubblico nella loro interezza, l'EMA ha sostenuto che le restrizioni di copyright di terzi li limitavano a condividere solo il 10% dei risultati di ogni VIA con le parti che ne chiedevano delle copie.

Il giudice della Corte Suprema Devan Rampersad ha respinto questa premessa e si è pronunciato a favore del FFOS, etichettando le richieste dell'EMA come “irragionevoli, irrazionali e improprie”.

È stato determinato che l'EMA non poteva negare l'accesso alle copie complete delle VIA al pubblico, in quanto è obbligato a facilitare l'accesso alle informazioni per effettivi giudizi e partecipazione pubblica peradempiere all'obbligo di legge come delineato nell’Environmental Management Act (legge sulla gestione ambientale). Il giudice Rampersad ha anche stabilito che le politiche e le procedure dell'EMA non erano conformi alle buone norme internazionali.

La sentenza stabilisce un precedente che permetterà alla società civile di giocare un ruolo nei processi decisionali, sostenendo lo sviluppo sostenibile e cercando gli interessi delle comunità recintate colpite dall'attività industriale.

Nel corso delle deliberazioni della Corte Suprema, 16 organizzazioni della società civile di Trinidad e Tobago hanno scritto collettivamente una lettera alla Corte Suprema sostenendo le affermazioni della FFO in cui viene specificato che l'accesso libero e incondizionato alle VIA deve essere sostenuto come una questione di interesse pubblico nazionale.

Cari-Bois News ha raggiunto alcuni dei gruppi che hanno contribuito alla lettera per sapere che sensazione hanno percepito riguardo la vittoria. Ryan Allard, segretario aziendale di Environment Tobago, ha detto che la sua organizzazione era felicissima del successo, affermando: “I dati e le informazioni ambientali sono fondamentali per lo sviluppo sostenibile a Trinidad e Tobago”.

Roma Price, manager della Toco Foundation, ha condiviso questa opinione e ha detto che ora sente che “il cambiamento sta arrivando” e il presidente del Valencia Village Council, Eron Melville, ha descritto la sentenza come un importante promemoria che gli attivisti non stanno combattendo una battaglia sempre persa. “Questo ci darà la fiducia di cui abbiamo bisogno per continuare a spingere contro le corporazioni multimilionarie quando entrano nelle nostre comunità”, ha aggiunto.

Tuttavia, quando Cari-Bois News ha contattato per telefono il segretario aziendale della FFOS, Gary Aboud, si percepiva una serietà  nel suo tono celebrativo quando ha avvertito un lato agrodolce della vittoria. “È triste e scoraggiante che siamo costretti a difendere un diritto preliminare così fondamentale di accesso alle informazioni pubbliche per il bene pubblico”, ha detto.

La delusione di Aboud deriva dal fatto che la sentenza rappresenta un ritorno alla normalità piuttosto che un nuovo progresso nella trasparenza ambientale. Prima del 2018, le VIA erano sempre state accessibili al pubblico su richiesta. L'EMA ha deciso di cambiare questa politica, limitando l'accesso al 10% di una VIA, sulla base di restrizioni di copyright. Questo ha portato a uno stallo con la FFOS, che ha rifiutato di fare marcia indietro, bollando la restrizione come “un altro tentativo del governo di mettere a tacere la società civile”,

Aboud era comunque ottimista sul fatto che lo slancio creato da questa vittoria potrebbe sostenere altre opere in corso da parte della società civile per sostenere una maggiore trasparenza ambientale. “Possiamo usarla come un'opportunità per incoraggiare il governo, nello spirito dell'accesso all'informazione pubblica e della partecipazione pubblica [it] al processo decisionale ambientale, a firmare e ratificare l'accordo di Escazú, di cui siamo stati uno dei principali negoziatori e redattori”, ha spiegato.

Escazú è un accordo regionale che comprende i Caraibi e l'America Latina, e il primo trattato sui diritti umani che parla direttamente di garantire l'accesso alle informazioni, la partecipazione dei cittadini e la giustizia in materia ambientale. Trinidad e Tobago non ha ancora aderito al trattato.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.