chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Alcuni osservatori occidentali condividono i dubbi dell’Asia Centrale riguardanti Alexey Navalny

Screenshot dal canale YouTube in cui l’influencer vlogger Yury Dud intervista Alexey Navalny per sapere cosa ne pensa del nazionalismo.

Ad oggi, l’opinione della maggior parte dei membri dell’opposizione liberare russa, come anche in quella d’Occidente, si basa sul fatto che Alexey Navalny qualsiasi errore avesse commesso in passato dovrebbe essere trascurato in nome della sua lotta contro il sistema politico [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] del Presidente Vladimir Putin. Tra i centro-asiatici , tuttavia, questa opinione è messa in discussione – e una minoranza in occidente ha espresso preoccupazioni simili sul modo in cui Navalny viene riverito acriticamente.

Nazgul Yergalieva, un consigliere del Kazakhstan che lavora nella riforma delle politiche pubbliche e della giustizia penale, ha condiviso il suo punto di vista riguardo Navalny con Global Voices. Mentre ammira il coraggio di Navalny, condanna il suo imprigionamento e crede che dovrebbe  essere rilasciato immediatamente e concedergli un giusto processo, ci sono alcune cose che la preoccupano:

I do not agree with his political views towards minorities, foreigners and his choice of offensive and even hateful language towards various nationalities. His position on migration does the opposite of supporting fragile calls for tolerance and condemning flourishing xenophobia in the society. I also do not agree with the position of withholding such disagreement or having it interpreted as an attack or criticism against his other convictions and values. I think we should have honest conversations and ask questions in order to understand the nuances. Only such open conversation will lead to engagement, inclusion and pluralism.

Non condivido il suo punto di vista politico sulle minoranze, sugli stranieri e la sua scelta di un linguaggio offensivo, anche di odio, contro le diverse nazionalità. La sua posizione sull’immigrazione fa tutt’altro che supportare l’uso di termini sensibili a sostegno della tolleranza e quindi condannare la xenofobia fiorente all’interno della società. Inoltre non condivido la posizione di trattenere tale disaccordo o di farlo interpretare come un attacco o critica contro le sue altre convinzioni e valori. Credo che dovremmo fare una conversazione onesta e porre delle domande in modo tale da comprendere le sfaccettature. Solo con tale conversazione aperta si potrà arrivare al coinvolgimento, all’inclusione e al pluralismo.

È una questione cruciale, e non solo per gli asiatici centrali. La Russia è un paese multietnico in cui gli slavi non-etnici (persone che non si identificano come russi, ucraini, bielorussi) rappresentano il 17% [it] della popolazione.

La maggior parte dei lavoratori migranti hanno una cattiva opinione di Navalny

Per la maggior parte dei lavoratori migranti dell’Asia Centrale che vivono in Russia, la retorica di Navalny lo rende discutibile, se non apertamente una figura negativa, siccome è a favore nel regolamentare la presenza dei centro-asiatici in Russia. Ad oggi, gli abitanti del Kazakhstan, Kyrgyzstan, Uzbekistan e Tajikistan non hanno bisogno di un permesso per entrare Russia e possono permanere per 90 giorni [it]. Mentre alcuni lavoratori migranti decidono di seguire le vie legali e accertarsi contratti di lavoro e permessi di soggiorno nel loro paese di origine, altri prendono un volo o un treno con un biglietto di sola andata o un biglietto del bus e trovare lavoro sul posto, spesso tramite relazioni con altri migranti.

Rashid [nome cambiato per motivi di sicurezza], un migrante Uzbek che vive a Mosca da oltre dieci anni, afferma che nella sua comunità, Navalny è conosciuto come il politico che vuole introdurre i permessi di soggiorno – il polo opposto di Putin. La passata presa in giro  di Navalny della presunta ignoranza degli uzbechi sul poeta Pushkin, che gode di una certa notorietà in Russia, viene spesso citata come prova del suo disprezzo nei confronti dei centro-asiatici.

In un’intervista del 2018, Navalny aveva detto, “In Uzbekistan nessuno conosce Pushkin.” Quest’affermazione ha scatenato un flash mob online da parte di uzbechi che recitano versi di Pushkin per dimostrare che non aveva alcuna idea di costa stesse dicendo, dato che non ha mai visitato il paese. Questo video YouTube, in russo, dal canale Aliv TV, intitolato “Узбеки за Пушкина, против Навального” (uzbechi per “Pushkin, contro Navalny), mostra quando Navalny fa questa affermazione, seguito dal video in cui gli uzbechi recitano Pushkin. Il commentatore aggiunge che Navalny non ha mai chiesto scusa per ciò che ha detto.

Un incidente simile è avvenuto a maggio 2012 [ru], quando Navalny ha fatto una dichiarazione riguardo Abaj [it], un'importante figura della letteratura, musica e filosofia Kazakh del XIX secolo, descrivendolo pubblicamente come un “непонятный Казах” (“Un Kazakh che non ha senso”). In tale occasione, tuttavia, ha chiesto scusa sui social media dichiarandosi un fan di Abaj. Un aspetto ironico della faccenda è che lo stesso Abaj ha scritto dei testi facendo appello a delle elezioni eque.

Dissenso anche in Occidente

Parte del successo di Navalny come personaggio pubblico deriva da una forte base di supporto dall’Occidente che presenta un ritratto piuttosto unilaterale di lui, anche attraverso dichiarazioni fatte da personaggi politici, membri della società civile e giornalisti. Questa attenzione lo ha, per certi versi, protetto nonostante la sua notorietà – almeno fino all'attentato alla sua vita dell'agosto 2020.

Global Voices ha parlato con Almut Rochowanski, un esperto di diritti umani che si concentra sullo spazio post-sovietico e sull'impatto della politica estera occidentale sulla democratizzazione di quello spazio, per capire perché diverse voci occidentali minimizzano qualsiasi critica di Navalny:

[This tendency] comes from an assumption among post-Cold War Western policy-makers they should have control or at least influence over Russia’s leadership and bend them to their will. This definitely became reality in the 1990s, when Western policy-makers imposed their will on Russia in foreign and security policy and internal reforms, and from then on they came to expect it.

When Putin arrived on the scene, this influence abruptly ended; Russia was no longer ‘rolling over’ for Western foreign policy interests. This new status quo has lasted intolerably long in the eyes of Western policy makers, and the longer it lasts, the more desperate the grasping for someone new becomes, and that means they are more and more ready to overlook anything problematic. Interestingly, Western policy-makers even turn a blind eye to the fact that Navalny’s foreign and security policies run directly counter to Western objectives. He supports Russia’s annexation of Crimea, for example. Maybe they think it’s worth the gamble.

[Questa tendenza] deriva da una supposizione tra i politici occidentali del dopo guerra fredda che dovrebbero avere il controllo o almeno l'influenza sulla leadership della Russia e piegarli al loro volere. Questo è sicuramente diventato realtà negli anni '90, quando i politici occidentali hanno imposto la loro volontà alla Russia nella politica estera e di sicurezza e nelle riforme interne, e da allora in poi sono arrivati ad aspettarselo.

Quando Putin è entrato in scena, questa influenza è cessata bruscamente; la Russia non stava più ‘rotolando’ verso gli interessi di politica estera occidentale. Questo nuovo status quo è durato intollerabilmente a lungo agli occhi dei politici occidentali, e più dura, più disperata diventa la presa di qualcuno di nuovo, e ciò significa che sono sempre più pronti a trascurare qualsiasi problema. È interessante notare come i politici occidentali chiudono persino un occhio sul fatto che le politiche estere e di sicurezza di Navalny sono in diretto contrasto con gli obiettivi occidentali. Per esempio, sostiene l'annessione della Crimea da parte della Russia. Forse pensano che ne valga la pena rischiare.

Rochowanski pensa che questo atteggiamento del fine che giustifica i mezzi sia condivisa da molti liberali russi — come si vede in uno degli slogan popolari che i sostenitori di Navalny usano per strada durante le manifestazioni  — che contribuisce anche a renderlo un'icona intoccabile:

Alcuni cartelli stanno uscendo alla protesta di Navalny a Mosca. “Tutti per uno e uno per tutti.”

Global Voices ha intervistato Aleksey Shlyapuzhnikov, un critico schietto di Putin che gestisce una produzione mediatica indipendente [ru] nella città di Vladimir, nella Russia centrale, che chiede cautela riguardo a Navalny:

Многим наблюдателям, включая меня, кажется довольно опасной тенденция единственного лидера российской оппозиции идти на поводу у самых низменных, но при этом самых массовых стереотипов российской политической действительности. Крайне опасно стремление потворствовать низменным чувствам широких слоёв населения, в стремлении понравиться им.

Diversi testimoni, incluso me, considerano pericolosa la tendenza del leader unico dell’opposizione russa ad adempiere gli stereotipi più vili e ampiamente condivisi della nostra realtà politica. Ciò che è estremamente pericoloso è adulare i sentimenti più bassi della maggioranza delle masse nella speranza che gli piacerete.

Mentre Rochowanski è d’accordo sul fatto che le persone che sono state ingiustamente incarcerate dovrebbero essere assolutamente rilasciate, ha esortato:

We should never lionize anyone or make excuses for their actions, because we consider them useful (meaning, for Western policy-makers), or because they might oppose someone we find even more unpalatable. It’s not only immoral, it also never ends well. Think Western support for Yeltsin’s armed crackdown of parliament in 1993, and what that led to. Racism, antisemitism, Islamophobia are inherently incompatible with democracy and the rule of law.

If you deny people of different religion, ethnicity or colour their very humanity, if you propose to use violence against them and eliminate them, then you’re incapable of building a democratic, rights-based system — anywhere, but especially in a country as diverse as Russia. So my critique of Navalny isn’t about minor political differences, like flat versus progressive tax rates or the right pension age. This is about the very heart of democracy.

Non dovremmo mai esaltare nessuno o perdonare le loro azioni, perché le consideriamo utili (ovvero, per i politici occidentali), o perché potrebbero opporsi a qualcuno che troviamo ancora più sgradevole. Non è solamente immorale, non finisce neanche mai bene. Pensate al sostegno occidentale alla repressione armata di Eltsin contro il parlamento nel 1993, e a cosa ha portato. Razzismo, antisemitismo, islamofobia sono fondamentalmente incompatibili con la democrazia e lo stato di diritto.

Se negate persone di diversa religione, etnia o colorate la loro umanità, se proponete di usare la violenza contro di loro ed eliminarli, allora siete incapaci di costruire un sistema democratico basato sui diritti — ovunque, ma soprattutto in un paese così diverso come la Russia. Quindi la mia critica au Navalny non riguarda piccole differenze politiche, come le aliquote delle tasse piatte o progressive o la giusta età della pensione. Si tratta del cuore stesso della democrazia.

Nota dell'Editor: Questa è la prima di un'analisi di due parti riguardo l'immagine del politico russo dell'opposizione, Alexey Navalny, dal punto di vista dell'Asia Centrale. Leggi la parte 1 qui [it].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.