chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Com'è stata la Giornata Internazionale della Donna 2021 nel mondo?

‘La prossima sarò io’. 8 marzo 2021 protesta a Buenos Aires, Argentina. Foto della coautrice Romina Navarro.

La Giornata Internazionale della Donna celebrata l'8 marzo è diventata una giornata di marce per i diritti e l'uguaglianza delle donne in tutto il mondo. Anche se la COVID-19 ha smorzato la partecipazione in molti paesi, le donne hanno comunque alzato la loro voce nelle strade di diversi continenti, soprattutto perché la pandemia ha peggiorato le disuguaglianze che le donne affrontano in termini di lavoro, faccende domestiche e violenza di genere. Nel 2021, donne e persone LGBTQ+ hanno marciato contro la violenza politica e di genere e per la salute riproduttiva e sessuale. Ecco un riassunto dall'America Latina, dal Medio Oriente, dall'Asia e dall'Europa dell'8 marzo 2021, basato sui tweet e sulle foto dei collaboratori.

America Latina e Caraibi

A Trinidad e Tobago, 15 gruppi della società civile locale, tra cui organizzazioni femministe, per i diritti umani, LGBTQ+ e per la giustizia sociale, hanno condotto una “Walk-Out for Women” [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] l'8 marzo. I manifestanti hanno chiesto azioni immediate contro la violenza di genere e hanno commemorato le recenti vittime di femminicidio.

A Buenos Aires, così come in altre città argentine, donne e persone transessuali si sono riunite per protestare contro la violenza di genere e il fallimento dello stato nel prevenire i femminicidi, nonostante le denunce fatte in precedenza dalle vittime.

A sinistra: “Anche a me piacciono le donne, ma non le molesto”. A destra: “Essere vivi non dovrebbe essere un traguardo”. Foto della co-autrice Romina Navarro.

A El Salvador, le donne hanno marciato il 7 marzo per i diritti delle donne e dell'aborto. Hanno eseguito il canto e la danza della canzone femminista cilena “Lo stupratore sei tu” [es]:

E la colpa non era mia,
Né dove mi trovavo,
Né come ero vestita.

In Ecuador, Blanca Chancosa, leader del movimento indigeno dell'Ecuador, ha eseguito una cerimonia ancestrale davanti al Consiglio Nazionale Elettorale dell'Ecuador a Quito. Le donne amazzoniche hanno rilasciato una dichiarazione collettiva e varie comunità e organizzazioni hanno marciato in diverse città del paese [es]:

#CoperturaFemminista8M

Blanca Chancosa, leader del movimento indigeno dell'#Ecuador, esegue l'introduzione alla cerimonia ancestrale fuori dal @cnegobec a #Quito.
Per i diritti alla terra, all'educazione, alla salute, a vivere, nessuno si stanca! È il grido delle donne.

In Messico, le donne hanno trasformato le recinzioni intorno al Palazzo Nazionale, poste giorni prima della Giornata Internazionale della Donna, in un monumento alle vittime di femminicidio in tutto il paese [es]:

#GiustoOra
Gli slogan #MessicoColpevoleDiFemminicidio, #AbortoLegaleORa e #UnoStupratoreNonSaràGovernatore hanno rivestito il Palazzo Nazionale la notte prima del #8M. I muri che proteggono gli edifici erano intonacati con nomi di vittime di femminicidio da tutto il paese.

Le giovani femministe, impossibilitate a scendere in piazza nella Giornata Internazionale della Donna, hanno protestato e organizzato un sit-in all'Università Centroamericana (UCA) in Nicaragua. Hanno protestato contro la violenza di genere e per la liberazione dei prigionieri politici.

Foto della coautrice Andrea Mendéz.

In Venezuela, si ritiene che i diritti delle donne siano stati lasciati indietro nella rivoluzione bolivariana, così diversi gruppi femministi da entrambi i lati dell'attuale governo autoritario del Chavismo [it], si sono riuniti [it] per chiedere provvedimenti. I femminicidi e l'impunità che li circonda sono aumentati [es] nell'ultimo anno, insieme alla povertà.

Foto della coautrice Luis Carlos Díaz.

Medio Oriente e Africa del Nord

In Palestina, espressioni di sostegno, apprezzamento e solidarietà con la lotta delle donne per la liberazione e i loro diritti hanno inondato le piattaforme dei social media. Nel frattempo, le forze di occupazione israeliane hanno fatto irruzione in un evento organizzato da donne palestinesi per celebrare l'identità e il patrimonio l'8 marzo, arrestando due partecipanti.

Le forze di occupazione israeliane hanno fatto irruzione in una mostra dal nome “Il nostro patrimonio è la nostra identità” organizzata dalle donne palestinesi in occasione della Giornata Internazionale della donna.

Nel nord e nell'est della Siria, precisamente nella provincia di Hassakah, le combattenti curde siriane delle Unità di Protezione delle Donne (YPG) hanno celebrato l'8 marzo con canti, abiti tradizionali e dimostrazioni di forza fisica e addestramento militare. 

Le donne combattenti dell'YPJ hanno celebrato la Giornata internazionale della donna l'8 marzo nella provincia di Al-Hasakah del nord e dell'est della #Siria.

In Algeria, una manifestazione di donne che protestavano contro il codice della famiglia del paese, che è visto trattare le donne come cittadini di seconda classe, ha avuto luogo ad Algeri per celebrare la Giornata Internazionale della Donna [fr]:

“Il codice della famiglia appartiene alla spazzatura”
In via Didouche Mourad.

Asia centrale meridionale

In Pakistan, la Aurat March (marcia delle donne) ha avuto luogo in varie città del paese mentre la terza ondata della COVID-19 colpiva il paese. Il tweet qui sotto è stato ripreso a Lahore, e le magliette rappresentano l'età delle vittime di stupro così come la relazione che hanno avuto con il loro aggressore. L'Aurat March ha anche presentato un manifesto sanitario femminista quest'anno per aumentare la consapevolezza sulla salute delle donne.

Avvertimento trigger
Ogni anno #auratmarch si fa avanti con grandi idee per evidenziare i problemi delle donne, i dolori, il sangue e le perdite… questo manifesto parla di tutto ciò che i bambini, le ragazze le donne hanno attraversato…

Kabul, Afghanistan, Rada Akbarun'artista e attivista afgana, ha iniziato la sua mostra del 2021 “Abarzanan” per celebrare le conquiste delle donne afgane, dando un tributo a quelle perse a causa della violenza in Afghanistan. Inoltre, gli afgani si sono riuniti per una mostra di street art al Rebel Art Cafe l'8 marzo.

Quando abbiamo iniziato @abarzanan 3 anni fa non avrei mai immaginato che saremmo passati attraverso questo, tenendo la mostra per i defunti, ma penso che tutto l'impossibile sia possibile qui; in assenza di giustizia, in assenza di pace.

In Kirghizstan, la manifestazione ha onorato le donne che hanno lottato per la parità di genere [ru]:

È stato incredibile. Ecco come sono andate le marce a Bishkek e Osh, leggi qui
Foto: @LexTitova

Sud est asiatico

Mentre il Myanmar attraversa un colpo di stato militare [it], le donne hanno usato variazioni dell'hashtag #htamineResistance (Resistenza sarong), alludendo al fatto che i manifestanti del movimento di disobbedienza civile appendono i sarong delle donne per bloccare i militari, poiché si ritiene che gli uomini perderebbero la loro spiritualità se toccassero il sarong. Anche le donne sono state in prima linea nelle proteste.

Resistenza “HtaMain”, Yangon e Mandalay 4 marzo, La gente sta appendendo i sarong delle donne in prima linea negli scioperi per ritardare e scoraggiare l'ingresso delle forze di sicurezza della giunta militare. È una superstizione molto diffusa che camminare sotto l'HtaMain farà perdere il potere agli uomini

A Giacarta, Indonesia, le donne e le persone non binarie si sono riunite sotto la pioggia per dirigersi verso il Palazzo Presidenziale. Tuttavia, non hanno potuto raggiungere la loro destinazione perché la polizia ha bloccato la strada principale e le persone sono state arrestate.

Buona Giornata Internazionale della Donna alle signore e ai trans-non-binari ✊🏽✊🏽

Nel frattempo, a Jayapura, nella Papuasia occidentale, le donne indigene hanno iniziato una manifestazione. Anche questa marcia è stata fermata dalla polizia.

8/3/21 Jayapura, Papua Occidentale

Una manifestazione pacifica #IWD2021  è bloccata dalla polizia, 9 indigeni sono stati temporaneamente arrestati.

Europa

A Istanbul, in Turchia, migliaia di donne si sono riunite per la tradizionale camminata notturna femminista dell'8 marzo [it]. Hanno cantato “Non siamo in silenzio, non abbiamo paura, non obbediamo” e hanno chiesto l'attuazione della Convenzione di Istanbul [tr]:

La nostra passeggiata a Karaköy è iniziata. Che non ci sia nessuno che venga.

In Italia, femministe e transfemministe hanno organizzato scioperi nelle piazze delle principali città. Hanno organizzato picchetti, letto poesie, cantato canzoni, ballato flash mob, esposto striscioni.

Foto della coautrice Ardita Osmani, scattata a Venezia, Italia.

A Saragozza, in Spagna, la manifestazione è stata fatta seguendo severe regole di distanziamento sociale. Nel 2020, le manifestazioni dell'8 marzo sono state duramente criticate [es] per la trasmissione della COVID-19, e le manifestazioni sono state vietate [es] a Madrid nel 2021.

💜

Si nos quieren hacer callar, sólo conseguirán que hagamos más ruido 📣📣📣#Todohasalidofeminista ♀️#8MZgz #8M2021 📸 @Dune Solanot

Posted by 8M Zaragoza on Monday, March 8, 2021

A Parigi, in Francia, non ci sono state dimostrazioni fisiche. Tuttavia, una gigantesca opera d'arte raffigurante un clitoride [fr] è stata messa davanti alla torre Eiffel da attiviste femministe, intitolata “Gang du Clito” (banda del clitoride) [fr]:

Abbiamo installato un clitoride gigante davanti alla Torre Eiffel, con @gangduclito!

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.