chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Come viene concepito il sesso quando i media parlano di Giappone?

Una statua di “donna di conforto.” Statue come queste sono state installate in tutto il mondo. Immagine autorizzata da: CC0 Public Domain

I media inglesi sembrano essere ossessionati con il sesso in Giappone. Geisha, giovani che rifiutano la sessualità, donne che rifiutano di sposarsi, androgeni, robot erotici, manga erotici: questi temi sembrano dominare la copertura internazionale, creando una visione esotica e riduttiva del Giappone.
 
Nonostante ciò, è difficile stabilire se questa tendenza che risulta palese nelle notizie è dominante nella copertura, o se queste storie sembrano più prevalenti solo per il loro carattere estremamente sensazionalista. 
Una ricerca su Google dei termini “sesso e Giappone” nell'agosto 2017 ha rapidamente condotto ad un certo numero di storie:

Come previsto, questi articoli feticizzano il tema del sesso e del Giappone, spesso con una fioritura robotica – storie su cui anch'io ho scritto.

“Sesso e Giappone”, è anche un argomento prevedibilmente collegato al difficile dibattito in corso sulle “donne di conforto,” donne provenienti dall'Asia orientale schiavizzate sessualmente dalle forze giapponesi durante la seconda guerra mondiale, e a come il Giappone ricorda e riconosce quella storia. Articoli recenti comprendono:

L'utilizzo del potente Media Cloud Dashboard consente un'analisi più approfondita e più sfumata di come i media in lingua inglese inquadrino il Giappone e il sesso. Questo strumento contribuisce ad identificare i modelli e le tendenze del linguaggio delle notizie, e mette alla prova i miei preconcetti.

Come viene inquadrato il Giappone? E chi lo inquadra?

Per quanto gli esempi randomizzati dei risultati del Media Cloud Dashboard siano statisticamente significativi, questi ultimi sono suggestivi più che autorevoli. Abbiamo iniziato l'indagine con l'analisi dei media in lingua inglese orientati verso un pubblico statunitense, a causa di un reportage deciso e costante da parte dei media con una notevole influenza nella definizione di argomenti di rilievo nelle notizie. La raccolta è costituita da media provenienti da tutto il mondo anglofono, generando un sacco di dati anche in questo ambito specifico.

La prima ricerca mostra storie con frasi contenenti “sesso e Giappone” che sono state pubblicate da metà agosto 2016 a metà agosto 2017. In Media Cloud, “nuvolette” offrono indizi di abbinamenti di parole nel contenuto delle notizie. Più grande è la parola nella nuvola, maggiore è la sua frequenza. I risultati completi possono essere trovati in questi tabelle online. Il campione risultante dei modelli di notizie ha sfidato il mio preconcetto iniziale.

japan sex

Utilizzando Media Cloud Dashboard per esaminare la copertura in tre raccolte di media di lingua inglese con sede negli Stati Uniti da metà agosto 2016 a metà agosto 2017, ho scoperto che il tema “sesso e Giappone” non era tutto dedicato ai robot o al fatto che i giapponesi avevano smesso di fare sesso. (Visualizza un'immagine di maggiori dimensioni)

Pensavo che solitamente le storie sul sesso e il Giappone nei media occidentali si concentrassero su cose strane, feticiste e perverse. Mentre parte di questo linguaggio è evidente, la storia più importante dell'anno scorso riguarda la Corea, la schiavitù e il tempo di guerra, argomenti quasi certamente legati alla questione delle “donne di conforto” nella seconda guerra mondiale.

Un'analisi più approfondita dei dati mostra la presenza di 227 storie su “sesso e Giappone” nei media statunitensi  nel corso dell'ultimo anno. Cinquantaquattro di queste storie includono la parola “schiavo” o “schiavitù”, mentre 37 storie includono la parola “statua.” Questo indica che, quando si tratta di “sesso e Giappone”, le “donne di conforto” sono un argomento significativo.

Altre storie importanti sul sesso e il Giappone si focalizzano sull'invecchiamento della popolazione del Giappone. Una storia descrive il “problema sessuale” del Giappone come responsabile di ciò che è chiamato in un'altra storia una “bomba demografica ad orologeria” che porterà a quella che un'altra fonte chiama “estinzione del Giappone.” Quattro storie contengono “problema sessuale” nel titolo, tre usano “demografico”, e altri tre includono “popolazione.” Il Washington Post riporta che “il Giappone ha un numero preoccupante di vergini“.

Nove storie nella ricerca associano “sesso e Giappone” con i robot, tra cui una storia di Daily Mail sulle bambole erotiche a grandezza naturale e un articolo di Forbes sul turismo sessuale con i robot.

Altre storie riportano che il Giappone ha vietato il possesso di pornografia infantile e il ruolo del Giappone nel traffico sessuale contemporaneo.

Un picco di “sesso e Giappone”?

Nei dati, le storie su “sesso e Giappone” si verificano il 17-18 gennaio 2017, collegate alla parola “statua.” Questa si riferisce a statue di donne di conforto che gruppi di attivisti sudcoreani hanno eretto in Corea, anche vicino all'ambasciata giapponese, vicino a un consolato regionale in Corea del Sud, e a livello internazionale.

japan sex framing

Sembrava esserci un picco nelle storie che hanno caratterizzato entrambi i termini a metà gennaio 2017. (Visualizza un'immagine di maggiori dimensioni).

Questa copertura si concentra su una veglia in Corea del Sud i primi di gennaio fatta per protestare contro un accordo tra i governi del Giappone e della Corea del Sud, risalente al 28 dicembre 2015, sul risolvere “definitivamente e irreversibilmente” la questione delle “donne di conforto.” L’ Associated Press (AP) ha riportato la veglia, e la storia che è stata ampiamente divulgata, causando l'apparente “picco” di copertura.

Ero curioso di capire come le stesse storie fossero state raccontate in Corea del Sud. Una ricerca su “sesso e Giappone” nel servizio in lingua inglese Yonhap risalente allo stesso periodo mostra che anche qui le parole “schiavitù” e “schiavi” dominano nei risultati. Tuttavia, non vi sono stati picchi di copertura nel corso dell'anno, il che indica una comunicazione sostenuta.

Sorprendentemente, mentre la copertura mediatica degli Stati Uniti mescola le “donne di conforto” e la schiavitù sessuale con i riferimenti attesi alle bambole sessuali e ai robot, la copertura di Yonhap non ha nessuno di questi temi.

japan sex korea

Confrontando la copertura in lingua inglese negli Stati Uniti (a sinistra) e quella in lingua inglese di Yonhap (a destra), Media Cloud Dashboard ha indicato che entrambe le fonti hanno affrontato il problema delle “donne di conforto” (al centro). Tuttavia, i media statunitensi includevano anche risultati più apertamente sessuali. Confrontando la frequenza delle storie, mentre i media statunitensi hanno avuto un picco nel gennaio 2017, le storie sono apparse in Yonhap su base continua e costante. Le nuvolette di Media Cloud sono dinamici: una nuvola di parole leggermente diversa verrà creata con ogni nuova ricerca, anche utilizzando gli stessi termini di ricerca nello stesso arco di tempo. (Visualizza un'immagine più grande).

Questo suggerisce che nei media in lingua inglese della Corea del Sud, “Giappone” e “sesso” sono parte di una discussione seria, con un po’ del feticismo sessuale dello “strano Giappone” che ho associato al tipo di reportage occidentale sul Giappone.

Un avvertimento quando si confronta la copertura in lingua inglese di Yonhap con la copertura in lingua inglese generale: l'insieme di dati per Yonhap è limitato, e copre solo gli articoli in lingua inglese che Yonhap sceglie di pubblicare online. Senza esaminare le storie in lingua coreana di Yonhap su “Giappone e sesso” nello stesso periodo di tempo, possiamo solo fare osservazioni su ciò che vediamo su Media Cloud Dashboard.

Inquadrare il lavoro sessuale e la tratta di esseri umani

Mentre la storia delle donne di conforto è stata ampiamente trattata, poche pubblicazioni scelgono di esaminare le ipotesi alla base dell'uso del termine come una descrizione accurata o corretta dei ruoli. Il termine implica che queste donne erano “seguaci del campo”, ovvero che avevano scelto di vendere i loro corpi per sesso, piuttosto che essere ingannate o costrette alla schiavitù sessuale.

La pratica di reclutare lavoratrici sessuali fa parte della lunga storia del Giappone di trafficanti di donne, quando contadini poveri svendevano ragazze destinate a lavorare nei bordelli delle città. Più tardi, le donne dei karayuki furono reclutate per lavorare nei bordelli in tutto il sud-est asiatico. In entrambi i casi, ragazze e donne sono state costrette a lavorare sotto contratto come lavoratrici sessuali, incapaci di pagare i loro debiti.

Il Giappone non era il solo a trafficare donne dopo la guerra. Le Forze d'Occupazione Statunitensi crearono le proprie “stazioni di conforto” in Giappone e in Corea, replicando il modello delle “donne di conforto” [ja]:

72 anni fa. Il 26 agosto 1945 è stata istituita l'”Associazione Ricreativa e d'Intrattenimento” (RAA) (in Giappone dalla forze armate statunitensi). Le prostitute (donne di conforto) erano impiegate dalla RAA per servire le truppe alleate in Giappone. La fotografia mostra i soldati americani riuniti a Yasu-Ura House. Immagine colorata dalla rete neurale.

Infine, il termine “donne di conforto” inganna nel non collegare queste pratiche precedenti alla già esistente tratta di donne, con circa 4,5 milioni di persone intrappolate nello sfruttamento sessuale forzato a livello globale nel 2017.

Come sono viste le “donne di conforto” nei media americani?

Alcuni scrittori dei media statunitensi, come Mindy Kotler, uno specialista sull'argomento, sono attenti a inquadrare le “donne di conforto” per quello che erano – le donne schiavizzate allo scopo di fornire sesso. E gli altri scrittori e giornalisti?

Ho usato Media Cloud per cercare il termine “donne di conforto” per lo stesso periodo di tempo dell'analisi iniziale, da metà agosto 2016 a metà agosto 2017, e poi ho esaminato le storie in maniera approfondita.

Delle 252 storie sulle “donne di conforto”, 25 avevano “schiavitù” nel titolo. Link interrotti e barriere di pedaggio mi hanno impedito di esaminare alcune delle storie, ma di 208 articoli accessibili, 106 includono “schiavo” nel titolo o nella storia stessa quando ci si riferisce a “donne di conforto.”

Il cinquanta per cento di queste storie riconosce la realtà, ovvero che queste donne non erano seguaci del campo, ma erano, al massimo, vittime del traffico sessuale. L'altro 50% descrive le donne con l'eufemismo “donne di conforto” o come “prostitute.”

Cosa c'è dopo per la copertura di sesso e Giappone??

L'accordo del 2015 firmato tra il Giappone e l'ex presidente sudcoreano Park Geun-hye, ora screditato, continuerà ad essere un punto di discussione chiave nelle relazioni Giappone-Corea del Sud perché è stato firmato per conto della Corea del Sud dall'ex Presidente Park, che attende il processo e una severa punizione per accuse di corruzione. Il nuovo governo sudcoreano potrebbe rivedere i termini, soprattutto perché alcuni gruppi civici hanno alzato la posta installando statue di “donne di conforto” sugli autobus di transito a Seoul. Pertanto, possiamo aspettarci una copertura continua dell'argomento.

Come sarà la copertura futura sarà naturalmente rimane un gran punto di domanda. Per esplorare questi temi in modo completo avremmo bisogno di esaminare i media in altre lingue, e osservare le interconnessioni e le tensioni tra le storie. Approfondire la questione potrebbe aiutarci a capire:

  • in che misura le “donne di conforto” sono state e sono considerate dai media come persone schiavizzate e sfruttate, e;
  • In che misura la feticizzazione della cultura giapponese è una struttura comune nei media di lingua inglese statunitense e occidentale rispetto ad altri.

Quest'indagine su “sesso e Giappone” e “donne di conforto” è solo un inizio, mi aiuta a spingermi oltre argomenti sensazionali e i miei preconcetti, e ad usare un mix di dati e analisi per capire le tendenze reali nella copertura.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.