- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Con 47 imputati, tutti i noti attivisti di Hong Kong sono in carcere o in esilio

Categorie: Asia orientale, Cina, Hong Kong (Cina), Citizen Media, Elezioni, Legge, Libertà d'espressione, Politica
[1]

Folle si sono riunite al di fuori del tribunale distrettuale di West Kowloon l'1 marzo 2021. Immagine di The Stand News, utilizzata su autorizzazione.

In centinaia hanno protestato fuori un tribunale distrettuale a West Kowloon, Hong Kong, l'1 marzo, dove 47 attivisti pro-democratici sono stati accusati [2] [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] di “cospirazione di sovversione del potere dello stato” ai sensi della Legge sulla Sicurezza Nazionale (NSL).

L'accusa comprende l'organizzazione degli attivisti di una votazione primaria, lo scorso luglio, per i partiti pro-democratici nei giorni precedenti alle elezioni del Consiglio Legislativo, poi rimandate dal governo di Hong Kong. I 47 sconteranno l'ergastolo.

Durante l'udienza, la quale è in corso al momento della pubblicazione di questa storia, il pubblico ministero ha negato il rilascio su cauzione, richiedendo invece un rinvio trimestrale per condurre ulteriori investigazioni.

A tutti gli altri attivisti che sono stati accusati fino ad ora ai sensi della legge di sicurezza nazionale è stato negato il rilascio su cauzione.

L'inviato di AFP Xinqi Su ha pubblicato un video che mostra la folla fuori il tribunale distrettuale di West Kowloon:

Per mesi non si è visto nulla di tutto questo a HK. Ma adesso sta succedendo al Tribunale di West Kowloon, in centinaia si stanno riunendo fuori scandendo slogan come “Liberate HK Rivoluzione dei Nostri Tempi”.

A luglio 2020, più di 600.000 honkonghesi hanno espresso il loro voto alle primarie che avevano l'obiettivo di selezionare i candidati più forti da un gruppo di partiti pro-democratici. Secondo il documento d'accusa [6] [zh], i candidati pro-democratici, se eletti, avrebbero posto il veto al bilancio pubblico, il che obbligherebbe il capo dell'esecutivo a sciogliere il Consiglio Legislativo e poi dimettersi. Tale strategia, secondo il documento, costituisce “una cospirazione di sovversione del potere dello stato”.

Il governo di Hong Kong ha poi deciso di rinviare le elezioni di settembre a causa dell'epidemia della COVID-19. Il 6 genaio, 55 attivisti che hanno aiutato a organizzare le primarie pro-democratiche sono stati arrestati e accusati ai sensi della legge di sicurezza nazionale.

Tra i 47 accusati il 28 febbraio, compare il nome del professore di diritto Benny Tai, il coordinatore delle elezioni primarie Andrew Chiu, gli ex parlamentari Claudia Mo, Jeremy Tam, Helena Wong, Leung Kwok-hung, Ted Hui (attualmente in esilio) e Chu Hoidick, consigliere distrettuale ed ex portavoce dei Civic Human Rights Front Jimmy Sham, l'attivista locale Joshua Wong (attualmente in prigione) e Sunny Cheung (attualmente esiliato).

Altri otto, inclusi l'avvocato John Clancey e gli ex parlamentari Roy Kwong, James To, e Joseph Lee non sono stati accusati, ma sono tenuti a presentarsi in commissariato il 4 maggio.

Come descritto dall'organizzazione Hong Kong Watch per i diritti umani con sede nel Regno Unito, il 28 febbraio è il giorno in cui quasi tutti i più noti attivisti di Hong Kong erano in prigione o in esilio:

“Questa è la prima volta che quasi tutti i noti attivisti pro-democratici di Hong Kong sono in prigione o in esilio, o sotto processo e in attesa della sentenza.” Afferma @benedictrogers sulle accuse ai sensi della NSL degli attivisti democratici.

Nathal Law sostiene che l'accusa indica che la legge di sicurezza nazionale non è altro che un mezzo per sopprimmere il dissenso politico:

4. Avete capito, l'opposizione al progetto di legge del governo di Hong Kong può essere adesso considerata come una violazione della NSL. Ad esempio scandire certi slogan e mostrare alcuni segni. Le leggi sono strumentalizzate per sopprimere i diritti umani fondamentali a Hong Kong. La libertà di espressione è stata repressa.

Il caporedattore di AFP, Jerome Taylor, ha paragonato l'Hong Kong di oggi alla sanguinosa repressione Kuomintang delle forze democratiche di Taiwan del 28 febbraio 1947 [11]:

È in qualche modo ironico il fatto che il 28 febbraio sia proprio giorno in cui le autorità di Hong Kong hanno accusato di sovvertimento 47 dei più noti attivisti democratici della città, giorno in cui Taiwan ricorda il 228 massacre e la conseguente imposizione della legge marziale del “Terrore Bianco”.

Oggi, mentre Taiwan ricorda il #228 massacre, 47 leader pro-democratici sono accusati di sedizione a Hong Kong. L'eco è sorprendente. Che la commemorazione del Taiwan di oggi possa essere possibile a Hong Kong domani. Possa il coraggio di Hong Kong ispirare Taiwan verso una maggiore democrazia. Amen.

Sia l'Unione Europea [16] che gli Stati Uniti [17] hanno denunciato le accuse dei 47 attivisti.

Il giornalista indipendente Cheng Ci Ci ha sottolineato che molti consolati si erano uniti alla folla fuori dal tribunale distrettuale di West Kowloon:

Consolati provenienti da UE, USA, Regno Unito, Paesi Bassi, Germania e Svezia fanno la fila per dei posti a sedere. Ho detto loro che probabilmente non ci sarà posto ma hanno risposto di saperlo e che erano qui per fare la fila.

Nonostante la repressione, molti credono cha la volontà di una democrazia della gente di Hong Kong sopravvivrà. Tale spirito si riflette nei messaggi che gli attivisti accusati hanno mandato agli hongkonghesi prima di essere portati al centro di detenzione. Qui trovate delle foto tramite l'account Twitter di Eliot Chen [20]:

Chu Hoidick: Today, to be guilty of our common ideals, I am deeply honored. I have received your well-wishes, and I wish everyone fulfillment each day. No matter the situation, fill everyone around you with love and with hope.

Jeremy Tam: Go peacefully, and be upright – sometimes it's hard to do both, and we can only work hard to practice the latter, and wish for peace in our hearts. History will stand on the side of justice, so sit straight, drink water, and dawn will eventually come.

Lester Shum: Do not feel demoralized, this road is our own. It is for Hong Kong people to choose together, it is the one we must walk together. History has no turn back points, only predecessors.

Ng Wai Kin: Remember to pay attention to the nameless brothers, to the Hong Kongers sent to China, relatives and friends. This land needs your support more than ever, remember not to bury your conscience, remember to come back to fight.

Andrew Wan: I have no fears, facing up to difficulties, I have hoped to demonstrate the strength of the wind. Respect yourselves! Remember your original intentions, no matter what may suppress them, be safe, and take care!

Carol Ng: To the very edge, you must stick to your ideals. The pursuit of a better society and the pursuit of democracy will never die, the labor movement will endure forever.

Lee Yu Shun: No matter the absurdity that they face, Hong Kongers must live well and live in the truth. I am proud to be a Hong Konger, I have no regrets.

Owen Chow: Whether we are in the streets, in prison or overseas, hope will always be needed for us to keep fighting this endless battle…Good luck to all of you out there.

Frankie Fung: With a clear mind, you have your own justice
Fight hard and to the end
I do not fear my own affairs
I only fear that there will be nobody to replace med

Chu Hoidick: Oggi sono profondamente onorato per essere colpevole dei nostri ideali comuni. Ho ricevuto i vostri auguri e io vi auguro di essere soddisfatti tutti i giorni. Non importa la situazione, riempite tutti coloro intorno a voi di amore e speranza.

Jeremy Tam: Andare in pace e non mollare, a volte è difficile e possiamo lavorare sodo per praticare la seconda, e augurare la pace ai nostri cuori. La storia è dalla parte della giustizia, quindi sedetevi, bevete e l'alba arriverà alla fine.

Lester Shum: Non demoralizzatevi, questa strada è nostra. Sta alla gente di Hong Kong sceglierla insieme e seguirla insieme. La storia non torna indietro, ha solo dei predecessori.

Ng Wai Kin: Ricordate di tenere a mente i fratelli senza nome, gli honkonghesi mandati in Cina, gli amici e la famiglia. Questa terra ha bisogno del vostro supporto ora più che mai, ricordate di non seppellire la vostra coscienza, ricordatevi di tornare a combattere.

Andrew Wan: Non ho paura nell'affrontare le difficoltà, ho sperato di dimostrare la forza del vento. Abbiate rispetto per voi stessi! Ricordate le vostre intenzioni principali, non importa cosa possa metterle a tacere, state al sicuro e occhi aperti!

Carol Ng: Dovete difendere i vostri ideali fino alla fine. Il perseguimento di una società migliore e quello della democrazia non moriranno mai, il movimento operaio resisterà per sempre.

Lee Yu Shun: Non importa quali assurdità affrontino, gli honkonghesi devono vivere bene e vivere nella verità. Sono orgoglioso di essere un honkonghese, non ho rimpianti.

Owen Chow: Per strada, in prigione oppure oltreoceano, avremo sempre bisogno di speranza per continuare a combattere questa battaglia senza fine…Buona fortuna a tutti voi lì fuori.

Frankie Fung: A mente lucida, abbiate la vostra giustizia

Lottate duramente e fino alla fine

Non ho paura dei miei affari personali

Ho solo paura che non ci sarà nessuno a prendere il mio posto.