chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Gli oligarchi sono la causa principale della disinformazione in Bulgaria, dice l'esperto locale

Dr.ssa Rumena Filipova. (Foto del Centro per lo studio della democrazia – Sofia, pubblicata con consenso.)

Questa intervista è apparsa originariamente su Meta.mk News Agency [en, come i link seguenti], un progetto della Fondazione Metamorfosi. Una versione rivisitata è pubblicata qui sotto come parte di un accordo di condivisione dei contenuti.

Rumena Filipova è Dottore di Ricerca in Relazioni Internazionali all'Università di Oxford, dopo aver completato i suoi studi universitari all'Università di Cambridge. Ha insegnato in corsi di laurea all'Università di Oxford ed è stata ricercatore ospite (professore invitato) presso il Carnegie Moscow Center, l'Istituto Polacco per gli Affari Internazionali, la Chatham House e altri istituti internazionali.

Filipova lavora attualmente come ricercatore del Centro bulgaro per lo studio della democrazia, un'organizzazione interdisciplinare impegnata nello studio della democrazia e dell'economia di mercato.

Oltre a molti altri progetti e pubblicazioni, la Dott.ssa Rumena Filipova, insieme al suo collega Dr. Todor Galev è l'autrice della relazione “Influenza russa nei settori dei media nei Paesi del Mar Nero: strumenti, narrazioni e opzioni politiche per creare la resilienza“, che esamina la disinformazione e la cattiva informazione come parte della strategia globale della Russia, così come la loro trasmissione di propaganda attraverso i media nei paesi balcanici del Mar Nero.

Meta.mk: Lei ha lavorato a lungo sullo studio dell'influenza russa e delle “manovre” di politica estera della Russia e nel rapporto che ha prodotto insieme al suo collega Galev ha analizzato la guerra mediatica che essa remunera. Quali sono i suoi principali risultati sulla diffusione della narrativa russa nei paesi balcanici del Mar Nero?

Rumena Filipova (RF): The study examined the dissemination of Russia’s propagandist narratives in Bulgaria, Ukraine, Georgia, Armenia and Moldova between 2015 and 2017 with a specific reference to three prominent topics of Kremlin disinformation, including the war in Syria, large-scale energy projects and elections meddling. The main finding, which emerged, is that the patterns of ownership, economic dependency and (in)formal political links of media outlets in the countries under investigation to pro-Russian groups and interests are reflected into corresponding trends of employing Russia-originating propaganda narratives. That is, as a general rule, the greater the political-economic enmeshment of a news outlet with Russian interests, the more congruously and undeviatingly the content of Russian narratives is matched, the less analytical variation and nationally-originating perspectives are included and the more explicitly biased the style of communication is. Of course, the distinctive features of the national media landscapes in each of the 5 countries further reinforce or constrain Russian propaganda, framing specific discourses on Russia-related developments.

Rumena Filipova (RF): Lo studio ha esaminato la diffusione dei racconti propagandistici della Russia in Bulgaria, Ucraina, Georgia, Armenia e Moldavia tra il 2015 e il 2017, con un riferimento specifico a tre temi di rilievo della disinformazione del Cremlino, tra cui la guerra in Siria, i progetti energetici su larga scala e l'ingerenza nelle elezioni. La constatazione principale, che è emersa, è che i modelli di proprietà, la dipendenza economica e i legami politici (in)formali dei mezzi di comunicazione nei paesi oggetto di indagine con gruppi e interessi filo-russi si riflettono nelle corrispondenti tendenze di impiego di narrazioni propagandistiche di origine russa. Cioè, come regola generale, quanto maggiore è l'intreccio politico-economico di una testata giornalistica con gli interessi russi, tanto più congruo e non evanescente è il contenuto delle narrazioni russe, tanto meno sono incluse le variazioni analitiche e le prospettive di origine nazionale e tanto più esplicitamente influenzato è lo stile di comunicazione. Naturalmente, le caratteristiche distintive dei paesaggi mediatici nazionali in ciascuno dei 5 paesi rafforzano o limitano ulteriormente la propaganda russa, inquadrando discorsi specifici sugli sviluppi relativi alla Russia.

Meta.mk: Avete identificato i delegati mediatici più tenaci della narrativa russa?

RF: The results of the study have shown that the most tenacious – and indeed insidious, proxies that promote Russian narratives are local oligarchic figures and networks, who are financially and politically related to Russia. These oligarchic proxies (formally or informally) control the editorial policy and ownership structures of influential national media. In addition, the cultivation of a larger community of content creators and providers loyal to or dependent on the Kremlin (such as small and medium-sized online news platforms, journalists, bloggers, social-media opinion-makers) ensure the reinforced dissemination of Russian messages. Clearly, the media directly owned by the Russian government or rebroadcasting or reprinting content from them are the staunchest propaganda channels.

RF: I risultati dello studio hanno dimostrato che i mandatari più tenaci – e anzi subdoli – che promuovono la narrativa russa sono figure e reti oligarchiche locali, finanziariamente e politicamente legate alla Russia. Questi procuratori oligarchici (formalmente o informalmente) controllano la politica editoriale e gli assetti proprietari di influenti media nazionali. Inoltre, la coltivazione di una più ampia comunità di creatori di contenuti e fornitori di contenuti fedeli o dipendenti dal Cremlino (come le piccole e medie piattaforme di notizie online, giornalisti, blogger, opinionisti dei social-media) garantisce una maggiore diffusione dei messaggi russi. Chiaramente, i mezzi di comunicazione di proprietà diretta del governo russo o la ritrasmissione o ristampa di contenuti da questi ultimi sono i canali di propaganda più fedeli.

Meta.mk: Qual è la situazione, secondo le sue osservazioni, con i media bulgari / media di lingua bulgara a questo proposito?

RF: Bulgaria’s general media landscape has undergone significant transformations, particularly in the 2010s, characterized by the decline of print media, the rise of online media, plummeting journalistic standards and changing media ownership patterns. As regards the latter, the combined consequences of digitization and the 2008 financial and economic crisis led to the outflow of foreign investors, whose place has been occupied by local oligarchic groups, seizing control of most of Bulgaria’s media companies. Thus, the concentration of media ownership, oligarchic interests and politics combined with state regulation of resources allocated to the media sector and the capturing of independent regulators have exercised a pernicious influence on the content and quality of the Bulgarian media output. Indeed, international indices have demonstrated Bulgaria’s consistent slide in freedom of the press rankings. For instance, Freedom House classifies Bulgaria’s press freedom status in 2017 as partly free on the basis of a score of 42 out of 100 points (with 0 denoting most free, while 100 – least free status). This has been a deterioration compared to a decade ago. Russia has been actively using and perpetuating this decline in media standards, as it implicitly supports its own model at home.

Yet, placed in a comparative perspective, Bulgaria fares better than the four countries of the Black Sea region that we studied. In particular, the weaker presence of an inherited official Russian media impact on Bulgarian media, including the absence of Soviet descended channels, the decline of the Russian language, a very small number of outlets operating in Bulgaria but originating in Russia, provides a bulwark to the extent of dissemination of and receptivity to Russian messages.

RF: Il panorama generale dei media in Bulgaria ha subito trasformazioni significative, in particolare intorno al 2010, caratterizzate dal declino della carta stampata, dall'aumento dei media online, dal crollo degli standard giornalistici e dal cambiamento dei modelli di proprietà dei media. Per quanto riguarda quest'ultimo aspetto, le conseguenze combinate della digitalizzazione e della crisi economica e finanziaria del 2008 hanno portato al deflusso di investitori stranieri, il cui posto è stato occupato da gruppi oligarchici locali, che hanno preso il controllo della maggior parte delle aziende bulgare del settore dei media. Così, la concentrazione della proprietà dei media, degli interessi oligarchici e della politica, combinata con la regolamentazione statale delle risorse destinate al settore dei media e la cattura di regolatori indipendenti, hanno esercitato un'influenza nefasta sul contenuto e sulla qualità della produzione mediatica bulgara. In effetti, gli indici internazionali hanno dimostrato il costante scivolamento della Bulgaria nella classifica della libertà di stampa. Per esempio, Freedom House classifica lo status di libertà di stampa della Bulgaria nel 2017 come parzialmente libero sulla base di un punteggio di 42 punti su 100 (con 0 che indica il più libero, mentre 100 il meno libero). Questo è stato un peggioramento rispetto a dieci anni fa. La Russia sta attivamente utilizzando e perpetuando questo declino degli standard dei media, in quanto sostiene implicitamente il proprio modello in patria.

Eppure, in una prospettiva comparativa, la Bulgaria se la cava meglio dei quattro paesi della regione del Mar Nero che abbiamo studiato. In particolare, la presenza più debole di un'eredità mediatica ufficiale russa che influenza i media bulgari, tra cui l'assenza di canali di discendenza sovietica, il declino della lingua russa, un numero molto ridotto di punti vendita che operano in Bulgaria ma che hanno origine in Russia, fornisce un baluardo per quanto riguarda la diffusione e la ricettività ai messaggi russi.

Meta.mk: In generale, quali sono le più importanti disinformazioni e cattive informazioni in Bulgaria?

RF: The pro-Russian national media propagate narratives that are framed within the conservative Russian discourse extolling the virtues of state sovereignty (in particular as it is related to decisions on Russia-related projects or on disagreements with some EU policies), the traditional family, the advent of a ‘democratic’ multi polar international order and criticizing social, economic and political trends in the West, including liberalism and multiculturalism. A specific topic that is subject to heavy propaganda concerns energy. For instance, a lot of media frenzy focused on the cancellation of South Stream, which was portrayed – along the Kremlin line, as Bulgaria’s fault resulting from toothless submissiveness to the European Commission and against the country’s supposedly true economic interests. It was claimed that Russian politicians and business officials would remain firmly against Bulgarian calls for the revival of South Stream or the extension of Turkish Stream through its territory as a form of punishment for Sofia’s unreliability and weakness. Yet, as we see now, Turkish Stream will pass through Bulgarian territory in a re-named version as Balkan stream.

RF: I media nazionali filo-russi propagano narrazioni che si inquadrano all'interno del discorso conservatore russo esaltando le virtù della sovranità statale (in particolare perché legate a decisioni su progetti russi o su disaccordi con alcune politiche dell'UE), la famiglia tradizionale, l'avvento di un ordine internazionale “democratico” policentrico e criticando le tendenze sociali, economiche e politiche in Occidente, compresi il liberalismo e il multiculturalismo. Un tema specifico, oggetto di una forte propaganda, riguarda l'energia. Per esempio, molta frenesia mediatica si è concentrata sulla cancellazione di South Stream, che è stata descritta, lungo la linea del Cremlino, come una colpa della Bulgaria derivante dalla sottomissione inefficace alla Commissione Europea e contro i presunti veri interessi economici del Paese. Si sosteneva che i politici e i funzionari russi del mondo degli affari sarebbero rimasti fermamente contrari agli appelli bulgari per la rinascita di South Stream o per l'estensione di Turkish Stream attraverso il suo territorio come forma di punizione per l'inaffidabilità e la debolezza di Sofia. Eppure, come vediamo ora, Turkish Stream attraverserà il territorio bulgaro in una versione ribattezzata come Balkan stream.

Meta.mk: I media bulgari e i media in lingua bulgara sono spesso fonte di disinformazione e cattiva informazione o forse sono solo i mandatari dei politici, delle potenze straniere o dei social network? Quali sono le categorie di media con il ruolo principale in questo senso – i media tradizionali o i nuovi media online?

RF: There are indeed websites, whose goal is to make profit by attracting traffic and advertising revenue through their own fabrication of sensationalist stories. Yet, these websites certainly have not had the same impact and external orientation as the fake news troll farm in Veles, for example. So our research focus has been concentrated on the much more significant phenomenon of local oligarchic, foreign power proxies, who control the editorial policy and ownership structures of influential online as well as print media and TV channels. As traditional media has gradually become obsolete, the Balkans now are officially the land of TV and online media.

RF: Certamente esistono siti web il cui obiettivo è quello di trarre profitto attirando traffico e ricavi pubblicitari attraverso la loro stessa creazione di storie che facciano scalpore. Eppure, questi siti web non hanno certamente avuto lo stesso impatto e lo stesso orientamento esterno del finto troll farm di notizie di Veles, per esempio. La nostra ricerca si è quindi concentrata sul fenomeno molto più significativo dei proxy di potere locale, oligarchico e straniero, che controllano la politica editoriale e gli assetti proprietari di influenti canali online così come la stampa e la televisione. Poiché i media tradizionali sono diventati gradualmente obsoleti, i Balcani sono ora ufficialmente la terra della televisione e dei media online.

Meta.mk: Le autorità bulgare hanno un piano per combattere la disinformazione e i suoi principali promotori? Cosa è stato fatto finora in questa lotta contro la disinformazione e la cattiva informazione?

RF: The most recent initiative on the governmental level has been the establishment of a disinformation unit within the Council of Ministers as part of the Action Plan against Disinformation for coordinated measures by the European Commission and the European Parliament. However, there have not been tangible results from the operation of the unit – it is not clear how many cases of disinformation have been referenced to Brussels and there has not been a high-profile debunking of fake stories. It has been seen as an EU-driven and not Bulgaria-driven process. In fact, many in the country see the government as at best a bystander, and at worse as active promoter, in the process of oligarchization of the media landscape in the country, which has actually enabled propaganda narratives by Russia.

Disinformation is mainly tackled by non-governmental organizations through analytical reports, the deployment of online monitoring tools (showcasing the origin, progress and impact of disinformation activities) and capacity-building events for journalists. Yet, more needs to be done in relation to wider citizen engagement. The general public should be better trained to recognize biased coverage and obtain reliable information through awareness campaigns and media literacy initiatives.

RF: L'iniziativa più recente a livello governativo è stata la creazione di un'unità di disinformazione all'interno del Consiglio dei Ministri nell'ambito del Piano d'Azione contro la Disinformazione per misure coordinate da parte della Commissione Europea e del Parlamento Europeo. Tuttavia, non ci sono stati risultati tangibili dal funzionamento dell'unità – non è chiaro quanti casi di disinformazione siano stati riferiti a Bruxelles e non c'è stata una confutazione di rilievo di storie false. È stato visto come un processo guidato dall'UE e non dalla Bulgaria. Infatti, molti nel paese vedono il governo come uno spettatore, nel migliore dei casi, e nel peggiore come un promotore attivo, nel processo di oligarchizzazione del panorama mediatico del Paese, che ha di fatto permesso la narrazione propagandistica da parte della Russia.

La disinformazione è affrontata principalmente dalle organizzazioni non governative attraverso rapporti analitici, il dispiegamento di strumenti di monitoraggio online (che mostrano l'origine, i progressi e l'impatto delle attività di disinformazione) ed eventi di rafforzamento delle capacità per i giornalisti. Tuttavia, è necessario fare di più in relazione a un più ampio coinvolgimento dei cittadini. Il pubblico in generale dovrebbe essere meglio addestrato a riconoscere una copertura di parte e a ottenere informazioni affidabili attraverso campagne di sensibilizzazione e iniziative di alfabetizzazione mediatica.

Meta.mk: Quanto è presente una Macedonia del Nord nei media bulgari?

RF: We have not made specific research on this issue. But my impression is that the extent to which North Macedonia receives attention in Bulgarian media depends on the political calendar – i.e., with respect to issues that emerge in bilateral relations. Therefore, this coverage tends to be highly politicized and irregular, for example concerning statements by politicians on common historical figures or events, etc.

It is a good sign that for the first time a weekend of dialogue took place in Ohrid earlier this year, where Bulgarian and Macedonian journalists could discuss the prejudices that each country’s media give into when covering events and developments in the other. Hopefully, such initiatives can contribute to a greater understanding of the challenges that each country faces.

RF: Non abbiamo fatto ricerche specifiche su questo tema. Ma la mia impressione è che la misura in cui la Macedonia del Nord riceve l'attenzione dei media bulgari dipenda dal calendario politico – cioè dalle questioni che emergono nelle relazioni bilaterali. Pertanto, questa copertura tende a essere altamente politicizzata e irregolare, ad esempio per quanto riguarda le dichiarazioni dei politici su personaggi o eventi storici comuni, ecc.

È un buon segno che per la prima volta un fine settimana di dialogo si sia svolto a Ohrid all'inizio di quest'anno, dove i giornalisti bulgari e macedoni hanno potuto discutere dei pregiudizi che i media di ciascun Paese hanno quando coprono eventi e sviluppi nell'altro. Speriamo che tali iniziative possano contribuire a una maggiore comprensione delle sfide che ogni paese deve affrontare.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.