chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il “movimento di disobbedienza civile” del Myanmar ha prodotto molte proteste creative

I manifestanti in Myanmar espongono enormi striscioni con messaggi di rifiuto del governo militare. Foto fornita a Global Voices da un giornalista cittadino, usata con autorizzazione

Le autorità militari del Myanmar hanno vietato le assemblee pubbliche, ma questo ha solo incoraggiato i manifestanti a escogitare nuovi modi per esprimere opposizione al colpo di stato.

Dopo che i militari hanno preso il potere il 1° febbraio, è stato lanciato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] un movimento di disobbedienza civile che ha incoraggiato il pubblico a smettere di andare a lavorare, boicottare le imprese di proprietà dei generali e unirsi alle proteste anti-golpe.

Gli operatori sanitari sono stati tra i primi a sostenere il movimento di disobbedienza civile [it] dimettendosi dai loro incarichi. Molti hanno continuato a lavorare negli ospedali ma indossavano nastri rossi in segno di protesta contro il governo militare.

Questo è stato seguito da proteste della comunità caratterizzate dal battito di pentole e padelle per creare rumore e cacciare simbolicamente gli spiriti maligni. Un residente ha spiegato la popolarità di questa forma di protesta:

Banging pots and pans has continued until today, and it lasts about 15 minutes from 8:00 pm to 8:15 pm. Though this mode of campaign may seem insignificant, it ensures that all citizens can participate and express their voices peacefully and safely without having to leave their houses.

Lo sbattere di pentole e padelle è continuato sino ad oggi e dura circa 15 minuti dalle 20:00 alle 20:15. Sebbene questa modalità di protesta possa sembrare insignificante, garantisce che tutti i cittadini possano partecipare ed esprimere la propria voce in modo pacifico e sicuro senza dover lasciare le proprie case.

I manifestanti come stanno bloccando le strade in modi ingegnosi?

Molti hanno osservato la partecipazione attiva di funzionari pubblici come insegnanti, operatori sanitari e agenti forestali alle proteste in tutto il Myanmar. I manifestanti hanno utilizzato metodi ingegnosi per fermare il traffico e impedire al personale governativo di presentarsi al lavoro. Kyaw Zwa Moe, editore dell'edizione inglese di The Irrawaddy, scrive a riguardo: all'incrocio di Myaynigone, a pochi chilometri da Sule, i manifestanti hanno aiutato a raccogliere cipolle e chicchi di riso dalla strada asfaltata, dove qualcuno li aveva “lasciati”. Decine di manifestanti hanno raccolto ogni cipolla e chicco di riso, uno alla volta, mentre la polizia li sorvegliava.Lo scopo era quello di fermare il traffico, come avevano fatto durante la “protesta per guasti alle auto” e la “protesta al rallentatore” per creare ingorghi a sostegno del Movimento di disobbedienza civile (CDM), che mira a impedire al personale governativo di andare a lavorare.

At the Myaynigone intersection, just a few miles from Sule, protesters helped pick up onions and gains of rice from the asphalt road, where someone had “dropped” them. Dozens of protesters picked up each onion and grain of rice, one at a time, while police watched over them. The purpose was to stop the traffic—as they had during the “car breakdown protest” and the “slow-motion drive protest” to create traffic jams in support of the Civil Disobedience Movement (CDM), which is aimed at preventing government staff from going to work.

All'incrocio di Myaynigone, a pochi chilometri da Sule, i manifestanti hanno aiutato a raccogliere cipolle e chicchi di riso dalla strada asfaltata, dove qualcuno li aveva “lasciati”. Decine di manifestanti hanno raccolto ogni cipolla e chicco di riso, uno alla volta, mentre la polizia li sorvegliava.Lo scopo era quello di fermare il traffico, come avevano fatto durante la “protesta per guasti alle auto” e la “protesta al rallentatore” per creare ingorghi a sostegno del Movimento di disobbedienza civile (CDM), che mira a impedire al personale governativo di andare a lavorare.

Auto “in panne” nella città più grande del Myanmar, Yangon, bloccano le strade e confondono la polizia con l'ultima tattica dei manifestanti contrari a un colpo di stato militare.

Anche i trishaw (veicoli a tre ruote) sono stati schierati nella campagna:

In un atto di disobbedienza, i conducenti di Yangon hanno lasciato le loro auto in mezzo alle strade con il cofano alzato e hanno scherzato dicendo che i loro motori si erano guastati.

Questa mattina, alcuni conducenti di trishaw stanno lanciando una “campagna di demolizione di trishaw” a Yangon per bloccare il movimento delle truppe.

I manifestanti si sono mossi anche con le barche:

Nyaung Shwe – 18 ° giorno di proteste il 21 febbraio.

Per la terza volta, le barche si sono unite nel lago Inle per fare una colonna di protesta sull'acqua. Circa 400 barche si sono unite alle proteste.

Un residente ha aggiunto ulteriori dettagli sull'iniziativa “Onion Pick-up”:

Basically, protesters intentionally drop onions in the middle of busy roads, and everyone helps pick up the onions, and put them in the (broken/bottomless) bags. This way, the police cannot claim that protesters are illegally blocking the roads.

Fondamentalmente, i manifestanti lasciano intenzionalmente cipolle in mezzo a strade trafficate, e tutti aiutano a raccogliere le cipolle e le mettono nei sacchetti (rotti / senza fondo). In questo modo, la polizia non può affermare che i manifestanti stanno bloccando illegalmente le strade.

I manifestanti fingono di raccogliere le cipolle cadute per strada nel tentativo di rallentare il traffico e bloccare le strade durante una protesta contro il colpo di stato a Yangon.

Il rallentamento del traffico avviene anche attraverso l'iniziativa “Tying Shoelaces”:

La prima protesta al mondo di attraversamento pedonale a Yangon. I manifestanti attraversano legalmente le strisce pedonali in circolo allo svincolo Myay-Ni-Kone così da rallentare il traffico. Letteralmente obbediscono alla legge. Letteralmente, questo è il movimento di obbedienza civile. 

Anche gli spettacoli di strada possono radunare persone e bloccare il traffico:

Poesie recitate contro il colpo di stato militare.

Artisti e attivisti hanno unito le forze nella produzione di grandi striscioni anti-golpe e graffiti di strada:

I manifestanti del governo anti-militare hanno lasciato il segno a Mandalay desiderando che tutti vedessero la loro opposizione contro il colpo di stato dal 1 febbraio. Mi viene detto che questo è ciò che si vede sulla 73º strada a Mandalay. Foto di @tonywumm.

Organizzati, pacifici e creativi. Una selezione di alcuni degli striscioni, della street art e degli slogan che sono apparsi durante le proteste contro il colpo di stato in Myanmar. È stato messo così tanto impegno in alcuni di questi pezzi e ora il messaggio che contengono viene proiettato in tutto il mondo.

Il governo militare viene rifiutato

I manifestanti hanno anche avviato azioni volte a minare la burocrazia controllata dai militari. Uno di questi è la campagna di “boicottaggio della lotteria”.

The incomes from lottery directly go into government funds just like other taxes. So we stop buying lottery tickets to prevent our taxes from going to the military.

I proventi della lotteria vanno direttamente ai fondi del governo proprio come le altre tasse. Quindi smettiamo di comprare i biglietti della lotteria per evitare che le nostre tasse vadano all'esercito.

La campagna “anti-conferenza stampa” è fatta da giornalisti che boicottano le conferenze stampa organizzate dai militari. Alcuni giornalisti di un media statale locale sono stati costretti a partecipare a una delle conferenze stampa che ha portato alle loro dimissioni.

Le “campagne di maledizione” vengono fatte per nominare e far vergognare i generali, in particolare il comandante in capo Min Aung Hlaing. In relazione a questo, la “campagna soprannaturale” coinvolge indovini e leader spirituali che lanciano incantesimi su generali militari superstiziosi.

Il “Lets’ report pro-military Facebook pages” (segnaliamo le pagine FB pro militari) è una iniziativa online che incoraggia gli utenti di Facebook a segnalare pagine dubbie che diffondono disinformazione a sostegno del colpo di stato.

Sono passate solo tre settimane dal colpo di stato, ma i manifestanti hanno già utilizzato vari metodi creativi per esprimere dissenso. e le autorità militari hanno recentemente fatto ricorso alla violenza, ma questo ha solo incoraggiato più persone a partecipare alle proteste, come si è visto nello sciopero generale del 22 febbraio, che ha mobilitato le più grandi proteste anti-golpe in tutto il Myanmar.

 

*Informazioni aggiuntive dal progetto Civic Media Observatory di Global Voices

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.