chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In Tagikistan, i critici online finiscono dietro le sbarre accusati di ‘estremismo’

Palazzo presidenziale di Tagikistan’ — The Palace of Nations — Rudaki Avenue, Dushanbe, Tagikistan, 3 aprile 2012. Foto di Rjruiziii, via Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0.

Nella nazione centrale asiatica di Tagikistan, esprimere critiche online riguardanti le autorità è spesso paragonato al terrorismo – principalmente a causa della legislazione che presenta definizioni generiche all'incitamento all'odio.

Di conseguenza, molti blogger e attivisti “senza peli sulla lingua” sono stati rinchiusi in carcere e la libertà di espressione online è stata gravemente limitata. 

Il codice penale di Tagikistan dispone di una lunga lista [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] di casi secondo il quale gli internauti possono essere incriminati per le loro attività su internet.  

Per esempio, gli insulti online rivolti agli ufficiali (inclusi gli agenti di polizia) possono portare fino a più di 2 anni di carcere. Similmente, gli insulti o la diffamazione online rivolti al presidente di Tagikistan è punibile a partire da 2 fino a 5 anni di carcere. Le sanzioni più dure sono rivolte alle incitazioni online che prevedono l’ uso della violenza per cambiare un governo eletto e l'ordine costituzionale, punibile fino a 15 anni di prigione. 

Nonostante sia una società musulmana predominante con più di 9 milioni di musulmani [it], Tagikistan sostiene ancora lo stato laico — mantenendo parzialmente la sua eredità sovietica che non permette che la politica islamica si sviluppi. Nel 1992 [it], quando scoppiò la guerra civile [it], a causa di questioni regionali e religiose, 100.000 persone morirono e il resto andò in esilio. Questo conferma il problema che riguarda il ruolo svolto dall'Islam nella vita quotidiana.

Più di 500 persone sono state imprigionate negli ultimi anni. Le autorità giustificano questi arresti per evitare che i giovani possano essere coinvolti nel terrorismo e estremismo, così come per reprimere la crescita di interesse nella pratica attiva dell'Islam tra le generazioni più giovani. Di solito si riferiscono a statistiche ufficiali per dimostrare questi legami. 

In quanto uno dei paesi meno sviluppati del mondo, in Tajikistan la diffusione e velocità del internet è molto limitata e spesso c'è un blocco di accesso alla rete

Il presidente autoritario Enomali Rahmon, in carica dal 1992, cambiò la costituzione nazionale per ottenere il titolo ufficiale di ” Fondatore della Pace e dell'Unità Nazionale – Leader della Nazione”, che gli da il titolo di presidente a vita. Rahmon spesso si riferisce a internet come una grande minaccia per la sicurezza giovanile e nazionale e obbliga gli ufficiali ad avere un severo controllo  su di esso.      

Persecuzione degli attivisti

Il Tagikistan è conosciuto per i suoi esperimenti “a porte chiuse”. Quasi tutti i casi politici sono non ufficialmente etichettati come “semi-segreto” o  prendono lo stato segreto ufficiale per evitare la pubblica interferenza e vietare ai giornalisti di entrare nelle sedi degli esperimenti. 

Per esempio,nel 2018, il trentaduenne Alijon Sharipov fu condannato per “inviti pubblici al cambio violento dell'ordine costituzionale del Tajikistan con l'uso dei media o internet”. Alijon Sharipov, mentre lavorava come un lavoratore migrante in Russia, mise “mi piace” e condivise un video dell'esiliato leader dell'opposizione di Tajik, Muhiddin Kabiri, sulla sua bacheca di Facebook. 

Questo fu abbastanza per imprigionarlo per nove anni e mezzo. Durante il processo, Alijon Sharipov ammise di aver guardato e condiviso il video, ma non sapeva che ciò che fece fosse illegale. Il presidente della Corte, Temur Boizoda, commentò: “Non essere a conoscenza della legge non sottrae le persone dalle proprie responsabilità” 

Anche il rinominato giornalista, Daler Sharipov (non correlato a Alijon Sharipov), 32 anni,  fu  condannato nel maggio 2020, per “aver suscitato odio nazionale, raziale e religioso”. In una stampa ufficiale, l'ufficio dei procuratori generali  confermò che tra il 2013 e il 2018, Daler Sharipov pubblicò più di 200 articoli “estremisti” sui suoi account dei social media e fece anche 100 copie di manoscritti che scrisse per sostenere l'ideologia dei Fratelli Musulmani.  

Questo caso non fu etichettato “segreto”, ma fu tenuto dietro porte chiuse senza la presenza dei media. Gli ufficiali di Corte spiegarono che stavano seguendo la guida dell'Organizzazione mondiale della Sanità per evitare la diffusione della COVID-19. Il primo caso di COVID-19 fu documentato ufficialmente in Tajikistan con più di un mese di ritardo. 

L'etichetta estremista può anche essere applicata sui testimoni di giustizia. 

Il noto avvocato e difensore dei diritti umani, Abdulmajid Rizoev, potrebbe rischiare fino a cinque anni di prigione per “invito pubblico alla rappresentazione di un'attività estremista fatta con l'uso dei mass media o internet” secondo Frontline Defenders. 

Un procuratore uscente del processo ha accusato Rizoev per aver pubblicato due post “estremisti” sulla sua pagina Facebook, il 2 Marzo 2020, il giorno dopo le elezioni parlamentari in Tagikistan. Nel primo post, Rizoev scrisse di aver fatto un piccolo sondaggio tra alcune persone che conosce personalmente, e solo un quarto dei rispondenti ha affermato di aver votato alle elezioni, mentre il restante 75 per cento ha ignorato l'evento. (Il turnover ufficiale mostrava l'86,4%).

Nel secondo post, Rizoev commentò uno striscione del seggio elettorale che dice: “La partecipazione alle elezioni è attributo di intelletto politico”, deridendo la sua implicazione che tutti coloro che non votano “non hanno nessun intelletto politico”.

Front Line Defenders, un'organizzazione internazionale dei diritti umani, sottolinea che l'accusa presentata contro Rizoev è collegata al suo lavoro di supporto legale per i residenti le cui case sono state demolite nella capitale di Dushanbe. 

Durante il processo, Rizoev disse che una compagnia di costruzione gli aveva offerto 25.000 dollari in una busta affinché finisse di “interferire” con i loro affari. A quanto pare, quando rifiutò, lo minacciarono di rinchiuderlo in carcere. 

Il controllo dello Stato sul dissenso online

Una nuova legge sulla ‘“lotta contro l'estremismo” fu introdotta in Tagikistan nel gennaio del 2020 – sostituendo  la versione precedente del 2003 – e permette alle agenzie statali di avere il pieno controllo sul traffico del Internet e sulle attività dei cittadini sui social media.

Secondo le nuova legge, il Tagikistan considera internet uno spazio pubblico che abilita i servizi statali di comunicazione a bloccare i social networks e i siti web senza un mandato.  

Articolo 307 (3), 2020 Legge sulla Lotta contro l'Estremismo: L'impegno delle attività politiche, religiose, pubbliche o altre organizzazioni, che furono liquidate o proibite a causa delle attività estremiste condotte da una decisione finale della corte, così come il sostegno nelle loro attività attraverso i media, internet e qualunque altro mezzo, dovrebbe essere punito dai cinque agli otto anni di carcere.

I Servizi di Comunicazione statali sono una nota organizzazione che possiede un potere immenso grazie al suo direttore, Ben Zukhurov, che ha fatto dei commenti assurdi su chi merita l'accesso a internet e chi no. 

Nel 2012, Zukhurov provò ad organizzare un incontro con gli ufficiali di Facebook per discutere su come controllare i posts critici, chiedendo ai giornalisti: Facebook ha un proprietario? Può venire in Tajikistan?” 

Qualche giorno dopo, un attivista fece uno scherzo telefonico a Zukhurov e si presentò come “Sergey Brin, interprete di Mark Zuckerberg”.”Durante la telefonata, Zukhurov affermò che Facebook era bloccato ma promise di riaprire l'accesso. Dopo, raccontò ai media russi che aveva parlato con Zuckerberg e che Facebook sarebbe stato accessibile nei giorni successivi.

Zukhurov, che ora si fa chiamare Beg Sabur, non è più autorizzato a parlare con i media, ma possiede ancora un immenso potere sui Servizi delle Comunicazioni, che è anche in possesso di un monopolio su Internet.

I fornitori del servizio privato di internet in Tajikistan sono obbligati a comprare internet e  indirizzare tutto il traffico attraverso il “centro di commutazione unitario,” introdotto nel 2018 e controllato dall'agenzia. Teoricamente, lo Stato può accedere ad ogni dispositivo connesso a internet in Tagikistan.

La nuova legge sull'estremismo autorizza le agenzie delle forze dell'ordine dello Stato – insieme al Ministero degli Esteri – a spiare tutti coloro che vivono in Tagikistan e sono riconosciuti a livello internazionale come estremisti, ma la definizione di estremismo rimane comunque vaga. 

Ad aprile 2020, la corte suprema vietò i media di Akhbor con sede a Praga, accusandolo di collaborazione con le organizzazioni estremiste proibite all'interno di Tagikistan. I giornalisti freelance che cooperarono con Akhbor furono interrogati e condannati. A partire da Novembre, il dirigente di Akhbor annunciò che il sito cessò le sue attività, dicendo che era quasi impossibile lavorare a causa del divieto. 

Il controllo impedisce lo sviluppo

Tutte queste restrizioni hanno un forte impatto sulla gioventù, soprattutto su coloro che sono socialmente attivi, persone istruite che cercano un modo per vivere all'estero e per connettersi con altri attraverso internet. Altri cercano altre opportunità di affari nella sfera digitale. 

Secondo il Speedtest Global Index del 2021, Tagikistan è stata classificata alla posizione 129 tra i 140 stati per la velocità di dati mobili, e ciò blocca lo sviluppo dell'e-commerce. 

Questo aggrava il problema della fuga dei cervelli e della migrazione. 

Milioni di lavoratori migranti di Tagikistan stanno lasciando la loro casa alla ricerca di una vita migliore da qualche altra parte e sempre più spesso non vogliono ritornare

Nel frattempo, le organizzazioni esperte e internazionali anticipano le autorità di Tagikistan a continuare con normative restrittive nella sfera digitale – nonostante tutte le possibili perdite – per proteggere il regime da tutto ciò.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.