chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Intervista ad un blogger che unisce il sogno di democrazia del Myanmar e di Hong Kong

Immagine di Yangon.design. Free use.

Ben Crox è un curatore di BarCamp [it] di Hong Kong, che si reca regolarmente in Myanmar da dieci anni per promuovere nuove tecnologie e nuove competenze nel campo della comunicazione mediatica.

“Ho stretto molte amicizie, sia tra i giovani che tra i [vecchi]. Molti di loro sono attivi su Facebook, dove creano post sulla loro vita e sulle notizie del Myanmar”, mi ha raccontato Crox via email. Durante la pandemia, ha cominciato ad imparare il Birmano, che lo ha portato a prestare ancora più attenzione alle storie che si sviluppano in Myanmar.

E quando il primo febbraio è avvenuto il colpo di stato in Myanmar, ha cominciato a postare – sui social media e su altre piattaforme – notizie e altre informazioni sulle conseguenti proteste.

Ho intervistato Crox a proposito del suo impegno nel rafforzare le comunicazioni tra i due paesi e circa le sue osservazioni sulla situazione politica del Myanmar. Le sue risposte sono state trascritte affinché siano chiare e concise.

Oiwan Lam (OL): Perché hai sentito l'urgenza di portare le informazioni e le notizie sulle proteste in atto in Myanmar agli internauti di Hong Kong? [en, come le citazioni e link seguenti]:

Ben Crox (BC): Myanmar is not very connected to the world. Even though Hong Kong is a major trade partner with Myanmar, most of my peers in Hong Kong never talk about Myanmar. But in recent years, the country has been a new tourist site for young Hongkongers. For a few, they may also travel to Myanmar for religious retreat or for causes related to humanitarian aid.

The COVID-19 pandemic has hit Myanmar hard and I have been donating to help some of my Myanmar friends. But when the military suddenly takes over, the money wiring channels are blocked. The only thing I can do is to help Myanmar people spread their voice and news.

I believe what has happened in Myanmar would echo in the minds of many Hongkongers, because our rights, our freedom, our hope for the future are also being deprived by similar institutionalized state violence.

The protest scenes in Myanmar look similar to Hong Kong. Many of my Burmese friends are eager to learn from Hong Kong’s protest experience and they have been trying to link with the Milk Tea Alliance, an online network of pro-democracy netizens coming from Taiwan, Hong Kong, Thailand and India.

People from many Asian countries share the dream of establishing a clean and democratic government, with which fair opportunities and variety will be ensured. And I share this dream as well.

Ben Crox (BC): Il Myanmar non è ben connesso con il resto del mondo. Nonostante Hong Kong sia il più importante partner commerciale del Myanmar, la maggior parte dei miei colleghi ad Hong Kong non parla mai del Myanmar. Ma nei recenti anni, il paese è stato una nuova meta turistica per i giovani cittadini di Hong Kong. Alcuni di loro, viaggiano in Myanmar per ritiri religiosi o per cause relative agli aiuti umanitari.

La pandemia della COVID-19 ha colpito duramente il Myanmar e ho inviato delle donazioni per aiutare alcuni dei miei amici del Myanmar. Ma quando improvvisamente i militari hanno preso il sopravvento, i canali con cui inviare denaro sono stati bloccati. L'unica cosa che posso fare e aiutare le persone del Myanmar a diffondere la loro voce e le notizie.

Credo che ciò che è accaduto in Myanmar riecheggerà nelle menti di molti cittadini di Hong Kong, perché simili violenze istituzionalizzate hanno privato anche noi dei nostri diritti, della nostra libertà, delle nostre speranze per il futuro.

Le scene di protesta in Myanmar sembrano simili a quelle di Hong Kong. Molti dei miei amici Birmani sono desiderosi di imparare dall'esperienza dalle proteste di Hong Kong e stanno cercando di creare un collegamento con il Milk Tea Alliance, un movimento online pro-democrazia di internauti provenienti da Taiwan, Hong Kong, Thailandia e India.

La gente di molti paesi asiatici condivide il sogno di fondare un governo trasparente e democratico, con il quale assicurare pari opportunità e diversità. E io condivido questo stesso sogno.

OL: In Myanmar internet è stato interrotto dal colpo di stato. Dove prende gli aggiornamenti? Come si assicura che le informazioni siano attendibili?

BC: The internet in Myanmar has been disrupted, but it has not been completely cut off. The Junta want to keep the foreign factories and facilities running. At the same time, a lot of small businesses also heavily rely on the internet. In the first phase of disruption, only the mobile network was affected, while wifi and some fibre networks were still functioning. We later learnt that the mobile internet has been filtered with some old version of Chinese-style Great Firewall. But that has not stopped people from connecting through VPNs. Recently, the military is trying to set a new norm with a complete shutdown of the internet after midnight from 1 a.m. to 9 a.m. But internet access during office hours has not been compromised yet.

So I can still receive a lot of instant updates from multiple sources. Most are shared on Facebook groups, personal feeds of my connections. Many English-speaking Myanmar netizens, especially those with journalistic background, also use Twitter as a civilian reporting channel.

Myanmar people are well aware of the Junta tactic of spreading disinformation. Quite frequently, they would warn each other against the so-called “psy-war” — the term refers to the psychological effects of disinformation. Most people are willing to take down the news if others have expressed doubts. I have also edited or taken down information on my social media timeline upon getting messages from my Burmese friends. If possible I would share videos that could be verified with other videos taken with different angles on the same spot from different sources. Usually, such verification process only takes a few minutes since many protesters recorded or live-streamed the protest scenes with their smartphones.

In Myanmar internet è stato interrotto, ma non è stato completamente oscurato. La Giunta vuole mantenere in attività le fabbriche e le strutture straniere. Allo stesso tempo, molte piccole imprese sono strettamente dipendenti da internet. Nella prima fase dell'interruzione, solo la rete mobile è stata colpita, mentre il wifi e alcune linee della fibra ancora funzionavano. Abbiamo appreso in seguito che la rete mobile veniva filtrata con una vecchia versione del tipo di Great Firewall adottato in Cina. Ma ciò non ha fermato le persone dal connettersi tramite VPN. Recentemente, i militari stanno cercando di imporre una nuova norma che vede il completo oscuramento di internet dopo la mezzanotte dall'una alle nove di mattina. Ma l'accesso alla rete durante le ore di ufficio non è stato ancora compromesso.

Così io posso ancora ricevere moltissimi aggiornamenti da diverse fonti. Molti dei quali sono condivisi sui gruppi Facebook, i feed personali delle mie connessioni. Molti internauti del Myanmar che conoscono l'inglese, specialmente coloro che hanno un'esperienza come giornalisti, usano anche Twitter come canale di comunicazione civile.

Il popolo del Myanmar è ben consapevole del fatto che la tattica della Giunta mira a diffondere la disinformazione. Abbastanza frequentemente, loro si mettono in guardia a vicenda contro la cosiddetta “guerra psicologica” – il termine si riferisce agli effetti psicologici della disinformazione. Molte persone sono disposte a distruggere le notizie se altri hanno sollevato dubbi. Anch'io ho modificato o distrutto informazioni sulla cronologia dei miei social media dopo aver ricevuto messaggi dai miei amici Birmani. Se possibile vorrei condividere video che possono essere verificati con altri video presi da angolazioni diverse dello stesso punto provenienti da fonti differenti. Di solito, un processo del genere richiede solo pochi minuti visto che molti manifestanti hanno registrato o trasmesso in diretta le scene della protesta con i loro smartphone.

OL: Nei giorni scorsi, secondo quanto riferito, il governo militare del Myanmar ha aperto il fuoco uccidendo più di 50 manifestanti. Come si sente a proposito di quanto è accaduto? Pensa che la protesta proseguirà?

BC: Bloodshed happens every day. Some stringent sources have estimated over 50 martyrs, while hearsay said the figure was double. Videos and photos circulating online have proven that the military crackdown was extremely bloody and brutal. However, such a bloody crackdown is not new in the history of Myanmar and people are not backing off.

I still remember in January 2017, one day right after I landed in Yangon, Ko Ni, a prominent Muslim lawyer and an advocate of constitutional reform, was fatally shot outside the airport. A few of my friends were close to Ko Ni and were hit by the loss of a dear friend and a great leader. But they live with the pain and take it as drive for their continuous fight for a better future. They were not ruined in 2017 and now their ire is turning into fire.

In addition, Myanmar Generation Z is fearless and they have full support from the older generation. The junta cannot stop them and now the younger generation is joining them. The solidarity among protesters is invincible.

Gli spargimenti di sangue accadono quotidianamente. Alcune fonti rigorose hanno stimato più di 50 martiri, mentre alcune testimonianze dicono che la cifra è raddoppiata. I video e le foto che circolano nella rete provano che la repressione militare è stata estremamente cruenta e brutale. Comunque, una repressione così sanguinosa non è una novità nella storia del Myanmar e le persone non si tirano indietro.

Ricordo ancora a gennaio 2017, il giorno dopo essere atterrato a Yangon, Ko Ni, un importante avvocato musulmano sostenitore della riforma costituzionale, fu sparato a morte all'esterno dell'aeroporto. Alcuni dei miei amici erano vicini a Ko Ni e furono colpiti dalla perdita di un caro amico e di una grande guida. Ma loro vivono con il dolore prendendolo come spinta per la loro continua lotta per un futuro migliore. Loro non sono stati distrutti nel 2017 e adesso la loro collera si sta tramutando in fuoco.

Inoltre, la generazione Z del Myanmar è senza paura e ha il pieno sostegno dalle vecchie generazioni. La Giunta non li può fermare e adesso la generazione più giovane si sta unendo a loro. La solidarietà tra i manifestanti è invincibile.

OL: Lei ha partecipato a diverse serie di discussioni sulle proteste del Myanmar sulle piattaforme social come Clubhouse. Cosa è stato raggiunto attraverso questi dialoghi transnazionali?

BC: During the discussion I tried to help people from outside of Myanmar to better understand the country’s situation. I shared with them what I had learnt from my friends and my working experience in Myanmar and tried to explain the historical and political context of the protests. I also explained the relationship between the protests in Hong Kong, Thailand and Myanmar, in particular on how Myanmar protesters were eager to be connected with the Milk Tea Alliance and other pro-democracy movements in Asia.

I believe that Hongkongers can help Myanmar’s protesters and bring more international media attention to the situation in Myanmar. While a huge amount of visual images about the military coup and people’s protests have been circulating on Twitter and Facebook, the stories behind the images need to be told and explained. Hongkongers can play a good role in distributing and bridging the information.

Durante la discussione ho cercato di aiutare le persone dall'esterno del Myanmar a comprendere meglio la situazione del paese. Ho condiviso con loro ciò che avevo imparato da i miei amici e dalla mia esperienza lavorativa in Myanmar e ho cercato di spiegare il contesto storico politico delle proteste. Ho anche spiegato la relazione tra le proteste di Hong Kong, Thailandia e Myanmar, in particolare su come i manifestanti del Myanmar erano desiderosi di essere legati alla Milk Tea Alliance e ad altri movimenti pro-democrazia in Asia.

Credo che i cittadini di Hong Kong possono aiutare i manifestanti del Myanmar e possono portare molto di più all'attenzione dei media internazionali la situazione del Myanmar. Mentre un'enorme quantità di immagini del colpo di stato e delle proteste del popolo sono circolate su Twitter e Facebook, quelle storie dietro le immagini hanno bisogno di essere raccontate e spiegate. I cittadini di Hong Kong possono giocare un ruolo importante nel distribuire e divulgare le informazioni.

OL: Lei sta prestando grande attenzione alle proteste di Hong Kong, Thailandia e Myanmar. Come paragona il movimento pro-democrazia nei tre paesi? Nota delle interazioni tra i manifestanti o gli attivisti pro-democrazia tra i tre territori? Queste interazioni porteranno cambiamenti positivi in Asia?

BC: Protests in Hong Kong, in Thailand and in Myanmar are quite different as the three regions have different political systems, but protesters from the three regions share common goals. Exchanges among activists could help reflect on the inadequacy of local protests and develop a wider horizon in understanding the significance of the pro-democracy movement in Asia.

For example, the divide between pro-independence and moderate democrats in the Hong Kong protest movement has destroyed the internal communication of strategies and tactics within the movement to the extent that no one could bargain or negotiate with the government. The pro-democracy sector in Myanmar used to have a lot of racial conflicts. But now more than 90 percent of people are united against the coup, that's their advantage.

I believe that protesters in Asia can learn, inspire and support each other in future struggles for democracy. The democracy movement against authoritarian regimes in Asia is up and evolving, a new generation of activists has shown their determination and capability. The future is on their side.

Le proteste di Hong Kong, della Thailandia e del Myanmar sono alquanto differenti a causa del diverso sistema politico che hanno i tre territori, ma i manifestanti dei tre territori condividono obbiettivi comuni. Gli scambi tra gli attivisti possono aiutare a riflettere sull'inadeguatezza delle proteste locali e possono sviluppare un orizzonte più ampio nella comprensione del significato del movimento pro-democrazia in Asia.

Per esempio, il divario tra i pro-indipendenza e i democratici moderati nel movimento di protesta di Hong Kong ha distrutto la comunicazione interna di strategie e tattiche all'interno del movimento, per quanto nei limiti nessuno potrebbe trattare o negoziare con il governo.  Il settore pro-democrazia in Myanmar aveva molti conflitti razziali. Ma adesso più del 90% delle persone sono unite contro il colpo di stato, questo è il loro vantaggio.

Credo che i manifestanti in Asia possono imparare, essere d'ispirazione e sostegno l'uno per l'altro nelle future lotte per la democrazia. Il movimento democratico contro i regimi autoritari in Asia è vivo e in costante evoluzione, una nuova generazione di attivisti ha mostrato la sua capacità e determinazione. Il futuro è dalla loro parte.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.