chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Lotta contro la disinformazione nelle lingue con scarse risorse: lezioni da tutto il mondo

Immagine di First Draft News utilizzata con permesso.

Nota dell'editor: Il seguente articolo scritto da Ali Abbas Ahmadi è stato originariamente pubblicato sul sito web First Draft e ripubblicato come parte di una collaborazione per il webinar del 10 dicembre.

Le lingue che parliamo determinano ampiamente il nostro accesso a informazioni affidabili e alla verifica dei fatti che consentono di sfatare mezze verità o false affermazioni. Un recente webinar di First Draft e Global Voices indaga su come le minoranze linguistiche possono superare questa disuguaglianza nell’accesso alle informazioni.

L'anno 2020 ci ha insegnato che praticamente tutte le comunità lottano contro gli effetti della disinformazione. Mentre coloro che parlano le lingue maggioritarie hanno accesso alla possibilità di controllare i fatti e a informazioni verificate nella loro lingua madre, lo stesso non è sempre vero per le altre comunità. Le lingue minoritarie sono spesso a corto di risorse sia per quanto riguarda le piattaforme che le organizzazioni che si occupano di verificare i fatti; ciò rende ancora più difficile affrontare la disinformazione e sviluppare un’alfabetizzazione mediatica in queste comunità.

Nell'ambito dell'iniziativa Rising Voices, Eddie Avila di Global Voices e Marie Bohner di First Draft hanno parlato con esperti di tutto il mondo per comprendere come le comunità locali stanno affrontando la minaccia della disinformazione nelle proprie lingue native. Tra loro ci sono Rahul Namboori di Fact Crescendo in India, Endalkachew Chala, della Hamline University negli Stati Uniti, e Kpenahi Traoré, di RFI dal Burkina Faso, che hanno condiviso le proprie prospettive su come affrontare questa sfida particolare.

In India si parlano 22 lingue ufficiali escluso l'inglese e almeno 500 lingue non ufficiali; ciò rende particolarmente difficile per chi si occupa di controllare i fatti, per i giornalisti e gli educatori garantire che tutti abbiano accesso a informazioni verificate. La diffusione di false informazioni ha avuto ripercussioni particolarmente pericolose nel Paese, poiché alcune dicerie hanno provocato attacchi e rivolte contro le minoranze etniche e religiose, causando decine di morti negli ultimi anni.

È in questo contesto che Fact Crescendo sta combattendo contro la diffusione di false informazioni, ha spiegato Namboori. L'organizzazione verifica le informazioni in sette lingue regionali, oltre all'inglese e all'hindi, con l'aiuto di team localizzati sia per individuare le dicerie che per prevenirne la diffusione. I team regionali di Fact Crescendo sono composti da giornalisti del posto che parlano la lingua locale e comprendono gli ambienti culturali e politici peculiari in cui operano. Utilizzando strumenti come CrowdTangle di Facebook, i team controllano centinaia di gruppi e account di social media per tracciare le informazioni fuorvianti e false. Fact Crescendo utilizza anche linee dedicate e gruppi WhatsApp in modo che i propri verificatori possano comunicare direttamente con le comunità locali fornendo loro informazioni verificate nelle lingue autoctone.

Non si tratta solo di come la disinformazione viaggi tra le principali lingue parlate in India come l'inglese o l'hindi, ma anche di come la disinformazione proveniente dall'estero si faccia strada nel paese. False affermazioni sul coronavirus provenienti dall'Italia o dalla Spagna sono passate dallo spagnolo e dall'italiano all'inglese e all'hindi, prima di farsi strada tra le lingue regionali, ha affermato Namboori. A ogni passaggio viene aggiunto un ulteriore strato di contesto localizzato, rendendo le cattive informazioni molto più credibili e consentendo loro di riecheggiare nelle comunità linguistiche con accesso scarso o nullo a informazioni affidabili.

L'Etiopia è altrettanto diversificata linguisticamente, con tre lingue principali e altre 86 che vengono parlate in questo paese dell'Africa orientale. “La maggior parte di queste lingue non dispone di risorse sufficienti e non esiste per loro alcun controllo dei fatti”, ha affermato Endalkachew Chala, dall'Etiopia. Anche se molte di queste lingue sono ampiamente utilizzate sulle piattaforme dei social media, i loro parlanti non hanno facile accesso a informazioni verificate o affidabili.

Recentemente, l’interruzione di Internet nella regione settentrionale del Tigray a causa del conflitto nel paese ha aggravato il problema delle lingue con risorse insufficienti. Questo ha portato alla creazione di “due universi informativi, in cui le persone che vivono nella regione del Tigray non sanno cosa stia succedendo”, ha detto Chala. Lì la gente ha accesso solo alle informazioni trasmesse dai media regionali e ciò ha portato a una comprensione “frammentaria” della situazione poiché coloro che si trovano nel Tigray hanno una prospettiva diversa da quelli che vivono fuori, ha aggiunto Chala.

Chala ha visto inoltre proliferare la disinformazione relativa alla salute in tutta l'Etiopia. False affermazioni sulla pandemia della COVID-19 si erano diffuse in Etiopia in diverse lingue, propagandosi sia all'interno che attraverso le comunità linguistiche. La mancanza di organizzazioni preposte alla verifica dei fatti o dell'accesso a informazioni affidabili in lingue con risorse insufficienti ha consentito a queste voci di penetrare nelle comunità rurali più piccole e tra le minoranze linguistiche.

“Ci sono persone provenienti da tutta l'Etiopia che sono disposte a controllare e verificare i fatti”, ha detto Chala, ma i finanziamenti stranieri vanno quasi sempre a coloro che hanno legami politici o parlano lingue dominanti nei centri urbani. Ha aggiunto che le piattaforme e le aziende straniere devono assumere personale madrelingua nelle lingue minoritarie per verificare le informazioni per queste comunità in modo da non dover fare affidamento su parlanti non nativi.

Altrove in Africa, i parlanti della lingua minoritaria bambara, nella parte occidentale del continente, si occupano inoltre di problemi simili connessi alle risorse. Sebbene i membri delle comunità Bambara ricevano le loro notizie dai media locali in TV e radio e possano quindi evitare lo tsunami di disinformazione online, sono tuttavia interamente dipendenti dai media tradizionali, ha affermato Kpenahi Traoré. La responsabilità che hanno questi organi di riferire informazioni fattuali è quindi ancora maggiore perché le comunità Bambara spesso non hanno accesso a Internet per verificare ciò che sentono dire. Sebbene le organizzazioni locali non abbiano attualmente le risorse per trasmettere informazioni fattuali alle loro comunità, ci sono organizzazioni straniere tra cui RFI Mandenkan che verificano le informazioni in bambara e in altre lingue locali, ha affermato Traoré.

In Amazzonia, dove le comunità indigene comunicano in prevalenza oralmente, è stato fondamentale che le risorse, in particolare quelle relative al coronavirus, fossero “localizzate” in modo simile, ha affermato Avila di Global Voices. “Di chi o di cosa ci si può fidare in una cultura potrebbe non essere lo stesso in un'altra, quindi tenerlo in considerazione è molto importante quando si tratta dei diversi materiali che vediamo online.”

Mentre gli individui e alcune organizzazioni stanno facendo uno sforzo per fornire informazioni fattuali ai parlanti di lingue con risorse insufficienti, le popolazioni delle minoranze linguistiche sono ancora in netto svantaggio rispetto a coloro che parlano lingue dominanti. Anche se il mondo è diventato più globalizzato attraverso Internet, chi ha minore accesso alla connettività o chi comunica diversamente viene lasciato indietro. Gli organi di stampa e le piattaforme di social media possono investire in queste comunità locali per costruire un’alfabetizzazione mediatica, in modo che possano avere lo stesso accesso che ha chiunque altro alle informazioni verificate nelle loro lingue.

Eppure, questi esempi a livello mondiale sottolineano anche la necessità di affrontare questioni più ampie come i tassi di alfabetizzazione o la connettività Internet quando si progettano soluzioni per contrastare il problema della disinformazione nelle lingue minoritarie. Capire come comunicano le comunità linguistiche è fondamentale per costruire l'infrastruttura necessaria per migliorare l'alfabetizzazione mediatica.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.