chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Scene della settimana più letale del Myanmar mentre il colpo di stato prosegue per il secondo mese

Le proteste anti-golpe continuarono in Myanmar nonostante l'uso della violenza da parte delle forze di sicurezza. Foto condivisa dai giornalisti cittadini, usata con l'autorizzazione.

Il mese di febbraio si è concluso [it] con almeno 18 persone uccise dalle forze di sicurezza in una repressione a livello nazionale rivolta ai manifestanti anti-golpe e persino ai giornalisti [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione].

Gli attacchi continuarono durante la prima settimana di marzo, trasformando molte comunità in “zone di guerra” e portando ad arresti di massa. Nonostante l'uso della violenza da parte della polizia e delle Tatmadaw (forze armate) contro civili disarmati, le proteste continuarono ad ottenere supporto mentre gli attivisti premevano per il ripristino della democrazia.

Le Tatmadaw organizzarono un colpo di stato il 1° febbraio e arrestarono i leader eletti del paese. Il governo militare, tuttavia, ha immediatamente affrontato una forte opposizione da parte dei cittadini che hanno organizzato varie forme di resistenza mentre chiedevano l'intervento delle Nazioni Unite.

La più grande protesta ha avuto luogo il 22 febbraio con uno sciopero generale che ha paralizzato i centri urbani di tutto il paese. Da allora, le forze di sicurezza hanno fatto ricorso a metodi più violenti per reprimere il movimento anti-golpe. Decine di persone furono uccise nelle operazioni di polizia il 27 febbraio, il 28 febbraio, il 3 marzo e il 5 marzo.

I giornalisti cittadini hanno raccontato a Global Voices quello che hanno visto durante una protesta alla Baho Road a Sanchaung il giorno del 3 marzo:

Police used rubber gun, sling shots, smoke and sound bomb. Nobody got arrested that day and people were protesting peacefully. The police came forward and started cracking down the crowd violently. Nobody got arrested from our protest group in Baho road.

La polizia ha usato pistole con munizioni di gomma, colpi di fionda, fumogeni e bombe sonore. Nessuno è stato arrestato quel giorno e la gente protestava pacificamente. La polizia si fece avanti e iniziò a reprimere violentemente la folla. Nessuno è stato arrestato dal nostro gruppo di protesta alla Baho Road.

A glimpse of the tension between police and protesters on March 3 at Baho road in Sanchaung. Video shared by a citizen journalist pic.twitter.com/uqakmrmKsd

— GlobalVoices SE Asia (@gvsoutheastasia) March 8, 2021

Uno sguardo alla tensione tra polizia e manifestanti il ​​3 marzo a Baho Road a Sanchaung. Video condiviso da un giornalista cittadino.

Il 5 marzo, testimoni oculari hanno affermato che la polizia ha usato fumogeni contro i manifestanti:

Police fired two smoke bombs toward the crowd so we shoot fireworks to scare them and you can see fireworks exploding in the video.

La polizia ha sparato due bombe fumogene verso la folla, quindi noi abbiamo sparato fuochi d'artificio per spaventarli e lo si può vedere dal video.

Police fired smoke bombs at protesters in Yangon, Myanmar on March 5. Video shared by a citizen journalist pic.twitter.com/bdX4GPNTgm

— GlobalVoices SE Asia (@gvsoutheastasia) March 8, 2021

Il 5 marzo la polizia ha sparato bombe fumogene contro i manifestanti a Yangon, Myanmar. Video condiviso da un giornalista cittadino.

I giornalisti cittadini stanno svolgendo un ruolo enorme nel modo in cui il mondo sta osservando le atrocità che si svolgono in Myanmar. Milioni di video e fotografie vengono condivisi sui social media nonostante l'alto rischio. Il mio pezzo è ora in onda su BBC World News e BBC Burmese.

I lavoratori sono tra i più attivi partecipanti al movimento di protesta:

Sono 1200.

Siccome ho chiesto loro di rimanere all'ombra, gli operai hanno risposto “va bene, aspetteremo l'ombra sotto il sole”.

Ammiro la loro dedizione. Con loro, ho il coraggio di realizzare qualsiasi cosa.

Il 7 marzo, la nostra fonte ha visto personale militare sparare a caso e innescare bombe sonore nei quartieri.

To combat this, people are closing all their lights and community guards (like neighborhood watch) are asking people to switch off lights in order to not attract gunshots.

Per combattere ciò, la gente sta spegnendo tutti gli interruttori e le guardie della comunità (come la vigilanza del quartiere) stanno chiedendo alla gente di non accendere le luci per non attirare gli spari.

I residenti hanno anche deriso la polizia e l'esercito gridando “Buon anno” quando sono state usate bombe sonore nelle loro comunità:

In response, people were shouting happy new year to mock the military's tactics. Another wonderful example of the resilience and humor the people of Myanmar have maintained since the start of the coup.

In risposta, le persone gridavano felice anno nuovo per deridere le tattiche dei militari. Un altro meraviglioso esempio della resilienza e dell'umorismo che il popolo del Myanmar ha mantenuto dall'inizio del colpo di stato.

I soldati terroristi hanno cercato di spaventare la gente sparando di notte armi intorno ai quartieri 🤨. La gente ha risposto facendo scoppiare i fuochi d'artificio e urlando “Buon anno” 🥳

Nei giorni scorsi, la polizia e l'esercito sono stati visti schierare truppe in scuole, ospedali e monasteri. La nostra fonte ha detto:

Seems like military is also trying to station themselves among civilians, making their bases in hospital, monasteries and schools.

Sembra che anche i militari stiano cercando di posizionarsi tra i civili, stabilendo le loro basi in ospedali, monasteri e scuole.

Le forze di sicurezza hanno stazionato all'interno di università/scuole/ospedali pubblici tra i quartieri civili in vista dello sciopero generale di lunedì. L'opinione pubblica è assolutamente contraria, sostenendo che queste aree sono zone neutralizzate ai sensi della Convenzione di Ginevra.

Diversi manifestanti sono riusciti a condividere le loro storie con i giornalisti. Ye Myint, un residente ventisettenne di Sanchuang, ha ricordato come hanno agito durante lo scontro con la polizia:

Our tactic now is simple: If they shoot, we run. Then we reassemble.

La nostra tattica ora è semplice: se sparano, scappiamo. Dopodiché ci riuniamo.

Un'altra manifestante ha descritto la sua esperienza durante una breve detenzione:

I hid my phone before entering the transport vehicle and posted on my Facebook that I was arrested, so my folks would see it. Upon arrival, men were sent directly into the cells and women were detained in a lecture room next door. Then the policewomen searched us again, and my phone was taken away.

We were also interrogated by soldiers the next day. They took photographs of us from the front and both sides, like you see in the movies.

Ho nascosto il mio telefono prima di entrare nel veicolo e ho pubblicato sul mio Facebook che sono stata arrestata, in modo che la mia gente lo vedesse. All'arrivo, gli uomini sono stati mandati direttamente nelle celle e le donne sono state detenute in una sala conferenze accanto. Poi le poliziotte ci hanno perquisito di nuovo, e il mio telefono è stato portato via.

Il giorno successivo siamo stati interrogati anche dai soldati. Ci hanno scattato foto dalla parte frontale e da entrambi i lati, come si vede nei film.

Furono presto rilasciati con un avvertimento che sarebbero stati accusati se avessero continuato a partecipare alle proteste.

Al funerale di una giovane martire manifestante hanno partecipato migliaia di ammiratori:

Persone in lutto partecipano al funerale della diciannovenne Kyal Sin, ucciso durante le proteste anti-golpe a Mandalay. Conosciuta come “Angelo”, era una dei milioni che si sono uniti alle proteste in tutto il Myanmar dopo che i militari hanno preso il potere e hanno spodestato Aung San Suu Kyi e altri leader eletti.

I residenti hanno violato il coprifuoco e hanno acceso candele per i manifestanti caduti:

Dopo aver affrontato una repressione molto brutale e violenta da parte della giunta terrorista oggi, la gente a North Oakkala ha sfidato il coprifuoco ed è uscita ad accendere candele per rendere omaggio ai martiri caduti.

La morte dei manifestanti ha incoraggiato i compagni attivisti a continuare a lottare per la democrazia:

È stata una lunga giornata. I miei occhi si gonfiano, il mio cuore soffre ancora perché abbiamo perso giovani anime innocenti, ma alla fine della giornata, mi chiedo: “Abbiamo opzioni?” E devo asciugare le lacrime e tornare in strada domani.

Il 6 e il 7 marzo sono stati condotti raid notturni e arresti. Tra gli arrestati c'era il padre di un funzionario eletto:

My father was beaten up while he was being taken away. The soldiers and police destroyed our father’s house.

Mio padre è stato picchiato mentre veniva portato via. I soldati e la polizia hanno distrutto la casa di nostro padre.

Un giornalista di Frontier ha espresso ammirazione per i manifestanti:

Over these few days, I developed a deep admiration for these young protesters. Not just because of their bravery, but also because of their skill; each day, as they gained more experience, their tactics improved. The police simply couldn’t crush them; each time they advanced, the protesters melted away. If the police withdrew, they returned to the same spot; if the police stayed, the protesters simply moved to a new location. They used social media to study the situation and work out where they should go next.

In questi giorni, ho provato una profonda ammirazione per questi giovani manifestanti. Non solo per il loro coraggio, ma anche per la loro abilità; Ogni giorno, man mano che acquisivano più esperienza, le loro tattiche miglioravano. La polizia semplicemente non riusciva a combatterli; ogni volta che avanzavano, i manifestanti si scioglievano. Se la polizia si ritirava, essi tornavano nello stesso punto; se la polizia rimaneva, i manifestanti si spostavano semplicemente in un altro luogo. Hanno usato i social media per studiare la situazione e capire dove andare successivamente.

Kyaw Zwa Moe di Irrawaddy ha riconosciuto la volontà di combattimento dei giovani manifestanti:

…they are so determined to see the death of the military dictatorship, there is simply no way their movement can die. Their determination to annihilate the mighty and cruel military dictatorship knows no bounds. The only conceivable outcome is victory.

…sono così determinati a vedere la fine della dittatura militare, che il loro movimento non può morire. La loro determinazione ad annientare la potente e crudele dittatura militare non conosce limiti. L'unico risultato concepibile è la vittoria.

*Con ulteriori reportage dal progetto Civic Media Observatory di Global Voices

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.