chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Autrice guianese-americana celebra l'identità caraibica in nuovo libro sull'alfabeto

Pagine del primo libro di Stephanie L. Blair, "Sadie's Caribbean Alphabet" ("L'alfabetiere caraibico di Sadie"); foto per gentile concessione dell'autrice, usata con autorizzazione.

Pagine del primo libro di Stephanie L. Blair, “Sadie's Caribbean Alphabet” (“L'alfabetiere caraibico di Sadie”); foto per gentile concessione dell'autrice, usata con autorizzazione.

Tre mesi dopo che l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] la COVID-19 una pandemia, Stephanie L. Blair, guianese[it] americana di prima generazione, ha ideato Sadie's Caribbean Alphabet (“L'alfabetiere caraibico di Sadie”), un libro per tutti quei bambini che normalmente non si vedono rappresentati nella letteratura mainstream.

Durante la convalescenza dopo un intervento, Blair, assistente amministrativa in uno studio legale di New York con una laurea in Linguistica, aveva abbastanza tempo libero da poter mettere mano alla sua idea. Quando si è convinta del suo potenziale, ha unito le forze con l'illustratore originario di Santa Lucia Herman Collymore per dare vita al libro illustrato.

Ho incontrato Blair, che conoscevo da bambina quando eravamo entrambe parte dello stesso gruppo locale caraibico-americano, per parlare del suo nuovo ruolo di autrice. Da anni, mi ha detto, sognava di scrivere un testo teatrale o un romanzo. Scriveva sempre delle bozze e le inviava alla sua migliore amica, la quale le aveva regalato anni prima un libro di drammaturgia per il compleanno, soltanto per avere un suo parere. Tuttavia, niente di quello che scriveva le sembrava mai giusto. Lo sentiva forzato o senza senso.

Ha cominciato a notare, ogni qualvolta che si ritrovava a compare libri per i bambini nella sua vita, che non ci fossero storie che riguardassero l'esperienza caraibico-americana. Nel giugno 2020 ha detto alla sua migliore amica, “Penso che scriverò un libro per bambini.” Ha sviluppato l'dea e il resto, come si usa dire, è storia.

L'autrice guianese-americana Stephanie L. Blair. For per gentile concessione dell'autrice, usata con autorizzazione.

L'autrice guianese-americana Stephanie L. Blair. For per gentile concessione dell'autrice, usata con autorizzazione.

Atiba Rogers (AR): Hai annunciato il lancio del libro in un post Facebook con la descrizione: ‘Quando ho cominciato a lavorarci su, sapevo di dover cogliere una parte di quello che avrei voluto vedere da bambina. Allora non c'erano libri per bambini con il mio aspetto, con la mia pelle color cioccolata, e che condividessero la mia cultura.’ Da giovane ragazza di origini afro-caraibiche, come hai affrontato la cosa?

Stephanie Blair (SB): Growing up in Brooklyn, you don't cope with pressure—you desensitize yourself and learn to do what you have to do. In America, immigrants don't have time to deal with their feelings because of the predominant stereotypes they face every day.

Some people think foreigners are poor, lack education, or pose a certain kind of threat. As a Guyanese-American, I'm judged because I'm American, I'm judged because I'm Guyanese, and I'm judged because I'm black. It's threefold for me.

[The alienation] was from different angles. I didn't see shows that represented Caribbean and/or Caribbean-American children and families. Back then, people weren't as well-versed in [the culture of] Caribbean families as they are now.

Stephanie Blair (SB): Se cresci a Brooklyn non riesci a gestire la pressione; ti desensibilizzi e basta e impari a fare quello che devi fare. Negli Stati Uniti, gli immigrati non hanno tempo di metabolizzare i propri sentimenti a causa dei preponderanti stereotipi con cui devono fare i conti ogni giorno.

Alcune persone pensano che gli stranieri siano poveri, che non abbiano un'istruzione o che siano una qualche tipo di minaccia. Da guianese-americana, vengo giudicata perché sono americana, perché sono guianese e perché sono nera. Un giudizio triplice per me.

[L'alienazione] arrivava da più fronti. Non c'erano programmi televisivi con famiglie o bambini caraibici o caraibico-americani. Allora le persone non erano molto ferrate sulla [cultura delle] famiglie caraibiche come lo sono oggi.

AR: Com'è stato crescere nella tua famiglia? In quanto parte della diaspora caraibica, la tua famiglia si è dovuta assimilare alla società americana? Trovi difficoltà a interfacciarti con persone caraibiche che ti vedono in un'ottica americanizzata?

SB:  It was instilled in me to know what my roots are. My family has assimilated to American society in certain ways. I don't struggle with it at all. Caribbean people are constantly pushing forward to build a better life for themselves and their families. They've built a very tough exterior and desensitized themselves from worrying about small talk [and] what people think about them.

SB: Mi è stata inculcata l'importanza di conoscere le mie radici. La mia famiglia si è assimilata alla società americana per certi versi e no, non ho alcun problema. Il popolo caraibico tenta sempre di costruire una vita migliore per sé stessi e le proprie famiglie. Si sono creati una corazza esterna e si sono desensibilizzati dalle preoccupazioni per i convenevoli e per quello che pensa la gente.

AR: Sentivi di dover competere tra l'essere afroamericana e caraibica? Se sì, cosa ti ha spinto a scegliere di scrivere per i giovani caraibici e afroamericani?

SB: What made me [choose to] write for Caribbean youth is my own personal experiences. I was looking for literature for my little cousins, goddaughter, and godson. I noticed how scarce and inaccessible Black children's literature was, compared to other fictional children's books.

It’s hard for me to put a label on myself. Americans view American-born children from Caribbean parents as Caribbean children, and Caribbean people view children who are born in the United States as Americans, [yet] they constantly say to them, ‘You are Caribbean.’ This is my first book and there is more to come’ [perhaps categorised] under Caribbean and African-American writing.

SB: Quel che mi ha portato a [scegliere di] scrivere per i giovani caraibici è la mia esperienza personale. Cercavo dei libri per i miei cuginetti e figliocci, e ho notato quanto fosse scarsa e inaccessibile la letteratura per bambini neri in confronto ad altri generi di libri per bambini.

Mi risulta difficile etichettarmi. Gli americani vedono i bambini con genitori caraibici nati negli Stati Uniti come bambini caraibici, mentre il popolo caraibico vede i bambini nati negli Stati Uniti come americani, [eppure] dicono sempre loro, “Siete caraibici.” Questo è il mio primo libro e ce ne sono altri all'orizzonte, [probabilmente sotto la categoria] di scrittura caraibica e afroamericana.

Copertina di "Sadie's Caribbean Alphabet" ("L'alfabetiere caraibico di Sadie"), scritto per bambini fino ai sei anni. Foto per gentile concessione di Stephanie L. Blair, usata con autorizzazione.

Copertina di “Sadie's Caribbean Alphabet” (“L'alfabetiere caraibico di Sadie”), scritto per bambini fino ai sei anni. Foto per gentile concessione di Stephanie L. Blair, usata con autorizzazione.

AR: In che modo Sadie's Caribbean Alphabet rappresenta quel che significa essere caraibici?

 SB: The book [captures] what it means to be a Caribbean-American [with] strong connections to your Caribbean roots and Caribbean family living abroad. This alphabet shares its Caribbean food, sports, spices, music, and landmarks with the world.

SB:Il libro [coglie] quel che significa essere caraibico-americani [con] una forte connessione con le proprie radici caraibiche e con la famiglia caraibica che vive all'estero. Questo alfabetiere condivide il suo cibo, il suo sport, le sue spezie, la sua musica e i suoi monumenti caraibici con il mondo.

AR: Ritieni che scegliere di parlare di persone caraibiche potrebbe creare divisioni con gli africani e afroamericani? 

SB: How people from different cultures view my work has crossed my mind, and I hope the response is positive. I didn't think [my approach] divisive. Some people will view it as that, but I can't live to please everybody and I don't think that I can truly write about African culture—I have an understanding of it, but I haven't lived in it. If I were to write an African-American story, someone will say, ‘Oh, she's from a Guyanese background, how can she write about the African-American [experience]?’ People will always have something to say.

Some Caribbean people can be very judgmental and there's always a back and forth about, well … Guyanese are not Caribbean, they're South American.

SB: Ho pensato a come persone di altre culture possano ricevere il mio lavoro, e spero che la risposta sia positiva. Non credevo che [il mio approccio] fosse divisivo. Alcuni la penseranno così, ma non posso vivere per accontentare tutti e non penso neanche di poter scrivere sulla cultura africana; in parte la comprendo, ma non l'ho vissuta in prima persona. Se scrivessi una storia afroamericana, alcuni direbbero, ‘Oh, è di origini guianesi, come può scrivere dell'esperienza afroamericana?’ La gente ha sempre qualcosa da ridire.

Alcune persone caraibiche sanno essere davvero critiche e c'è sempre una discussione su come, bè…i guianesi non siano caraibici, ma sudamericani.

GV: Ti definiresti una scrittrice nera? 

SB: Honestly, it's hard for me to put a label on myself because I've never done that. I'm just Stephanie. But if I had to, I'd say I'm a Black Guyanese-American author.

SB: Sinceramente mi risulta difficile etichettarmi, perché non l'ho mai fatto. Sono semplicemente Stephanie. Ma se dovessi farlo, direi di essere una scrittrice nera guianese-americana.

AR: Hai qualcosa da dire ai bambini che vengono visti come diversi?

SB: You are beautifully crafted by a higher power to stand out. Don't be afraid of who you are. Your uniqueness is your superpower.

Producing Caribbean literature is one of my goals because I attended schools throughout my youth where children and families differed from me culturally, linguistically, and physically. Even though the United States of America is a melting pot, if you don’t live in a state that has a large population of people from a country you or your family are from … chances are you won’t be too open about your culture.

SB: Siete stati perfettamente creati da un potere superiore per spiccare tra la folla. Non abbiate paura di chi siete. Ciò che vi rende unici è il vostro superpotere.

Produrre letteratura caraibica è uno dei miei obiettivi, perché ho frequentato scuole in gioventù dove i bambini e le famiglie erano diversi da me culturalmente, linguisticamente e fisicamente. Sebbene gli Stati Uniti d'America siano un miscuglio, se non vivi in uno stato con un gran numero di persone che provengono dallo stesso paese da cui provenite tu e la tua famiglia…è probabile che non sarai molto aperto riguardo alla tua cultura.

AR: Quali sono state le reazioni al libro e cosa speri di ottenere? 

SB: [I want to] connect with Caribbean families all across the world through literature. While having a successful career is nice, producing relatable Caribbean literature is my goal.

I've received a lot of positive feedback from educators, friends, family and of course, all the kiddies. One parent asked me if I would be turning this book into a series and it has definitely crossed my mind. We shall see what happens in the future.

SB: [Voglio] creare una connessione con famiglie caraibiche di tutto il mondo attraverso la letteratura. Sebbene faccia piacere avere una carriera di successo, il mio obiettivo è produrre letteratura caraibica con cui ci si possa identificare.

Ho ricevuto risposte positive da educatori, amici, familiari e, ovviamente, da molti bambini. Un genitore mi ha chiesto se il libro diventerà una serie e devo dire che ci ho pensato. Vedremo cosa succederà in futuro.

Il libro di Blair è stato autopubblicato.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.