chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Dopo il divieto sull'ananas, Taiwan definisce come ‘un vecchio trucco’ la nuova offerta di investimento agricolo di Pechino

Taiwan ha abilità speciali nella coltivazione di mele cerate. Cattura dello schermo dall'emittente pubblica taiwanese PTS.

Dopo aver vietato [it] l'importazione di ananas da Taiwan il 26 febbraio, Pechino ha ora offerto incentivi ai settori dell'agricoltura e della silvicoltura Taiwanesi per investire nel turismo rurale e piantare colture commerciali di fascia alta come tè, frutta e fiori attraverso lo stretto in Cina.

Il 17 marzo Pechino ha annunciato 22 misure che includevano l'accesso all'uso di terreni agricoli e forestali in Cina per le aziende agricole taiwanesi. Il pacchetto include anche sostegno finanziario, sussidi economici e sostegno infrastrutturale per i loro investimenti in Cina.

In risposta a un'offerta così favorevole, tuttavia, il Ministero degli Affari Esteri di Taiwan ha affermato che si trattava di un trucco [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]:

 #Pechino ha appena svelato 22 misure per attrarre #Taiwan investimenti nello sviluppo dell'agricoltura avanzata della Cina. Hanno bandito il nostro #FreedomPineapple, ora pensano di poter sradicare il nostro settore agricolo. Vi suona familiare? Questo vecchio trucco non ci ingannerà. Non siamo né stupidi né pazzi. JW

Il parlamentare taiwanese Chen Ting-fei ha affermato che le misure sono “un dolce veleno” [zh] volte a rubare le capacità, le tecnologie e l'esperienza agricola avanzate di Taiwan. Un altro legislatore, Lai, Jui-Lung, ha accusato la Cina di usare le tattiche “nutrire, intrappolare e uccidere” per conquistare il mercato agricolo estero di Taiwan.

In risposta alle preoccupazioni, il Consiglio dell'agricoltura di Taiwan (COA) ha dichiarato  che presenterà un progetto di emendamento alla legge sulle varietà vegetali e sui semi di piante entro giugno per prevenire il deflusso di frutti, cultivar e tecnologie agricole endemiche in Cina

L'improvviso divieto di importazione da parte di Pechino di ananas taiwanesi alla fine di febbraio ha costretto molti a riflettere sulla politica agricola di Taiwan.

Il professor Chen Shih-shiung, presidente dell'Associazione per la promozione dell'agricoltura biologica di Taiwan, ha detto [zh] a un giornalista del Liberty Times che negli ultimi tre decenni, in particolare, durante il periodo tra il 2008 e il 2016, quando Ma Ying-jeou del Kuomintang era nell'ufficio presidenziale , Il settore agricolo di Taiwan ha trasferito più di 2.500 specie di prodotti agricoli, tra cui frutta, fiori, 800 tecnologie agricole brevettate e competenze di agricoltura e acquacoltura, nella provincia cinese del Fujian. Un simile trasferimento di competenze e tecnologie di piantagione si è verificato anche in altre province cinesi e alla fine la Cina ha rilevato l'esportazione agricola di Taiwan in mercati esteri come il Giappone.

Dopo che Ma è entrato in carica nel 2008, ha promosso una più stretta cooperazione economica con la Cina. Prima che Taiwan firmasse il Cross-Straits Economic Cooperation Framework Agreement nel 2010, gli esperti del settore agricolo avevano già predetto il suo impatto negativo sul settore. Ad esempio, il professor Yang Ping-shih, ex preside del College of Bioresources and Agriculture dell'Università nazionale di Taiwan, predisse che l'accordo avrebbe aumentato il deficit commerciale tra Taiwan e la Cina, poiché i costi della terra e del lavoro in Cina erano molto più economici.

Yang ha citato come esempio il trasferimento delle competenze di acquacoltura di anguille e ha sottolineato che la Cina aveva battuto Taiwan 10 anni dopo che i pescatori di Taiwan avevano iniziato a investire nell'acquacoltura di anguille nella Cina continentale all'inizio del 1990. Nel 2008, Taiwan aveva importato anguille per un valore di 760.000 dollari dalla Cina, mentre le sue esportazioni verso la Cina nello stesso anno erano scese a zero.

La storia dell'acquacoltura dell'anguilla si è ripetuta negli ultimi dieci anni. Chang Chin-I, vicedirettore dell'Istituto di ricerca sulla pesca, ha affermato [zh] che dopo aver trascorso un decennio di ricerca sulle cernie giganti, l'istituto è finalmente riuscito ad allevare la specie nel 1997.  Tuttavia, nel 2008, il governo ha consentito al settore dell'acquacoltura di Taiwan di investire in allevamenti di cernie giganti in Cina e nel 2012 la produzione cinese delle nuove specie di cernie aveva superato Taiwan e dominava il mercato.

Negli ultimi due decenni, le abilità taiwanesi nella coltivazione di ananas dorato, guava gialla, mele cerate, mele zuccherate, manghi e orchidee farfalla sono state trasferite anche alla Cina continentale e alla fine la versione cinese della frutta e della flora ha invaso il mercato a prezzi molto più convenienti.

In tale contesto, sebbene le 22 misure coprano un'ampia gamma di vantaggi per attirare le aziende agricole taiwanesi ad espandere i loro investimenti nella Cina continentale, il settore rimane cauto. Huang Wen-hong, un uomo d'affari taiwanese che ha avuto l'esperienza di gestire una fattoria nel Fujian, ha detto al News Market dei media online indipendenti di essere scettico sulla politica di Pechino,

It is true that the Chinese government will give you a huge piece of land, but you have to invest a big sum of money to improve the land quality. Then they will learn your skill and you will soon lose your value … they could change its policy whenever they feel like. They could make up excuses to take back the land or even cut your water and electricity supply.

È vero che il governo cinese ti darà un enorme pezzo di terra, ma c'è da investire una grossa somma di denaro per migliorare la qualità della terra. Poi impareranno il tuo metodo e presto perderai il tuo valore … potrebbero cambiare le regole ogni volta che ne avrebbero voglia. Potrebbero inventare scuse per riprendersi la terra o addirittura tagliare la fornitura di acqua ed elettricità.

Poiché il governo taiwanese ha iniziato a rafforzare la sua legge contro il deflusso di prodotti e tecnologie agricole endemiche verso la Cina, sembra che il settore agricolo taiwanese ridurrà probabilmente la sua dipendenza dal mercato cinese e diversificherà il suo mercato estero.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.