chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Dopo quasi 50 anni dalla morte di Franco, la destra estrema fa il suo ritorno a Madrid

Santiago Abascal, Presidente di Vox, nel 2019. Flickr (CC BY-SA 2.0)

Dal 4 maggio, il partito di estrema destra Vox [it] potrebbe avere un seggio al tavolo per governare la regione della capitale della Spagna. Vox, la cui retorica è sciovinista, euroscettica e xenofobica, sta guadagnando terreno in Spagna fin dal 2018. Adesso, circa cinque decenni dopo la morte di Franco, la destra estrema potrebbe tornare al potere in Spagna.

Vox è diventata un'ineluttabile forza politica in Spagna. Oggi, il partito rappresenta il 15% del parlamento, il che significa che diversi governi regionali dipendono dal suo supporto. Loro potrebbero unirsi in un governo di coalizione con i conservatori nella regione di Madrid, è ciò avrebbe un grande valore simbolico.

Fin dal 2019, la regione di Madrid è stata governata dal conservatore Partido Popular [it] (PP) e dall'indefinibile Ciudadanos [it] (in origine social-democratico, è in seguito diventato di centro-destra, sempre unionista). Inoltre, Ciudadanos si sta dissolvendo lentamente come uno zuccherino fin dal 2019 e il governatore della regione di Madrid Isabel Díaz-Ayuso (PP) ha richiesto le elezioni anticipate [es] per il 4 maggio e ha espulso Ciudadanos dal suo governo. È certa che il suo partito, il PP, assorbirà i voti di Ciudadanos. Tuttavia, Vox probabilmente conserverà la sua quota di voti, e il PP alla fine potrebbe aver bisogno del supporto di Vox per formare un governo. Vox quindi potrebbe entrare a far parte di una nuova coalizione governando Madrid.

Il primo successo di Vox sono state le elezioni regionali in Andalusia a dicembre 2018, dove ottennero l'11% dei voti. Un anno dopo, alle elezioni generali spagnole del novembre 2019, Vox è volato al terzo posto con 3,6 milioni di voti e 52 deputati in parlamento.

Vox, una reazione al movimento indipendentista catalano?

Virtualmente inesistente due anni prima, il populismo estremo di destra stava improvvisamente facendo capolino dall'insoddisfazione diffusa generata dalla situazione politica in Catalogna, dove il sentimento separatista crebbe notevolmente attorno al 2010. In un plebiscito non ufficiale ad ottobre 2017, due milioni di catalani espressero il loro desiderio di creare uno stato indipendente; I leader della campagna scissionista si trovano in prigione per insurrezione o sono fuggiti dal paese.

Molti spagnoli fuori dalla Catalogna pensano che il governo centrale spagnolo sia stato incapace e/o eccessivamente indulgente con le autorità catalane, in modo particolare prima del plebiscito. Le critiche erano rivolte ai  due partiti principali e ai loro leader, Mariano Rajoy (PP) e Pedro Sánchez (PSOE), primi ministri prima e dopo giugno 2018. Vox emerse della frustrazione causata dal modo in cui questi partiti avevano gestito la situazione, e alcune persone trovarono rifugio nello sciovinismo di Vox.

Mentre la Catalogna qualche volta appare legata alla Spagna da un capello, la ricentralizzazione pare che stia guadagnando terreno da qualche altra parte nel paese. Secondo il Centro ufficiale di ricerca sociologica [es], a dicembre 2018, 3 spagnoli su 10 volevano un sistema interamente centralizzato o un sistema in cui le regioni avessero meno potere di quello che hanno al momento. Vox sta sfruttando al meglio questa posizione rinvigorendosi. Nella stessa Catalogna, alcuni votanti anti-indipendentismo si sono avvicinati a Vox. Alle elezioni catalane [en] di febbraio 2021, Vox ha ottenuto il 7,7% dei voti diventando il quarto partito nel parlamento catalano.

Un ideologia di nostalgia, nativismo e xenofobia

Mentre la situazione in Catalogna potrebbe innescare la comparsa di Vox, il programma del partito è molto più ampio. Il partito è un melting pot che combina la nostalgia di un immaginario passato glorioso della Spagna, un ripudio per il femminismo la cosiddetta cultura “woke”, l'euroscetticismo, un atteggiamento negativo verso le migrazioni e un amore per le corride. La politica socio-economica di Vox è volutamente vaga, con una dose di nativismo (“prima gli spagnoli”) e un supporto neoliberale per lo “small government”.

Fino ad oggi, voci influenti della destra spagnola parlano della dura coesistenza durata otto secoli (711-1492) dei Mori e dei regni cristiani come una “riconquista” delle terre da parte di questi ultimi. Durante la campagna nel 2019, Vox e il PP concorrevano nell'uso della parola “Riconquista” nei loro eventi per la campagna [es] nelle Asturie, a nord, e in Andalusia, a sud, che sono i due territori dove la riconquista presumibilmente sia rispettivamente cominciata e finita.

Vox si astiene da sostenere esplicitamente il Franchismo [it], tuttavia i leader del partito si riferiscono a Franco come “Il Generale”, e mai come “Il Dittatore”, e si sono sempre opposti a ogni tentativo di commemorazione, perché, loro sostengono, che la memoria storica va contro lo spirito di riconciliazione del dopo Franco. Con il supporto di Hitler e Mussolini, Franco architettò un colpo di stato contro il governo democratico nel 1936, e guidò il regime dittatoriale fino al 1975. Mezzo milione di persone morirono nella guerra civile [it] tra il 1936 e il 1939; 200,000 furono giustiziati nella retroguardia.

Mentre i portavoce di Vox insistono sul fatto che gli spagnoli non dovrebbero più parlare della Guerra civile e del Franchismo, si scagliano contro i politici di sinistra degli anni trenta. Trovando piacere nel diffamare le “13 Roses [en]”, un gruppo di donne comuniste e socialiste giustiziate dal plotone d'esecuzione a Madrid subito dopo la fine della guerra civile nel 1939. Ad ottobre 2020 il leader di Vox, Santiago Abascal, ha espresso [en] nel parlamento spagnolo che la coalizione di sinistra PSOE e gli Unidas Podemos sono stati il peggior governo che la Spagna abbia avuto negli ultimi 80 anni, il che significa che nella sua mente il governo democraticamente eletto è stato peggio della dittatura di Franco.

Relativamente fino a poco tempo fa, accanto al Portogallo, la Spagna era rimasta uno dei pochi posti in Europa dove la destra estrema non era riuscita a trovare il suo posto nelle politiche elettorali. Dopo le elezioni presidenziali in Portogallo [en] lo scorso gennaio, non esiste più l'eccezione iberica.

L'estrema destra è un nuovo vecchio pezzo sullo scacchiere politico spagnolo. E non sembra che stia andando da qualche parte. È questione di settimane e Vox potrebbe far parte del governo della regione di Madrid. Anche se non dovesse unirsi all'esecutivo, è probabile che il futuro politico di Madrid dipenderà da loro.

Koldo Casla è un docente del polo School of Law and Human Rights dell'Università dell'Essex, Regno Unito. Attualmente sta scrivendo un libro sulla politica spagnola.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.