chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Hong Kong sta per rendere obbligatoria la registrazione dei nomi reali per le schede SIM

Immagine di Andrey Metelev/Unsplash. L'utilizzo è gratuito.

Il 29 gennaio scorso, il governo di Hong Kong ha avviato una consultazione pubblica su una proposta di legge che renderebbe obbligatoria la registrazione dei nome reali delle schede mobili SIM.

Il sottosegretario di Hong Kong per la sicurezza, Sonny Au Chi-Kwong, ha detto in una conferenza stampa che il disegno di legge mira a frenare le truffe mobili e altri crimini, come il traffico di esseri umani e gli attacchi terroristici.

Il progetto di legge [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] obbliga tutti gli utenti di telefonia mobile di Hong Kong, compresi quelli con carte SIM prepagate, a fornire nome completo, data di nascita e una copia della loro carta d'identità al fornitore di servizi. Gli utenti commerciali di SIM prepagate dovrebbero registrarsi con una licenza commerciale.

Se la legge verrà approvata, le aziende di telefonia mobile avranno un termine di quattro mesi per creare un database con i dati dei loro abbonati. Saranno inoltre tenute a memorizzare i dati per almeno 12 mesi dopo la scadenza della carta.

Le forze dell'ordine avrebbero teoricamente bisogno di un mandato del tribunale per accedere al database, ma sarebbero in grado di aggirare tale requisito in “circostanze di emergenza” e con l'approvazione di un ufficiale con il grado di sovrintendente o di grado superiore.

Attualmente, ci sono 20,9 milioni di abbonamenti mobili attivi a Hong Kong, di cui circa 11,8 milioni sono utenti anonimi di carte SIM prepagate. Il resto sono contratti che richiedono già la registrazione. La popolazione di Hong Kong è di 7,5 milioni.

Durante le proteste anti-estradizione del 2019, molti manifestanti hanno utilizzato telefoni cellulari separati con schede SIM prepagate per proteggere le loro identità. Anche i visitatori d'oltremare a Hong Kong tendono a utilizzare carte prepagate.

Anche se il piano viene pubblicizzato come una consultazione pubblica, il Segretario per il Commercio e lo Sviluppo Economico Edward Yau ha già detto [zh] che “mantenere lo status quo non è un'opzione.”

Molti degli abitanti di Hongkon sono scettici sulla dichiarazione del governo secondo cui il disegno di legge mira a combattere il crimine:

In un passo significativamente più opprimente, il governo di HK sta cercando di introdurre la registrazione dei nome reali sulle schede SIM.
Dato l'indebolimento delle tutele di base sulla privacy da parte della NSL… Questo è un chiaro passo verso una maggiore sorveglianza sulle comunicazioni di massa.

Real name SIM registration is a another significant step down the path towards Mainland level authoritarian control in #HK. Hard to imagine won't have #GreatFirewall equivalent internet controls within a year or so followed by the #SocialCreditSystem. https://t.co/BC5M7eGqqy

— Matthew Chapple 南丫華哥 (@LammaMatthew) January 29, 2021

La registrazione del nome reale sulle SIM è un altro passo significativo lungo il percorso verso il controllo autoritario al livello Mainland anche a #HK. Difficile immaginare che non avrà controlli Internet equivalente al #GreatFirewall entro un anno o giù di lì seguito dal #SistemaCreditiSociali

La registrazione obbligatoria del nome reale per gli utenti di schede SIM in Cina è iniziata nel 2010 e da allora le autorità hanno gradualmente intensificato l'applicazione. Dal 2017, tutti i fornitori di servizi internet e le piattaforme Internet sono tenuti a verificare l'identità dei loro utenti da un altro insieme di regolamenti.

Macao, un'altra città sotto il modello One Country, Two Systems (Un paese due sistemi) ha anche introdotto la registrazione del nome reale degli utenti di telefonia mobile nel dicembre 2019 con l'entrata in vigore della legge sulla sicurezza informatica.

A Hong Kong, la nuova norma interesserebbe non solo i cittadini, ma anche i turisti e gli utenti cinesi del continente che utilizzano schede SIM prepagate per aggirare la censura su Internet tramite il roaming dati:

Molti attivisti cinesi del continente hanno già acquistato un cellulare prepagato con carte SIM, ora dovranno anche guardare altre strade.

Anche se molti Paesi hanno politiche simili, si può guardare oltre la frontiera per capire perché questo potrebbe essere dannoso per i diritti della gente.

Poiché le schede SIM estere sono esentate dalla registrazione, si prevede [zh] che molti hongkonghesi inizieranno a utilizzare i dati in roaming attraverso questi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.