chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il processo di esenzione di viaggio COVID-19 di Trinidad e Tobago potrebbe compromettere i diritti dei cittadini?

Passaporto non valido Trinidad e Tobago. Foto di Janine Mendes-Franco, usata previa autorizzazione.

Questa è la seconda parte di un post pubblicato in due parti. La prima parte può essere trovata qui [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione].

Da quando Trinidad e Tobago ha chiuso i suoi confini [it] a tutti tranne che ai suoi connazionali a mezzanotte del 17 marzo 2020, e poi anche ai propri cittadini dal 23 di Marzo, i connazionali hanno atteso il permesso di tornare a casa. Tuttavia, il processo di esenzione di viaggio mediante il quale vengono concesse le domande viene criticato per essere inefficiente, soprattutto perché a coloro che hanno presentato domanda nell'ambito del processo iniziale viene ora chiesto di presentare nuovamente la domanda con un sistema aggiornato.

Il ministro della sicurezza nazionale Stuart Young ha minimizzato la dura realtà che stanno ancora affrontando i cittadini bloccati all'estero, riferendosi a loro come “indemoniati, traditori e coloro che vogliono essere rilevanti”.

Nell'ottobre 2020, il membro del parlamento britannico Steven Baker ha fatto appello al governo di Trinidad e Tobago affinché rimpatriasse i suoi cittadini bloccati nel Regno Unito. La risposta del primo ministro Keith Rowley ha fatto riferimento a una questione completamente separata: quella del denaro rubato dal tesoro di Trinidad e Tobago, presumibilmente da un consulente legale britannico con l'assistenza di funzionari locali del partito di opposizione – e ha liquidato il deputato Baker come un “parlamentare britannico itinerante” il quale era stato convinto  dal partito all'opposizione, lo United National Congress, a sollevare la questione nel parlamento britannico. La risposta del primo ministro Rowley non ha delineato la strategia di esenzione del suo governo.

Kirsten Forkert, Professoressa di studi culturali presso la Birmingham School of Media, ha osservato che la pandemia della COVID-19 ha rivelato la disuguaglianza su scala globale, ma pensa “che sia un peccato che i paesi stiano utilizzando la pandemia per chiudere i confini e negare l'accesso all'assistenza sanitaria a coloro con uno status di immigrazione precaria e coloro che sono rimasti bloccati “. Ha aggiunto che la reazione di alcune testate giornalistiche nel diffamare le persone  bloccate all'estero “solleva seri interrogativi sul ruolo e la responsabilità dei media nella pandemia, in un momento in cui chiedere conto ai governi sarebbe molto più urgente”.

Stanno venendo imparate le lezioni?

Molti Trinidaniani che devono ancora essere rimpatriati se la prendono con la scarsa comunicazione del governo, il debole supporto tecnico e la mancanza di trasparenza per il loro trauma emotivo e finanziario.

Molti cercano consulenza legale nel tentativo di essere risarciti. Utilizzando un sistema di esenzione “imperfetto”contestano, Trinidad e Tobago ha violato i loro diritti umani. Tuttavia, gli avvocati locali hanno affermato che Trinidad e Tobago ha agito nel pieno dei suoi diritti, suggerendo che i cittadini bloccati non hanno una solida causa contro lo stato.

C'è qualche possibilità di ricorso?

Un avvocato con sede a Trinidad, che ha desiderato rimanere anonimo, ha affermato che il ricorso non è una questione semplice. La capacità del governo di regolamentare i confini, ha spiegato, “non è affatto in discussione, in quanto ha un diritto e un dovere assoluto di farlo”; resta tuttavia da discutere se l'esercizio di tale potere si intersechi con i diritti dei cittadini.

Sebbene la legge sull'immigrazione del paese stabilisca che l'ingresso può essere negato a determinate persone, comprese quelle “afflitte da infezioni o da malattie infettive o pericolose”, i cittadini e i residenti il cui status legale non è stato revocato sono espressamente esentati da questi divieti.

“Di conseguenza”, dice l'avvocato, “i cittadini hanno il diritto di ingresso. La domanda a cui rispondere qui è se il sistema di esenzione del governo costituisca una negazione di tale diritto o se il sistema sia di natura così intrinsecamente proibitiva da limitare in modo significativo la capacità dei cittadini e dei residenti di esercitare il loro diritto di ingresso “.

Mentre ha notato che la Sezione 4 (1) della Legge sulla quarantena conferisce al Ministro della Salute il potere di “regolamentare l'intera Trinidad e Tobago o parti di essa per la prevenzione di pericoli per la salute pubblica causati da navi, aeromobili o persone o cose in essi contenute, ”Non è chiaro se tali poteri si estendano al divieto di ingresso dei cittadini e dei residenti legali.

E i diritti?

Devono essere considerati anche i diritti costituzionali, ha spiegato l'avvocato, in particolare i diritti alla fruizione della proprietà, la parità di trattamento da parte di qualsiasi autorità pubblica nell'esercizio di qualsiasi funzione e la libertà di movimento. L'avvocato aggiunge: “La saggezza tradizionale (supportata dalla giurisprudenza) suggerisce che questo si riferisce al movimento all'interno dei confini; tuttavia, vale la pena dare un'altra occhiata. “

La questione della “parità di trattamento” è stata sollevata per quanto riguarda la concessione di esenzioni. L'avvocato ha osservato, tuttavia, che mentre questa è una preoccupazione valida, l'onere della prova per sollevare una tale sfida è “particolarmente oneroso.”

Per quanto riguarda la questione dell'assistenza sanitaria, ha aggiunto, “i cittadini con condizioni di sussistenza o qualcuno che è stato esposto al virus COVID-19 e ha bisogno di assistenza sanitaria si affideranno ai servizi governativi a cui pagano le tasse da anni. Può il governo, in virtù della sua politica, negare l'accesso all'assistenza sanitaria ai propri cittadini e, in caso affermativo, a quale autorità pubblica deve rivolgersi un cittadino di Trinidad e Tobago fuori dai confini? “

L'avvocato era a conoscenza delle contestazioni legali in corso durante il processo di rientro. Con il tempo, dice, dovrebbero “portare un po ‘di chiarezza”, ma al momento, non si può predire che cosa succederà.

Nel frattempo, migliaia di cittadini di Trinidad e Tobago continuano ad aspettare.

Rachel-Ann Charles è docente presso la Birmingham City University, School of Media nel Regno Unito.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.