chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In Perù le giovani indigene cantano rap contro la violenza sessuale

Screenshot del video “Warmallan amaraq mamaqa” (Bambine, non madri). Video di Kusi Kawsay pubblicato su YouTube.

In occasione della Giornata internazionale della donna indigena [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], che si celebra ogni anno il 5 settembre, studentesse dell’istituto Kusi Kawsay hanno realizzato un video musicale rap il cui titolo è l'hashtag in lingua quechua #WarmallanAmaraqMamaqa (“Bambine, non madri”). Il loro obiettivo è:

[…] exigir la protección a sus derechos y que las niñas víctimas de violación sexual puedan acceder sin discriminación a Kits de Emergencia y al aborto terapéutico.

[…] esigere che i propri diritti vengano difesi e che le bambine vittime di violenza sessuale possano accedere senza subire discriminazioni a servizi di emergenza e aborto terapeutico.

Si può trovare il video completo, pubblicato il 6 settembre, sull'account Twitter della scuola Kusi Kawsay e su YouTube. Le giovani cantano musica rap in spagnolo e quechua.

Il video della campagna #WarmallanAmaraqMamaqa delle giovani di Kusi Kawsay. Chiediamo che i diritti delle bambine delle aree rurali e indigene siano rispettati.

Il testo, che include versi come “metto la paura in evidenza”, “sminuire le donne, parte della colonizzazione” e “mai in silenzio”, è stato scritto da Elizangela, un'adolescente di 13 anni:

1 / 7 Testo rap scritto da Elizangela, 13 anni: Campagna giovanile di #WarmallanAmaraqMamaqa (#BambineNonMadri in quechua). Questo video è stato creato da giovani della scuola Kusi Kawsay per chiedere la salvaguardia delle bambine delle aree rurali e indigene. Prestate attenzione! ✊🏾

Le giovani sono studentesse dell'istituto educativo non a scopo di lucro Kusi Kawsay. Questa scuola si trova nel distretto di Písac [it], nella regione di Cusco, a poco meno di 3000 metri sopra il livello del mare, ed è finalizzata all'educazione di minori indigeni delle comunità locali.

Nel loro sito web menzionano la loro filosofia educativa, che include elementi della pedagogia Waldorf [it], che si propone di sviluppare le abilità intellettive, artistiche e pratiche degli alunni con metodi olistici:

La filosofía educativa de Kusi Kawsay está basada en la tradición andina a lo cual ha integrado algunos elementos de la pedagogía Waldorf. Actualmente atiende a un estimado de 95 niñas y niños del Valle Sagrado de los Incas en Pisac, Cusco. Actualmente cuenta con tres niveles: inicial, primario y secundario.

La filosofia educativa di Kusi Kawsay si basa sulla tradizione andina a cui abbiamo integrato alcuni elementi della pedagogia Waldorf. Attualmente si stima che frequentino la nostra scuola 95 bambine e bambini della Valle sacra degli Incas a Pisac, Cusco. Attualmente prevede tre livelli: introduttivo, primario e secondario.

Nel testo della canzone vengono menzionate 700 denunce di stupro di bambine durante il periodo di isolamento per la COVID-19. Sulla base dei dati del Programma nazionale Aurora del Ministero delle donne e delle popolazioni vulnerabili, risultano interventi per 6072 casi di violenza contro minori di 17 anni tra il 16 marzo e il 31 agosto (il periodo di isolamento sociale per la pandemia della COVID-19).

Immagine del Ministero delle donne e delle popolazioni vulnerabili del Perù, pubblico dominio.

Nello stesso rapporto si aggiunge che è stato registrato che il 16,2 % dei minori è stato vittima di violenza sessuale, di questi il 92,9 % sono bambine e il 7,1 % bambini. La regione di Cusco è la terza a livello nazionale per numero di violenze sessuali contro i minori, con il 9,7% di tutti i casi segnalati.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.