chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Le autorità di Hong Kong prendono il sopravvento sull’emittente pubblica RTHK

La produttrice freelance della RTHK, Bao Choy, parla con i giornalisti davanti a un tribunale il 10 novembre. La donna rischia di essere accusata ai sensi della Road Traffic Ordinance di Hong Kong in un caso apparentemente motivato politicamente. I manifestanti hanno cantato “il giornalismo non è un crimine”. Immagine dal notiziario dello stand. Usata dietro permesso.

Il post seguente è stato scritto da Rachel Wong e originariamente pubblicato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]su Hong Kong Free Press (HKFP) l’11 novembre 2020. Questa versione modificata è pubblicata su Global Voices come parte di un accordo sulla condivisione dei contenuti.

L’emittente di Hong Kong

Kong Radio Television Hong Kong (RTHK), finanziata dal governo, è di nuovo sotto attacco.

La scorsa settimana, la polizia ha arrestato la produttrice televisiva freelance Bao Choy Yuk-ling, accusandola di aver dichiarato il falso  per ottenere informazioni riguardo i proprietari di una macchina, affermando che stava violando Ordinanza sulla circolazione stradale di Hong Kong. Choy aveva ottenuto le informazioni durante il suo reportage per il documentario “7.21: Who Owns the Truth,” (7.21: chi detiene la verità) andato in onda durante il programma Hong Kong Connection.

Il documentario indaga su quegli individui potenzialmente coinvolti nell’aggressione di Yuen Long del 2019, durante la quale una folla di oltre 100 uomini a favore di Pechino ha preso d’assalto la stazione della metro di Yuen Long con barre e canne d’acciaio, attaccando i protestanti di ritorno da una manifestazione anti estradizione. L’incidente ha provocato 45 feriti, tra i quali giornalisti e pendolari, ed è diventato uno degli eventi più famosi tra le annuali proteste ad Hong Kong.

Grazie ai filmati di sorveglianza dell’area circostante, i produttori del documentario sono stati in grado di rintracciare i proprietari legali delle macchine che hanno condotto gli aggressori a Yuen Long.

I reporter di Hong Kong per anni hanno utilizzato i registri di targhe automobilistiche per i loro reportage per i media di diversi gruppi politici. Choy è il primo ad essere arrestato per questa pratica. Se dichiarata colpevole, dovrebbe far fronte ad una multa di HK$ 5,000 (circa 544 euro) e una detenzione di 6 mesi.

Choy, apparsa in tribunale il 10 di novembre, ha raccontato ai reporter che il suo caso non è più qualcosa di personale ma è legato all’interesse pubblico e alla libertà di stampa. Decine di membri dei media si sono riuniti fuori dal tribunale per mostrare il loro sostegno. Il suo caso è stato rinviato a gennaio mentre rimane libera su cauzione.

Ma questa non è stata l’unica volta che il governo ha preso provvedimenti nei confronti di RTHK, che in teoria gode di indipendenza editoriale nonostante riceva fondi pubblici e le sia in teoria permesso di trattare argomenti politicamente sensibili.

Tra i vari disordini politici avvenuti da quando il movimento pro-democrazia è esploso l’anno scorso e la legge sulla sicurezza nazionale è stata varata a luglio, l’emittente pubblica si è ritrovata sotto attacco in vari da diversi ambienti, mentre il governo sembra stringere la sua presa. Di seguito, una lista di alcuni degli ultimi sviluppi.

Il personale della RTHK deve garantire la fedeltà

La maggior parte del personale della RTHK è impiegato a condizioni di servizio civile. Il governo ha deciso che tutti coloro che si sono uniti al servizio civile dal o dopo il primo luglio, quando la legge sulla sicurezza nazionale è stata varata, devono giurare fedeltà alla Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong e promettere di sostenere la sua costituzione nota come Legge Fondamentale.

Oltre ai nuovi arrivati, il requisito si applica anche a coloro che sono già membri del personale il cui impiego è confermato alla fine del periodo di prova, quando il contratto è rinnovato, o quando ricevono una promozione.

Ci si chiede se l'emittente pubblica possa rimanere imparziale nelle sue comunicazioni dopo che il personale è stato costretto a giurare fedeltà al governo.

Il sostituto ad interim si dimette, adducendo motivi di salute

Il pubblico ha anche alzato le sopracciglia quando la vicedirettrice della trasmissione Kirindi Chan si è dimessa a giugno dopo meno di un anno di servizio, adducendo motivi personali e di salute.

A quel tempo, l'emittente è stata criticata per aver trasmesso un programma di 20 episodi riguardo la legge sulla sicurezza nazionale, percepito come solidale con Pechino. Il programma ha partecipato a una richiesta diretta del comitato consultivo nominato dal governo di RTKH, che ha incaricato l'emittente di alleviare le preoccupazioni dell'opinione pubblica sulla legge allora incombente.

Chan ha prestato servizio per più di trent’anni presso l’emittente e ha supervisionato numerosi programmi di attualità, ma nella sua ultima posizione non è stata direttamente coinvolta nella produzione dei controversi programmi.

Amen Ng, direttore delle comunicazioni e degli standard aziendali presso la RTHK, ha dichiarato che il compito principale di Chan riguardava l'amministrazione e che la decisione non era politica.

Prolungamento del periodo di prova di Nabela Qoser

La RTHK si è ritrovata nel mirino per aver tenuto sotto controllo quei giornalisti che hanno rivolto domande “irrispettose” agli alti funzionari.

A settembre, l’emittente pubblica ha riaperto l’indagine contro Nabela Qoser, un'assistente di programma che aveva provocato lamentele da parte del pubblico quando aveva affrontato la leader della città Carrie Lam in una conferenza stampa dopo l'attacco alla stazione metro Yuen Long del 21 luglio.

A Lam è stato chiesto: “L'ha saputo solo stamattina? È riuscita a dormire bene la scorsa notte?” e Qoser le ha anche chiesto di “parlare come un essere umano”.

Una prima indagine ha accertato che Qoser non aveva fatto nulla di male, ma poco prima di completare il suo periodo di prova di tre anni, è stata informata che sarebbe stato prolungato di altri 120 giorni per ulteriori indagini.

Il presidente del sindacato Gladys Chiu ha criticato decisione la decisione e ha detto che il porre domande difficili non dovrebbe ostacolare le prospettive di promozione o di conferma dell'impiego di una giornalista. Lam ha rifiutato di commentare il caso, che ha descritto come una questione di risorse umane.

Criticata l'intervista con il consulente più importante dell'OMS

A marzo, il notiziario della RTHK The Pulse è stato criticato dal governo di Hong Kong per aver violato la politica di una sola Cina, dopo che la sua produttrice Yvonne Tong aveva posto domande sugli sforzi di Taiwan per entrare a far parte dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

In una videochiamata, Tong avrebbe chiesto al dottor Bruce Aylward dell'OMS di commentare la capacità del governo di Taiwan di contenere la pandemia di COVID-19 e di valutare se l'organizzazione avrebbe riconsiderato l'adesione dell'isola. Sembra che Aylward abbia riagganciato  e che abbia eluso la domanda dopo la riconnessione.

Il Segretario per il Commercio e lo Sviluppo Economico Edward Yau ha affermato che il programma ha violato il principio secondo il quale esisterebbe una sola Cina sovrana. Il direttore della Broadcasting Leung Ka-wing dovrebbe essere ritenuto responsabile della deviazione della RTHK dal suo statuto, ha aggiunto Yau, e la RTHK dovrebbe educare il pubblico sul concetto di “Una Cina, due sistemi”.

Creazione del team di revisione, pressione da parte del comitato consultivo

A luglio, l'Ufficio per il Commercio e lo Sviluppo Economico ha istituito un team per esaminare la gestione della RTHK, in seguito alle constatazioni dell'Autorità per le Comunicazioni in merito a pregiudizi, imprecisioni e ostilità nei confronti delle forze di polizia.

La revisione mirava a garantire che l'emittente rispettasse la carta dei servizi e i codici di condotta sugli standard di programmazione emanati dall'autorità. Charles Mok, il legislatore che rappresenta il settore informatico, ha dichiarato di temere che la revisione compromettesse la libertà editoriale e creativa dell'emittente.

A maggio, lo spettacolo satirico Headliner ha ricevuto un avvertimento dall'Autorità per le Comunicazioni dopo che quest'ultima aveva giudicato “fondate” le denunce secondo cui un episodio andato in onda a febbraio aveva denigrato e insultato le forze dell'ordine.

L'episodio implicava che la polizia disponeva di un equipaggiamento protettivo maggiore rispetto al personale sanitario quando è emersa la pandemia COVID-19 per la prima volta.

Alla fine lo show, che ha ben 31 anni, è stato sospeso dopo la messa in onda dell'episodio finale a giugno.

Programma di visione personale sospeso

In aprile, l'Autorità per le Comunicazioni ha messo in guardia l'emittente sul suo programma di visione personale Pentaprism, dopo aver verificato che un episodio conteneva inesattezze, incitamento all'odio verso la polizia e all'ingiustizia. Il programma ha visto la partecipazione di un ospite che ha criticato la gestione dei disordini da parte della polizia intorno all'Università Politecnica di Hong Kong nel novembre dello scorso anno.

Nel mese di settembre sono state inoltre verificate le lamentele relative ad altri quattro episodi che hanno visto gli ospiti commentare le operazioni anti-protesta della polizia. La RTHK ha deciso di sospendere il programma all'inizio di agosto, prima di ricevere gli avvertimenti.

Inno nazionale in onda ogni mattina

 L'ultima novità è che a partire dal 16 novembre 2020, l'Inno Nazionale Cinese, la Marcia dei Volontari, andrà in onda ogni giorno alle 8 del mattino prima dei notiziari su tutti i canali radio della RTHK.

La portavoce Amen Ng ha affermato che, secondo il suo statuto, l'emittente pubblica dovrebbe migliorare la comprensione dei cittadini del concetto una Cina, due sistemi e alimentare la loro identità civica e nazionale. Il nuovo accordo è necessario, ha detto.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.