chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'opposizione alla legge sulla sicurezza ha esaltato la creatività degli hongkonghesi

Una protesta rispettando il distanziamento sociale al di fuori della sede del servizio di trasmissione pubblica di Hong Kong (RTHK)  Immagine: Candice Chau/HKFP. Autorizzata alla pubblicazione.

Il presente articolo è stato pubblicato [en,  come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] da Hong Kong Free Press il 15 aprile, 2021. Una versione lievemente editata è pubblicata da Global Voices grazie ad un accordo di partnership sui contenuti.

Il 15 aprile, Hong Kong segna la sua prima Giornata Nazionale sull'Educazione alla Sicurezza a seguito dell'imposizione di Pechino della controversa legge dello scorso giugno. Malgrado le crescenti restrizioni riguardo l'attività politica e la libertà di espressione, i residenti della città non hanno desistito nel compiere atti di resistenza. L'Hong Kong Free Press ha dato uno sguardo dunque ai modi in cui gli hongkonghesi continuano a far sentire la propria voce.

Fare la fila

Lo scorso mese, centinaia di persone si sono messe in coda al di fuori del tribunale West Kowloon Law Courts per supportare 47 democratici incriminati, sulla base della legge per la sicurezza nazionale, per aver preso parte alle elezioni primarie, da allora rinviate, per l'elezione del Consiglio Legislativo.

Nonostante avessero poche probabilità di entrare in tribunale, un grande numero di persone – molte delle quali in abiti scuri come dimostrazione di solidarietà – sono rimaste in fila ordinata per diverse ore per dimostrare le proprie ragioni.

A dispetto della stretta sorveglianza e l'avvertimento della polizia, i manifestanti hanno intonato slogan di protesta come: “cinque richieste, non una di meno” e “liberate Hong Kong, la rivoluzione del nostro tempo,” che potrebbero rappresentare una violazione della legge sulla sicurezza nazionale.

Oltre a mettersi in fila per partecipare alle udienze, gli hongkonghesi hanno fatto ricorso anche ad una delle attività per le quali sono rinomati – mettersi in coda per fare shopping . In particolare, si sono messi in fila per supportare AbouThai, una catena di negozi in cui sono stati organizzati dei raid da parte del Dipartimento delle dogane di Hong Kong, motivati della mancanza di avvertenze di sicurezza su alcuni dei loro prodotti .

Furgoncini, sorveglianti di corte e lettere dalla prigione

Stando all'Ufficio di Sicurezza, 10.242 persone sono state arrestate a causa delle proteste contro il disegno legge sull'estradizione, e altre 2521 sono state convolte o sono tuttora implicate in procedimenti legali.

Mentre il numero di udienze continua a salire, un nuovo gruppo di persone ha iniziato a manifestare solidarietà e a offrire sostegno non solo ai ben noti attivisti, ma anche verso coloro che sono stati perseguiti durante le proteste contro il disegno legge sull'estradizione.

Quando i furgoncini dei penitenziati lasciano i tribunali, non è raro vedere persone inseguirli, gridando addii o incoraggiamenti. Altri invece sono diventati “sorveglianti dei tribunali”, presentandosi regolarmente nella galleria del pubblico per assistere ai processi.

A causa del limitato accesso ai notiziari e alle informazioni, per chi si trova dietro le sbarre, i collaboratori dei detenuti in custodia o dei politici incarcerati hanno provveduto a fornire degli indirizzi predisposti per il pubblico per inviare loro delle lettere.

Anche i gruppi per i diritti dei prigionieri come Wall-fare e Swallow Life, stanno favorendo l'interazione tra i manifestanti incarcerati e il pubblico come amici di “penna”, così da mantenere  i detenuti in contatto con il mondo esterno.

Il gruppo Wall-fare ha inoltre provveduto alla raccolta di prodotti come snacks e materiali per la pulizia, con l'approvazione del Dipartimento dei Servizi Penitenziari, per gli attivisti in custodia o in prigione.

Economia gialla

Lo shopping da AbouThai non è un caso isolato. Infatti, molti hongkonghesi hanno deciso di compiere uno sforzo supportando i negozi  e i ristoranti a favore della democrazia, nella loro vita di tutti i giorni.

A questi negozi ci si riferisce spesso con l'appellativo di  “Negozi Gialli”. Gli utenti della rete hanno stilato una lista di locali che rispettano i criteri – dai cinema ai negozi di alimentari- con l'obiettivo di costruire una “economia gialla” e sostenere il movimento pro-democratico.

Inoltre, molti boicottano i “negozi blu”, che sono affiliati con le istituzioni cinesi o con il movimento pro-Pechino.

Proteste con distanziamento sociale

Le proteste, le manifestazioni e gli stand nelle strade, si sono adattati alle norme anti-pandemia introdotte nel mese di marzo 2020, organizzando incontri di piccoli gruppi. Nei casi in cui il numero dei partecipanti superi il limite consentito ( attualmente un massimo di 4 persone), questi dovranno assicurarsi di mantenere il distanziamento sociale, restando ad 1,5 metri di distanza gli uni dagli altri.

Ciò nonostante, otto membri della Lega dei Socialdemocratici sono stati incarcerati per 14 giorni e condannati a 18 mesi di reclusione con sospensione della pena proprio per aver preso parte ad una protesta con distanziamento sociale, nel giorno del Labour Day dello scorso anno.

Nel frattempo, molti hanno continuato a lasciare omaggi floreali, cibo e ricordini nel luoghi e nelle aree di protesta in cui nel 2019 i dimostranti hanno perso la vita.

Dimissioni di massa

Tutti i parlamentari a favore della democrazia hanno abbandonato il Consiglio Legislativo nel novembre del 2020, in seguito alla squalifica da parte del governo di quattro dei loro colleghi: Kwok Ka-ki, Alvin Yeung, Kenneth Leung, and Dennis Kwok.

L'iniziativa è nata dopo che il Comitato Permanente del Congresso Nazionale dei Rappresentanti del Popolo (NPCSC) ha approvato una delibera che autorizza il governo a estromettere i parlamentari accusati di mettere in pericolo la sicurezza nazionale.

Rimozione totale

A seguito dell'implementazione della legge sulla sicurezza nazionale, è stato giudicato illegale dal governo il popolare slogan del periodo delle proteste contro il disegno legge sull'estradizione: “Liberate Hong Kong, La rivoluzione del nostro tempo”.

In risposta, i cittadini hanno organizzato proteste con “cartello bianco” all'interno dei centri commerciali dell'intera città nel mese di luglio dello scorso anno.

I foglietti adesivi in cui normalmente venivano riportati slogan di protesta e messaggi di supporto, sono stati lasciati bianchi sui Muri di Lennon [it] della città.

Leggendo l'Apple Daily

Comprare e leggere il tabloid pro-democrazia Apple Daily è diventato in sé un atto di resistenza, da quando il suo fondatore Jimmy Lai  è stato arrestato e giudicato secondo la legge per la sicurezza nazionale.

Il magnate dei media è stato accusa di frode per la violazione dei termini di locazione, per aver usato Twitter e il suo giornale per “sollecitare” i governi esteri ad imporre sanzioni  su Hong Kong e sui funzionari della Cina continentale.

Raccolta fondi

A causa dei molti attivisti e politici pro-democrazia che devono far fronte a cause legali e grandi spese processuali, c'è chi ha dato vita a diverse pagine sulla piattaforma Patreon in cui i sostenitori possono registrarsi e fornire un supporto economico mensile finalizzato alla copertura delle spese legali e di sostentamento.

Malgrado l'attività di repressione della polizia nei confronti della raccolta fondi , Il Fondo per Aiuti Umanitari 612, istituito nel giugno del 2019 per supportare le spese legali e di urgenza dei manifestanti, nell'arco di sei giorni nel mese di gennaio, dopo aver rivolto un appello al pubblico, ha raccolto più di 11,5 milioni di dollari di Hong Kong (circa 1,4 millioni di dollari USA). 

Videogiochi

Gli abitanti di Hong Kong hanno trasposto il loro attivismo politico anche nel mondo dei videogiochi. Un gruppo di attivisti si è occupato dello sviluppo del gioco “Liberate Hong Kong,” che ricrea l'esperienza di partecipazione alla protesta contro il disegno legge sull'estradizione.

Anche il famoso gioco per Nintendo Animal Crossing è stato usato degli hongkonghesi per esprimere il proprio dissenso politico,  attraverso la creazione di messaggi pro-democratici e contro il governo all'interno del mondo digitale, includendo persino bandiere con gli slogan di protesta.

Maschere gialle 

Indossare mascherine gialle, il colore che rappresenta il movimento pro-democratico durante le proteste, è diventato il simbolo del dissenso dopo che un giudice ha richiesto che le persone presenti in un'aula di tribunale cambiassero le loro mascherine in modo che non “esprimessero la loro personale opinione.”

Tuttavia, la casa produttrice di mascherine di Hong Kong Yellowfactory ha sospeso le sue operazione commerciali dopo che i parlamentari pro-Pechino ed i notiziari hanno riportato la notizia che uno dei loro design aveva violato la legge sulla sicurezza nazionale.

Uno dei più famosi design della casa produttrice veniva stampato con l'acronimo “F.D.N.O.L.” – un'abbreviazione dello slogan della protesta “Cinque Richieste, Non Una di Meno”.

Sostegno da oltre oceano

Gli hongkonghesi che si sono trasferiti oltre oceano hanno continuato ad esprimere il loro dissenso anche dopo aver lasciato la città.

Otto attivisti di Hong Kong a favore della democrazia,  in esilio volontario oltreoceano, hanno lanciato il movimento di solidarietà per la democrazia e l'autonomia della città, assieme all'invito alla solidarietà tra gli hongkonghesi che non si trovano in patria.

Oltre ad aver coordinato gli sforzi di figure ben note, gli hongkonghesi hanno anche organizzato manifestazioni di supporto per altri gruppi. Ad esempio, centinaia di hongkonghesi hanno preso parte al movimento solidale [zh] svoltosi a Manchester in supporto dei manifestanti pro-democratici di Myanmar del'11 aprile.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.