chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Popolazione dei rinoceronti in aumento in Nepal grazie a collaborazione, salvaguardia e comunità

Un grande rinoceronte unicorne nel parco nazionale di Chitwan nel Nepal centro-meridionale. Immagine dell'autore.

Il censimento dei rinoceronti del Nepal del 2021, fatto per la prima volta in sei anni, riporta la cifra di 752 esemplari [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] – un aumento di 107 esemplari, con 694 rinoceronti nel parco nazionale di Chitwan [it], 38 nel parco nazionale reale di Bardia [it], 17 nella riserva naturale di Shuklaphanta [it] e tre nella riserva naturale di Parsa [it].

Solo poche decadi fa, la popolazione di rinoceronti del paese si era ridotta drasticamente a causa del bracconaggio e del degrado ambientale. Tuttavia, iniziative contro il bracconaggio e di salvaguardia da parte del governo nepalese hanno aiutato ad aumentare i numeri in questi ultimi sei anni.

Babu Ram Lamichhane, un biologo conservazionista del Nepal, ha annunciato la buona notizia del censimento del 2021 su Twitter:

La popolazione dei rinoceronti in Nepal è aumentata di 107, la popolazione nazionale è 752 adesso. L'aumento maggiore a Chitwan (89). La popolazione di Chitwan è 694 adesso.

Conteggio Nazionale dei Rinoceronti 2021, Conferenza Stampa e Programma di Chiusura, 10 Aprile 2021. Parco Nazionale di Chitwan, Sauraha, Chitwan.

L'ultimo conteggio di rinoceronti del 2015 riporta che c'erano 645 esemplari nel paese, con 605 in Chitwan, 29 in Bardia, otto in Shuklaphanta e tre in Parsa. Circa 161 rinoceronti sono stati uccisi dall'ultimo censimento, sei dei quali vittime di bracconaggio.

La popolazione del grande rinoceronte unicorne [it] scese a 100 esemplari in Nepal negli anni 60 a causa del bracconaggio indiscriminato e del degrado ambientale, ma con l'istituzione del parco nazionale di Chitwan nel 1973 e gli sforzi delle forze dell'ordine, la popolazione si è ripresa, raggiungendo un totale di 612 entro il 2000.

Il conteggio a livello nazionale che ha avuto inizio il 22 marzo 2021 ha coinvolto circa 300 persone – e 60 elefanti. I rinoceronti sono stati contati da osservatori addestrati [it] che hanno registrato informazioni su ciascun rinoceronte, compreso il sesso, l'età approssimativa, le caratteristiche individuali come la dimensione e la forma del corno, pieghe presenti sul collo e sulla groppa, insieme a segni particolari inclusi tagli, cicatrici e lobi di pelle. Il complesso conteggio è stato fermato due volte, dopo l'attacco del team da parte di un elefante selvaggio a Chitwan e l'uccisione di un conduttore di elefanti da parte di una tigre a Bardia.

Circa 60 elefanti e 300 individui sono stati coinvolti nel conteggio nazionale di rinoceronti del 2021. Immagine dell'autore.

I rinoceronti – giganti di 2-2.5 tonnellate, secondi soltanto agli elefanti per dimensioni – una volta giravano per l'intero subcontinente indiano settentrionale, tra i bacini fluviali dell’Indo [it], del Gange [it] e del Brahmaputra [it], dal Pakistan ad ovest al confine indo-birmano ad est, comprese alcune parti del Nepal, del Bangladesh e del Bhutan. Tuttavia, la caccia al corno dei rinoceronti e il degrado ambientale li ha confinati nelle pianure meridionali del Nepal e nell'India nord-orientale.

Il bracconaggio spinto dal fiorente mercato nero

I rinoceronti sono sempre stati cacciati nel corso della storia, e ancora oggi, per il loro tesoro più prezioso – le loro corna. Sono fatte principalmente di cheratina, una proteina che si trova anche nei capelli, nelle scaglie, nelle unghie, negli artigli e negli zoccoli e a lungo ritenuta di avere proprietà curative in molte culture asiatiche.

Queste corna sono usate nella medicina tradizionale in tutto il continente, in Malesia, Corea, India, Vietnam e Cina – gli ultimi due hanno i mercati neri più redditizi. Pezzi delle corna, o polveri ottenute dalla loro macinazione, sono usati per trattare disturbi che variano dalla febbre alla gotta, dal mal di testa alla pressione alta, morsi di serpente, intossicazioni alimentari e possessioni da parte di spiriti maligni. Inoltre, coppe fatte di corna di rinoceronte scavate – una volta considerate in grado di rilevare veleni – e statuette vengono comprate per essere esposte, e i gioielli fatti di corna di rinoceronte sono molto richiesti.

Mentre i media occidentali hanno pubblicizzato il loro uso come afrodisiaco nelle culture asiatiche, il Scientific American riporta che quest'uso è sempre stato minimo, e che in realtà quel poco uso che si verifica potrebbe essere incentivato dalle notizie incorrette delle fonti occidentali che suggeriscono la sua diffusione. Tuttavia, il corno di rinoceronte sta diventando sempre più popolare per usi ricreativi– nel Vietnam, è consumato come “una droga da festa, un supplemento di salute e una cura per i postumi della sbronza dalla nuova elite benestante,” come riportato dal the Guardian.

E non è solo il corno ad essere prezioso. Secondo Hemanta Mishra e Jim Ottaway Jr nel loro acclamato libro The Soul of the Rhino, tutte le parti del corpo dei rinoceronti sono vendute – dalla punta della lingua all'estremità della coda:

…many Indians and Chinese still believe a ten-gram dose of powdered rhino horn mixed with cinnabar is an instant cure for any kind of fever. Dried rhino tongue, powdered and mixed with milk, is believed to cure children with speech difficulties. Rhino meat is supposed to increase virility. Rhino urine is taken as a cure for asthma. Even rhino dung is valued as the best fertilizer for growing hot chillies. A rhino tail placed under the pillow of an [expectant] mother is supposed to ease labour pain. Powdered rhino penis is ingested as a cure for impotence.

…molti indiani e cinesi credono ancora che una dose di dieci grammi di corno di rinoceronte in polvere mescolato con del cinabro sia una cura istantanea per ogni tipo di febbre. La lingua di rinoceronte essiccata, polverizzata e mescolata con il latte, si crede possa curare i bambini con difficoltà a parlare. La carne di rinoceronte dovrebbe aumentare la virilità. L'urina di rinoceronte è usata come cura per l'asma. Gli escrementi sono ritenuti il miglior fertilizzante per coltivare i peperoncini. Una coda di rinoceronte messa sotto il cuscino di una madre in attesa dovrebbe alleviare i dolori causati dalle doglie. Il pene di rinoceronte polverizzato è ingerito come cura per l'impotenza.

Mikania micrantha, anche chiamata miglio-al-minuto, ha circondato grandi porzioni degli habitat dei rinoceronti nelle aree protette del Nepal. Immagine dell'autore.

La diffusione rapida della pianta tropicale miglio-al-minuto o Mikania micrantha insieme ad altre specie invasive come Chromoloeana odorata, Parthenium hysterophorus, Lantana camara [it] e il giacinto d'acqua [it], l'essiccamento delle zone umidi e delle pozze d'acqua, e la successione ecologica hanno contribuito al degrado degli habitat naturali dei rinoceronti in Nepal. Inoltre, l'abuso delle zone boschive nelle zone cuscinetto e dei corridoi boschivi, insieme alla conversione delle foreste in villaggi e campi agricoli, li hanno ulteriormente frammentati.

La ricercatrice della fauna selvaggia Sujita Dhakal è preoccupata per questo degrado ambientale:

È il momento di rallegrarsi perché il numero di rinoceronti in Nepal è aumentato a 752 dopo il censimento. Tuttavia, il degrado ambientale corrente mi preoccupa e mi chiedo se sarà in grado di sostenere una popolazione sana e vitale nei prossimi anni.

Prendere l'iniziativa

Tuttavia, nonostante le minacce alla loro esistenza, i rinoceronti stanno prosperando in Nepal. Le agenzie governative, le comunità, le organizzazioni per la salvaguardia e le agenzie per la sicurezza hanno lavorato insieme per ravvivare la popolazione da solo 100 esemplari. Iniziative come le unità comunitarie anti-bracconaggio e le pattuglie dell'esercito – utilizzando il sistema di pattuglia SMART basato su Android con telecamere a circuito chiuso nelle aree protette – hanno giocato un ruolo importante nella salvaguardia di questi pachidermi.

Il piano d'azione del Nepal per la salvaguardia del grande rinoceronte unicorne (2017-2021) ha reso prioritario il ripristino delle foreste in bacini prioritari e nelle zone cuscinetto, le gestione dei pascoli e la costruzione e manutenzione di pozzi d'acqua. Il Nepal ha anche stabilito una cooperazione transfrontaliera con l'India e la Cina per proteggere gli animali selvatici, inclusi i rinoceronti, e ridurre il commercio illegale di specie selvatiche.

La popolazione locale gioca la sua parte, poiché la sensibilizzazione è un fattore importante per assicurare questa protezione. Quelli che vivono nelle vicinanze di aree protette hanno capito che preservare le foreste e la fauna selvatica può migliorare le loro prospettive economiche attraendo turisti. Iniziative che mirano a far restare i turisti (e i loro soldi) nelle aree locali e lontani dai grandi hotel, come i programmi Homestay vicino al parco nazionale di Chitwan e al parco nazionale reale di Bardia – dove i turisti in cerca di esperienze autentiche alloggiano con famiglie locali – hanno portato ricavi finanziari alle comunità, come riportato dal Mongabay.

Come scrive Mishra in The Soul Of The Rhino: “La popolazione locale riconosce che i parchi nazionali e le riserve naturali del Nepal aiutano a mantenere l'aria pulita, proteggono le valli fluviali e i bacini idrici, e risparmiano acqua pulita – tutte cose essenziali per l'umanità.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.