chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Famiglia ebrea ospita un rifugiato musulmano siriano a casa loro a Berlino

The Jellinek family in their home in Berlin, with their houseguest, Kinan, a Syrian Muslim refugee (second from left). When Chaim Jellinek told Kinan he was Jewish, Kinan said he had no problem with that. Credit: Daniel Estrin. Used with permission

La famiglia Jellinek nella loro casa a Berlino, con il loro ospite Kinan, un rifugiato Musulmano Siriano (il secondo da sinistra). Quando Chaim Jellinek ha detto a Kinan che era Ebreo, Kinan ha risposto che per lui non era un problema. Autore: Daniel Estrin. Uso autorizzato.

Questo articolo di Daniel Estrin [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] originariamente apparso su PRI.org il 28 giugno 2016, è stato ripubblicato qui in quanto parte di un accordo di condivisione di contenuti.

Quando il figlio di ventenne dei Jellineks ha lasciato casa, un rifugiato siriano di 28 anni si è trasferito.

“La camera era libera,” afferma Chaim Jellinek, un dottore di Berlino. “E abbiamo pensato ‘ok, proviamo.’”

La Germania ha accolto centinaia di migliaia di profughi di guerra siriani negli anni passati. Alcuni Tedeschi hanno ospitato rifugiati nelle loro case.

Ma la famiglia Jellinek si distingue come famiglia tedesca ebrea che ospita un musulmano siriano a lungo termine — in un momento di esitazione crescente tra tedeschi ed ebrei tedeschi, circa un milione e mezzo dei nuovi arrivati nel paese, la maggior parte dal Medio Oriente.

“Da una parte penso che la maggior parte delle comunità ebraiche vuole accogliere i rifugiati.” afferma Chaim Jellinek, seduto nel salotto di casa sua qualche venerdì fa prima dello Shabatt. “Dall'altra che molte persone ebree abbiano paura del Radicalismo Islamico.”

Il responsabile del Consiglio Centrale per gli Ebrei in Germania, Joseph Schuster, ha comunicato, a novembre, ad un giornale tedesco, che la Germania dovrebbe porre un limite al numero di migranti in arrivo.

“Molti rifugiati stanno fuggendo dal terrorismo dello Stato Islamico, vogliono vivere in pace e libertà,” ha affermato Schuster durante l'intervista. “Allo stesso tempo, provengono da paesi dove l'odio e l'intolleranza per gli Ebrei sono parte integrante della cultura locale.”

La famiglia Jellineks fa parte di una sinagoga egualitaria a Berlino dove uomini e donne prestano servizio allo stesso modo. È una vecchia sinagoga che le forze naziste un tempo sequestrarono e usarono come magazzino.

La sinagoga è utilizzata per aiutare i profughi e i Jellineks si sono dedicati anche alla causa, fondando un'organizzazione di assistenza per rifugiati, FREEDOMUS [de], che ha pubblicato un manuale d'istruzioni per aiutare i rifugiati a superare il problema dell'integrazione in Germania.

“Credo davvero che questa sia l'unica via per risolvere il problema, per avere un collegamento con i rifugiati e per accoglierli,” dice Chaim.

Lui e sua moglie Kyra si sono prestati come volontari per aiutare i rifugiati siriani, quando hanno sentito di Kinan, un venditore farmaceutico che è fuggito dalla sua nativa Damasco, compiendo il lungo viaggio dalla Turchia fino in Grecia via mare, per poi proseguire verso nord, fino in Germania.

Kinan, che ha chiesto di essere chiamato con il suo primo nome, viveva in condizioni difficili, in un centro per rifugiati in Germania.

Quando Chaim Jellinek lo ha incontrato, lo ha informato del fatto che la sua famiglia era ebrea. Kinan gli ha risposto che non era un problema per lui. Racconta Kinan.

“Se vieni da una zona di guerra e qualcuno ti ospita,” afferma. “Ti sembrerà davvero una brava persona.”

Kinan sa che c'è rancore tra Arabi ed Ebrei in Medio Oriente, ma afferma di non aver mai visto gli Ebrei come nemici. Si, c'è astio tra Siria e Israele, ma si tratta di questioni politiche e non ha nulla a che fare con la religione, dice Kinan.

Kinan, a Syrian refugee, prepares a meal for the Jellinek family's Sabbath dinner in Berlin. He says he learned out to cook from youtube videos. Credit: Daniel Estrin. Used with permission

Kinan, un rifugiato siriano, prepara la cena dello Shabbat per la famiglia Jellinek a Berlino. Afferma di aver imparato a cucinare tramite video su YouTube. Autore: Daniel Estrin. Uso autorizzato.

Kinan era stato stato incaricato di preparare la cena dello Shabbat. Quattro diverse ricette bollivano in pentola: riso speziato; kawwaj, uno stufato siriano fatto con pomodori e cipolle; carne macinata con aglio; e zuppa di lenticchie.

Kinan sostiene di aver imparato a cucinare principalmente da YouTube. Ha cominciato a cucinare per se stesso dopo aver lasciato Damasco.

Quando i piatti erano pronti, Kinan and i Jellinek si sono riuniti attorno ad una lunga tavola: Chaim, Kyra e i loro 4 bambini: Lilli 8 anni, Joshy 12 anni, Rosa 18 anni e Béla, 20.

Chaim ha distribuito ai figli una kippah (un cappello circolare) da indossare. Kinan ne ha messa anche una.

La famiglia ha recitato la benedizione sulle candele, sul vino e sul pane challah. Hanno mangiato e scherzato per ore.

Kinan rideva con gli altri. Poi ha ammesso di non aver capito molto sui Tedeschi. Tutti al tavolo hanno cominciato a ridere, lui incluso.

Sta studiando tedesco a tempo pieno e i figli dei Jellinek spesso lo aiutano a fare i compiti.

“È incredibile, perché impari molto delle altre culture — come cucinare o festeggiare lo Shabbat,” sostiene la diciottenne Rosa Jellinek.

“Poche settimane fa, mi ha dato la buonanotte ma in modo strano. Ho detto, ok, devi dire ‘buonanotte’ e non, ad esempio, ‘notte buona,’ o qualunque altra cosa avresti detto in Inglese,” dice Rosa.

“Lo ha detto 3 volte in modo sbagliato per altre 3 sere dopo quella, ma poi ha cominciato a dirlo nel modo giusto,” aggiunge Rosa.“Mi ha fatto piacere vedere che ha imparato qualcosa in più di tedesco, così da poterlo aiutare.”

The Jellinek family lights the Sabbath candles for Friday night dinner. Chaim Jellinek says he thinks the only good way to integrate refugees is to welcome them. Credit: Daniel Estrin. Used with permission

La famiglia Jellinek accende le candele dello Sabbath per la cena del venerdì. Chaim Jellinek pensa che l'unico modo per integrare i rifugiati è quello di ospitarli. Autore: Daniel Estrin. Uso autorizzato.

Sul divano, Chaim Jellinek riflette sulla calorosa accoglienza dei rifugiati nel suo paese. “Questa è stata una delle cose più importanti della mia vita, perché in quel momento abbiamo visto la Germania in modo completamente diverso, qualcosa che non avevamo mai visto prima,” dice Jellinek. “Aperti. Amichevoli, davvero amichevoli.”

Si è convertito all'ebraismo anni fa. La mamma di Kyra è sopravvissuta al Ghetto di Budapest durante la Seconda Guerra Mondiale. La famiglia è sensibile al dilemma di essere Ebreo in Germania dopo l'Olocausto.

Dopo che la Germania ha dato ospitalità ai nuovi arrivati di diversa religione e cultura, Chaim afferma di sentirsi più a casa.

“Siamo stati davvero fortunati ad incontrare Kinan,” dice Chaim. “Ci ha aperto la porta per guardare il nostro paese in modo diverso.”

Leggi anche l'articolo in evidenza su Global Voices: Flussi di rifugiati Clcercano rifugio in Europa

Frank Hessenland ha contribuito a questo articolo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.