chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Gli agricoltori bulgari colpiti dalla COVID in difficoltà per negligenza dei media e insufficiente sostegno statale

L'uso delle serre è un aspetto importante in Bulgaria. Foto dell'utente Wikipedia Biso, raffigurante la serra Cveti Cvet nel paese di Galabovtsi, Bulgaria. CC BY-SA 4.0.di

Per molti bulgari che ne sono al di fuori, il settore agricolo pare non essere stato colpito dalla COVID-19, e pochi sforzi sembrano far luce su quello che sta accadendo lì. L'informazione bulgara spesso parla di ristorazione [en, come i link seguenti] e punti vendita al dettaglio colpiti dalla pandemia, ma raramente affronta le conseguenze negative su altre industrie come l'agricoltura, e le loro interconnessioni. Pertanto, essendo state escluse dai dibattiti pubblici o dall'ambito d'interesse dei politici e dei media per decenni, le difficoltà dei coltivatori durante la pandemia sono passate inosservate.

Nel tentativo di ridurre l'impatto della pandemia, il governo ha comunque attuato una serie di misure a favore di piccole e medie imprese e produttori nell'agricoltura. Il sostegno, in seguito all'approvazione della Commissione Europea, arrivava da sovvenzioni erogate dal Programma finanziato dall'UE per lo Sviluppo Rurale 2014-2020.

A partire dal 17 maggio, il sostegno COVID per l'agricoltura sarà offerto per il secondo anno consecutivo, concedendo fino a 7000 euro (circa 8500 dollari) a ciascun richiedente.

Ciò che è problematico con le linee guida per gli aiuti del 2021, tuttavia, è che i produttori o le imprese agricole che hanno ricevuto il sostegno governativo l'anno scorso non potranno beneficiarne anche quest'anno. Ciò potrebbe lasciare le entità agricole ancora colpite dagli effetti della COVID-19 senza supporto essenziale. Inoltre, l'aiuto è disponibile solo per coloro che nel 2020 hanno presentato domanda di finanziamento con i fondi specializzati dell'UE.

Anche il sostegno agli agricoltori, così come alle piccole e medie imprese colpite dalla COVID-19 nel 2020, ha avuto i suoi limiti. Il sostegno dipendeva da condizioni specifiche stabilite dal Ministero dell'Agricoltura, inclusa una condizione secondo la quale i richiedenti dovevano fare domanda per sovvenzioni nel 2019 e nel 2020, a meno che non fossero apicoltori o beneficiari di un contratto valido nell'ambito del Programma di sviluppo delle aree rurali 2014-2020. Secondo i critici, questa condizione è stata vista come un ostacolo per i nuovi agricoltori che non hanno una precedente richiesta di finanziamenti dai fondi dell'UE.

I funzionari governativi che disperdono questi fondi, che non hanno risposto alle inchieste del quotidiano bulgaro E-Newspaper, devono ancora annunciare una valutazione ufficiale dell'impatto della COVID-19 sull'agricoltura bulgara. Gli agricoltori, d'altra parte, erano desiderosi di condividere i loro punti di vista trascurati, compresa la loro opinione su ciò che forse è mancato agli aiuti finora.

Il sostegno non è sufficiente 

Secondo Ivan Gyurov, che coltiva uva da tavola nei vigneti del borgo di Brestovitsa, vicino alla città di Plovdiv, nella Bulgaria centro-meridionale, la vita è stata difficile durante la pandemia. Come membro di un sindacato indipendente di produttori agricoli, Ivan ha dichiarato al bulgaro E-newspaper:

I can divide the difficulties into two. Initially, the lockdown in March 2020 led to labor-related difficulties, affecting transport of farmhands to the fields and making it harder to obtain supplies of plant protection products. The closure of restaurants and the subsequent decline in tourists during the summer season led to declined demand, lowering prices of farmers’ produce. On top of that, farmers from other EU member states, like Poland for instance, received much higher subsidies than those from Bulgaria, allowing them to sell in our market at extremely low prices.

Posso suddividere le difficoltà in due tipi. Inizialmente, il lockdown a marzo 2020 ha portato a difficoltà legate al lavoro, influenzando il trasporto di braccianti nei campi e rendendo più difficile l'approvvigionamento di prodotti fitosanitari. La chiusura dei ristoranti e il conseguente calo dei turisti durante la stagione estiva ha portato a un calo della domanda, abbassando i prezzi dei prodotti degli agricoltori. Inoltre, gli agricoltori di altri Stati membri dell'UE, come la Polonia, ad esempio, hanno ricevuto sussidi molto più alti di quelli della Bulgaria, consentendo loro di vendere sul nostro mercato a prezzi estremamente bassi.

Gyurov ha aggiunto che il problema principale con gli aiuti nel 2020 era il regolamento che consentiva solo agli agricoltori che avevano ricevuto sovvenzioni nei due anni precedenti di richiedere pacchetti di aiuti COVID.

I mercati fanno fatica

In termini di impatto, gli agricoltori sono stati colpiti in modo diverso dalla pandemia, a seconda del loro prodotto e di una serie di differenze variabili nel corso dell'anno.  In un rapporto di aprile 2020, il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha osservato che a inizio pandemia, le catene di vendita al dettaglio hanno registrato un aumento delle vendite di beni più durevoli ed economici come riso, farina e altri. I consumatori hanno acquistato a basso costo e “conservativamente” per cautela o mancanza di fondi, afferma il rapporto.

Ma con l'estate, è stato riferito che i fornitori di prodotti freschi hanno assistito a un costante calo della domanda di prodotti stagionali più costosi come fragole e ciliegie, influenzato dal declino del turismo, dell'attività alberghiera e della ristorazione e dal conservatorismo dei consumatori. Allo stesso modo, gli allevatori di anatre e altri che si rivolgono al mercato dell'Europa occidentale con prodotti più costosi sono stati gravemente colpiti, a differenza dei coltivatori di cereali e di altre colture essenziali in generale.

Le piccole imprese familiari che facevano affidamento su clienti europei hanno pagato a caro prezzo, poiché la ricerca di nuovi mercati è impegnativa. Un produttore di zafferano, che ha perso clienti stranieri e ha utilizzato Facebook in cerca di nuovi, ha scritto:

We grow saffron, which we sell in the foreign market, but at the moment, this situation is making it difficult for us and therefore we have a fair amount left.

Coltiviamo lo zafferano, che vendiamo sul mercato estero, ma al momento questa situazione ce lo sta rendendo difficile e quindi ne abbiamo una discreta quantità ancora disponibile.

‘Burocrazia ingombrante’

Casey Angelova. Foto: fermo immagine dal film Culinary Crimes, regia di Alexandra Val, uso legittimo.

Casey Angelova, un'americana che gestisce una piccola fattoria con il marito bulgaro vicino a Kyustendil, una città montuosa di confine ad ovest della Bulgaria, sta cercando di mantenere a galla la sua azienda di famiglia. Ha così dichiarato:

In the last two years, we have been working to register a distillery. We were in the middle of the process when the pandemic started. After the March 2020 lockdown, certain government agencies could no longer operate at full capacity. Our goal was to create cherry brandy from Kyustendil cherries. However, as our facility could not be inspected due to restrictions, we were unable to obtain a license in time to harvest cherries in June-July.

Negli ultimi due anni abbiamo lavorato per registrare una distilleria. Eravamo nel bel mezzo del processo quando è iniziata la pandemia. In seguito al lockdown di marzo 2020, alcune agenzie governative non potevano più operare a pieno regime. Il nostro obiettivo era creare cherry brandy dalle ciliegie Kyustendil. Tuttavia, poiché non è stato possibile ispezionare la nostra struttura a causa delle restrizioni, non siamo stati in grado di ottenere una licenza in tempo per raccogliere le ciliegie tra giugno e luglio.

Angelova e suo marito hanno perso un anno di sforzi e investimenti per creare il prodotto e il marchio del brandy, ma hanno dovuto sospendere il loro progetto di distilleria.

Ora la famiglia sta cercando di recuperare le perdite attraverso altri investimenti. Hanno iniziato a coltivare tartufi, produrre sapone e gestire attività turistiche correlate. Ad ottobre e novembre 2020, durante l'allentamento delle restrizioni, hanno iniziato ad organizzare cacce al tartufo, consentendo alle persone di unirsi alla ricerca di tartufi con i cani, seguite da degustazioni.

Tuttavia, poiché i tartufi e il sapone non sono considerati prodotti “tradizionali”, l'attività non poteva beneficiare del sostegno statale COVID-19.

Umani e cani alla ricerca di tartufi in Bulgaria. Foto di Casey Angelova, utilizzata su autorizzazione.

Pertanto, e nonostante gli sforzi del governo, molti agricoltori continuano ad essere in difficoltà. Nidal Shaban, esperto di produzione di ortaggi in serra presso l'Accademia bulgara delle scienze e docente universitario, ha osservato:

“Many of these producers did not apply due to the cumbersome bureaucracy of the district offices. The main disadvantage of receiving these benefits is that it deprives young producers with less than three years of experience, when in fact they need more support during a pandemic”.

“Molti di questi produttori non si sono presentati a causa dell'ingombrante burocrazia degli uffici distrettuali. Il principale svantaggio di ricevere questi benefici è che si privano i giovani produttori con meno di tre anni di esperienza, quando in realtà hanno bisogno di più sostegno durante una pandemia.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.