chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il divieto del burqa in Sri Lanka mina la sicurezza nazionale e i diritti umani

Women wearing the niqab at the botanical garden of Kandy (Sri Lanka). Image via Flickr by Ji-Elle. CC BY-SA 3.0.

Donne che indossano il niqab al giardino botanico di Kandy, Sri Lanka. Immagine via Flickr di Ji-Elle. CC BY-SA 3.0.

Questo post di Savitri Hensman [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] è apparso originariamente su Groundviews, un premiato sito web di citizen media in Sri Lanka. Una versione modificata è pubblicata qui come parte di un accordo di condivisione dei contenuti con Global Voices.

Il 27 aprile, il gabinetto dello Sri Lanka ha approvato una proposta di divieto di indossare burqa e altre coperture integrali in pubblico. Ci si aspetta che la proposta venga approvata dal Parlamento, dove la coalizione al potere della Sri Lanka People's Freedom Alliance ha una maggioranza di quasi due terzi. Questo segue altre misure del governo dello Sri Lanka, tra cui il divieto di macellazione delle mucche, la chiusura elle scuole religiose e un nuovo regolamento sulla prevenzione del terrorismo che prende di mira i musulmani e altre minoranze.

Molti nello Sri Lanka, e a livello internazionale, hanno condannato questo imminente divieto come una violazione dei diritti umani. Il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla libertà di religione o di credo, Ahmed Shaheed, ha commentato che tale divieto va contro il diritto internazionale:

Il divieto del burka è incompatibile con le garanzie del diritto internazionale del diritto di manifestare la propria religione o credo e della libertà di espressione!

Lo Sri Lanka vieterà i burka e chiuderà le scuole islamiche per “sicurezza nazionale”.

Il ministro della pubblica sicurezza Sarath Weerasekara aveva precedentemente affermato che il burqa colpisce la “sicurezza nazionale” ed è un “segno di estremismo religioso”. Eppure, il divieto rischia di danneggiare, piuttosto che migliorare, la sicurezza nazionale ed è considerato una pericolosa distrazione dai tentativi di affrontare la pandemia del coronavirus. Mina la costruzione della fiducia che aiuterebbe la nazione a unirsi per contrastare l'aumento dell'infezione.

Prendere di mira le minoranze, minare i diritti umani

Il contesto del divieto comprende una situazione di graduale peggioramento per i musulmani e altre minoranze, così come i dissidenti in Sri Lanka che, come in passato, ha aperto la strada a una più ampia erosione dei diritti umani e della democrazia. Questo ha incluso molestie e attacchi da parte di gruppi di odio che abusano del buddismo per ottenere potere, protetti dal regime. Ci sono stati anche tentativi di incolpare l'intera comunità musulmana per gli attentati della domenica di Pasqua del 21 aprile 2019, nonostante il fatto che molti musulmani avessero precedentemente supplicato le autorità di agire contro i capobanda, a cui si è aggiunto che l'intelligence indiana aveva fornito avvertimenti specifici non molto tempo prima degli attacchi.

Dopo gli attentati del 2019, c'è stato un divieto temporaneo di indossare in pubblico coperture per il viso che possono nascondere l'identità di qualcuno, presumibilmente per motivi di sicurezza nazionale. Tuttavia, questo divieto – mentre si aggiungeva allo stigma che i musulmani affrontavano – offriva pochi vantaggi effettivi, poiché le ufficiali di sicurezza femminili avrebbero potuto condurre controlli su qualsiasi donna, offrendo loro abbastanza privacy per svelarsi.

La vittimizzazione e le molestie sono continuate dopo che il divieto è stato revocato cinque mesi dopo, mentre la repressione in generale è peggiorata e i diritti umani e la democrazia si sono erosi. Questo ha preso una nuova piega durante la pandemia.

Crudelmente, i parenti addolorati dei musulmani morti di COVID-19 si sono visti negare per 11 mesi la possibilità di seppellire i morti come richiesto dalla loro fede, con il governo che insisteva invece sulla cremazione con la spuria motivazione della salute pubblica. Altrove, le sepolture sono continuate normalmente, poiché queste non presentavano alcuna minaccia per il pubblico. All'inizio del 2021, il governo ha finalmente ceduto, ma inizialmente ha scelto come sito un'isola remota del nord che sarebbe stata altamente inadatta. Dopo le proteste, il luogo è stato spostato, anche se seppellire i propri cari comportava ancora lunghi viaggi per molti.

Inoltre, il 9 marzo, è stato approvato un regolamento che permette di detenere le persone per due anni senza processo se accusate di causare “disarmonia religiosa, razziale o comunitaria”. Si trattava di un'espansione del già duro Prevention of Terrorism Act (PTA), che permette allo stato di trattenere le persone in “centri di reintegrazione” senza prove di reato. Questo ha attirato la condanna internazionale.

Violazione dei diritti umani

Come ha sottolineato la Commissione Internazionale dei Giuristi (ICJ), la libertà di religione e di credo è garantita dall'articolo 18 del Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR), di cui lo Sri Lanka è firmatario. Qualsiasi limitazione alla libertà di religione deve essere non discriminatoria e deve essere necessaria e proporzionata per proteggere la sicurezza pubblica, l'ordine, la salute, la morale o i diritti e le libertà fondamentali degli altri.

Secondo il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite, secondo l'ICCPR “l'osservanza e la pratica della religione o del credo possono includere non solo atti cerimoniali, ma anche usanze come … l'indossare abiti distintivi o copricapi”. Come ha sottolineato Ian Seiderman, direttore legale e politico dell'ICJ:

The Sri Lankan Government’s justification for banning face coverings rings hollow during a time when it has quite sensibly made the wearing of face masks in public mandatory to address the COVID-19 pandemic.

La giustificazione del governo dello Sri Lanka per il divieto di coprirsi il viso suona vuota in un momento in cui ha ragionevolmente reso obbligatorio l'uso di maschere in pubblico per affrontare la pandemia di COVID-19.

La libertà di avere o adottare una religione o un credo di propria scelta è garantita anche dall'articolo 10 della Costituzione dello Sri Lanka. Secondo l'articolo 12, tutte le persone sono uguali davanti alla legge e nessun cittadino deve essere discriminato per motivi di razza, religione, lingua, casta, sesso, opinione politica o luogo di nascita. L'articolo 14 (1) (e) assicura la libertà di manifestare la propria religione o credo nel culto, nell'osservanza, nella pratica e nell'insegnamento.

In alcune parti del mondo, c'è stato il sostegno per vietare il burqa a causa della convinzione che sia oppressivo per le donne. Tuttavia, anche se la gente rifiuta quei filoni all'interno delle grandi religioni che hanno atteggiamenti più restrittivi sul genere, dare ai politici maschi o ai poliziotti il potere di dettare come le donne devono vestirsi, e di usare la forza contro chi non obbedisce, è tutt'altro che liberatorio.

Danneggiare la sicurezza nazionale

Lungi dall'aumentare la sicurezza nazionale, un divieto del burqa aliena ulteriormente i musulmani e promuove un approccio alla politica basato sullaa divisione e sull'abuso di potere. Una tale mossa si tradurrebbe in costanti scontri nelle strade, in un più profondo isolamento delle donne e in un senso di umiliazione anche tra coloro che non si sognerebbero mai di indossare il burqa. Questo indebolirebbe ancora di più la posizione dei musulmani che cercano uno Sri Lanka pacifico e multiculturale.

I ricercatori che studiano i paesi europei che hanno messo delle restrizioni sull'uso del velo negli spazi pubblici hanno scoperto, nel 2019, che lungi dal ridurre l'estremismo, queste restrizioni sono correlate a un aumento dell'attività terroristica. Il team di ricerca, Stuti Manchanda e Nilay Saiya della Nanyang Technological University di Singapore ha notato che “gli stati che applicano i divieti di velo hanno effettivamente statisticamente molte più probabilità di sperimentare più e più letali attacchi terroristici islamisti rispetto ai paesi in cui tali leggi non esistono.”

Il divieto del burqa è un gioco pericoloso da giocare, specialmente nel mezzo di una pandemia, quando la fiducia e la cura reciproca possono essere vitali per contenere la diffusione distruttiva del virus. Atti di preoccupazione e di solidarietà che costruiscono ponti tra le comunità possono fare una grande differenza a lungo termine, per quanto cupa possa essere la situazione attuale.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.