chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il Nepal chiede sostegno internazionale durante la seconda ondata della COVID-19

Pilgrims touching Prayer wheels in an ancient temple in Gokarneshwor, Nepal. Photo by Bishal Sapkota. Used under a Pexels License.

Le ruote della preghiera in un antico tempio di Gokarneshwor, Nepal. Foto di Bishal Sapkota. Utilizzata con Licenza Pexels [it].

La seconda ondata di coronavirus in Nepal si è rivelata devastante, spingendo il paese a chiedere il supporto internazionale mentre la sua infrastruttura sanitaria sta crollando sotto la pressione. Martedì 11 maggio [en, come tutti i link successivi salvo diversa indicazione] il paese asiatico di circa 29 milioni di persone ha registrato il suo più alto tasso di contagi insieme al suo più alto tasso di mortalità, con 9317 casi e 225 morti nelle ultime 24 ore.

Il giornalista Taraun Timalsina ha twittato:

Il Nepal ha ormai superato l'India per quanto riguarda le morti di covid pro capite. Per favore, aiutate un paese in crisi.

Gli ospedali in Nepal sono sovraccarichi e i reparti di terapia intensiva inondati da casi critici di pazienti COVID-19. I pazienti vengono mandati via perché gli ospedali stanno finendo le riserve di ossigeno e le medicine. 

Subhash Ghimire, caporedattore di Republica Nepal, ha scritto su Twitter:

L'impotenza che provi quando non puoi fare nulla per i tuoi amici e le famiglie che ti chiamano per la terapia intensiva, l'ossigeno e le medicine! È un disastro totale.

Anche il professionista IT Ujwal Dhakal ha commentato:

Il sistema ospedaliero in Nepal è andato distrutto! Molti sono senza ossigeno, letti e medicine/kit essenziali #StateACasa.

Il Nepal è in lockdown totale dal 29 aprile ed è stato esteso fino al 27 maggio. Tuttavia, mentre i voli internazionali e nazionali sono stati sospesi, il Nepal ha sorprendentemente mantenuto operativi i voli Kathmandu-Delhi, nonostante l'alto rischio. Anche l'India è alle prese per tenere sotto controllo la pandemia, con una variante indiana del virus che desta preoccupazione in molti paesi per la sua capacità di diffondersi “a macchia d’olio“.

Introduzione dei vaccini in Nepal 

Il Nepal è partito bene per quanto riguarda l’implementazione dei vaccini. A gennaio, infatti, il paese ha ricevuto come sovvenzione un milione di dosi di vaccino Covishield dall'India e ha acquistato un altro milione di dosi il mese successivo. Covishield, prodotto dal Serum Institute of India, è stato sviluppato dall'Università di Oxford e da AstraZeneca.

A marzo ha poi ricevuto altre 348.000 dosi di Covishield che hanno coperto approssimativamente il 20% della popolazione del Nepal come parte del programma per l'Accesso Globale ai Vaccini COVID-19 [it] (COVAX), che si era impegnato a fornire gratuitamente circa 13 milioni di dosi.

A gennaio, non appena le dosi di vaccino sono state rese disponibili, è stata lanciata la prima fase della vaccinazione con il sostegno degli sforzi provenienti da autorità governative e da altri soggetti non governativi. Con l’avvio della vaccinazione che è andata avanti fino al 5 marzo, 438.000 persone hanno ricevuto la prima dose e successivamente 370.000 hanno potuto ricevere la seconda del vaccino Covishield. La seconda fase è iniziata il 7 marzo per i cittadini sopra i 55 anni di età e ha ottenuto grande risonanza dato che quasi 1,3 milioni di persone hanno ricevuto la prima dose del vaccino Covishield.

Tuttavia, mentre l'India lotta con la COVID-19, vietando tutte le esportazioni di vaccini, gli sforzi per le vaccinazioni del Nepal si sono fermati. Una spedizione di un milione di dosi di vaccino Covishield che doveva arrivare ad aprile non è mai arrivata, ed è improbabile che il Nepal la riceva a breve.

Anche la Cina ha esteso il suo sostegno per fornire vaccini al Nepal. A marzo ha inviato 800.000 dosi di Vero Cell prodotte dall’Institute of Biological Products Co. L.t.d di Pechino, sotto Sinopharm. La vaccinazione con Vero Cell per la fascia d'età 18-59 è iniziata il 7 aprile, ma è stata temporaneamente sospesa il 29 dello stesso mese a causa del lockdown. Finora sono 289.000 le persone che hanno ricevuto la prima dose di vaccino Vero Cell e che si aspettano di ricevere la seconda a partire dal 16 maggio 2021. La vaccinazione per il resto della popolazione rimane incerta.

I commenti del primo ministro scatenano le critiche: “è tutto sotto controllo”

Nonostante la nuova variante che uccide centinaia di persone ogni giorno, un sistema sanitario già indebolito che vacilla e le risorse nei servizi pubblici e privati che diventano ogni giorno più scarse, i funzionari stanno uscendo con dichiarazioni rassicuranti, scatenando l'indignazione del pubblico.

In un'intervista con la CNN all'inizio di maggio il primo ministro KP Oli ha dichiarato che la situazione attuale del Nepal è sotto controllo.

L'ex funzionario pubblico Krishna Gyawali ha scritto su Twitter:

Un tentativo di contenimento dei danni. Un po’ troppo tardi. Sarebbe dovuto uscire prima dell'intervista alla CNN. Ma meglio tardi che mai!

Invece, il professionista del settore medico-sanitario Yub Raj Sedhai ha affermato:

È assolutamente disgustoso vedere il primo ministro sorvolare su una crisi umanitaria. La gente è costretta ad soffocare semplicemente per mancanza di ossigeno. Le forniture mediche, le infrastrutture e il personale sono già in netta minoranza.

Giorni dopo, il primo ministro Oli ha corretto la sua dichiarazione attraverso un articolo pubblicato sul giornale The Guardian, esortando il supporto delle comunità internazionali per mettere fine alla crisi COVID-19 in Nepal.

Molti abitanti del Nepal hanno dato vita a iniziative per aiutare i più bisognosi. Operatori sanitari e giovani, anche oltreoceano, stanno offrendo o finanziando servizi gratuiti ai pazienti che rimangono a casa, dando da mangiare ai senzatetto e fornendo informazioni relative alla COVID. Uno di questi esempi è il gruppo Facebook Nepal Covid-19 Support, che è stato avviato da alcuni attivisti, compresi medici professionisti. Il gruppo ha raccolto informazioni attraverso il crowdsourcing (sviluppo collettivo) tra cui quelle di ospedali, ambulanze, pazienti COVID-19 che si stanno auto-isolando, e aiuta inoltre a rispondere alle domande poste ai medici professionisti senza trattenere alcuna commissione. Ha anche pubblicato una guida ai servizi COVID-19 che fornisce informazioni utili ai pazienti e alle loro famiglie che ne hanno bisogno, completamente gratuita. 

Nepal COVID-19 support group has published a Covid-19 service directory

Più di 22.000 persone hanno anche firmato una petizione per chiedere che gli Stati Uniti dessero al Nepal una parte dei 60 milioni di vaccini che Washington DC ha detto di voler condividere con altre nazioni. I nepalesi che vivono all'estero stanno anche cercando di mettersi in contatto con i governi dei loro paesi di residenza per chiedere sostegno per il Nepal, mentre la Non-Resident Nepali Association in Oman ha appena inviato 600 bombole di ossigeno al paese. 

Colpiti da una situazione in rapido peggioramento, l'opinione pubblica sta discutendo questioni come l'inefficienza del governo, come pure l'approccio della comunità internazionale all’equa distribuzione dei vaccini COVID-19, specialmente nelle nazioni in via di sviluppo come il Nepal, che sta lottando per assicurarsi il numero necessario di vaccini, quando ci sono molti paesi sviluppati che se ne sono assicurati molti più del necessario. 

Sara Beysolow Nyanti, la coordinatrice residente delle Nazioni Unite in Nepal, ha scritto su Twitter:

Il Nepal non è stato in grado di assicurare i vaccini nemmeno per il 20% di coloro che devono essere vaccinati. Il #Nepal dovrebbe essere considerato una priorità. Faccio appello ai paesi che possono avere vaccini in più per inviarli al Nepal immediatamente.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.