chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La dogana di Hong Kong fa un raid nella rete di vendita al dettaglio pro-democrazia, scatenando compassione

Lunghe code fuori da AbouThai dopo il raid della dogana. Immagine da Stand News. Usare con il permesso.

La dogana di Hong Kong ha schierato circa 100 agenti per fare irruzione e sequestrare merci dalla catena di vendita al dettaglio AbouThai, l'8 aprile, citando una violazione dell'ordinanza sulla sicurezza dei beni di consumo per un'etichettatura inadeguata su 14 tipi di prodotti.

AbouThai è di proprietà di Mike Lam [zh], un uomo d'affari pro-democrazia che ha iniziato la sua attività di vendita al dettaglio nel 2015. È stato licenziato dalla dogana di Hong Kong dopo essere apparso in TV in una protesta contro i commercianti paralleli della Cina continentale che approfittavano dei visti multipli per importare merci da Hong Kong senza pagare le tasse. Aveva 26 anni quando ha perso il lavoro e sua moglie thailandese era appena arrivata a Hong Kong con la loro figlia di tre mesi.

Per mantenere la famiglia, ha preso in prestito 100.000 dollari di Hong Kong (circa 14.000 dollari USA) da una banca e ha aperto un negozio di 60 metri quadrati in un quartiere popolare, vendendo generi alimentari thailandesi. Attualmente, la catena al dettaglio ha 26 negozi in tutta Hong Kong.

Lam ha partecipato alle primarie pro-democrazia nel luglio 2020 ed è diventato uno dei 47 attivisti [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] arrestati con l'accusa di “cospirazione per sovvertire il potere statale” secondo la legge sulla sicurezza nazionale.

I funzionari doganali hanno preso d'assalto il magazzino di AbouThai e i suoi 26 negozi, confiscando merci per un valore di oltre un milione di dollari di Hong Kong a causa dell'assenza di etichette cinesi per 14 tipi di prodotti. Un manager di 33 anni è stato arrestato durante il raid.

La catena di negozi si è scusata [zh] in una dichiarazione sulla sua pagina Facebook per la sua negligenza e ha sottolineato che nella pratica abituale, la dogana avrebbe solo emesso avvertimenti o lettere di accusa. Il raid in tutta la città, ha detto la dichiarazione, era fuori dall'ordinario:

面對這樣極端的檢控程序,可能,
就是因為阿布泰國生活百貨自創立以來,
一直都披上了色彩,但現實在這香港,誰會沒有色彩?色彩本就是一個多元文化應有的元素,香港作為中西匯集的國際都會,一直吸引世界各地的投資者。但現在面對著不停的打壓,阿布泰在此委曲但求全,我們只希望繼續服務香港人

[…] tale pratica di persecuzione estrema, forse è perché fin dalla sua fondazione, AbouThai è stato identificato con certi colori. Ma chi non ha colore a Hong Kong? Hong Kong è una metropoli con cultura orientale e occidentale, i colori rappresentano una cultura diversa e questo rende Hong Kong attraente per gli investitori di tutto il mondo. Di fronte alla repressione, AbouThai sopravviverà umilmente. Tutto ciò che vogliamo è continuare a servire gli hongkonghesi […]

AbouThai è un famoso negozio “giallo” pro-democrazia del cosiddetto “cerchio economico giallo” – un'iniziativa per fornire supporto reciproco ed esprimere solidarietà tra i cittadini pro-democrazia. Un certo numero di negozi gialli hanno mostrato il loro sostegno offrendo sconti ai clienti [zh] che hanno acquistato da AbouThai nei prossimi giorni.

In una dichiarazione alla stampa rilasciata il 9 aprile, la dogana ha negato la sua azione come “repressione”, sostenendo che l'operazione in tutta la città è stata presa dopo che i funzionari hanno ricevuto denunce e testato alcuni prodotti.

L'anno scorso, la dogana di Hong Kong ha anche dato un giro di vite alla vendita di maschere “non fatte in Cina” con l'accusa di violare la legge sulla descrizione del commercio. Un membro centrale del partito d'opposizione ora sciolto, Demosisto, è stato arrestato durante il raid.

Il giornalista indipendente Kris Cheng ha descritto le attuali operazioni in tutta la città come uno “spettacolo mediatico”:

Quindi questo problema riguardava i prodotti d'oltremare venduti da AbouThai a Hong Kong che non avevano etichette di avvertimento cinesi, anche se tutti sanno quali sono i prodotti che stanno comprando. Un'offesa così grande, deve confiscare 1 milione di dollari di Hong Kong e avere un intero show mediatico, giusto?

Le perdite subite dalla catena di negozi sono state enormi, dato che il raid ha avuto luogo solo un giorno prima della vendita annuale del negozio, il “Songkran Festival”.

AbouThai ha in corso la sua vendita annuale “Songkran Festival” per una settimana a partire da domani, dato che il festival thailandese inizia la prossima settimana. Ma ora, molta della loro merce è stata sequestrata. Immagino che qualcuno del dipartimento doganale sia un grande fan, per scegliere un momento così opportunistico.

In risposta al raid, gli hongkonghesi pro-democrazia si sono precipitati a comprare nel negozio. Alex Lam, reporter di Apple Daily News ha descritto l'atto collettivo come una presa di voti:

Ora che le elezioni (significative) non ci sono più, gli #Hongkonghesi dovranno trovare il loro modo di votare.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.