chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'Eurovision Song Contest può cambiare le opinioni della Russia sui migranti dell'Asia centrale?

Screenshot della canzone di Manizha “Russian Woman” sul canale YouTube dell'Eurovision Song Contest.

La Russia ha nominato Manizha, una cantante di origine tagika, come sua rappresentante per l’Eurovision Song Contest [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] del maggio 2021. Il grande evento culturale che ha raccolto decine di milioni di spettatori in tutta Europa ogni anno dal 1956, è stato rinviato l'anno scorso dalla pandemia, e in Russia, ha scatenato un primo dibattito poiché non tutti i russi hanno accolto una cantante dell'Asia centrale, da dove provengono la maggior parte dei lavoratori migranti in Russia, come il volto scelto del loro paese in un evento di così alto profilo

Una cantante che non ha paura di dire la sua

Manizha è una cantante di 30 anni che è nata nel Tagikistan dell'Asia centrale, ma ha dovuto fuggire dal paese con la sua famiglia a causa della devastante guerra civile che ha portato il caos nel paese dal 1992 al 1997. Cresciuta in Russia, ha intrapreso una carriera nella musica pop e hip-hop, cantando in inglese, russo e tagiko, spesso mescolando tutte e tre le lingue con lo slang di strada.

Ciò che distingue Manizha dagli altri artisti pop in Russia è che affronta apertamente temi che rimangono tabù per la società tradizionale tagika o russa: il rifiuto del patriarcato, l'appropriazione delle identità etniche e nazionali, l'accettazione delle persone LGBTQI+, e il riconoscimento del ruolo chiave svolto da milioni di migranti dell'Asia centrale che rimangono in gran parte invisibili in Russia.

Per una canzone popolare del 2019, vista da oltre un milione di spettatori su YouTube, ha inventato una parola “Недославянка” che può essere tradotta come “[lei è] non-quasi-slava”. Il video musicale mescola immagini dalla Russia, dal suo nativo Tajikistan, così come riferimenti a Bollywood e ai film Ninja, e presenta forti personaggi femminili.

Il testo ritrae il suo punto di vista sull'identità. All'inizio dice: “Я недославянка, я недотаджичка / Живу по Корану в стенах церкви”, che significa: “Non sono abbastanza slavo, non abbastanza tagiko / vivo secondo le leggi del Corano tra le mura di una chiesa”. Più avanti nella canzone, aggiunge:  “На земле родной / Я уже чужой / А на земле чужой / Ещё не родной”, che si traduce come: “Nella mia terra natale / sono già un alieno / E in questa terra aliena / Non ancora un nativo”. Finisce la canzone con un testo in inglese: “Sono stata fatta da mamma Russia e dal mio papà tagiko / Ascolta, ascolta, tu Россия [Russia], Miss Manizha è meticcia [mestizo si riferisce in inglese a persone di origine mista].

Una canzone che ha acceso la blogosfera in lingua russa

Ma la canzone che ha spinto Manizha in cima alle classifiche musicali con oltre sei milioni di visualizzazioni solo su YouTube, è “Russian Woman”, uscita nel 2021. La canzone ha un titolo inglese, ma l'originale russo include una sottile sfumatura che si perde nella traduzione.

In russo, il termine “russo” quando ci si riferisce alle persone può assumere due forme: “российский” (pronunciato rassiyski) e “русский”. (pronunciato russki). Il primo enfatizza l'essere cittadino della Federazione Russa, mentre il secondo è un marcatore etnico (dato che la Federazione Russa ospita più di cento gruppi etnici diversi). Nella versione russa della sua canzone, Manizha usa la versione etnica, implicando così che lei incarna anche le donne etniche russe, in netto contrasto con lo stereotipo delle donne bionde dagli occhi azzurri che la Russia ama rappresentare come la “tipica donna russa”. Infatti, all'inizio del video musicale, Manizha indossa i tradizionali scialli russi, molto associati al codice di abbigliamento etnico russo rurale:

A metà canzone, passa dal russo all'inglese, cantando: “Ogni donna russa ha bisogno di sapere / Sei abbastanza forte da rimbalzare contro il muro”.

La canzone ha lanciato un acceso dibattito l'8 marzo, che segna la Giornata Internazionale della Donna, quando i funzionari russi hanno annunciato che a seguito di un voto popolare di quasi il 40% del pubblico, “Russian Woman” era stata ufficialmente scelta per rappresentare la Russia nell'Eurovision Song Contest 2021.

Dato che l'ultimo concorso Eurovision ha raccolto 182 milioni di spettatori nel 2019, ed è visto come un simbolo del profilo culturale internazionale di un paese, le reazioni alla selezione di Manizha sono state immediate e piuttosto polarizzate. Gli utenti di Internet hanno discusso di tutto, dalla rappresentazione della Russia in Occidente, alla diversità razziale ed etnica in Russia, ai ruoli tradizionali delle donne nella società russa. Come dice Polina Panzina, una netizen che ha lasciato un commento sotto il video ufficiale della canzone il 28 marzo [ru]:

Россия буквально разделилась на два лагеря по признаку принятия этой песни😅

La Russia si è letteralmente divisa in due campi per quanto riguarda l'accettazione di questa canzone.

Un ampio segmento della blogosfera russa ha reagito con abusi e discorsi di odio rivolti alla cantante, come questo utente di Twitter [ru]:

Manizha va all'Eurovision. La sua canzone suscita l'indignazione generale. Su tutti i canali televisivi ci dicono: è una ragazza brava e talentuosa! Può darsi. Ma perché partecipare alla competizione con questo pezzo di merda? Per dire: “Ciao, Europa, vengo dalla Russia! Siamo incasinati come voi!”. ??

La raffica di discorsi d'odio ha persino portato a un'indagine ufficiale. Il 18 marzo, il Comitato Investigativo della Russia ha annunciato che avrebbe indagato sul testo della canzone, a seguito di una denuncia da parte di gruppi di attivisti civici conservatori [ru] che sostengono che le parole della canzone di Manizha rappresentano “un insulto all'onore delle donne russe”. Al momento della pubblicazione, nessuna conclusione ufficiale era stata raggiunta, ma mercoledì 31 marzo, la presidente del Consiglio della Federazione, Valentina Matvienko, ha fatto una dichiarazione pubblica [ru] descrivendo la canzone come “какой-то бред” (“una specie di sciocchezza”) e chiedendo un'inchiesta sul processo di voto che ha permesso di selezionare la canzone di Manizha.

Allo stesso tempo, voci progressiste hanno espresso il loro sostegno, indicando che è tempo che la società russa tradizionale riveda i suoi punti di vista su identità, patriarcato, femminismo e abbracci il fatto che la Russia è una nazione multiculturale. In questo articolo pubblicato sulla rivista intellettuale in lingua russa Nozh, il sociologo russo Daniil Zhayvoronok spiega [ru]:

В России о проблемах, связанных с расизмом и национализмом, из популярных исполнителей открыто говорит только Манижа. И после того, как она победила в национальном отборе на Евровидение с номером «Русская женщина», в российском онлайн-пространстве появилось множество хейтерских комментариев о певице… Эти комментарии наверняка писали те же самые люди, которые утверждают, что в России нет дискриминации по признакам расы, нации и этноса…Рассказывая историю русской женщины, певица не просто делает видимыми не русских женщин, она делает видимой саму их исключенность и невидимость, а также и гибридность.

Manizha è l'unica artista pop che parla apertamente di razzismo e nazionalismo in Russia. Dopo che ha vinto la competizione nazionale Eurovision con la sua canzone “Russian Woman”, la sfera online russa si è riempita di commenti odiosi su di lei… Quei commenti sono stati probabilmente scritti dalle stesse persone che sostengono che in Russia non c'è discriminazione basata sulla razza o sull'etnia…. Raccontando la storia di una donna [etnicamente] russa, la cantante non solo rende visibili le donne che non sono [etnicamente] russe, ma rende visibile la loro esclusione e invisibilità, così come la loro ibridazione.

I dibattiti sono ancora in corso su Facebook, Vkontakte, Twitter e Club House, e probabilmente si scalderanno di nuovo il 18 maggio con l'inizio della finale dell'Eurovision Song Contest prima che il vincitore sia annunciato il 22 maggio.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.