chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Piano per il disboscamento nella foresta di Ebo in Camerun è stato fermato, ma l'area rimane vulnerabile

    Vista delle colline della foresta di Ebo nel gennaio 2021. Foto di Ekonde Daniel. Usata con permesso.

La foresta di Ebo in Camerun è un'area biologicamente diversificata che ospita una ricca selezione di flora e primati in pericolo critico [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], tra cui l'unica popolazione di scimpanzé al mondo conosciuta per essere in grado di rompere le noci ed estrarre le termiti con strumenti.

Nel luglio 2020, il governo del Camerun ha designato i 141.706 ettari di Ebo come Unità di Gestione Forestale (FMU) e ha approvato una concessione di taglio nella zona. Poche settimane dopo, nell'agosto 2020, con grande sollievo degli ambientalisti che si erano opposti al piano, il governo ha invertito la decisione, emettendo un decreto che dichiarava che il piano per consentire il disboscamento era stato sospeso.

La decisione ha fatto piacere anche a molti residenti della zona.

“Se loro [il governo] decidono di prendere la foresta senza parlare con noi, noi andremo nella foresta e diventeremo ribelli“, mi ha detto il capo Dekath Moise Nguile. “Faremo quello che sta succedendo a Bamenda”, ha aggiunto, riferendosi a una città nella tormentata regione nord-occidentale del Camerun.

“I nostri genitori sono sepolti qua!”

Mi ero unito al capo Nguile, un capo locale, per una visita alla foresta di Ebo, a circa sei ore di macchina da Douala, la capitale economica del Camerun.

“Lì ci sono gli alberi, i gorilla e gli scimpanzé – i nostri genitori sono sepolti lì. È la guerra che ci ha portato in questo posto”, ha detto Nguile riferendosi all'insediamento dove vivono i residenti del suo villaggio e dove lui ha una casa. “Abbiamo i nostri luoghi sacri lì e quando abbiamo problemi, andiamo a pregare”.

Dekath Nguile, il capo, incontra una donna della tribù nel villaggio al suo arrivo dalla capitale economica del Camerun, Douala. Immagine di Ekonde Daniel. Usata con il suo permesso.

Il viaggio in cui accompagno Nguile è uno dei tanti che fa regolarmente nella foresta, dove si trova anche il suo villaggio ancestrale, una delle 40 comunità della zona.

All'arrivo in una comunità, abbiamo incontrato il capo Emmanuel Belema, un leader della comunità, che spargeva semi di cacao davanti alla sua casa ai margini della foresta di Ebo. Belema aveva appreso della decisione del luglio 2020 di aprire la foresta al disboscamento dalla radio, il suo unico collegamento con il mondo esterno.

Il capo Emmanuel Belema sparge i semi di cacao davanti alla sua casa. Immagine di Ekonde Daniel. Usata con permesso.

“Siamo qui ad aspettare il governo. Prima di sfruttare la foresta dovrebbero dirci cosa ci daranno. Se non c'è niente che ci aiuti, allora non sappiamo come risponderemo”, mi ha detto Belema.

Belema crede che siano le élite del suo villaggio che ora vivono “nelle grandi città di Douala e Yaoundé” a negoziare con il governo per far tagliare la foresta per uso industriale. “Ma noi siamo i guardiani di questa foresta”, dice, poi fa una pausa. “Ci preoccupa. Non saremo felici se questo accadrà”.

Che si tratti di estrazione dell'oro o di disboscamento, le compagnie in concessione hanno a lungo affrontato l'opposizione dei residenti delle loro aree di sfruttamento. Questo in parte perché le promesse di una gestione sostenibile o la costruzione di servizi non vengono mai mantenute. Si aggiunga il presunto accaparramento di terreni e l'inquinamento da parte del gruppo imprenditoriale francese Bolloré nella regione Littoral del Camerun, e i continui scontri tra minatori cinesi e locali nella regione orientale, ricca d'oro.

Come Nguile, la zona in cui vive Belema non è il suo insediamento originale. Si sono trasferiti in questa zona, che ospita una comunità di circa 200 persone, a causa di una guerriglia circa 50 anni fa.

Anche il clan di Nguile è stato tra le vittime della rimozione forzata negli anni '60, quando il governo del Camerun stava combattendo il braccio ribelle del partito politico Union des Populations du Cameroun (UPC). Poiché i membri dell'UPC si nascondevano nella boscaglia per portare a termine le loro operazioni di caccia e fuga, lo stato evacuò i nativi della zona.

Un luogo di sorprendente biodiversità

Nel gennaio 2021, ci sono più di 200 persone che vivono ai margini della foresta di Ebo. Immagine di Ekonde Daniel. Usata con permesso

A febbraio, ho parlato al telefono con il Dr. Ekwoge Abwe, un ricercatore del programma Africa Centrale del San Diego Zoo Global per la foresta di Ebo. “Ebo è considerato un importante tratto di foresta nell'hotspot di biodiversità del Golfo di Guinea”, mi ha detto.

Abwe lavora nella foresta dal 2002. Nel 2005, lui e altri 13 studiosi hanno scoperto una grande popolazione di scimpanzé Camerun-Nigeria nella foresta. Gli scimpanzé sono considerati “i più minacciati, con solo tra i 3.500 e i 9.000 animali rimasti in natura”.

Abwe mi ha detto che l'Ebo ospita circa 1.000 dei primati o 1/9 della popolazione mondiale totale. Ma ciò che è più peculiare di quelli di Ebo, nota il ricercatore, è che “sono gli unici scimpanzé che rompono le noci usando strumenti e allo stesso tempo catturano le termiti usando strumenti”.

“Altre popolazioni ne fanno una, ma quelle di Ebo le fanno entrambe, il che rende la foresta un'area davvero unica”, ha detto Abwe, notando anche che dal 2005 sono state scoperte 28 nuove piante che sono “endemiche della foresta”.

Nonostante il suo ricco biota e il fatto che detiene 35 milioni di tonnellate di carbonio, il governo del Camerun ha tirato per le lunghe la designazione della zona come parco nazionale, una richiesta che gli ambientalisti fanno dal 2005.

“Queste sono alcune delle ragioni che stiamo avanzando al governo”, mi ha detto Abwe. “Invece di disboscare quest'area, dovremmo pensare ad altri modi per generare entrate alternative e sostenibili per le comunità locali”.

Ma i crescenti investimenti nel settore del legname in Camerun, un settore un tempo dominato dagli europei ma ora dominato da aziende cinesi, non garantiscono la sicurezza di Ebo, soprattutto data l'importanza della produzione di legname per l'economia del Camerun.

Nel luglio 2020, più o meno al momento dell'annuncio iniziale, il ministro camerunese delle foreste e della fauna selvatica ha detto che il paese aveva già conservato più del doppio del 12% di copertura forestale richiesto dalle Nazioni Unite, e che non tutti gli alberi di Ebo sarebbero stati abbattuti. Ho visitato il Ministero delle Foreste e della Fauna del Camerun il 25 febbraio per scoprire se c'era una possibilità che la foresta potesse essere aperta al taglio industriale in futuro, ma non ho trovato nessuno che volesse parlare ufficialmente.

Da quando il governo ha sospeso il piano di disboscamento, non ha ancora detto niente di più. “Queste persone, che potrei chiamare avvoltoi, stanno ancora cercando il modo di tagliare”, ha detto Abwe.

Finché Ebo non sarà designata come area protetta, la foresta rimane un terreno fertile per coloro che cercano di sfruttare le sue offerte.

Boris Karloff Batata ha contribuito a questa storia.

 

Questo reportage è stato prodotto con i fondi di CIVICUS coordinati dall'Università di Witwatersrand a Johannesburg attraverso la Conferenza africana di giornalismo investigativo (AIJC)

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.