chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Attivisti di Hong Kong incarcerati per aver partecipato alla veglia di Tiananmen nel 2020

Hong Kong, 4 giugno 2020: nonostante il divieto da parte delle autorità, migliaia di persone si riuniscono per commemorare le vittime di Piazza Tiananmen al Victoria Park. Foto di Stand News, usata con permesso.

Il 6 maggio, quattro attivisti pro-democrazia di Hong Kong sono stati condannati per aver partecipato alla veglia annuale di Piazza Tiananmen il 4 giugno scorso.

Il magistrato distrettuale Stanley Chan ha condannato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] l'attivista pro-democrazia Joshua Wong ad altri dieci mesi di reclusione. La sentenza si aggiunge alla pena di 13,5 mesi che Wong sta attualmente scontando a seguito dell'accusa di organizzazione e incitamento di un raduno illegale nel 2019.

Gli altri tre attivisti condannati sono Consiglieri distrettuali: Lester Shum è stato condannato a sei mesi di reclusione, mentre Tiffany Yuen e Jannelle Leung a quattro mesi ciascuna. I tre dovranno lasciare il seggio al Consiglio distrettuale. Wong e Shum sono inoltre accusati di sovversione secondo la Legge di sicurezza nazionale di Hong Kong per aver partecipato l'anno scorso alle elezioni primarie pro-democrazia del Consiglio legislativo.

Ogni 4 giugno dal 1990, gli abitanti di Hong Kong si riuniscono al Victoria Park, nel centro della città, per commemorare le vittime del Massacro di Tiananmen. Prima delle sentenze del 6 maggio, mai nessuno aveva ricevuto una condanna per aver partecipato a questo atto commemorativo pacifico.

L'anno scorso, la polizia di Hong Kong aveva negato l'autorizzazione ad organizzare la commemorazione pubblica a causa delle preoccupazioni legate alla pandemia. Per questo motivo, tutti quelli che parteciparono nonostante il divieto sono stati accusati di raduno illegale.

Tra i 20.000 di Hong Kong che accesero una candela al Victoria Park, la polizia ha identificato 26 attivisti [zh], sottoposti ora ad arresto e procedimento giudiziario. Due degli attivisti, Nathan Law e Sunny Cheung, hanno lasciato Hong Kong esiliandosi all'estero.

Il magistrato ha affermato nella sua decisione:

With the 2019 unrest still lingering, the gathering of some 20,000 participants on a special night like June 4 meant emotions could run high, and unruly elements could take advantage of the situation and incite violence.

In seguito al perdurare dei disordini del 2019, il raduno di circa 20.000 partecipanti a una serata speciale come quella del 4 giugno può scaldare molti animi, consentendo ai ribelli di sfruttare la situazione e incitare alla violenza.

Benedict Rogers, Presidente dell'Organizzazione per i diritti umani Hong Kong Watch con sede a Londra, ha così commentato la sproporzionata sentenza:

The jailing of Joshua Wong, Lester Shum, and two district councillors for their participation in a peaceful vigil marking the Tiananmen Square Massacre is a new low in the dismantling of the city’s freedom. It appears that it is now a crime in Hong Kong to remember the 1989 massacre, where the Chinese Communist Party killed thousands of student activists.

La carcerazione di Joshua Wong, Lester Shum e di altre due Consigliere distrettuali per aver partecipato alla veglia pacifica in commemorazione della strage di Piazza Tiananmen è un ulteriore passo verso la distruzione della libertà della città. Sembra che a Hong Kong ricordare il massacro del 1989 in cui migliaia di studenti morirono per mano del Partito Comunista Cinese sia un reato.

Altri venti attivisti sono accusati di aver organizzato e partecipato alla veglia del 4 giugno. Tra questi, l'organizzatore della veglia e Presidente dell'Hong Kong Alliance in Support of Patriotic Democratic Movements of China (HK Alliance) deve rispondere a tre accuse, tra cui organizzazione, incitamento e partecipazione a un raduno illegale.

Anche quest'anno la veglia del 4 giugno al Victoria Park è stata sostanzialmente vietata. Il Leisure and Cultural Services Department ha infatti sospeso l'affitto di strutture e venues a causa delle preoccupazioni legate alla salute.

Come l'anno scorso, gli abitanti di Hong Kong potranno ancora riunirsi spontaneamente al Victoria Park per la veglia del 4 giugno anche se, stando alla decisione della Corte, la partecipazione potrebbe condurre ad arresti e carcerazioni. Fa notare @limlouisa:

È ovvio: la commemorazione pubblica del 4 giugno in HK è stata criminalizzata usando come pretesto le misure di sicurezza anti-contagio.

Minacce a parte, l'HK Alliance ha continuato a organizzare le attività legate alla commemorazione annuale del 4 giugno. Il 2 maggio, i Vice Presidenti dell'HK Alliance, Albert Ho e Chow Hang-tung (accusati a loro volta di incitamento e partecipazione alla veglia dell'anno scorso) hanno condotto l'annuale commemorazione di fronte al Pillar of Shame nel campus dell'Università di Hong Kong.

La corrispondente dell'AFP Hong Kong, Xinqi Su, ha registrato l'evento:

“Il regime vuole criminalizzare la nostra fiaccolata (per commemorare il 4 giugno), ma noi non molleremo”, afferma la leader dell'HK Alliance Chow Hang-tung. “Ci auguriamo che tutti possano ricordare questo giorno, ricordare il massacro”.

In seguito alla decisione della Corte, Chow ha affermato:

June 4 is coming again – we have been lighting candles in Victoria Park for 31 years and we will continue.

Il 4 giugno è alle porte: accendiamo le candele al Victoria Park da trentuno anni e continueremo a farlo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.