chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Cosa rivela una raffineria di petrolio del Kirghizistan sulla Nuova Via della Seta cinese?

Una raffineria di petrolio di notte. Foto di Gregg Tavares [en]. CC BY 2.0 [it] (Flickr)

La raffineria di petrolio Zhongda, uno dei maggiori investimenti della Cina in Kirghizistan, rappresenta il dibattito tra posti di lavoro e inquinamento che circonda la visione delle infrastrutture della Nuova via della seta (BRI) di Pechino.

La raffineria è un esempio di opacità. A dieci anni dalla sua costruzione, molti cittadini del Kirghizistan sanno molto poco del suo lavoro o del motivo per cui ha recentemente interrotto la produzione.

Zhongda, conosciuta anche come Junda, è stata costruita [en, come tutti i link successivi salvo diversa indicazione] nella cittadina di Kara-Balta, a 60 chilometri a ovest della capitale Bishkek, con investimenti [ru] cinesi per oltre 300 milioni di dollari americani.

La società che gestisce la raffineria, “Zhongda China Petrol Company” (中大中国石油公司), è di proprietà della società carboniera statale Shanxi Coal and Chemical Industry Group, con sede a Shanxi (Cina) tramite una società sussidiaria chiamata Central Asia Energy Company.

Il progetto è stato concordato non molto tempo prima che il regime corrotto e autoritario del secondo presidente del Kirghizistan, Kurmanbek Bakiyev, fosse esautorato, durante una rivoluzione del 2010.

Quando è stata finalmente commissionata nel 2014, è divenuta la più grande raffineria di petrolio del Kirghizistan, un paese dell'Asia centrale, di 6,5 milioni di persone, povero di risorse.

La disoccupazione in Kirghizistan è cronica e la raffineria faceva parte di una serie di investimenti cinesi realizzati nel periodo della rivoluzione che hanno parzialmente controbilanciato la tendenza di centinaia di migliaia di kirghisi che stagionalmente migrano in Russia, in cerca di lavoro.

Circa i due terzi degli 800 lavoratori della raffineria sono locali, mentre i restanti sono cinesi.

Ma molti degli investimenti cinesi, in particolare nel settore estrattivo, sono stati invischiati in scandali a causa dei danni ambientali percepiti e delle scarse relazioni con la comunità.

La cosa più sorprendente della raffineria Zhongda, secondo Niva Yau, ricercatrice presso l'Accademia OSCE di Bishkek, è quanto sia vicina agli edifici residenziali di Kara-Balta:

Living next to an oil refinery is bad anywhere in the world. In this case, however, the Chinese company did not assess the impact on placing the factory so close to a village. It was a cost-cutting measure, because a more remote location would have placed the cost of laying down water and energy transmission networks on the shoulders of the company. Strapped for cash, the Kyrgyz government would have not been able to afford this. In China, the government tries to build new refineries farther away from settled communities and they compensate the locals in case of exposure to environmental harm. Building the Zhongda refinery was convenient for the Kyrgyz government. At the end of the day, what happens in Kara-Balta does not affect Bishkek.

In qualsiasi parte del mondo, vivere vicino a una raffineria di petrolio non è salutare. In questo caso, però, l'azienda cinese non ha valutato l'impatto sulla collocazione della fabbrica così vicino a un villaggio. Si è trattato di una misura di contenimento dei costi, perché, se l'ubicazione fosse stata più remota, i costi di realizzazione delle reti di trasmissione di acqua ed energia sarebbero stati a carico dell'azienda. Il governo del Kirghizistan, a corto di soldi, non sarebbe stato in grado di permetterselo. In Cina, il governo cerca di costruire nuove raffinerie più lontane dalle comunità e risarcisce i locali in caso di esposizione a danni ambientali. La costruzione della Zhongda era conveniente per il governo del Kirghizistan. Alla fine della giornata, ciò che accade a Kara-Balta non riguarda Bishkek.

Una pausa nella produzione, ma per quanto tempo?

Bishkek è la capitale del Kirghizistan, dove vengono prese le decisioni politiche. Presidenti e legislatori sono spesso accusati di sottrarre denaro agli investimenti, lasciando che le comunità locali risolvano da sole i loro problemi con le aziende straniere.

Molti residenti di Kara-Balta hanno detto a Global Voices che, da quando la raffineria è diventata operativa, ci hanno rimesso in salute.

Sulaiman Satykeev, un membro del governo locale, ha affermato che il numero di residenti che soffrono di allergie, asma e altri problemi polmonari è cresciuto:

Especially in the morning, the air smelled like gas. We tried to reach the mayor, arguing that the plant is harmful to the environment. People were getting sick due to the polluted air. The refinery’s work, however, went on. We tried our best but nobody was listening to us. Now, thank God, the Zhongda factory is not working and the air has become much cleaner.

Soprattutto al mattino, c'era puzza di gas nell'aria. Abbiamo provato a metterci in contatto con il sindaco, sostenendo che la fabbrica è dannosa per l'ambiente. A causa dell'aria inquinata, le persone si ammalavano. Il lavoro della raffineria, però, è andato avanti. Abbiamo fatto del nostro meglio ma nessuno ci prestava ascolto. Ora, grazie a Dio, la fabbrica Zhongda non è operativa e l'aria è diventata molto più pulita.

Nello stesso anno, la pausa della produzione in raffineria è coincisa con l'arrivo del coronavirus. Gli operatori della raffineria non hanno fornito una spiegazione sulla pausa, né un programma per la ripresa dei lavori della fabbrica.

Questa è la seconda volta che la struttura è ferma. Nel 2018, a seguito di una causa legale [ru] per evasione fiscale e abuso dei diritti dei lavoratori, i lavori della raffineria, dopo quattro anni di attività, sono stati sospesi.

Alcuni ritengono che i problemi della raffineria siano legati alla concorrenza, tra Cina e Russia, per il mercato dell'energia.

Il gigante energetico russo Gazprom domina tradizionalmente il mercato del carburante in Kirghizistan, mentre diversi importanti politici kirghisi hanno aziende che importano carburante da lì [ru]:

(Il legislatore) Pirmatov dice le cose come stanno. Il governo è apparentemente intenzionato a distruggere la produzione locale (a Junda) per creare benefici per il carburante raffinato, importato dalla Russia. Con i nostri funzionari, chi ha bisogno di nemici? Loro rovinano tutto. La raffineria di Junda, tra l'altro, ha esportato legalmente il nostro carburante di bassa qualità in Afghanistan e ha pagato miliardi (di som kirghisi) in tasse.

Nel 2019, Zhongda è stata una delle numerose operazioni gestite [ru] da cinesi, perquisite da un sedicente gruppo patriottico nazionalista, chiamato Kyrk Chorolor, che ha ottenuto popolarità assumendo una posizione aggressiva anti-cinese.

Coloro che guardano con scetticismo agli investimenti cinesi in Asia centrale, spesso sostengono che la componente industriale della BRI porterà, nella regione, una produzione inquinata, ormai non più necessaria in Cina.

Questo sentimento è stato evidenziato oltre confine, in Kazakistan (la più grande economia della regione), durante le proteste contro il sostegno del governo ai progetti di investimento cinesi, due anni fa [ru]:

In cinque grandi città del Kazakistan sono in corso proteste anti-cinesi. La fabbrica più sporca del Kirghizistan è la raffineria cinese Zhongda, a Kara-Balta.

La copertura mediatica cinese sfiora le controversie

I rappresentanti della raffineria rilasciano raramente interviste alla stampa locale del Kirghizistan, che è la più indipendente della regione dell'Asia centrale e nota per porre domande scomode.

In un'intervista del 2019 con il Sanqin Metropolis Daily [zh], Shi Jianguo, manager della Zhongda China Petrol Company, ha definito la fabbrica come “la prima impresa industriale su larga scala in Kirghizistan”.  

I funzionari locali hanno anche evitato di menzionare, nelle loro interviste con la stampa cinese, i problemi che il progetto ha affrontato.

In un'intervista del 2017 con l’agenzia di stampa Xinhua [zh], Turusbek Nogoev, l’allora governatore della regione di Chuy (dove si trova la raffineria), per descrivere la fabbrica ha usato una frase amata dai funzionari cinesi:

Zhongda Petrol's operations and output are a win-win for Kyrgyzstan and China. The refining company has made sizeable tax contributions to Kyrgyzstan’s budget and is a model for foreign investors.

Le attività e la produzione di Zhongda Petrol sono una vittoria per il Kirghizistan e la Cina. La società di raffinazione ha apportato notevoli contributi fiscali al bilancio del Kirghizistan e rappresenta un modello per gli investitori stranieri.

Nel 2017, la Central Asia Energy Company ha dichiarato [zh] che la società ha pagato in media, mensilmente, dai 3 ai 3,5 milioni di dollari americani di tasse, collocandola tra i primi tre contribuenti in Kirghizistan.

Al momento, il bilancio statale sta perdendo quei soldi e i lavoratori locali i loro stipendi. Molti altri residenti di Kara-Balta sono semplicemente felici di riavere la loro aria.


Questa storia fa parte di un'indagine del Civic Media Observatory sulle narrazioni concorrenti sulla Nuova Via della Seta cinese ed analizza come le società e le comunità abbiano percezioni diverse dei potenziali benefici e danni dello sviluppo guidato dalla Cina. Per saperne di più su questo progetto e sui suoi metodi, clicca qui.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.