chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I greci avviano una battaglia legale contro i porti finanziati dai cinesi che potrebbero inquinare l'ambiente

Traffico marittimo nel porto greco del Pireo come si vede da MarineTraffic, 13 maggio, 2021.

L'investimento cinese sul porto greco del Pireo che fa parte della Belt and Road Initiative (BRI) o Nuova via della seta, ha incrementato i commerci fra i due paesi ma le tensioni sulla possibile violazione di leggi ambientali hanno messo in luce il contrasto tra i potenziali benefici e i danni di questo investimento.

Nel 2016 la compagnia di spedizioni di proprietà dello stato cinese, COSCO, ha comprato una cospicua quota di partecipazione di maggioranza nella compagnia pubblica che gestisce il Pireo (PPA), un porto situato a sud-ovest di Atene. Sotto il COSCO-PPA, il porto è diventanto uno dei più grandi del Mediterraneo [en]. La Cina lo ha soprannominato “Dragon Head” [en] (testa di dragone), a sottolineare la sua funzione di punto chiave di entrate per i prodotti cinesi in Europa. Secondo l'agenzia statistica greca [en] il valore delle importazioni dalla Cina sono passate da 2.89 miliardi di euro (3.2 miliardi di dollari) nel 2016 a 3.74 miliardi di euro (4.27 miliardi di dollari) nel 2020.

Questa espansione ha incontrato però, l'opposizione degli abitanti locali a causa dell'inquinamento tossico nella area di pesca ed è arrivata fino in tribunale con un'azione legale nel maggio 2020. Allo stesso tempo, gli abitanti del posto ed esperti legati all'ambientalismo devono fare i conti con un regolamentazione locale inesistente e il sospetto che le autorità greche stiano prendendo le parti del COSCO-PPA per il bene dello sviluppo e delle opportunità.

Negli utlimi anni, i sondaggi d'opinione greci avevano dimostrato varie volte un atteggimento generale favorevole [en] verso la Cina e i cinesi, ma la tensione sul porto del Pireo sta mettendo a dura prova questa benevolenza. Questo conflitto, inoltre, sta avvenendo sia all'interno del tribunale sia nell'opinione pubblica.

Progetti globali in un ecosistema fragile 

Per acquistare una quota aggiuntiva del 16% [en] nel PPA, COSCO deve portare nuove infrastrutture. Di tutti i progetti nel piano generale, il più importante e costoso è quello del nuovo porto per le navi da crociera nel distretto Peiraiki del Pireo.

Il piano per la creazione del porto per le crociere include la rimozione di 620.600 m² di sedimenti [el, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] dal fondo marino dell'area e riversarli in mare, tra l'isole di Aegina e quella di Salamina. Questi sedimenti sono pieni di decenni di acque di scarico, rifiuti marittimi e inquinanti derivati dagli impianti industriali della zona. Se vengono scavati, riversati da un'altra parte e riattivati, potrebbero provocare una catastrofe.

A fine aprile 2020 Archipelagos, l'istituto per la conservazione marina, ha messo in guardia sull'impatto che questa attività avrebbe sulle zone di pesca.  L'associazione dei lavoratori del centro ellenico di ricerca marina ha sottolineato come ciò creerebbe un “discarica tossica subacquea” e il fragile ecosistema dell'area ne pagherebbe le spese.

Il garante della Grecia, un guardiano autorizzato dal governo a livello nazionale, ha identificato license fondamentali che non sono mai state approvate prima della messa a punto del nuovo porto a Peiraiki. La licensa che autorizza qualsiasi attività di sviluppo è scaduta nel 2018 e non ha mai incluso un permesso per la realizzazione di un porto. Manca inoltre una Valutazione Ambientale Strategica [en], richiesta dall'Unione Europea per una realizzazione di un progetto di questa portata.

Nonostante il fallimento nel ricevere i permessi necessari, COSCO-PPA ha avviato la realizzazione del porto nel 2020 durante il lockdown per la COVID-19.

Gli abitanti locali reagiscono

Nell'ultima settimana di aprile 2020, mentre pontoni gru toglievano fango dall'acqua e lo trasferivano nelle chiatte, i residenti di Peiraki hanno provato ad identificare le navi su marinetraffic.com, un servizio di traffico marittimo accessibile al pubblico. Non hanno trovato nulla, le navi avevano il sistema di identificazione automatico spento, una violazione alla legge greca.

Anthi Giannoulou, un avvocato che rappresenta la camera del lavoro del Pireo nel processo contro il porto, ha riferito a Global Voices che ha mandato le prove della Guardia Costiera da marinetraffic.com. “Non è successo nulla, per quanto ne so. Anzi, il capo dell'ufficio portuale del Pireo ha avuto una promozione,” ha detto in una intervista a febbraio 2021.

Nel maggio 2020, la camera del lavoro del Pireo e un gruppo di 115 cittadini hanno individualmente depositato una richiesta alla corte amministrativa suprema della Grecia per cancellare la decisione che approvava la realizzazione del porto. Giannoulou ha anche depositato un’avviso legale supplementare fuori dalla corte [el] alle autorità, illustrando le sue argomentazioni e rendendole di pubblico dominio.

L'opposizione dei cittadini al progetto ha catturato l'attenzione di Kritonas Arsenis, attivista ambientale da molto tempo e deputato del partito di opposizione Diem25. Durante un discorso parlamentare a maggio 2020, ha fatto pressione sul governo per una chiarificazione sui lavori di dragaggio:

[το έργο] γίνεται χωρίς τη στοιχειώδη τήρηση της ευρωπαϊκής περιβαλλοντικής νοµοθεσίας, ή της ελληνικής νοµοθεσίας

[il progetto] è stato portato avanti senza seguire minimamente la legislazione sull'ambiente Europea o quella Greca.

Mentre la corte suprema amministrativa della Grecia decide, il dragaggionella zona di Peiraki può continuare, ma non ci possono essere scarichi di sedimenti rimanenti nel Golfo di Saronico.

Il concilio regionale nel frattempo, ha votato in favore di misure più rigide per potenziali attività di dragaggio.

Nel dicembre del 2020, il ministro dell'ambiente ha approvato una valutazione di impatto depositata da COSCO-PPA, ma alla compagnia mancano ancora le valutazioni strategiche di impatto [en], molto più complete e legalmente valide.  

Un basso profilo

Nonostante il fatto che lo sviluppo del porto del Pireo potrebbe inquinare una parte significante della raccolta di pesce, non c'è stata molta attenzione da parte dei media greci alla situazione. COSCO-PPA ha mantenuto un profilo basso, preferendo che i loro alleati nel governo e nell'industria in Grecia rappresentassero le loro posizioni.

In risposta ad una domanda fatta da Global Voices riguardo le license e le valutazioni ambientali richieste, COSCO-PPA ha risposto:

Ο ΟΛΠ Α.Ε. τηρεί το σύνολο της περιβαλλοντικής νομοθεσίας και δημοσιοποιεί τα περιβαλλοντικά στοιχεία που προβλέπονται από τη νομοθεσία, τόσο στις εκθέσεις Εταιρικής Υπευθυνότητας όσο και στην Ετήσια Οικονομική Έκθεση της Εταιρείας.

PPA S.A. segue tutte le legislazioni e pubblica tutti i dati ambientali, come richiesto dalla legge, sia nella sua relazione di Responsabilità Sociale delle imprese Civile a nella sua relazione annuale finanziaria.

L'impresa di COSCO nel Pireo potrebbe essere in cima alla lista dell'agenda delle riunioni tra Grecia e Cina, ma continuerà a trovare opposizione: gruppi come City-friendly port! e ΠΕΙΡΑΪΚΗ ΑΛΛΗΛΕΓΓΥΗ (solidarietà Pireo) sono stati delle piattoforme critiche per condividere prove audiovisive dell'attività questionabile della COSCO-PPA. Quello che i membri di questo gruppo credono riguardo la BRI non è sempre chiaro. Ciò che è sicuro è che per loro l'ecosistema fragile della zona  e le comunità costiere sono più importanti dei piani di sviluppo e crescita senza limiti.

Questa storia fa parte dell'indagine del Civic Media Observatory nella quale vengono raccolte differenti narrative sull'iniziativa Belt and Road della Cina ed esami come le società e le comunità hanno una differente percezione dei potenziali pro e contro dello sviluppo cinese. Per saperne di più su questo progetto e come viene portato avanti, clicca qui.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.