chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I macedoni riescono a scherzare riguardo una seria disputa sul nome con la Grecia

“Colpo, colpo…” – un fumetto di Darko Markovikj che rappresenta il suo punto di vista sui nazionalisti macedoni, pubblicato da Cittadini per una Macedonia Europea nel 2011. Usato con autorizzazione.

Mentre la maggior parte dei cittadini della Repubblica di Macedonia (RM) considera la disputa sul nome [it, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] con la Grecia una questione seria, alcuni l'hanno affrontata con umorismo e satira.

I greci hanno a lungo accusato il RM di confondere la nomenclatura con la vicina regione greca della Macedonia e l'antico regno greco di Macedonia.

La disputa sul nome è ulteriormente complicata dal blocco greco all'ingresso della Repubblica di Macedonia nell'Unione europea e nell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), a meno che non cambi il suo nome per differenziarsi dalle sue regioni amministrative settentrionali. Ciò ha portato ad un certo grado di xenofobia in entrambi i paesi. La maggior parte dei cittadini della Repubblica di Macedonia considera il blocco come un ricatto umiliante, mentre molti cittadini greci credono che i loro vicini del nord abbiano desideri di conquista.

I nazionalisti di entrambi i paesi hanno alimentato sentimenti di umiliazione e frustrazione, esacerbando il problema e guadagnando punti politici per il “patriottismo” nel processo. In effetti, la continuazione della disputa sul nome ha favorito la strategia della Russia per impedire il consolidamento dell'UE e della NATO nei Balcani.

L'unico punto d'accordo sulla disputa del nome tra Macedonia e Grecia è che non c'è da ridere. Nell'ultimo quarto di secolo, la presenza di contenuti satirici o umoristici su di esso è stata trascurabile in confronto ai commenti cupi e ai discorsi di odio. Volutamente o no, la satira è stata spesso mal interpretata come discorso d'odio [en].

I migliori umoristi macedoni parlano di nomi attraverso la satira

Il vignettista Darko Markovikj [mk] (scritto anche come Marković, 1940-2016), ha lavorato con i principali media indipendenti macedoni fino a quando sono stati cooptati o chiusi dal governo nazionalista di VMRO-DPMNE (regnato 2006-2017), guidato dall'uomo forte Nikola Gruevski.

Soprannominato DarMar (gergo per “disordine” o “caos”), Markovikj usava caricature, fumetti e animazioni per commentare gli eventi quotidiani e gli sviluppi politici. Durante la sua lunga carriera, ha assunto posizioni liberali e pro-democratiche che spesso erano in contrasto con il socialismo prevalente (prima dell'indipendenza) e il nazionalismo (dopo l'indipendenza).

Nel 2009, quando Gruevski incluse questioni di identità etnica e lingua macedone nei negoziati [en] sulla disputa del nome, DarMar fu profetico nel collegarlo ai desideri di potere:

“Sono per la NATO… Io sono per l’Unione Europea… Ma mi rifiuto di rinunciare alla mia identità!”. – vignetta di Darko Markovikj pubblicata da Cittadini per una Macedonia Europea. Usato con autorizzazione.

Il prolungamento della disputa su denominazione ha avuto conseguenze negative a lungo termine sulla stabilità internazionale e ha direttamente influenzato il sostentamento dei cittadini macedoni. L’embargo economico greco [en] (1994-95) e l'esclusione del paese dall'UE hanno fortemente limitato le opportunità di sviluppo economico.

DarMar contrastava questo con la retorica nazionalista che contestava se i macedoni etnici contemporanei avessero il diritto di rivendicare la discendenza dagli antichi macedoni, o solo dagli slavi meridionali che arrivarono nella regione 1600 anni fa, ma considerati “nuovi arrivati” dai nazionalisti greci:

“Non sono più antico macedone… Non sono nemmeno slavo macedone..!”- “Cosa sei adesso?” – “Ora sono un lavoratore macedone in cassa integrazione”. Vignetta di Darko Markovikj pubblicata da Cittadini per una Macedonia Europea. Usato con autorizzazione.

Più recentemente, il principale programma televisivo satirico “Notizie di ieri” (“Fcerasni novosti” in macedone) ha affrontato con umorismo la disputa sul nome attraverso sketch in stile Monty Python.

Uno sketch si riferisce al fiume Vardar che scorre attraverso Skopje, la capitale della RM, e poi gira a sud in Grecia dove è noto come Axios e sfocia nel Mar Egeo. I due comici scherzato sul fatto che le bottiglie di plastica che galleggiano nel fiume non sono in realtà spazzatura, ma piuttosto ‘messaggi in una bottiglia’ come “parte della pressione eco-geo-politica messo sul nostro vicino del sud.” Continuano [en]:

Seeing that Facebook statuses won’t help us protect our name, citizens decided to put a different type of pressure on Greece. They started sending messages in bottles down the Vardar, which flows down to the abovementioned southern neighbor.

Vedendo che gli status di Facebook non ci aiutano a proteggere il nostro nome, i cittadini hanno deciso di fare un altro tipo di pressione sulla Grecia. Hanno iniziato a inviare messaggi in bottiglie lungo il Vardar, che scorre fino al suddetto vicino meridionale.

Aco: A flock of plastic bottles…. Jetza, what’s shall I say, a flock or a herd?
Jelena: I don’t have a clue. Just read what’s written. … and don’t call me Jetza.
Aco: Thousands of bottles have been seen floating down the Vardar River, drawn there by the not-so-heavy rain. Malicious environmentalists may call this genocide to Vardar’s flora and fauna and a reflection of our own barbarism. But it is not what it seems.
Although these bottles look like trash thrown out by many uncaring litterers, or by a single uncaring litterer, they are part of the eco-geo-political pressure put on our southern neighbor. Seeing that Facebook statuses won’t help us protect our name, citizens decided to put a different type of pressure on Greece. They started sending messages in bottles down the Vardar, which flows down to the abovementioned southern neighbor.
You can remain calm. Our name, identity and language are secure as long as there are enough concerned citizens like this one.

Aco: Uno stormo di bottiglie di plastica… Jetza, che devo dire: stormo o bestiame?
Jelena: Non ne ho idea. Leggi solo quello che dice… e non chiamarmi Jetza.
Aco: Migliaia di bottiglie sono state viste galleggiare sul fiume Vardar, attirate da una pioggia non così forte. Ambientalisti maliziosi possono qualificarlo come genocidio della flora e della fauna del Vardar e un riflesso del nostro barbarismo. Ma non è quello che sembra.
Anche se queste bottiglie sembrano spazzatura gettata da molti trascurati, o da una sola persona trascurata, fanno parte della pressione ecogeopolitica imposta al nostro vicino del sud. Visto che gli stati di Facebook non ci aiutano a proteggere il nostro nome, i cittadini hanno deciso di usare una pressione diversa rispetto alla Grecia. Hanno iniziato a inviare messaggi in bottiglie attraverso il Vardar, che sfocia nel suddetto vicino meridionale.
Puoi stare tranquillo. Il nostro nome, identità e lingua sono al sicuro finché ci sono abbastanza cittadini preoccupati come questo.

Mentre i politici discutono sui nomi, i cittadini vanno in vacanza in Grecia

Mentre la disputa sui nomi infuria, molti cittadini comuni della RM godono della possibilità di recarsi in Grecia come destinazione di viaggio primaria come il mare più vicino con un ampio budget e opzioni di viaggio di lusso.

Un giro di shopping di un giorno è visto come un segno di status sociale, dando ai cittadini la possibilità di fare acquisti di marche introvabili nel RM mentre si godono “un caffè al mare” a Salonicco, a poche ore di macchina da Skopje.

Questa settimana, mentre i macedoni si aspettavano un weekend lungo di quattro giorni a partire dal 24 maggio per due importanti festività nazionali, i partiti dell'opposizione hanno rifiutato di accettare l'ultima proposta per risolvere la disputa sul nome proposta dai primi ministri macedone e greco [en]. Un utente di Twitter ha scherzato sulle “conseguenze” di questo per i viaggiatori in festività [mk]:

In segno di protesta, i macedoni occuperanno la Grecia.
L'attacco inizia giovedì, e comporterà il blocco di tutti i passaggi di frontiera. L'operazione durerà fino a lunedì. Il costo dell'azione sarà di diversi milioni di euro.
L'associazione greca dei commercianti e degli albergatori ha dichiarato che non hanno paura. “Venite!” gridano.

Sicuramente, il primo giorno del lungo fine settimana ha attirato più di 10.000 cittadini macedoni che si sono ammassati nelle auto dirette verso la Grecia [mk], causando grandi ritardi ai valichi di frontiera.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.