chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In onore della Giornata mondiale della tartaruga, incontriamo cinque specie che frequentano Trinidad e Tobago

Una tartaruga liuto che si dirige verso il mare alla Baia di Back, Tobago, 2010. Foto di Ryan P. Mannette licenza di SpeSeas, utilizzata su autorizzazione.

Questo articolo è stato scritto da Michelle Cazabon-Mannette e originariamente pubblicato su Cari-Bois News [en, come i link seguenti]. Una versione modificata viene ripubblicata qui come parte di un accordo per la condivisione dei contenuti con Global Voices.

Il 23 maggio è la Giornata mondiale delle tartarughe, celebrata ogni anno per proteggere le tartarughe e il loro habitat in via di estinzione. A Trinidad e Tobago, la specie con cui molte persone hanno familiarità, grazie alle loro abitudini di nidificazione e agli sforzi di conservazione del paese, è la tartaruga liuto, che visita le coste delle isole gemelle della nazione caraibica ogni anno da marzo ad agosto. Meno conosciute sono altre quattro specie di tartarughe marine, tutte con guscio duro: embricate, verdi, caretta caretta e olivacea.

Tutte e cinque le specie condividono alcune caratteristiche comuni. Trascorrono la maggior parte della loro lunga vita in mare, viaggiando per grandi distanze, con le femmine che tornano alle spiagge vicino al loro luogo di nascita per deporre un gran numero di uova. Tutte le tartarughe marine dal guscio duro hanno placche ossee chiamate scudi che compongono il loro guscio, il cui modello, oltre al numero di scaglie prefrontali tra gli occhi, è la chiave per determinare la specie.

Sono anche tutte in pericolo di estinzione, e sono stati designate come specie sensibili dal punto di vista ambientale. Le sanzioni locali per chi danneggia queste tartarughe sono di 100.000 dollari di Trinidad e Tobago (quasi 15.000 dollari degli Stati Uniti) e la reclusione per due anni.

Tartaruga liuto (Dermochelys coriacea), vulnerabile (IUCN)

Una tartaruga liuto mattiniera alla Grande Riviera, lungo la costa orientale di Trinidad, 2018. Foto di Ryan P. Mannette licenza SpeSeas, utilizzata su autorizzazione.

La più grande delle tartarughe marine, la liuto trascorre gran parte della sua vita nel vasto oceano aperto, viaggiando per migliaia di chilometri. Può essere trovata in tutti gli oceani tropicali e subtropicali, con una varietà che si estende nel Circolo Polare Artico molto più freddo.

Ciò che distingue i liuto dalle altre tartarughe marine è il loro guscio morbido e coriaceo, che consente loro di immergersi più in profondità di qualsiasi altra specie di tartaruga marina. La loro dieta principale consiste in animali dal corpo molle che si spostano lungo la colonna d'acqua, come le meduse.

Per la stagione della nidificazione prediligono climi più caldi. Trinidad e Tobago, situata all'estremità meridionale dell'arcipelago caraibico, ospita una delle più grandi popolazioni di liuto nidificanti al mondo; in quanto tale, il paese ha svolto un ruolo importante negli sforzi di conservazione globale.

Sebbene le popolazioni globali siano considerate vulnerabili, a causa del recente declino, la sottopopolazione regionale è attualmente classificata come a rischio di estinzione – una designazione più allarmante – dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

La principale minaccia per i liuto, sia a livello locale che globale, è la cattura accidentale della specie nella pesca.

Tartaruga embricata (Eretmochelys imbricata), criticamente in pericolo (IUCN)

Una giovane embricata che riposa sulla scogliera a Castara, Tobago, 2012. Foto di Ryan P. Mannette, licenza SpeSeas, utilizzata su autorizzazione.

La tartaruga embricata è la seconda più diffusa che utilizza Trinidad e Tobago come terreno di nidificazione. Essendo una specie piccola e agile, la sua attività di nidificazione è disseminata su molte spiagge, comprese piccole baie protette da scogli o scogliere. Le femmine mature compiono migrazioni riproduttive tra i terreni di foraggiamento e di nidificazione su una scala da centinaia a migliaia di chilometri.

Gli embrioni giovanili possono essere trovati nelle acque locali tutto l'anno, nelle barriere coralline, nelle pareti delle scogliere sottomarine e negli habitat con fondo duro, dove si nutrono principalmente di spugne. La loro dieta particolare aiuta a mantenere la diversità e la salute delle barriere coralline. Distinte dalla popolazione nidificante, provengono da una varietà di altre isole, comprese quelle lontane come Cuba e Porto Rico.

Gli embrioni possono essere riconosciuti dai loro quattro scudi laterali, due paia di scaglie prefrontali e dal becco stretto e appuntito. Gli scudi sul loro guscio si sovrappongono come scandole su un tetto, risultando nell'aspetto seghettato del guscio, che appare più prominente nei giovani.

Le embricate sono distribuite in tutti i tropici e, in misura minore, nelle regioni subtropicali. Le tartarughe nate sulle rive di Trinidad e Tobago tendono a migrare ampiamente attraverso la regione caraibica, con le femmine che tornano a nidificare.

Purtroppo, le embricate sono state raccolte per il loro bellissimo “guscio di tartaruga”, che in passato veniva utilizzato per creare gioielli e altri oggetti decorativi. IUCN le classifica come a rischio di estinzione.

Tartaruga verde (Chelonia mydas), a rischio di estinzione (IUCN)

Una giovane tartaruga verde che nuota in mare aperto a Curaçao, 2017. Foto di Ryan P. Mannette, licenza SpeSeas, utilizzata sua autorizzazione.

Rare da trovare a Trinidad e Tobago, le tartarughe verdi sono le più grandi delle tartarughe dal guscio duro. Proprio come le embricate, tuttavia, le giovani verdi vivono al largo tutto l'anno. Sono una specie erbivora, che si nutre principalmente di fanerogame e alghe, e vivono tipicamente in praterie di fanerogame e barriere coralline, dove possono essere presenti alghe.

Occasionalmente vengono avvistate lungo i litorali rocciosi delle coste settentrionali e orientali di Trinidad, e la loro attività di pascolo svolge un ruolo importante nel mantenimento della salute delle praterie marine e delle barriere coralline. Si distinguono facilmente dagli embrioni per il becco smussato e sono l'unica specie con un paio di scaglie prefrontali tra gli occhi.

Mentre la carne della tartaruga verde è stata generalmente la più ricercata in tutto il mondo, sia le embricate che le verdi continuano a essere minacciate localmente dai bracconieri, sia sulle spiagge che in mare. IUCN le classifica come a rischio di estinzione.

Tartaruga comune (Caretta caretta), vulnerabile (IUCN)

Una caretta caretta sud-adulta che si era arenata sulla spiaggia di Manzanilla lungo la costa orientale di Trinidad; è stata successivamente riabilitata e rilasciata nel 2017. Foto di Ryan P. Mannette licenza SpeSeas, utilizzata su autorizzazione.

Le caretta sono rare a Trinidad e Tobago, ma negli ultimi 12 anni sono stati confermati numerosi avvistamenti, al largo delle coste ad est, sud e ovest di Trinidad, nonché intorno a Tobago.

Nel 2017, una caretta che era bloccata sulla costa orientale è stata riabilitata con successo e successivamente rilasciata con un tag satellitare, che ha dimostrato che la tartaruga ha trascorso un po ‘di tempo ad esplorare il Golfo di Paria dopo essere stata rilasciata.

Le caretta caretta si distinguono dalle altre specie per le loro grandi teste e i cinque scudi laterali sul guscio, anche se i piccoli possono essere facilmente scambiati per embricate se non si presta attenzione allo scudo.

Le caretta caretta amano gli habitat fangosi e dal fondo duro, dove si nutrono di una varietà di animali, compresi i crostacei, che schiacciano con le loro grandi teste e le mascelle forti. Nidificano lungo le coste nelle zone tropicali e temperate e frequentano tutti i bacini oceanici tropicali e temperati, come la Florida che vanta la più grande popolazione nidificante di caretta caretta nel mondo. IUCN le classifica come vulnerabili.

Tartaruga olivacea (Lepidochelys olivacea), vulnerabile (IUCN)

Una tartaruga olivacea ferita che si era arenata sulla spiaggia di Lambeau a Tobago. Foto di Ryan P. Mannette licenza SpeSeas, utilizzata su autorizzazione.

La più piccola delle tartarughe marine trovate localmente, gli avvistamenti della tartaruga olivacea sono rari, ma si verificano. La loro dieta varia, che può includere granchi, lumache, cirripedi, alghe, pesci, meduse e altri animali dal corpo molle, sta a significare che si nutrono in habitat costieri con fondo morbido, così come sulla superficie del mare aperto.

La specie di solito ha sei o più scudi laterali, che li distinguono dalle altre specie trovate localmente. In alcune parti del mondo, la tartaruga olivacea esibisce un comportamento di nidificazione unico chiamato “arribada”, in base al quale migliaia di femmine nidificanti si coordinano e nidificano su un singolo tratto di spiaggia per un periodo di pochi giorni. Durante la stagione di nidificazione, l'intero gruppo rimane vicino alla loro spiaggia di nidificazione, ma questo comportamento non è stato registrato a Trinidad e Tobago, che vede solo la tartaruga nidificante occasionale e solitaria. has six or more lateral scutes, making them distinct from the other species found locally. IUCN le classifica come vulnerabili.

Queste tartarughe marine, un tempo abbondanti, svolgono un ruolo importante nel mantenimento di ecosistemi marini sani, eppure sono state raccolte per la loro carne, uova, gusci e altri prodotti, inclusa la raccolta intensiva da parte dei colonizzatori europei della regione nel XVII e XVIII secolo, che ha notevolmente impoverito le popolazioni.

A livello locale, le tartarughe marine generano entrate significative da attività di ecoturismo che includono visite guidate alle spiagge di nidificazione e immersioni subacquee. Nonostante ciò, la specie continua a dover affrontare numerose minacce, inclusi continui tentativi di raccolta, catture accidentali, perdita di habitat, cambiamenti climatici e inquinamento da plastica.

Se vuoi contribuire a saperne di più sulle tartarughe marine a Trinidad e Tobago, il sito web di difesa dei mari SpeSeas incoraggia i cittadini della rete a diventare cittadini scienziati facendo segnalazioni sugli incontri con le tartarughe.

La dott.ssa Michelle Cazabon-Mannette è direttrice di SpeSeas, dove è l'esperta del team di biologia e conservazione delle tartarughe marine a Trinidad e Tobago. Ha conseguito un dottorato in Biologia ambientale presso l'Università delle Indie occidentali, St. Augustine ed è desiderosa di colmare il divario tra la ricerca e la gestione delle risorse naturali del mondo. È anche consulente di Save our Sea turtles (SOS) Tobago.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.