chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Le notizie più lette di Global Voices sulla distruzione ambientale, mentre il pianeta celebra la Giornata mondiale dell'ambiente

Il progetto del Canale Istanbul dividerebbe il continente europeo con un canale navigabile di 45 km che collegherebbe il Mar Nero con il Mar di Marmara e doppierebbe lo stretto del Bosforo. Screenshot tratto dal video della BBC News Türkçe.

Il 5 giugno si celebra la Giornata mondiale dell'ambiente [it], data scelta dalle Nazioni Unite nel 1972 per sensibilizzare le persone di tutto il mondo sull'importanza vitale dell'ambiente.

Global Voices si è occupata molte volte di ambiente nel corso degli anni e uno dei temi principali delle nostre storie è stato il modo in cui l'inquinamento, l'urbanizzazione massiccia, lo sviluppo delle infrastrutture e gli incidenti causati dall'uomo stiano distruggendo ecosistemi fragili, avvelenando la catena alimentare e danneggiando tanto gli umani quanto gli animali. Ecco i temi che hanno maggiormente catturato la nostra attenzione quest'anno [en]:

La crescita economica e la protezione ambientale sono necessariamente in contrasto fra loro? Mentre molti governi tendono a dare la precedenza alla prima, anche con investimenti esteri, dimenticano o ignorano il fatto che a lungo termine le società finiranno per pagare un conto molto salato per compensare la distruzione della natura determinata da progetti non in linea con gli standard ambientali.

Per alcuni governi, una soluzione rapida per poter affermare di avere una crescita “verde” consiste semplicemente nell'esportare la propria spazzatura in altri Paesi e lasciare a loro le conseguenze del proprio modello insostenibile di consumismo.

Mentre oggi quasi il 70% della popolazione mondiale vive nelle città, lo sviluppo urbano spesso non è in grado di prevedere dei modelli “verdi” in grado di accogliere numeri sempre maggiori di residenti.

Il governo giapponese ha annunciato che intende scaricare nel Pacifico le acque contaminate di Fukushima entro il 2023, nonostante questa decisione rappresenti un serio problema per le comunità che vivono lungo la costa di Fukushima.

Le petroliere rappresentano una delle cause principali di inquinamento marittimo in tutto il mondo. Mentre i governi si dimostrano incapaci di agire per tempo, gli ecoattivisti sono in prima linea per sensibilizzare sull'argomento e chiedere dei veri interventi.

Nell'Oman, il governo ha deciso di ignorare le preoccupazioni avanzate dagli ecoattivisti per mandare avanti lo sviluppo urbano, nonostante questo possa mettere in pericolo una florida vallata.

Un progetto di sviluppo portuale mette a rischio la biodiversità del Perù, riconosciuta come una delle più grandi al mondo. Mentre la popolazione è riuscita una volta a impedirlo, sembra che il governo stia approvando il progetto senza particolari cambiamenti e nonostante una perizia ambientale indipendente che dimostra l'impatto negativo sulle comunità locali.

A Trinidad e Tobago, gli abitanti stanno cercando di fermare la creazione di una cava nell'ultima vallata dotata di un bacino idrico intatto, il tutto per la terza volta mentre il governo e le imprese sembrano ignorare il loro appello a rinunciare al progetto.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.