chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'invasione delle truppe USA in Filippine: una rappresentazione razzista del popolo filippino in vignette storiche

Illustration shows Uncle Sam offering on one hand a soldier and on the other a "School Teacher" to a group of reluctant Filipinos, telling them that the choice is theirs. 1901. Keppler, Udo J. Image and caption from the United States Library of Congress

L'illustrazione mostra lo Zio Sam che offre da una parte un soldato e dall'altra un “insegnante di scuola” a un gruppo di filippini riluttanti, dicendo loro che la scelta è la loro. 1901. Keppler, Udo J. Immagine e didascalia dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti

Quando gli Stati Uniti invasero le Filippine nel 1899, affermarono che era una missione quella di introdurre la civiltà moderna e la democrazia nell'ex colonia di Spagna. Forse per convincere l'opinione pubblica americana che lo sforzo bellico dovesse essere sostenuto, i filippini sono stati rappresentati sulla stampa come selvaggi che hanno bisogno di essere educati all'autodeterminazione. Questa rappresentazione razzista dei filippini è ben visibile in diverse vignette di giornali e riviste pubblicati tra la fine del 1890 e l'inizio del 1900.

Nell'ultimo decennio, gli studiosi filippino-americani hanno esaminato [en, come i link seguenti] queste vignette e altri materiali di propaganda che mostrano come il governo degli Stati Uniti abbia cercato di nascondere il suo passato da colonizzatore descrivendo l'occupazione come un atto di benevolenza.

Ciò che le vignette non sono riuscite a illustrare è che una Repubblica filippina esisteva già quando i soldati americani arrivarono nel 1898. Inoltre, i rivoluzionari filippini avevano già sconfitto le forze coloniali spagnole, che governarono le Filippine per più di 300 anni. Le vignette inoltre non mostravano che la successiva guerra tra le truppe filippine e americane uccise più di un milione di persone nel paese. La guerra finì nel 1901, ma fu solo nel 1946 finì definitivamente, quando le Filippine ottennero l'indipendenza.

Aggiornato il 20 febbraio 2016: Puck e Judge, due riviste satiriche, hanno trasformato questa caratterizzazione delle Filippine e di altri paesi in illustrazioni. Diamo un'occhiata ad alcune di queste vignette, che sono archiviate nella Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Print shows Uncle Sam as a teacher, standing behind a desk in front of his new students who are labeled "Cuba, Porto Rico, Hawaii, [and] Philippines"; they do not look happy to be there. At the rear of the classroom are students holding books labeled "California, Texas, New Mexico, Arizona, [and] Alaska". At the far left, an African American boy cleans the windows, and in the background, a Native boy sits by himself, reading an upside-down book labeled "ABC", an a Chinese boy stands just outside the door. A book on Uncle Sam's desk is titled "U.S. First Lessons in Self-Government". 1899. Dalrymple, Louis. Image and caption from the United States Library of Congress

La stampa mostra lo zio Sam come insegnante, in piedi dietro una scrivania di fronte ai suoi nuovi studenti etichettati “Cuba, Porto Rico, Hawaii, [e] Filippine”; non sembrano felici di essere lì. In fondo alla classe ci sono studenti con in mano libri etichettati “California, Texas, New Mexico, Arizona e [e] Alaska”. All'estrema sinistra, un ragazzo afro-americano pulisce le finestre, e sullo sfondo, un ragazzo nativo siede da solo, leggendo un libro capovolto etichettato “ABC”, un ragazzo cinese in piedi appena fuori dalla porta. Un libro sulla scrivania dello zio Sam si intitola “Le prime lezioni di autogoverno degli Stati Uniti”. 1899. Dalrymple, Louis. Immagine e didascalia dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti

Il testo nella parte inferiore dell'immagine recita:

Uncle Sam (to his new class in Civilization): Now, children, you've got to learn these lessons whether you want to or not! But just take a look at the class ahead of you, and remember that, in a little while, you will feel as glad to be here as they are!

Zio Sam (durante il suo nuovo corso di Civiltà): Ora, bambini, dovete imparare queste lezioni che lo vogliate o no! Ma date un'occhiata alla classe davanti a voi e ricordate che, tra un po’, vi sentirete felici di essere qui, proprio come loro!

Print shows Uncle Sam and Columbia standing at the entrance to the "U.S. Foundling Asylum" as a basket of crying children labeled "Puerto Rico, Cuba, Hawaii, [and] Philippine" is presented to them by arms labeled "Manifest Destiny". Within the walls of the asylum are four children labeled "Texas, New Mexico, Cal. [and] Alaska" playing together. 1898. Keppler, Udo J. Image and caption from the United States Library of Congress

La stampa mostra lo Zio Sam e la Columbia in piedi all'ingresso dell ‘”Ospedale degli innocenti degli Stati uniti” mentre un cesto con dei bambini in lacrime con delle etichette “Puerto Rico, Cuba, Hawaii, [e] le Filippine” viene presentato loro da braccia con etichetta “Destino Manifesto”. Oltre le mura dell'asilo ci sono quattro bambini con delle etichette, come “Texas, Nuovo Mexico, California [e] Alaska” che giocano insieme. 1898. Keppler, Udo J. Immagine e didascalia di proprietà della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti

Nel testo nella parte inferiore dell'immagine si legge:

Uncle Sam — Gosh! I wish they wouldn't come quite so many in a bunch; but, if I've got to take them, I guess I can do as well by them as I've done by the others!

Zio Sam – Accidenti! Vorrei che non venissero così tanti in gruppo; ma, se devo prenderli, credo di poter fare altrettanto con loro come ho fatto con gli altri!

Il leader della neonata Repubblica filippina è stato descritto come un dittatore:

Print shows a large gloved fist with an American flag on it crashing down on Emilio Aguinaldo riding on a rocking horse labeled "Dictatorship" next to a large sword labeled "Aguinaldo" on the "Philippines". 1899. Dalrymple, Louis. Image and caption from the United States Library of Congress

La stampa mostra un grande pugno guantato con una bandiera americana che si avventa su Emilio Aguinaldo, che sta cavalcando un cavallo a dondolo etichettato “Dittatura” accanto a una grande spada etichettata “Aguinaldo” e riposta sulle “Filippine”. 1899. Dalrymple, Louis. Immagine e didascalia dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti

Il governo degli Stati Uniti ha insistito sul fatto che lo scopo fosse quello di educare i filippini:

Illustration shows Uncle Sam standing at center, gesturing to the left toward American soldiers boarding ships to return to America after defeating the Spanish in the Philippines, and gesturing to the right toward a group of matronly women, one labeled "Daughters of the Revolution", who have just arrived to educate the peoples of the Philippines. 1900. Ehrhart, S. D. (Samuel D.). Image and caption from the United States Library of Congress

L'illustrazione mostra lo zio Sam in piedi al centro, che indica a sinistra i soldati americani che salgono a bordo delle navi per tornare in America dopo aver sconfitto gli spagnoli nelle Filippine, e indica a destra un gruppo di donne matronali, una delle quali etichettata “Figlie della rivoluzione”, appena arrivate per istruire i popoli delle Filippine. 1900. Ehrhart, S. D. (Samuel D.). Immagine e didascalia dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti

Il testo nella parte inferiore dell'immagine recita:

Uncle Sam: You have seen what my sons can do in war — now see what my daughters can do in peace.

Zio Sam: Hai visto cosa possono fare i miei figli in guerra – ora guarda cosa possono fare le mie figlie in pace.

Le prossime due vignette raffigurano i filippini come barbari che avevano bisogno di essere salvati dalla civiltà americana:

Print shows an elderly woman labeled "Spain", possibly María Cristina, Queen Regent, struggling to maintain control of two diminutive figures, one labeled "Cuba", armed with a gun and sword, and the other labeled "Philippine Islands", armed with a crude hatchet and knife. 1896. Pughe, J. S. (John S.). Image and caption from the United States Library of Congress

La stampa mostra una donna anziana etichettata “Spagna”. Si tratta forse di María Cristina, regina reggente, che lotta per mantenere il controllo di due minuscole figure, una etichettata “Cuba”, armata di pistola e spada, e l'altra etichettata “Isole Filippine”, armata di un'accetta e un coltello rudimentali. 1896. Pughe, J. S. (John S.). Immagine e didascalia dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti

Print shows Filipinos receiving the "bath" of civilization as provided by the U.S. government. Image from the Facebook page of Berna Ellorin

La stampa mostra i filippini che ricevono il “bagno” di civiltà fornito dal governo degli Stati Uniti. Immagine concessa dalla pagina Facebook di Berna Ellorin

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.