chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Cos'è il Kurultai: l'organo politico del Kirghizistan basato su un'antica tradizione nomade

Screenshot da un video di YouTube [ru] che spiega il ruolo del Kurultai. La didascalia in russo si traduce come: “Molto tempo fa le nazioni nomadi erano solite risolvere questioni importanti durante i Kurultai”.

Con un governo più nazionalista al potere dalla fine del 2020, il Kirghizistan ha progressivamente rafforzato le istituzioni tradizionali che erano state precedentemente messe da parte. L'espansione del potere del presidente, sigillato in un referendum a bassa affluenza il 10 gennaio [it], va ora di pari passo con l'aumento della rilevanza del Kurultai [en, come i link seguenti], un'istituzione politica tradizionale delle nazioni nomadi in Mongolia e Asia centrale.

L'impero mongolo portò il Kurultai in Asia centrale nel XIII secolo, durante la sua occupazione della regione. Dal mongolo “khur” (riunire), l'istituzione del Kurultai serviva come un'assemblea per le élite locali per prendere decisioni politiche e militari.

I Kurultai sono stati ripresi nella regione dopo il crollo dell'Unione Sovietica – che li aveva vietati – ed esistono in Kirghizistan dal 1993, con vari livelli di rilevanza culturale e politica.

Un veloce ritorno alla tradizione

Askar Akayev, primo presidente del Kirghizistan dal 1991 al 2005, ripristinò la Kurultai. Tuttavia, nel 2004, la Kurultai è stata indirizzata verso il campo avverso e ha approvato la presa di potere politica di Kurmanbek Bakiyev, che è diventato il presidente del paese e ha ulteriormente aumentato il ruolo dell'assemblea, che è stata finanziata esclusivamente attraverso contributi e donazioni private.

Nel 2010, mentre stava perdendo terreno politico, Bakiyev riorganizzò l'istituzione nel cosiddetto Kurultai del consenso [ru], che comprendeva 750 rappresentanti dei distretti rurali, dei centri urbani e di varie confessioni religiose.

Dopo le mortali dispute etniche del 2010, l'assemblea ha giocato un ruolo importante nel superare le divisioni e ricostruire la nazione.

La parola Kurultai è apparsa solo nell’articolo 52 [ru] della Costituzione del 2010 [ru], che ha stabilito il suo status ufficiale di organo consultivo. Nell'ottobre 2010, dopo un referendum e un'elezione parlamentare, il ruolo della Kurultai è diventato più prominente. Per tutto il 2011, i Kurultai si sono tenuti a livello regionale e nazionale.

Negli ultimi anni, c'è stato un crescente interesse tra i politici per far rivivere questa istituzione.

Nel 2019 [ru], i membri del Jogorku Kenesh, il Parlamento kirghiso, hanno presentato un progetto di legge “Sulla Kurultai” che avrebbe ulteriormente rafforzato il suo ruolo.  Ma il disegno di legge è stato respinto in parlamento.

Dopo settimane di manifestazioni violente [it] che hanno rovesciato il governo del Kirghizistan nell'ottobre 2020, tuttavia, un nuovo governo nazionalista guidato dal presidente Sadyr Japarov ha fatto precipitare una discussione sulla Kurultai.

Nel gennaio 2021, la popolazione del Kirghizistan ha votato nelle elezioni presidenziali – consolidando la leadership di Japarov – e in un referendum costituzionale che ha essenzialmente cambiato la forma di governo da parlamentare a presidenziale.

Nell'aprile 2021, un nuovo referendum costituzionale ha sancito la forma presidenziale di governo e ha dato più poteri al Kurultai.

Il dibattito sulla Kurultai

Secondo i suoi sostenitori, la Kurultai aiuterebbe a tenere sotto controllo le azioni degli eletti attraverso la pressione dei clan, con cui i kirghisi si identificano ancora fortemente. I sostenitori della Kurultai sono convinti che, poiché il governo del paese è formato principalmente da kirghisi, i meccanismi tradizionali di influenza su di esso sono necessari. Il Kurultai cerca di ripristinare la spiritualità tradizionale del popolo kirghiso come un sistema di responsabilità collettiva del clan (popolo) per i leader nominati e il servizio dei leader al popolo. Il Kurultai è considerato come l'unico meccanismo che costringerà il governo a servire il popolo.

Gli oppositori dell'idea dicono che c'è la possibilità che questa iniziativa nasconda un tentativo di centralizzare il potere intorno alla figura del presidente con un “parlamento tascabile” e la Kurultai al suo servizio. Secondo i critici, non c'è bisogno di far tornare indietro la ruota della storia; bisogna invece cercare nuovi approcci moderni per risolvere i problemi che sono sorti.

La nuova costituzione, approvata a febbraio tra presunte irregolarità [ru], non riesce a delineare il processo con cui saranno selezionati i membri [ru] della Kurultai. Gli osservatori hanno anche notato che il suo mandato è praticamente indistinguibile da quello del parlamento. Ilyana Zhedigerova, un esperto legale della ONG Precedent, ha detto a Global Voices che il funzionamento della Kurultai non è chiaro.

We can assume that the Kurultai will, to some extent, duplicate the functions and powers of the Jogorku Kenesh. Kurultai members will essentially be duplicates of parliamentary deputies. But the concrete way in which Kurultai will work is still unknown.

Possiamo supporre che la Kurultai duplicherà, in una certa misura, le funzioni e i poteri del Jogorku Kenesh. I membri della Kurultai saranno essenzialmente duplicati dei deputati parlamentari. Ma il modo concreto in cui la Kurultai funzionerà è ancora sconosciuto.

In un'intervista con il servizio kirghiso [ru] di Radio Free Europe, Saniya Toktogazieva, esperta di diritto costituzionale all'Università americana dell'Asia centrale, ha avvertito che la Kurultai potrebbe portare all'autoritarismo.

In authoritarian states, all dictators like such quasi-constitutional bodies. Why? Because they are not elected and not accountable. The Kurultai will always consist of ‘loyalists’ to the president. [Former President of Kazakhstan Nursultan] Nazarbayev, with the help of the People's Assembly, dissolved the first parliament. At one time, [former President of Kyrgyzstan Kurmanbek] Bakiyev wanted to do the same thing. With the help of such institutions, dictatorships were established.

Negli stati autoritari, tutti i dittatori amano questi organismi quasi-costituzionali. Perché? Perché non sono eletti e non sono responsabili. La Kurultai sarà sempre composta da ‘lealisti’ del presidente. [L'ex presidente del Kazakistan Nursultan] Nazarbayev, con l'aiuto dell'Assemblea del popolo, ha sciolto il primo parlamento. Una volta, [l'ex presidente del Kirghizistan Kurmanbek] Bakiyev voleva fare la stessa cosa. Con l'aiuto di tali istituzioni, sono state instaurate dittature.

Con la nuova costituzione, i Kurultai avranno voce in capitolo in tutti e tre i rami del governo, secondo Zhedigerova [ru]:

Народный курултай будет иметь право законодательной инициативы, может вносить предложения Президенту об освобождении членов кабинета министров. Представитель Народного Курултая будет входить в состав Совета по делам правосудия, который заменить Совет по отбору судей, а Торага ЖК КР будет обеспечивать взаимодействие Жогорку Кенеша, в том числе с Народным Курултаем.

La Kurultai avrà il diritto di avviare la legislazione, di fare proposte al presidente per licenziare i membri del gabinetto dei ministri. Un rappresentante della Kurultai servirà nel Consiglio per gli affari di giustizia, che sostituirà il Consiglio per la selezione dei giudici, e la Toraga del Parlamento assicurerà l'interazione del Jogorku Kenesh, anche con la Kurultai.

La costituzione kirghisa è già stata cambiata 11 volte da quando il paese ha ottenuto l'indipendenza nel 1991. Ogni presidente ha cambiato le regole del gioco mentre era al potere. Japarov l'ha fatto subito dopo aver preso il comando. Resta ora da vedere quale ruolo avranno i Kurultai in un'altra nuova era per il Kirghizistan.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.