chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La Turchia si avvia a mettere al bando il partito filo-curdo

Il leader del Partito Democratico dei Popoli, Selahattin Demirtas in occasione delle elezioni politiche del 2015. Foto di Hilmi Hacaloğlu, di pubblico dominio, via Wikimedia Commons. https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Turkish_general_election,_2015_-_Peoples%27_Democratic_Party_(Turkey)_Selahattin_Demirta%C5%9F.jpg

Il 5 giugno 2021 la Corte Costituzionale della Turchia ha accolto il rinvio a giudizio [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] che mira allo scioglimento del Partito Democratico dei Popoli (HDP), forza di opposizione. La Corte Costituzionale, l'organo giurisdizionale più alto del paese, in Turchia ha infatti il potere di deliberare la chiusura dei partiti politici.

Le 843 pagine dell'atto di accusa sono state inizialmente redatte da Bekir Şahin, capo procuratore della Suprema Corte d'Appello turca, che nel marzo 2021 ha accusato il partito di collaborare con il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), organizzazione paramilitare fuorilegge. Il PKK è riconosciuto come organizzazione terroristica sia dalla Tirchia sia dai suoi alleati occidentali, inclusi gli Stati Uniti e l'Unione Europea. Inoltre, nell'atto d'accusa si avanza richiesta di congelamento dei beni del partito e di interdizione da ogni futura attività politica per tutti i suoi 400 e più membri. Il Partito Democratico dei Popoli ha negato ogni collegamento con il PKK.

Secondo gli oppositori, il presidente Recep Erdogan e il partito di governo, il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo, si servono delle più alte corti dello stato per soffocare le voci di dissidenza politica contro il governo. “Procuratori e tribunali sono ormai poco più che uno strumento nelle mani dell'esecutivo, una parte in causa nelle lotte di potere che divampano all'interno dello stato”, ha dichiarato Emma Sinclair Webb – ricercatrice capo e osservatrice della Turchia per Human Rights Watch, ONG con sede a New York – nel corso di un'intervista all'agenzia di stampa turca Bianet.

Nel marzo 2021 la Corte Costituzionale aveva respinto la prima richiesta di imputazione, per incompletezza della documentazione a supporto. Quattro mesi dopo, il 7 giugno, il procuratore ha ripresentato istanza.

Secondo T24, sito d'informazione turco, il capo d'accusa recitava:

The activities of the HDP were found to be in violation of the independence of the state, the unity with its country and nation, and human rights. The defendant party has, at the same time, through almost all of its organs, members, and organisations committed these major crimes, while inciting and encouraging them.

Le attività dell'HDP sono state giudicate contrarie all'indipendenza dello stato, all'unità della nazione e ai diritti umani. Inoltre il Partito imputato, per mezzo di tutti i suoi organi, membri e organizzazioni si è reso colpevole di tali gravi crimini, fomentandoli e istigandoli.

L'ufficio del procuratore capo ha accusato 108 persone di aver dato avvio alle sanguinose proteste del 2014. Secondo quanto riportato da VOA, tali proteste erano state scatenate dal rifiuto da parte di Ankara di offrire sostegno ai combattenti curdi assediati dal cosiddetto Stato Islamico nella città siriana di Kobane, al confine con la Turchia. L'arresto più recente è avvenuto nel marzo di quest'anno, quando almeno tre membri anziani del HDP sono stati fermati. Tre giorni prima, il procuratore capo aveva depositato presso la Corte costituzionale richiesta di scioglimento del Partito Democratico dei Popoli.

L'HDP è determinato a battersi contro il controverso tentativo di mettere fuori legge il partito. “Non permetteremo lo scioglimento dell'HDP. Difenderemo l'HDP. L'HDP continuerà a crescere” ha affermato Mithat Sancar, co-presidente del partito, in una dichiarazione.  Alle elezioni parlamentari del 2018 l'HDP ha ottenuto sei milioni di voti,  diventando il terzo più grande partito del parlamento turco.

Il partito ha subito in anni recenti numerose pressioni. Numerosi membri anziani dell'HDP, ivi compreso l'ex co-presidente  Selahattin Demirtaş, sono stati arrestati con accuse legate al terrorismo.

Secondo la relazione di Human Rights Watch, i capi d'accusa a carico di Demirtaş includono “appartenenza ad organizzazione terroristica”, “diffusione di propaganda terroristica” e molti altri reati. Se condannato, Demirtaş si troverebbe a dover affrontare una condanna a vita. Il 20 novembre 2018 la Corte europea “ha emesso la straordinaria sentenza relativa alla violazione dell'articolo 18 della Convenzione europea, nel senso che la proroga della detenzione di Demirtaş era da attribuirsi a secondi fini e come tale era da considerarsi un abuso di potere”. 

La Corte ha ordinato l'immediata scarcerazione di Demirtaş. Alcuni giorni dopo la sentenza della Corte europea, la Corte d'appello regionale di Istanbul ha accelerato il riesame di un'imputazione contro Demirtaş per un discorso politico fatto a Istanbul nel 2013 e lo ha condannato a quattro anni e otto mesi per “diffusione di propaganda terroristica”. Altri membri del partito hanno perso i loro seggi al parlamento.

La sentenza del 21 giugno segue solo di pochi giorni l'irruzione di un uomo armato nel quartier generale del partito a Smirne, conclusasi con l'uccisione di Deniz Poyraz, membro dell’HDP. “Sono entrato nell'edificio con l'intenzione di uccidere chiunque si fosse trovato negli uffici in quel momento e ho sparato indiscriminatamente” ha dichiarato l'attentatore, Onur Gencer, secondo l'Hurryyet Daily News.

Il leader del Partito del Movimento Nazionalista (MHP), alleato del partito di governo AKP, si è affrettato a definire Poyraz una terrorista. “Ve lo dico io chi era la donna uccisa, Deniz Poyraz: era incaricata del reclutamento nelle campagne per conto del PKK, era complice dell'organizzazione che seleziona i simpatizzanti del PKK che vogliono andare a combattere  in montagna” ha affermato Devlet Bahçeli durante una riunione di partito tenutasi il 22 giugno. 

Nel frattempo, in una dichiarazione l'HDP ha accusato l'AKP e il MHP di essere i mandanti morali dell'attacco:

Our friend, Deniz Poyraz, was murdered in the attack on our İzmir district building. The instigators and abettors of this brutal attack are the AKP-MHP government and the Ministry of Interior which constantly targets our party and our members.

La nostra amica Deniz Poyraz è stata uccisa nel corso dell'attacco alla nostra sede nel distretto di Smirne. Gli istigatori e i mandanti di questa aggressione brutale sono il governo AKP-MHP  e il Ministro dell'Interno, che prendono costantemente di mira il nostro partito e i suoi membri.

Gli esperti sostengono che il governo stia inasprendo le restrizioni sull'HDP in vista delle elezioni del 2023. Se l'HDP venisse sciolto, Erdogan avrebbe maggiori possibilità di assicurarsi un vantaggio elettorale nel sud-est della Turchia, regione prevalentemente curda tradizionalmente divisa tra l'HDP e l'AKP.

In una dichiarazione del Dipartimento di Stato americano, formulata in risposta ai tentativi di chiudere l'HDP, si rileva che, così facendo, “si sovvertirebbe indebitamente la volontà degli elettori turchi, si indebolirebbe ulteriormente la democrazia nel paese e si negherebbe a milioni di cittadini turchi la rappresentanza che hanno scelto.”

Analogamente, in un’intervista al Financial Times, l'analista politica Sezin Ozey ha dichiarato: “Durante la pandemia, la tecnica del capro espiatorio è funzionale alla polarizzazione, che a sua volta serve a distrarre l'opinione pubblica dagli altri problemi. Demonizzare l'HDP aiuta anche a neutralizzare il resto dell'opposizione.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.