chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'India piange Dilip Kumar, il “Re della Tragedia” di Bollywood

Actor Dilip Kumar with his wife actress Saira Banu in 2011. Image via Wikipedia by Bollywood Hungama.

L'attore Dilip Kumar con la moglie attrice Saira Banu nel 2011. Immagine via Wikipedia da Bollywood Hungama. CC BY 3.0

Molti in India sono tristi per la scomparsa di uno degli attori di Bollywood [it] più popolari – ed ex membro del parlamento – Dilip Kumar, morto [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] il 7 luglio all'età di 98 anni a causa di problemi di salute. Faceva parte di un gruppo di attori e produttori leggendari dell'industria del cinema indiana, e ha lavorato a più di 60 film in 60 anni, dal 1944 al 1999. Le sue abilità straordinarie hanno lasciato il segno nei cuori dei fan dei suoi film.

Un'altra leggenda di Bollywood, Amitabh Bacchan, gli ha reso omaggio su Twitter:

T 3958 -” 🙏🙏🙏🙏🙏

Un'era epica ha chiuso il sipario… Non succederà più…

🙏🙏🙏🙏” ~ s

Dilip Kumar, il cui vero nome era Mohammed Yusuf Khan, è nato nel 1921 a Peshawar, in quello che oggi è il Pakistan. Insieme alla famiglia si trasferirono a Mumbai, India, nel 1930. Ha debuttato nel 1944 nel film “Jwar Bhatta” (Alta e Bassa Marea, letterallmente), creato dalla famosa casa di produzione Bombay Talkies. Il produttore del film, Devika Rani, lo convinse a cambiare il suo nome musulmano in uno che lo rendesse famoso e che fosse interessante per il pubblico di Bollywood che è soprattutto di religione indù.

Nel 1947, Kumar si prese le luci della ribalta con ‘Jugnu‘ (“Lucciola”), un film di successo che ricevette critiche positive. La sua popolarità cresceva di pari passo con la sua reputazione; non si guardò mai indietro, diventando uno degli attori indiani più pagati durante gli anni '50. Quando lavorò nel 1960 al film storico ‘Mughal-E-Azam‘ (‘Il Grande Mughal’), Kumar era una star affermata, e il film stesso diventò uno tra quelli a riscuotere maggior incassi nell'industria cinematografica indiana.

L'attrice Sophie Choudry ha raccontato:

Già da piccola i grandi appassionati di cinema della mia famiglia mi facevano vedere Aan, Jugnu, Mughal-E-Azam, Andaz, Devdas e molti altri. Per noi, questo era il cinema ai massimi livelli e lui era in assoluto il più brillante. Non ce ne saranno altri come lui💔🤲🏼

Le capacità di recitazione di Kumar erano ben conosciute. Nel 1954 vinse il premio come Migliore Attore della rivista Filmfare per il film ‘Daag‘ (La Macchia, letteralmente); premio che ritirò altre sette volte durante la sua carriera.

Filmfare lo ha ricordato condividendo un collage dei suoi popolari abbinamenti on-screen:

Insieme alla sua arte e alla sua bellezza, gli abbinamenti on-screen di #DilipKumar sono nella storia. Eccolo insieme ad alcune delle sue migliori colleghe.

“Il Re della Tragedia”

Kumar si è guadagnato il suo soprannome grazie alle sue prestazioni in parecchie delle sue storie d'amore struggenti tra gli anni '40 e '50, durante le quali il suo personaggio finiva per perdere i suoi interessi sentimentali o per morire.

Un politico del Partito del Popolo Indiano, Amitava Chakravorty, ha twittato:

L'attore con più film con un finale tragico diventati un grande successo commerciale… Lo ricordiamo come il Re della Tragedia. RIP #DilipKumar 💐💐💐💐 🙏🏻

Tuttavia la sua popolarità non si limitava al suo lavoro sui maxi-schermi; ha anche avuto un ruolo cruciale per quanto riguarda questione di dovere civile. Ad esempio, negli anni '50, mentre l'India viveva un periodo di grandi agitazioni come i rapporti tra indù e musulmani, Kumar inspirò un senso di unità nell'India della post-indipendenza, aiutando i cittadini ad andare oltre le barriere dell'identità religiosa.

Inoltre, è stato al timone di molte iniziative sociali, difensore dell'integrità nazionale e punta di lancia per iniziative di raccolta fondi per le forze armate indiane. Forse l'episodio pià famoso, avvenuto prima dell'indipendenza del paese nel 1947, è quello in cui l'attore leggenda – grande sostenitore della lotta per la libertà dell'India – spese una notte in prigione per aver detto apertamente la sua circa l'abuso di potere delle autorità britanniche.

Non è stata quindi una sorpresa la sua immissione nella politica. Nel 2000 è stato nominato dal Congresso Nazionale Indiano al Rajya Sabha (Il Consiglio degli Stati) come membro del parlamento. Durante il suo mandato di sei anni, ha speso molto del suo tempo nella costruzione e nel miglioramento della Bandstand Promenade nella zona di Bandra a Mumbai.

Ricordando la leggenda

Sia a casa che nel resto del mondo, i fruitori dei social media hanno reso omaggio a Dilip Kumar. La rinomata attrice indiana Shabana Azmi ha twittato:

Recitare non è come una gara equestre dove il più veloce è considerato il più bravo. Un incredibile Otello può essere un fallimentare Amleto, quindi come si giudica un attore? Dalla sua versatilità, e non ci sarà un altro #DilipKumar. Che si trattasse di tragedia o di commedia, era superlativo.

Melanie Greenberg, residente a Chicago e gestore di un canale YouTube che recensisce film indiani, ha twittato:

Sto guardando Yahudi. Dilip Kumar indossa un kippah e combatte con delle spade. Sarai sempre nel mio cuore! 😍😍

L'ex presidente del Nepal, Baburam Bhattarai, ci ha ricordato quanto i film di Kumar abbiano fatto parte della sua gioventù:

Rendo il più sincero omaggio al leggendario attore Dilip Kumar (Yusuf Khan) per la sua scomparsa. Non dimenticherò mai le giornate romantiche negli anni '70 al Chandigarh College of Architecture quando ci ammassavamo nelle sale dei cinema e nei cinema a cielo aperto per vedere i suoi film come Mughal-E-Azam e altri.

Dato il luogo in cui nacque, Kumar è stato, giustamente, popolare anche in Pakistan, dove i fan del cinema hanno lamentato la sua morte. nel 1988, Dilip Kumar divenne il primo e unico indiano a ricevere il Nishan-e-Imtiaz, il premio civile pakistano più importante.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.