chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Pechino ha riscritto le regole elettorali di Hong Kong. Cosa cambierà?

Comitato per la salvaguardia della sicurezza nazionale di Hong Kong. Foto di HK Gov via HKFP.

Il Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del popolo cinese ha pubblicato i dettagli delle nuove regole elettorali di Hong Kong il 30 marzo. A detta di tutti, le nuove regole garantiranno che solo i lealisti di Pechino ricoprano mai cariche pubbliche nella città.

L'NPC ha annunciato per la prima volta le regole elettorali per Hong Kong all'inizio di marzo [en, come i link seguenti], che si sarebbero concretizzate attraverso modifiche negli allegati I e II della Legge fondamentale, la mini-costituzione di Hong Kong. Questi allegati delineano il processo di selezione del capo dell'esecutivo, la massima carica della città, e del Consiglio legislativo (LegCo).

Uno dei cambiamenti più significativi introdotti dalla nuova serie di regole è il requisito che tutti i potenziali candidati ai seggi del LegCo e al capo dell'esecutivo siano controllati dalle autorità di sicurezza nazionale di Hong Kong.

Inoltre, una ristrutturazione del LegCo ridurrà il numero di seggi eletti direttamente dal 57% al 22%.

Anche il Comitato per l'elezione del capo dell'esecutivo, il collegio elettorale che elegge il capo dell'esecutivo, sarà ristrutturato per garantire che un numero significativo dei suoi seggi sia detenuto dai lealisti di Pechino. Il corpo politico sarà poi autorizzato ad autoeleggere 40 seggi nel LegCo e a nominare i candidati che corrono per le posizioni pubbliche chiave.

Di seguito una spiegazione di questi tre cambiamenti imposti dalle nuove regole.

Screening della polizia

Secondo gli allegati I e II aggiornati della Legge fondamentale di Hong Kong, l'unità di sicurezza nazionale della polizia di Hong Kong condurrà uno screening iniziale dei potenziali candidati che vogliono correre alle elezioni della città per le massime cariche pubbliche – il capo dell'esecutivo, il comitato elettorale del capo dell'esecutivo e il LegCo.

La revisione della polizia sarà sottoposta al Comitato per la salvaguardia della sicurezza nazionale di Hong Kong, che poi emetterà un parere al Comitato per la revisione dell'eleggibilità dei candidati (CERC) della RAS di Hong Kong, un organo di controllo anch'esso istituito dalle nuove regole elettorali.

Il CERC assicurerà che tutti i candidati che concorrono per una carica pubblica siano “patrioti”; la decisione dell'organismo sull'eleggibilità dei candidati non può essere appellata attraverso il sistema legale della città.

Il comitato di 11 membri per la salvaguardia della sicurezza nazionale di Hong Kong è guidato dal capo dell'esecutivo della città, con il direttore dell'ufficio di collegamento con la Cina come consigliere. Cinque dei membri del comitato sono i capi delle forze di sicurezza della città.

La polizia di sicurezza nazionale sarà effettivamente uno degli organi più alti per decidere chi può essere votato dal popolo. Nuova normalità nella nuova #HongKong quando ogni regola viene azzerata in nome della sicurezza nazionale.

Riduzione dei seggi ad elezione diretta

Il LegCo è attualmente composto da 70 seggi. La metà di essi sono eletti direttamente dal pubblico attraverso circoscrizioni geografiche; gli altri 35 seggi sono circoscrizioni funzionali in cui 30 sono occupati da rappresentanti di gruppi di interesse speciale e 5 sono eletti direttamente dal pubblico da cinque grandi aree geografiche.

La nuova legislatura sarà invece composta da 90 seggi, con 30 seggi provenienti da circoscrizioni funzionali e 20 da circoscrizioni geografiche. I restanti 40 seggi saranno ora occupati da rappresentanti auto-eletti del comitato elettorale del capo dell'esecutivo. I cinque seggi delle grandi aree geografiche sono stati eliminati.

La proporzione di seggi eletti direttamente nel LegCo sarà ridotta dal 57 al 22% con le nuove regole.

Inoltre, poiché la regola del voto è stata riscritta nelle circoscrizioni geografiche da un sistema elettorale di rappresentanza proporzionale a liste di partito a una maggioranza semplice dei due migliori candidati in 10 distretti, il campo pro-democrazia potrebbe al massimo vincere 10 seggi nel sistema di elezione diretta.

Anche la regola di voto per le circoscrizioni funzionali è stata alterata, poiché il voto individuale è sostituito dal voto corporativo in 9 settori, il che significa che senza sostegno istituzionale, i candidati non potrebbero avere una possibilità di vincere in questi settori.

Il numero di legislatori che gli elettori ordinari di #Hongkong potranno scegliere è stato ridotto e quasi la metà della Legco sarà scelta da un comitato, ma l'ufficio di collegamento di Pechino dice che il sistema elettorale della RAS sarà ora più democratico ed equilibrato.

Più potere al Comitato Elettorale

In precedenza, il potere del Comitato elettorale del capo dell'esecutivo è limitato all'elezione del top leader della città e i membri del Comitato elettorale erano eletti o selezionati da quattro diversi settori della società di Hong Kong. Dal 2017, il Comitato elettorale ha 1.200 membri.

Con i nuovi emendamenti, un settore extra composto da 300 rappresentanti eletti dai membri degli organismi nazionali cinesi – come la NPC, la Conferenza Consultiva Politica del Popolo Cinese, la Federazione Femminile di tutta la Cina, tra gli altri – sarà aggiunto al comitato. In altre parole, questo settore sarà direttamente sotto il controllo di Pechino.

Inoltre, 18 sottosettori che prima consentivano il voto individuale, ora permetteranno di votare solo agli organi societari. I 117 seggi assegnati ai membri del consiglio distrettuale sono eliminati e sostituiti da membri nominati dal governo dei comitati di zona per la sicurezza antincendio e la prevenzione del crimine.

Nel 2017, i filodemocratici hanno controllato più di 300 voti nella commissione elettorale grazie al meccanismo del voto individuale nei gruppi professionali. Il campo avrebbe potuto controllare una maggioranza dopo la sua vittoria schiacciante nelle elezioni del consiglio distrettuale del 2019. Con la nuova struttura e il nuovo metodo di voto, Pechino e i pro-establishment domineranno il Comitato elettorale.

Le nuove regole aumentano anche la soglia dei candidati che corrono per il capo dell'esecutivo, poiché la persona dovrà ottenere un minimo di 188 candidature in totale, con un minimo di 15 candidature da ciascuno dei cinque settori del comitato. In precedenza, i candidati dovevano ottenere solo un minimo di 150 candidature.

Il comitato elettorale appena ristrutturato avrà il potere di autoeleggere 40 rappresentanti al LegCo. I candidati che corrono per i seggi della legislatura contestati pubblicamente dovranno anche ottenere un minimo di 10 candidature dal comitato elettorale, con un minimo di 2 da ciascuno dei cinque settori.

Come la giornalista indipendente Mary Hui ha descritto all'inizio di marzo, la riscrittura del sistema elettorale serve a stabilire un “clientelismo competitivo” per assicurarsi che solo i lealisti possano rimanere al potere:

Le elezioni autoritarie – che Pechino imporrà presto a HK – aiutano gli autoritari a consolidare il potere. Un modo è il “clientelismo competitivo”, dove i candidati lottano per mostrare lealtà al vertice. E sembra che le élite pro-governo di HK possano presto essere spazzate via.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.