chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

“Chiedo libertà al 100%” – Artista politico di Hong Kong parte per Taiwan parlando di repressione

Un fermo immagine dal video di Kacey Wong ‘We will meet again’.

La versione originale del seguente articolo è stata scritta da Tom Grundy e pubblicata [en, come i link seguenti salvo diversa indicazione] su Hong Kong Free Press il 3 agosto 2021. La seguente versione modificata, con ulteriori citazioni dal reportage di Stand News [zh], è pubblicata su Global Voices nell'ambito di un accordo di partnership sui contenuti. 

L'artista politico Kacey Wong ha lasciato Hong Kong per Taiwan parlando di spazio sempre minore per l'espressione artistica.

Il 51enne ha lasciato la città 17 giorni fa e ha pubblicato un messaggio di addio e un video sui social media il 3 agosto dopo aver terminato la sua quarantena COVID-19 a Taichung.

‘Quando hai ricevuto questa lettera, me ne ero già andato. Partire non è facile, anche restare è difficile. Ci conosciamo da 51 anni, non ti dimenticherò. Facciamo tesoro l'uno dell'altro, addio Hong Kong’, ha scritto su Facebook, con musica e citazioni da “We'll Meet Again” di Vera Lynn.

Wong ha detto che doveva essere strategico e tattico nella sua decisione di partire: ‘Per me, il momento cruciale che mi ha spinto a partire è stato [l'arresto de] i 47′, ha detto in riferimento alla retata di aspiranti alle elezioni avvenuta a gennaio. ‘Per me, questo è un indicatore della distruzione del sistema legislativo di Hong Kong come lo conosciamo’.

Ha anche citato un articolo [zh] sulla prima pagina del quotidiano cinese Ta Kung Pao di febbraio che ha criticato lui e altre personalità dei media. Ha detto di aver percepito il pezzo come una “lista di ricercati” per Pechino.

L'articolo menzionava 17 individui delle industrie cinematografiche e artistiche indipendenti accusandoli di glorificare le proteste contro l'estradizione anti-Cina del 2019 e il movimento per l'indipendenza di Hong Kong. Il reportage ha osservato che Wong aveva partecipato a un TED talk a Vienna il 21 ottobre 2019, dove aveva presentato le proteste come una “rivoluzione” attraverso la sua opera pubblica sul movimento democratico Occupy Central del 2014 e le proteste del 2019.

Wong ha descritto la sua partenza come un processo doloroso simile a una ritirata da una battaglia o a partecipare al proprio funerale. Ha affermato di essere molto nervoso quando si trovava all'aeroporto di Hong Kong perché prevedeva di poter essere incluso nella “lista dei ricercati” della polizia di sicurezza. Ha dichiarato allo Stand News [zh]:

最恐怖的是移居者好像要『以身試法』去闖關,究竟自己在不在黑名單上?會不會執好行李卻在關卡亮起紅燈?出境是否能夠過關是好大的賭博…決定離開就做好永遠不能回港的心理準備;同時也預備好萬一過不了關,將會被捕、坐監、面對長時間審訊,這都是必須準備。

La parte più terrificante è che non sapevi se eri davvero nella lista degli arresti. La luce rossa si sarebbe accesa quando eri davanti allo sportello emigrazione? Che tu riesca o no a lasciare la città è in ogni caso un rischio… Psicologicamente devi prepararti al fatto che non potrai più tornare ad Hong Kong e che se fossi stato fermato durante l'emigrazione, avresti potuto affrontare arresto, prigionia e un processo molto lungo.

Un giornalista dell'Apple Daily, Fung Wai Kong, è stato arrestato il 28 giugno 2021 all'aeroporto di Hong Kong mentre tentava di lasciare la città durante la repressione della polizia contro l'organo di stampa.

La performance di arte pubblica di Kacey Wong durante le proteste contro l'estradizione della Cina nel 2019. Foto di Kacey Wong via Stand News.

Lo scorso giugno, l'artista era più ottimista riguardo alla legge sulla sicurezza emanata da Pechino, avendo dichiarando a HKFP che la legislazione galvanizzato solo la creatività a Hong Kong.

Tuttavia, ha dichiarato di non prevedere gravità nella repressione: “La domanda più importante è di cosa ho bisogno? Perché parto? Ed è molto evidente… la libertà di espressione artistica’, ha affermato. ‘Voglio e pretendo libertà al 100%, senza compromessi’.

Dal movimento degli ombrelli pro-democrazia del 2014, Wong ha cercato di spingere i confini dell'arte come mezzo di dissenso politico per le strade ed è stato spesso visto alle proteste per la democrazia del primo luglio. La sua performance del 2018, “The Patriot”, lo mostra mentre suona l'inno nazionale cinese con una fisarmonica dall'interno di una gabbia rossa fuori dal complesso del governo cinese di Hong Kong.

’The Patriot’ Foto di Kacey Wong da CitizenNews

Mentre molti hongkonghesi stanno emigrando nel Regno Unito, Wong ha affermato di aver scelto specificamente Taiwan per la sua vivace scena artistica che offre opportunità di crescita: “Ho sempre apprezzato la cultura e l'arte di Taiwan, penso che sia molto matura e profonda e la società è sofisticata e cruda allo stesso tempo, cosa che mi piace’.

Ha dichiarato a Stand News che prenderà come suo dovere dare voce agli hongkonghesi e ha consigliato a coloro che continuano a rimanere ad Hong Kong di non farsi notare troppo ed essere più creativi nella loro espressione [zh]:

所謂香港的新時代,將會有新方法,舊方法已經不再有效。如果我們繼續迷戀以往的舊方法,其實是一種偏執。我們必須要有創意去面對政治的潰壞的新時代。

Nella cosiddetta Nuova Era, dobbiamo adattarci a un nuovo modo [di esprimerci], il vecchio modo non può più funzionare. Non possiamo essere ossessionati dai bei vecchi tempi. Dobbiamo essere creativi per affrontare la politica marcia della Nuova Era.

A marzo, l'amministratore delegato Carrie Lam ha promesso di mettere la città in ‘allerta totale’ contro le opere d'arte ritenute pericolo per la sicurezza nazionale negli spazi finanziati dal governo.

A giugno 2020, Pechino ha inserito la legislazione sulla sicurezza nazionale direttamente nella mini-costituzione di Hong Kong – aggirando la legislatura locale – dopo un anno di proteste e disordini a favore della democrazia. Ha criminalizzato la sovversione, la secessione, la collusione con forze straniere e gli atti terroristici, che sono stati ampiamente definiti per introdurre disagi nel trasporto pubblico e in altre infrastrutture. La mossa ha conferito alla polizia nuovi poteri, allarmando democratici, gruppi della società civile e partner commerciali, poiché tali leggi sono state ampiamente utilizzate per mettere a tacere e punire i dissidenti in Cina.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.