chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

In Macedonia del Nord, alcuni giovani riescono a costruire aziende di successo durante la crisi COVID-19

Darko Milevski, Teona Mango e Goran Bakrevski. Foto di Meta.mk, usata con permesso.

Questa storia è stata originariamente pubblicata [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] da Meta.mk come parte della sua copertura continua delle questioni relative alla Generazione Z. Una versione modificata è ripubblicata qui sotto un accordo di condivisione dei contenuti tra Global Voices e Metamorphosis Foundation.

Durante la crisi del coronavirus, alcuni giovani della Macedonia settentrionale hanno visto l'opportunità di avviare le proprie attività o di adattare quelle esistenti alla nuova normalità imposta dalle misure restrittive contro il coronavirus.

Questo è in contrasto con le posizioni diffuse che sostengono l'apatia e l'emigrazione come soluzione per il basso livello di opportunità economiche in Macedonia del Nord, in particolare al di fuori della capitale Skopje (che serve come il più grande mercato locale per i beni di consumo). L'analisi della sottoccupazione giovanile condotta dalla ONG Finance Think ha indicato che con il 49%, il tasso di disoccupazione giovanile nel 2015 era quasi il doppio della media nazionale di circa il 25%. Un sondaggio del 2019 ha mostrato che il 52% dei giovani ha considerato di lasciare lo stato [ru] per guadagnarsi da vivere in modo decente.  Secondo i dati Eurostat per il 2020, il tasso di disoccupazione generale è sceso al 16%, mentre la disoccupazione giovanile rimane molto alta al 29,5%.

Diversi studi di Finance Think mostrano che l'epidemia di COVID-19 ha gravemente perturbato le condizioni del mercato del lavoro, in quanto i blocchi, la chiusura delle frontiere e le restrizioni di movimento hanno contribuito a ridurre l'attività, interrompendo le catene di approvvigionamento, la produzione e la vendita.

Le storie raccontate a Meta.mk da Teona Mango, Goran Bakrevski e Darko Milevski, imprenditori di Bitola, una città nel sud del paese, forniscono esempi di giovani che hanno affrontato la crisi in modo creativo e positivo.

La blogger Teona Mango è la fondatrice di Beyond Green, un marchio di moda eco-friendly e sostenibile fondato nel 2020. I prodotti di Beyond Green sono realizzati con materiali ecologici e sostenibili, e l'idea alla base del marchio è quella di promuovere uno stile di vita ecologico e verde, riducendo allo stesso tempo la produzione e l'uso di prodotti che inquinano l'ambiente.

Mango ha detto che la pandemia ha cambiato anche le sue abitudini di acquisto, e ha spiegato [mk]:

Живеев во Лондон до 2020 година, кога почна короната се вратив овде и останав непланирано веќе една година. Во карантин, како и сите, имав премногу време. Кога се вратив тука да живеам, забележав колку е ниска еко-свеста и колку немаме еко-одржливи производи, па така се роди идејата да започнам еко-френдли одржлив бренд. Вишок времето кое го имав, пак ми овозможи да истражувам и да најдам кои производи и кои материјали се најдобри, најодржливи.

Ho vissuto a Londra fino al 2020 e quando è iniziata la crisi del coronavirus sono tornato qui e sono rimasto inaspettatamente per più di un anno. Durante la quarantena, come tutti, avevo troppo tempo libero. Quando sono tornata qui, ho notato la scarsa consapevolezza ecologica e la mancanza di prodotti eco-sostenibili ed è così che è nata l'idea di iniziare un marchio eco-friendly e sostenibile. Il tempo extra che avevo mi ha dato lo spazio per ricercare e scoprire quali prodotti e materiali sono i migliori e più sostenibili.

“La gente ha iniziato a fare shopping online invece di comprare nei negozi. Inoltre, tutti i prodotti che ho acquistato sono stati acquistati da un e-store”, spiega Mango.

Goran Bakrevski lavora come dentista, ma questa professione è stata tra le prime ad essere duramente colpita dalla pandemia di COVID-19. Ha detto che durante i primi tre mesi della pandemia non ha lavorato affatto, così ha avuto abbastanza tempo per dedicarsi alla produzione della birra artigianale BAK, che è “100% naturale”.

Bakrevski ha spiegato [mk]:

Планови за развојот на семејната пиварница имавме и пред корона кризата, но работата ја убрзавме за време на ковид-19, бидејќи имавме доволно време. Брат ми е професор по музичко, но и тој беше дома. Во тој период активно работевме на вкусовите на пивата и подобрување на технологијата за производство. Луѓето не излегуваа, седеа дома, што беше одлична можност за тестирање на вкусовите на производите. Тогаш ја добивме поддршката од битолчани. Младите во тој период седеа на социјални мрежи каде што направивме индиректна реклама за производите.

Avevamo pianificato di sviluppare il birrificio di famiglia prima della crisi della COVID-19, ma poi abbiamo accelerato questo lavoro, dato che avevamo molto tempo libero. Mio fratello è un professore di musica, quindi anche lui era a casa. Durante quel periodo abbiamo lavorato attivamente sui sapori delle birre e sui miglioramenti della tecnologia di produzione. La gente non usciva, stava a casa, il che si è rivelato un'eccellente opportunità per testare i sapori dei prodotti. È stato allora che abbiamo ottenuto il sostegno della gente di Bitola. I giovani in quel periodo passavano più tempo sui social network e abbiamo fatto un po’ di pubblicità indiretta per i nostri prodotti in quel periodo.

Darko Milevski è un ex giocatore di calcio e la sua professione ha sempre dettato la sua dieta. Viveva in Svezia, ma è tornato a Bitola, dove tre anni fa ha aperto il ristorante vegetariano e vegano Centar. Il suo obiettivo era di educare i giovani ai cibi sani, ma anche di insegnare loro a tornare alle loro radici, cioè a rendere i cibi vegetali più presenti nella dieta.

Darko Milevski, proprietario di 21/10 Fast & Healthy. Foto di Meta.mk, usata con permesso.

Кога фати корона кризата се појавија многу потешкотии и бевме затворени скоро пет месеци. Во 2020 година некако преживеавме, а во 2021 година беше важно да се продолжи. Изборот беше малку да се намалат ресурсите но да се продолжи со иста пареа. Затоа направивме ребрендинг затоа се создаде „21/10 Fast & Healthy“ што e take away за брза и здрава храна. Почнавме во мај, кога се уште постоеја рестрикции. Но ние и во такви рестрикции работевме бидејќи имавме само кујнa.

Quando è iniziata la crisi del coronavirus, sono sorte molte difficoltà e siamo stati in isolamento per quasi cinque mesi. Siamo sopravvissuti al 2020 in qualche modo, ma nel 2021 era importante continuare. Abbiamo scelto di ridurre la capacità, ma anche di continuare a pieno ritmo. Così ci siamo ribattezzati e abbiamo creato il 21/10 Fast & Healthy, un'azienda che offre fast food sano da asporto. Abbiamo iniziato a maggio, quando c'erano ancora delle restrizioni. Ma anche durante quelle restrizioni abbiamo lavorato, perché l'unica cosa di cui dovevamo occuparci era la cucina.

Lui sottolinea che la crisi del coronavirus li ha invogliati nel modo giusto a fare alcuni cambiamenti, poiché, come dice, siamo tutti piuttosto statici e abbiamo imparato ad operare nelle nostre zone di comfort, quindi questa crisi ha solo accelerato i nostri sforzi. Milevski è contento della reazione della gente di Bitola e vuole diffondere il suo marchio in altre città.

“I giovani stanno ricercando le vie della nutrizione e stanno lentamente cambiando le loro abitudini alimentari”, ha concluso Milevski.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.