chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Sentimento anti cinese in Kirghizistan: così forte da bloccare il progetto chiave della “nuova via della seta”?

Il sito del centro logistico programmato vicino ad At-Bashy. Foto su licenza di Aizat Shailoobek kyzy.

Mentre gli investimenti stranieri e lo sviluppo delle infrastrutture portano spesso a beni materiali, le persone in Kirghizistan, che spesso migrano per lavoro in altri Paesi, hanno respinto progetti cinesi a causa di sentimenti sinofobici. Quali sono le basi di questa paranoia, e può di fatto impedire il completamento dei principali progetti della Via della seta, nota anche come Iniziativa Belt and Road (BRI)?

Durante una visita di stato in Cina nel 2018, l'ex presidente kirghiso Sooronbay Jeenbekov firmò un accordo per la costruzione di un enorme centro commerciale e logistico per le merci cinesi in Kirghizistan. Due uomini di affari, uno cinese, l'altro kirghiso, ne videro un'opportunità.

Liu Ying possiede [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazionedodici imprese in Cina ed è una celebrità d'affari locale, conosciuto come l'uomo che introdusse i fuochi d'artificio in Asia centrale dopo la caduta dell'Unione Sovietica nel 1991. Il suo socio d'affari, Emilbek Abdykadyrov, possiede Nur Stroi Montazh, una società di costruzioni nella capitale Bishkek.

Nell'agosto 2019, i due costruirono una società chiamata At-Bashy Kyrgyz Chinese Free Trade Zone LLC (in seguito At-Bashy FTZ). Fu fondata attraverso l'investimento iniziale di Liu di 500.000 dollari, tramite il veicolo d'investimento registrato a Hong Kong, One Lead One Trading. 

L'azienda fu creata per essere responsabile della costruzione e della gestione del centro logistico. Il progetto, stimato a 280 milioni di dollari, doveva essere costruito in un altopiano deserto a 2.000 metri sul livello del mare, a circa 40 kilometri dal villaggio di At-Bashy, nella parte nord-orientale del Kirghizistan, sull'autostrada principale al confine con la Cina.

Ad oggi ci sono poche segnalazioni di ulteriori soldi investiti sul terreno oltre al primo mezzo milione, uno spazio di 200 ettari affittato per 49 anni dalla At-Bashy FTZ. One Lead One Trading è stato chiuso nel novembre 2020. 

Il nazionalismo anti cinese spinge alla rinuncia locale del progetto

Il villaggio di At-Bashy, con una popolazione di 15.000 persone che lavora soprattutto nel piccolo commercio, nel turismo, nell'allevamento del bestiame e nell'agricoltura, è profondamente diviso sul progetto. Gli oppositori sono stati i più accesi, e forse sono il motivo per cui il progetto è bloccato.

Ciò che sembra motivare questa opposizione è una combinazione di nazionalismo e paura di un’ “invasione” cinese e di un “accaparramento di terra”.

Guljan Aitbaeva, che gestisce un piccolo negozio di vestiti “Made in China” a At-Bashy, ha riportato su Global Voices che i residenti ordinari non sono stati informati della costruzione del centro logistico. Lei stessa ne è venuta a conoscenza attraverso i social network ed è preoccupata perché ne vede un eco di ciò che è successo nel vicino Tagikistan: “il Tagikistan ha dato un pezzo della propria terra alla Cina e questo accadrà anche con il Kirghizistan.”

Nel gennaio 2011 il Tagikistan ha accettato di dare una parte del proprio territorio alla Cina per risolvere una disputa di confine centenaria. Il Kirghizistan ha anche ridefinito il suo confine con la Cina nel 2001 perdendo alcune terre nel processo.

Utilizzando questo precedente argomento come tema principale, il 17 febbraio 2020, 1.000 residenti si sono mobilitati contro il progetto. La protesta fu organizzata da Mederbek Junusaliev, un riparatore televisivo locale, il quale ha raccolto le firme dei residenti locali facendo più volte appello all'amministrazione locale.

Nonostante le pressioni della polizia per fermare le sue attività e un soggiorno in ospedale causato dallo stress, Junusaliev continua a guidare le proteste, anche attraverso la stesura di poesie, ispirate da Kalygul Bai uulu, un poeta kirghiso del XVIII secolo che scrisse [ky]:

Кылтылдап кирер койнуңа,

Кылтагын илер мойнуңа.

Кызыкпа, журтум, кызыкпа,

Кытайдын кытмыр ойнуна.

I cinesi occuperanno lentamente.

Metteranno la corda intorno al collo.

Non interessarti, Paese mio, non interessarti.

Nel gioco segreto della Cina.

Il collegamento con il sentimento storico anti-cinese è chiaro e si estende ad altre forme di paure proiettate, tra cui i matrimoni misti, comuni nel discorso sinofobico in Kirghizistan.

Alybek Musaev, un dentista locale, afferma su Global Voices: 

To lease land to the Chinese side for 49 years means transferring land forever. Then the Chinese migrants will marry Kyrgyz girls and this will naturally lead to Chinese expansion. Only the Chinese and the Kyrgyz corrupt officials benefit from this logistics center.

Affittare terreni alla parte cinese per 49 anni significa cederli per sempre. Poi i migranti cinesi sposeranno le donne kirghise e questo porterà naturalmente all'espansione cinese. Solo i funzionari corrotti cinesi e kirghisi beneficiano di questo centro logistico.

Musaev ha anche pubblicato un video su Facebook che mostra la protesta di febbraio 2020 seguita da più di 500 commenti favorevoli.

Mentre questa paura paranoica potrebbe essere vista come una reliquia del passato, sempre più kirghisi stanno diventando consapevoli dello sradicamento della cultura e dell'identità uigura che si sta verificando nella provincia vicina dello Xinjiang in Cina, proprio attraverso lo sviluppo economico e incoraggiando o costringendo matrimoni misti. 

La mancanza di ridistribuzione come causa principale a questa opposizione?

La paura degli effetti degli investimenti cinesi non è l'unica ragione per cui la popolazione locale di At-Bashy rifiuta la realizzazione del progetto. Infatti, la mancata ridistribuzione economica e la corruzione endemica sono probabilmente altri fattori che causano opposizione sia al governo centrale di Bishkek sia ai progetti cinesi.

I funzionari di Bishkek hanno dipinto il progetto in colori tradizionali “win-win”, in linea con la promozione sistematica di Pechino del progetto come una grande opportunità per creare posti di lavoro in un Paese profondamente colpito dalla migrazione economica e dalla disoccupazione.

La maggior parte dei funzionari kirghisi, provenienti da At-Bashy o da Bishkek, hanno sostenuto con forza la costruzione del centro logistico. All'inaugurazione nel 2019, l'ex primo minostro Muhammedkalyi Abylgaziev ha dichiarato:

The logistics center will become one of the most modern and largest in the Central Asian region. The construction will create at least 10,000 jobs, 90% of which will be given to our citizens. 

Il centro logistico diventerà uno dei più moderni e grandi della regione dell'Asia centrale. La costruzione creerà almeno 10.000 posti di lavoro, 90% dei quali sarà dato ai nostri cittadini.

Abdykadyrov, uno dei principali investitori del progetto dal lato kirghiso, ha mostrato un entusiasmo simile nel gennaio 2020, dicendo a Delovoy Kyrgyzstan che “dovremmo mettere le nostre speranze dietro il lato buono (del progetto), invece di avere paura o credere ai rumor.”

I funzionari sono ben consapevoli della dipendenza del Kirghizistan dall'economia cinese. La Cina fornisce al Kirghizistan e ad altri Paesi dell'Asia centrale una vasta gamma di beni di consumo a prezzi accessibili, dagli alimenti ai prodotti farmaceutici, ai macchinari e ai tessili. In cinque anni il fatturato commerciale tra i Paesi dell'Asia centrale e la Cina è cresciuto del 49%, da 17.6 miliardi di dollari nel 2015 a 26 miliardi di dollari nel 2019. Secondo il COMTRADE database delle Nazioni Unite, nel 2020 il volume delle importazioni del Kirghizistan dalla Cina ammontava a 2,9 miliardi di dollari, quasi tre volte superiore alle importazioni dalla Russia nello stesso periodo. La Cina detiene anche la maggior parte degli investimenti stranieri in Kirghizistan. Quasi il 50% degli Investimenti Diretti Esteri (IDE) in Kirghizistan proviene dalla Cina, mentre circa l'80% degli IDE complessivi va all'estrazione dell'oro e ad altre industrie metallurgiche, secondo i dati dell’OECD data.

Contro questo sostegno istituzionale, Junusaliev ha sostenuto in una riunione pubblica che l'amministrazione locale manca di trasparenza, perché “è sotto controllo del governo centrale, che è corrotto.”

Delusione a Pechino, prudenza a Bishkek, che altro?

Per la Cina i Paesi dell'Asia centrale rappresentano un punto di incontro nel suo piano BRI, come parte di un corridoio di trasporto verso l'Europa. La notizia della sospensione della costruzione è stata accolta con disappunto, come un blocco nell'integrazione del Kirghizistan nei tentativi della Cina di spostare le merci dalla Cina all'Asia centrale e oltre. La Cina ha già costruito Khorgos, un grande, anche se non il più grande, porto asciutto del mondo al confine con il Kazakhstan nel 2017.  

Un post sul Sina Finance, un blog sulla finanza, spiega il suo disappunto [zh]:

不难看出,由于距离上的优势(东邻中国),吉尔吉斯斯坦近年来在中资的助力下尝到了不少甜头。而此次取消合作的决定,无疑将会令这个中亚国家在中国投资者心中的形象大打折扣.

Non è difficile vedere che, a causa della sua posizione geografica vicino alla Cina, il Kirghizistan abbia beneficiato degli investimenti cinesi. Tuttavia, cancellare il progetto At Bashy inciderebbe indubbiamente l'immagine del Kirghizistan scoraggiando gli investitori cinesi.

In Kirghizistan, il governo sembra in conflitto sul futuro del progetto: da un lato, i funzionari kirghisi hanno continuato a mostrare sostegno per il progetto dopo la presa di potere dell'ottobre 2020 da parte del politico Sadyr Japarov precedentemente imprigionato, il quale diventò presidente a gennaio 2021. A giugno 2021 Japarov visitò At-Bashy e approvò il progetto. 

Tuttavia Japarov è consapevole di un grave problema che gioca con le rivendicazioni degli oppositori al centro logistico: il Kirghizistan deve circa il 41% del suo debito estero alla Banca cinese per l'esportazione e l'importazione. La maggior parte dei prestiti è legata a progetti di costruzione e riparazioni stradali effettuati da società cinesi. Come ha dichiarato pubblicamente:

We borrowed money for these projects and we signed contracts by which the management of the facilities would be transferred to the other party in case of non-payment.


Abbiamo preso in prestito denaro per questi progetti e abbiamo firmato contratti con cui la gestione delle strutture sarebbe stata trasferita all'altra parte in caso di mancato pagamento.

Questa storia fa parte di un indagine del Civic Media Observatory sulle narrazioni concorrenti sull'iniziativa cinese Belt and Road, esplorando come le società e le comunità abbiano percezioni diverse dei potenziali benefici e danni dello sviluppo guidato dalla Cina. Per saperne di più su questo progetto e sui suoi metodiclicca qui.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.