chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Servizio di sicurezza statale della Georgia accusato di sorveglianza di massa di personaggi pubblici

“Nagra SNST Recorder” di Matt Blaze è concesso in licenza con CC BY-NC-ND 2.0

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] su OC Media. Una versione modificata viene ripubblicata qui in base a un accordo di partnership sui contenuti.

Secondo documenti trapelati, il Servizio di sicurezza dello Stato georgiano (SSG) avrebbe spiato giornalisti, politici dell'opposizione e del partito di governo, attivisti, sacerdoti, uomini d'affari e altri personaggi pubblici. I documenti sono trapelati alla stazione televisiva pro-opposizione Mtavari Arkhi.

Tra coloro che sono stati presi di mira troviamo Salome Zurabishvili, il presidente della Georgia, Tea Tsulukiani, il ministro della Cultura e il regista Goga Khaindrava.

Il 1° agosto, durante un episodio del programma televisivo “Mtavari Aktsentebi” [ka] (accenti principali) condotto da Mtavari Arkhi, il capo della stazione televisiva, Nika Gvaramia, ha rilasciato documenti presumibilmente ottenuti dall'SSG che dettagliano il telefono registrato illegalmente e conversazioni faccia a faccia. Tra i documenti c'erano resoconti di interazioni sessuali registrate segretamente.

Il canale non ha trasmesso i nomi delle persone prese di mira anche se Gvaramia ha affermato che i documenti includevano nomi di persone e numeri di identificazione personale.

Molti di quelli che sono stati presi di mira si sono identificati pubblicamente, confermando l'autenticità della fuga di notizie. Tra loro c'erano almeno due giornalisti, Giorgi Mgeladze di RFE/RL e Nino Gelashvili di Formula.

I documenti trapelati sono del 2020 e includono informazioni personali, compresi i dettagli sulla vita sessuale di coloro che sono stati presi di mira e in alcuni casi l'orientamento sessuale, così come i nomi dei loro partner e familiari.

Secondo Gvaramia, Grigol Liluashvili, il capo del SSG, il vice capo Levan Akhobadze e Koba Kobadze, il direttore dell'Agenzia tecnico-operativa dell'SSG, incaricato della sorveglianza segreta, erano i responsabili delle registrazioni.

Il SSG ha respinto le accuse e ha negato qualsiasi crimine.

Quali sono le accuse?

I documenti trapelati sono suddivisi in due parti principali. La prima parte, secondo Gvaramia, riguarderebbe principalmente conversazioni intercettate sulla vita personale dei bersagli. I documenti contenevano anche conversazioni tra funzionari governativi, uomini d'affari, attori, giornalisti, sacerdoti di diverse confessioni e funzionari di alto rango sia dell'opposizione che del partito di governo.

“Un alto funzionario ha una storia d'amore con una giornalista che è rimasta incinta di lui, e Bidzina Ivanishvili l'ha scoperto e l'ha costretta ad abortire”, ha letto Gvaramia da un servizio durante lo show televisivo.

“L'uomo d'affari I, dipendente di una società per azioni, è stato informato da D che una rappresentante di un partito di opposizione, T, è lesbica. Secondo D, qualche tempo fa, T ha chiesto a una donna che era in una relazione intima con quest'ultima, di avere rapporti sessuali non tradizionali», è un altro stralcio preso dai documenti.

Secondo Gvaramia, alla fine di ogni incidente o conversazione registrata, c'è una nota sugli ulteriori passaggi che l'organizzazione deve intraprendere, in genere istruendoli a “continuare le attività operative”.

La seconda parte dei documenti era radicata nella sorveglianza politica.

Una delle registrazioni trapelate riguarda una conversazione tra il regista Goga Khaindrava e l'ex ministro della Giustizia Tea Tsulukiani, che parlano di Nika Gvaramia e della conduttrice televisiva Mtavari Giorgi Gabunia.

Gli alti funzionari del partito di governo Georgian Dream hanno respinto i rapporti. Secondo Irakli Kobakhidze, presidente del Georgian Dream Party, i rapporti sono una “favoletta”.

“Non possiamo commentare i racconti e le fantasie di [Nika Gvaramia]”, ha detto Kobakhidze dopo che le fughe di notizie sono state rese pubbliche.

In una dichiarazione di lunedì 2 agosto, il Servizio di sicurezza dello Stato ha rotto il silenzio, etichettando le accuse come “disinformazione” e “azione antistatale”.

“Come parte della guerra dell'informazione, i media specifici stanno usando tutti i mezzi per servirsi dell'attuale situazione nel paese per raggiungere i propri obiettivi politici e rendere la società più polarizzata”, afferma la dichiarazione.

This misinformation serves to deliberately discredit the State Security Service, mislead the public, and incite distrust in state institutions.

Unfortunately, certain members of civil society and political parties, willingly or unwillingly, become participants in this provocative and damaging disinformation campaign for the state.

The State Security Service carries out its activities in full compliance with the Constitution and the norms of law.

Questa disinformazione serve a screditare deliberatamente il servizio di sicurezza dello Stato, fuorviare il pubblico e incitare alla sfiducia nelle istituzioni statali.  Sfortunatamente, alcuni membri della società civile e dei partiti politici, volenti o nolenti, partecipano a questa campagna di disinformazione provocatoria e dannosa per lo Stato. Il Servizio di Sicurezza dello Stato svolge la propria attività nel pieno rispetto della Costituzione e delle norme di legge.

Giorgi Mshvenieradze, un membro del consiglio di amministrazione del gruppo di difesa legale Georgian Democracy Initiative, è stato uno di quelli presi di mira dalla sorveglianza le cui conversazioni sono state divulgate in forma anonima su Mtavari Arkhi. Ha sfidato le smentite dell'SSG in un commento sotto la loro dichiarazione su Facebook.

“OK. Come faceva Nika Gvaramia a conoscere il contenuto della mia conversazione del 2020?” chiese Mshvenieradze. “Sono interessato alla tua risposta a questo e forse puoi rispondermi qui, anche altri sono interessati.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.