chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Stile e comfort in uno: abbigliamento adattabile per persone con disabilità

Una sfilata del brand Kekalove Adaptive Fashion. Screenshot dal  video reportage di Meydan TV.

“Kekalove Adaptive Fashion”, è stato fondato nel 2019 e mira a progettare abiti accessibili specificamente per le persone con disabilità in Azerbaigian. Global Voices ha intervistato il fondatore di Kekalove, Mahammad Kekalov, per saperne di più sull'idea dietro il marchio e sui loro piani futuri.

Global Voices [GV]: Da quanto tempo pensavi di lanciare il marchio e com'è stato il viaggio per arrivare qui? [en, come i link seguenti]:

Mahammad Kekalov [MK]: I started thinking about a disability-fashion brand three years ago, when I was 17. I myself was quite skeptical at first, and there wasn’t much information online, when I was doing research. But lack of resources and information, became even more of an inspiration to me than a discouragement. I shared this idea with a few close friends, who encouraged me to start working on it. I like to think that it was their support three years ago, that got us where we are today. But the journey was not without challenges. It took a lot of work to convince partners, investors, and donors about the potential of this idea. It was very novel and new, especially in our geography.

People didn’t understand the challenges and the hardships people with disabilities face, and so they couldn’t imagine the solutions we were offering. But we didn’t give up. I had a very supportive team who believed in my vision despite my young age and lack of experience, and they continue to support me. I like to believe that it was our resilience and commitment to the adaptive design philosophy that our brand didn’t fail within its first year.

Mahammad Kekalov [MK]: Ho iniziato a pensare a un marchio di moda per disabili tre anni fa, quando avevo 17 anni. Io stesso ero piuttosto scettico all'inizio, e non c'erano molte informazioni online, quando stavo facendo ricerche. Ma la mancanza di risorse e di informazioni è diventata per me più un'ispirazione che uno scoraggiamento. Ho condiviso questa idea con alcuni amici intimi, che mi hanno incoraggiato a iniziare a lavorarci. Mi piace pensare che sia stato il loro sostegno, tre anni fa, a portarci dove siamo oggi. Ma il viaggio non è stato privo di sfide. C'è voluto molto lavoro per convincere i partner, gli investitori e i donatori del potenziale di questa idea. Era molto nuovo e inedito, specialmente nella nostra geografia.

La gente non capiva le sfide e le difficoltà che le persone con disabilità devono affrontare, e quindi non poteva immaginare le soluzioni che stavamo offrendo. Ma non ci siamo arresi. Ho avuto un team molto solidale che ha creduto nella mia visione nonostante la mia giovane età e la mancanza di esperienza, e continuano a sostenermi. Mi piace credere che sia stata la nostra resilienza e l'impegno nella filosofia del design adattabile a non far fallire il nostro marchio entro il primo anno.

La moda adattabile è l'abbigliamento progettato per persone diversamente abili che trovano i vestiti tradizionali dei negozi inaccessibili, scomodi o entrambi. C'è stato un cambiamento negli ultimi anni, in quanto sempre più aziende incorporano disegni di abbigliamento adattabile nelle loro linee di moda, tra cui marchi internazionali come Nike e Tommy Hilfiger, nonché marchi locali, come Kekalove in Azerbaigian – il primo marchio di moda adattabile in Azerbaigian.

“Quello che abbiamo portato qui [in Azerbaigian] è caratteristico e senza precedenti”, ha detto Kekalov. “Sono stupito per la necessità di questa idea in Azerbaigian e sconcertato dal fatto che sia rimasta incompiuta per così tanti anni. Dopo di noi, altri attivisti hanno iniziato simili iniziative di moda per disabili, il che rende tutti noi di Kekalove Adaptive molto orgogliosi di loro e anche del nostro lavoro. Solo pochi anni fa ero l'unico a parlare di questo problema, e oggi stiamo costruendo un nuovo ecosistema in Azerbaigian”.

Kekalov aveva le sue ragioni per costruire un marchio di moda adattabile. “Mia nonna ha avuto una disabilità visiva per gli ultimi 20 anni della sua vita. Crescendo, sono stato testimone in prima persona delle difficoltà di essere disabili in Azerbaigian. E il problema della moda di mia nonna mi ha colpito molto. Più tardi nella vita, quando ho scoperto che si potevano creare abiti per le esigenze specifiche delle persone, mi sono commossa. La prima cosa che ho pensato è stata quanto potesse essere utile per mia nonna”.

Uno dei principi fondamentali del marchio è il coinvolgimento delle persone con disabilità nel processo di design.

We follow a world-famous method called the “adaptive design method” which is used by entrepreneurs and businesses worldwide who design products for persons with disabilities.  We don’t take a single step without consulting our models with disabilities.

They are guiding the process with their insight and feedback. Our designs go through an extensive trial and error process, where we develop designs based on previous feedback we have received. It’s like a loop. Our models wear the products we created for them and tell us what works and what doesn’t. Then we continue to iterate until we achieve perfection. Our slogan is “Dress better. Look better. Feel better.” We don’t say it for nothing. We believe clothing can be a game-changer in a person's life. We work to enable persons with disabilities to be their best selves via trendy fashion.

Seguiamo un metodo famoso in tutto il mondo chiamato “metodo di design adattabile” che è usato da imprenditori e aziende in tutto il mondo che progettano prodotti per persone con disabilità.  Non facciamo un solo passo senza consultare i nostri modelli con disabilità.

Sono loro a guidare il processo con il loro intuito e feedback. I nostri progetti passano attraverso un ampio processo di prove ed errori, dove sviluppiamo i progetti sulla base del feedback precedente che abbiamo ricevuto. È come un ciclo. I nostri modelli indossano i prodotti che abbiamo creato per loro e ci dicono cosa funziona e cosa no. Poi continuiamo a iterare fino a raggiungere la perfezione. Il nostro slogan è “Vesti meglio. Guardare meglio. Sentirsi meglio”. Non lo diciamo per niente. Crediamo che l'abbigliamento possa cambiare la vita di una persona. Lavoriamo per permettere alle persone con disabilità di essere il meglio di sé attraverso la moda di tendenza.

GV: Avete intenzione di espandervi in altri paesi?

We have two priorities right now — to build functioning products for our customers, and become a truly inclusive disability brand. Before franchising into other countries, we want to become the most influential disability brand in Azerbaijan. As a social business, our goal is to make life easier for as many persons with disabilities as possible in Azerbaijan first. I like to believe as we extend our work, we will also gain more expertise and legitimacy in the global disability rights ecosystem. Right now, we focus on Azerbaijan only. In the future, however, from a business perspective, we wish to expand into China and Australia. Of course, it’s in the distant future and we need to do proper research first. But going international for our brand will be based on the commercial benefits.

In questo momento abbiamo due priorità: costruire prodotti funzionanti per i nostri clienti e diventare un marchio per disabili veramente inclusivo. Prima del franchising in altri paesi, vogliamo diventare il marchio per disabili più influente in Azerbaigian. Come azienda sociale, il nostro obiettivo è quello di rendere la vita più facile al maggior numero possibile di persone con disabilità in Azerbaigian. Mi piace credere che, man mano che estendiamo il nostro lavoro, guadagneremo anche più esperienza e legittimità nell'ecosistema globale dei diritti dei disabili. In questo momento, ci concentriamo solo sull'Azerbaigian. In futuro, però, da un punto di vista commerciale, vogliamo espanderci in Cina e in Australia. Naturalmente, è in un futuro lontano e dobbiamo prima fare delle ricerche adeguate. Ma l'internazionalizzazione del nostro marchio si baserà sui vantaggi commerciali.

GV: Quali sono state le sfide nel mettere in piedi questo progetto e nel farlo funzionare?

As I noted earlier, in the beginning, it was a challenge to explain this idea to other people. People were puzzled. I’m lucky I had my family who understood me and supported me. But for others, it was not as clear. Visuals came to our help. We started to show exactly what we changed in clothing and how that helped others. Our first product was on display at an exhibition for two months in Baku, and at the end of this exhibition, a person with a disability danced in our adaptive dress. She demonstrated how easy it was for her to wear our dress. We also had technical difficulties. We had to change our production and supply line many times due to lack of quality. Today we use only the best and highest quality fabrics and employ highly qualified tailors. It adds up to the price, but it’s important for us to deliver quality for our community.

Come ho notato prima, all'inizio, è stata una sfida spiegare questa idea ad altre persone. La gente era perplessa. Sono fortunato ad avere la mia famiglia che mi capiva e mi sosteneva. Ma per altri, non era così chiaro. Le immagini ci sono venute in aiuto. Abbiamo iniziato a mostrare esattamente cosa cambiavamo nell'abbigliamento e come questo aiutava gli altri. Il nostro primo prodotto è stato esposto in una mostra per due mesi a Baku, e alla fine di questa mostra, una persona con una disabilità ha ballato nel nostro abito adattabile. Ha dimostrato quanto fosse facile per lei indossare il nostro vestito. Abbiamo anche avuto difficoltà tecniche. Abbiamo dovuto cambiare la nostra linea di produzione e fornitura molte volte a causa della mancanza di qualità. Oggi usiamo solo i tessuti migliori e di alta qualità e impieghiamo sarti altamente qualificati. Questo aumenta il prezzo, ma è importante per noi fornire qualità alla nostra comunità.

GV: Avevi previsto che il progetto avrebbe suscitato così tanto interesse?

I was very happy to see that persons with disabilities loved working with our organization! I understand why people like this idea. I myself am in love with it, if it hasn’t been obvious until now. Our goal is to be embraced by the community, and if it’s the reality today, I like to believe that we’re on the right track.

Sono stato molto felice di vedere che le persone con disabilità amavano lavorare con la nostra organizzazione! Capisco perché alla gente piace questa idea. Io stesso ne sono innamorato, se non è stato ovvio fino ad ora. Il nostro obiettivo è quello di essere abbracciati dalla comunità, e se oggi è la realtà, mi piace credere che siamo sulla strada giusta.

Il seguente video evidenzia il loro lavoro in Azerbaigian con sottotitoli in inglese.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.